Sparatoria El Paso: Cloudflare chiude a 8chan

Dopo la strage in Texas, Cloudflare ha deciso di interrompere la collaborazione con il sito 8chan dove il terrorista ha annunciato le sue intenzioni.
Dopo la strage in Texas, Cloudflare ha deciso di interrompere la collaborazione con il sito 8chan dove il terrorista ha annunciato le sue intenzioni.

Torniamo ancora una volta a parlare di 8chan, di nuovo in relazione a tragici eventi. Come già avvenuto con le sparatorie in Nuova Zelanda del marzo scorso, anche quella che nel fine settimana è costata la vita ad almeno 20 persone a El Paso (Texas) era stata preannunciata sulla board con la pubblicazione di quello che possiamo definire un macabro manifesto terrorista. In conseguenza all’accaduto, Cloudflare ha deciso di interrompere la fornitura al sito del servizio di protezione contro gli attacchi DDoS.

Cloudflare: niente più protezione per 8chan

La società americana, solitamente poco incline a interrompere le collaborazioni nonostante la natura discutibile di alcuni dei portali gestiti dai clienti (a tutela della libertà d’espressione), ha in questo caso ritenuto la misura colma. Era accaduto in passato poche volte: una di queste con Daily Stormer, sito ritenuto vicino alla corrente neonazista che dopo essere scomparso dalla Rete è tornato brevemente online su un dominio russo.

Fredrick Brennan, 25enne fondatore di 8chan, è intervenuto sulla questione confermando di non essere più coinvolto nel progetto (ora disegna font) e ringraziando Cloudflare per la presa di posizione, giunta a suo parere in ogni caso in modo colpevolmente tardivo.

Grazie molte Cloudflare. Finalmente questo incubo può volgere al termine. Voglio solo tornare a creare font in pace, senza dovermi preoccupare di ricevere chiamate dalla CNN e dal New York Times ogni volta che c’è una sparatoria. Avrebbero potuto prevenirlo e hanno scelto di non farlo.

La diversa posizione di Tucows

A differenza di quanto fatto da Cloudflare, il registrar canadese Tucows ha dichiarato di voler continuare a fornire la gestione del dominio di secondo livello a 8chan. L’interruzione, sostengono i suoi responsabili, non risolverebbe il problema: eliminata la board ne nascerebbero altre, raggiungibili attraverso altri indirizzi, un po’ come avvenuto negli anni scorsi quando l’esplosione del caso #Gamergate pose sotto l’attenzione dei media 4chan.

Fonte: Cloudflare
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti