Spotify, America oggi

Finalmente negli Stati Uniti il tanto chiacchierato servizio musicale europeo. Con un modello free e uno a pagamento: per 10 dollari al mese si potranno sfruttare anche le app mobile. Qualche mugugno sotto voce

Roma – Nuovi squilli di tromba, poi un’eclatante scritta in grigio apparsa sul suo sito ufficiale : “Salve, America. Spotify è qui”. Un’accoglienza trionfale quella riservata alla versione statunitense del celebre servizio di streaming musicale, sbarcato dopo anni di estenuanti trattative con le principali major dell’industria discografica.

Universal, Warner, EMI, Sony . Le quattro grandi sorelle del disco hanno detto sì al tanto agognato matrimonio distributivo, concedendo ai vertici di Spotify le licenze necessarie alla pacifica invasione più acclamata del mercato statunitense. Tanto da scatenare un’autentica sarabanda di apprezzamenti sui grandi social network come Facebook e Twitter.

La piattaforma musicale svedese ha così aperto le sue porte statunitensi, accogliendo solo su invito i primi utenti a stelle e strisce . Il servizio sarà successivamente disponibile ad iscrizioni libere e in massa, nel tentativo di attirare le attenzioni di milioni di ascoltatori al di là dell’Atlantico.

Saranno comunque due i modelli proposti da Spotify sul mercato statunitense, sulla scia di quanto già sperimentato in Europa. Una prima offerta gratuita – ma supportata dalla pubblicità – che permetterà agli utenti di ascoltare brani fino a 20 ore complessive al mese , soltanto da dispositivi desktop collegati ad Internet.

La seconda offerta sarà invece a pagamento, partendo da 5 dollari mensili per ascoltare musica illimitata, senza pubblicità ma sempre su desktop. L’abbonamento da 10 dollari al mese permetterà invece agli utenti statunitensi di ascoltare musica in mobilità, attraverso le specifiche applicazioni per iPhone e Android .

C’è chi ha sottolineato come il modello free offerto da Spotify possa trasformarsi in una chiave di volta nella competizione con altri servizi come MOG e Rhapsody. Quest’ultimi – così come Rdio – permettono ai propri utenti di ascoltare brani gratuiti solo per alcuni giorni , prima di sottoscrivere un determinato abbonamento.

Entusiasta il co-fondatore di Napster Sean Parker, che ha addirittura parlato dell’inizio di una vera e propria età dell’oro nel mercato musicale globale. L’offerta di Spotify garantirebbe alle grandi etichette un’arma decisiva nell’agguerrita lotta alla pirateria online.

Parole al miele anche da parte degli attivisti di Electronic Frontier Foundation (EFF) che si sono però concentrati su alcune problematiche legate ai diritti dei nuovi utenti di Spotify. In particolare quelle relative alla portabilità dei brani, data anche l’attuale impossibilità a detenere concretamente le canzoni organizzate in playlist personali .

Né mancherebbero le criticità tecniche del servizio: in primis, non tutti gli album presenti su desktop sono poi disponibili nelle versioni mobile per iPhone e Android. Le due versioni – computer e smartphone – sono poi alternative, ovvero impossibili da far funzionare contemporaneamente .

Al di là di eventuali problematiche legate alla tecnologia, il clamore a stelle e strisce per Spotify resta alto. Il CEO Daniel Ek è convinto che Apple non ostacolerà in alcun modo l’ascesa della piattaforma, che grazie alla feature per la sincronizzazione cercherà di battere il gigante iTunes. Solo il tempo dirà come andrà a finire quest’avventura sonica.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • CCGG scrive:
    alcune risposte e domande
    non avevo letto questo articolo e mi ero lanciato già nel dire la mia;che chi vuole, se vuole, può leggere qui:http://depressogioioso.splinder.com/post/25502089/siae-10-pensieri-ed-opinioni-sulle-loro-10-domande#25502089
  • Antonio scrive:
    Una domanda da ignorante...
    Perdonatemi, spero che qualcuno mi risponda con competenza anche se la domanda può essere banale, ma: Se la SIAE è una società italiana a tutela dei nostri autori ed editori, perché la paghiamo pure sui CD di autori stranieri? Come funziona sta cosa?Grazie in anticipo.
    • La SIAE scrive:
      Re: Una domanda da ignorante...
      - Scritto da: Antonio
      Perdonatemi, spero che qualcuno mi risponda con
      competenza anche se la domanda può essere banale,
      ma: Se la SIAE è una società italiana a tutela
      dei nostri autori ed editori, perché la paghiamo
      pure sui CD di autori stranieri?Perché tutela gli autori ed editori italiani, capito? :@Parola di SIAE
  • ANGELO RAPUANO scrive:
    COPYRIGHT
    1 - Se un'opera viene dichiarata patrimonio dell'umanità perché deve essere vietata la pubblicazione della stessa in un'opera personale (Libro o video) che vuole essere un'opera divulgativa ed anche da porre in commercio per pagarsi almeno le spese?2 - Nello stesso caso: se un autore volesse pagare i diritti d'autore altrui, perché non mettere una tassa onnicomprensiva (accessibile ai principianti)per evitare i vari giri delle "liberatorie"?Grazie Angelo
  • Tony scrive:
    Alternative?
    Vediamo un po'... Magari prendere esempio da sistemi a là Spotify.Lavorando da freelance, mi sono spesso trovato nelle condizioni di:1) Lavorare e non prendere niente2) Lavorare e prendere il possibileIndovinate un po' cosa scelgo di solito?
    • panda rossa scrive:
      Re: Alternative?
      - Scritto da: Tony
      Vediamo un po'...

      Magari prendere esempio da sistemi a là Spotify.

      Lavorando da freelance, mi sono spesso trovato
      nelle condizioni
      di:

      1) Lavorare e non prendere niente
      2) Lavorare e prendere il possibile

      Indovinate un po' cosa scelgo di solito?E' un esempio che non c'entra con la questione in oggetto.In entrambe le possibilita' che illustri c'e' un concetto che esula: il lavorare.Non e' richiesto alcun lavoro per produrre copie.Quindi la questione si riduce in1) Lasciare che la gente faccia le copie2) Impedire che la gente faccia le copie perche' ci si vuole lucrare.
    • Luco, giudice di linea mancato scrive:
      Re: Alternative?
      - Scritto da: Tony
      Vediamo un po'...

      Magari prendere esempio da sistemi a là Spotify.

      Lavorando da freelance, mi sono spesso trovato
      nelle condizioni
      di:

      1) Lavorare e non prendere niente
      2) Lavorare e prendere il possibile

      Indovinate un po' cosa scelgo di solito?NESSUNO dice che chi lavora non debba essere retribuito.Il LAVORO non può consistere però nel vivere di rendita su cose già fatte (e già abbondantemente pagate), non può consistere neanche nel premere un pulsante "incolla" dopo aver premuto un pulsante "copia". Se lavori come freelance, proporrai gli articoli o le foto o i video a qualche testata o a qualche agenzia e sarà questa a doverti pagare la cifra che pattuite insieme. Poi il tuo guadagno finisce lì. Indipendentemente da quante volte l'articolo o la foto vengano pubblicati, o da quante volte il video vada in onda, dove vada in onda, il tuo lavoro è stato già pagato. Significa che il numero di copie accresce il tuo valore commerciale, ma nel futuro, non certo nel presente. Significa che per il prossimo servizio tu puoi alzare il cachet dicendo che sei andato in onda sulle televisioni di mezzo mondo e ora a quello che ti aveva pagato 100, per il nuovo servizio non chiederai più 100 ma 1000 perché altrimenti in una settimana trovi un altro che ti dà 2000.Ma niente e nessuno ti darà mai il diritto di essere pagato più volte per un singolo lavoro. Il fatto che il tuo lavoro venga replicato più volte, non moltiplica il lavoro che hai fatto, quindi non c'è niente da retribuire in più.
  • gianni scrive:
    diritti di autore
    Chi non ha mai registrato un film o una partita di calcio o una puntata di qualche programma televisivo o radiofonico? Io credo quasi tutti e quindi siamo tutti pirati!La tecnologia corre non si può talebanizzarla, i sistemi di audio e video registrazione oggi sono profondamente cambiati, io non ascolto più dalla classica radio ma ascolto e registro musica digitale dalle web radio e non registro più con le cassette, ma registro direttamene sulle chiavette che mi porto in auto, ottengo file musicali digitali del tutto simili a quelli tratti da cd rippati, ne faccio un uso esclusivamente personale, dalle web radio posso registrare 24 ore di musica al giorno... qualcuno potrebbe dire che sono un pirata? Mettiamo di si, allora però il legislatore deve chiarire questa questione e dichiarare fuorilegge tutti i sistemi di videoregistrazione, presenti anche sulle televisioni, perchè servono esclusivamente a catturare programmi film canzoni e altri contenuti protetti. Se producono televisioni con funzioni di videoregistrazione è ovvio che è consentito poter registrare un film anche in alta definizione, praticamente è legale farsi DVD! Ma allora pongo una domanda... perchè ottenere film da internet di bassa qualità è illegale e invece ottenerli dalla tv in alta definizione è legale?Oppure perchè un sito che deteniene un film è un sito pirata mentre un'emittente che trasmette un film è legale?Non mi sembra che i cinema siano in crisi e nemmeno gli attori o i musicisti, non visto nessuno andare a mendicare, ho visto dei servizi giornalistici mirati, dove fanno vedere che i noleggiatori di film si lamentano del calo di noleggio, è vero, ma non certo per colpa di internet, non ha senso spendere 20 euro per 4 film quando con la stessa cifra puoi svere un abbonamento a sky o mediaset e ti riempiono i canali di film e di documentari tutto il mese.Al contrario moltissimi produttori grazie proprio alla rete di internet hanno maggiori opportunità di farsi conoscere ed apprezzare in tutto il mondo, ma di questi enormi vantaggi che traggono però, fanno finta di niente. Un giorno ho messo un filmato di una gita a Murano su Youtube con sottofondo una canzone di Nelly Furtado, mi hanno tolto la musica per violazione del diritto d'autore e pensare che avevo pure acquistato il cd di Nelly, se da allora non ho più acquistato un CD è proprio per questo tipo di egoismo "intellettuale" che hanno.GIANNI
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: diritti di autore
      Quoto tutto. Per questo sostengo che, quando i sostenitori del copyright si saranno estinti, il mondo sarà un posto migliore.
  • dalek scrive:
    jamendo contro la mafia e contro la siae
    http://www.jamendo.com/it/ecco un fantastico esempio di musica libera senza pagare nientegiovani artisti che cercano solo di farsi notare e non cercano affatto i soldi ma solo di condividere gratis tutto quello che fanno
    • CCGG scrive:
      Re: jamendo contro la mafia e contro la siae
      - Scritto da: dalek
      http://www.jamendo.com/it/

      ecco un fantastico esempio di musica libera senza
      pagare
      niente

      giovani artisti che cercano solo di farsi notare
      e non cercano affatto i soldi ma solo di
      condividere gratis tutto quello che
      fannoecco, tu prova a mettere quella musica in un bar o in un altro esercizio commerciale e poi fai tu le tue domande alla siae
  • FDG scrive:
    Comunque la SIAE...
    Comunque, al di la dei pareri su come gli autori e gli artisti vanno remunerati, una cosa è certa: la SIAE com'è ora è da abbattere, o quantomeno riformare e ripulire. Ora è un classico esempio di polpettone italiota dove gli amici mangiano, quelli che non lo sono vengono ignorati e la gente è vessata per foraggiare i parassiti, tutto condito da formale legalità.E questi si permettono di fare domande. Incomincino a rispondere loro a qualche domanda, tipo come vengono distribuiti i soldi che prelevano:http://bit.ly/p3hWiXE ci sono pure dei geni che qui difendono tutto questo letame! :(
    • uiop scrive:
      Re: Comunque la SIAE...
      questa è solo la punta dell'iceberg di XXXXX che c'è in italia (e nel mondo)
    • Guybrush scrive:
      Re: Comunque la SIAE...
      - Scritto da: FDG
      Comunque, al di la dei pareri su come gli autori
      e gli artisti vanno remunerati, una cosa è certa:
      la SIAE com'è ora è da abbattere, o quantomeno
      riformare e ripulire. Ora è un classico esempio
      di polpettone italiota dove gli amici mangiano,
      quelli che non lo sono vengono ignorati e la
      gente è vessata per foraggiare i parassiti, tutto
      condito da formale
      legalità.

      E questi si permettono di fare domande.
      Incomincino a rispondere loro a qualche domanda,
      tipo come vengono distribuiti i soldi che
      prelevano:

      http://bit.ly/p3hWiX

      E ci sono pure dei geni che qui difendono tutto
      questo letame!
      :(Quella puntata di Report e' divenuta leggenda.GT
  • il solito bene informato scrive:
    la domanda n° 3...
    ... mi pare tanto un boomerang.
  • .poz scrive:
    La E di SIAE
    Una cosa non è stata detta (scritta) o forse era tra le righe ma non ben esplicitata:La E di SIAE è destinta a morire, almeno nella forma in cui oggi è concepito l'Editore, sia esso di libri o di musica.Si andrà verso l'auto produzione ed la vendita in un e-store, come gli ebook autopubblicati su Amazon, per le produzioni a basso costo e verso modelli di finaziamento collettivo per produzioni a + alto budget.
  • Fausto Mura scrive:
    Domanda 1 : Risposta senza risposta
    Grazie per essere stati evasivi e per non avermi fatto capire qual'è l'argomento del contendere! Rispondere ad una domanda con un rimando ad un documento di 10 pagine e dite che non si sta affermando una certa cosa omettendo al contempo di spiegare con poche parole cosa si vuole affermare.Qual'è "il tema del quale si sta occupando l'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni"??? Costava molto ridirlo in questo punto?? D'altronde l'informazione su internet non costa stampa e distribuzione di cartaceo quindi potevate prendervi la briga di aggiungere parole a chiarire il contesto della risposta che in definitiva ... il non chiarire è sintomo di non avere argomenti per affermare le proprie posizioni. Provate a non prendere anche voi le parti scontate di chi pubblica su web ... essendo evasi....
    • Funz scrive:
      Re: Domanda 1 : Risposta senza risposta
      - Scritto da: Fausto Mura
      Grazie per essere stati evasivi e per non avermi
      fatto capire qual'è l'argomento del contendere!
      Rispondere ad una domanda con un rimando ad un
      documento di 10 pagine e dite che non si sta
      affermando una certa cosa omettendo al contempo
      di spiegare con poche parole cosa si vuole
      affermare.
      Qual'è "il tema del quale si sta occupando
      l'Autorità per le Garanzie nelle
      Comunicazioni"??? Costava molto ridirlo in questo
      punto?? D'altronde l'informazione su internet non
      costa stampa e distribuzione di cartaceo quindi
      potevate prendervi la briga di aggiungere parole
      a chiarire il contesto della risposta che in
      definitiva ... il non chiarire è sintomo di non
      avere argomenti per affermare le proprie
      posizioni.

      Provate a non prendere anche voi le parti
      scontate di chi pubblica su web ... essendo
      evasi....Sveglia, sono settimane che si parla di questo argomento su PI. Vatti a leggere gli articoli vecchi, ce ne sono di estremamente utili ed esaustivi.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 18 luglio 2011 11.14-----------------------------------------------------------
    • Luco, giudice di linea mancato scrive:
      Re: Domanda 1 : Risposta senza risposta
      - Scritto da: Fausto Mura
      Grazie per essere stati evasivi e per non avermi
      fatto capire qual'è l'argomento del contendere!
      Rispondere ad una domanda con un rimando ad un
      documento di 10 pagine e dite che non si sta
      affermando una certa cosa omettendo al contempo
      di spiegare con poche parole cosa si vuole
      affermare.
      Qual'è "il tema del quale si sta occupando
      l'Autorità per le Garanzie nelle
      Comunicazioni"??? Costava molto ridirlo in questo
      punto??Scusa, evidentemente non hanno pensato che ci fossero persone che hanno vissuto gli ultimi mesi a bordo della Stazione Spaziale Internazionale e che non sapessero cosa accadeva quaggiù. Comunque sarebbe bastata una ricerca sul sito di Avaaz, su sitononraggiungibile.it, o leggerti le risposte che sono state date, per renderti conto di cosa si sta parlando. Gli unici che fanno disinformazione sono i videotecari e la siae stessa. Ma si fa presto a capire quante voci sono da una parte e quante da un'altra. E se proprio si è malfidati o non si vuole capire chi ha ragione e chi torto, basta leggersi il testo del provvedimento, come hai fatto tu.
  • Unidraulico scrive:
    EELST
    Dico solo "Elio e Le Storie Tese". Senza i cosiddetti "LADRI MALEDETTI DI DIRITTI D'AUTORE CHE FANNO LE COPIE DELLE CASSETTE" oggi nessuno li conoscerebbe e starebbero ancora al club "Le scimmie", pagati con una consumazione.
    • Luco, giudice di linea mancato scrive:
      Re: EELST
      - Scritto da: Unidraulico
      Dico solo "Elio e Le Storie Tese". Senza i
      cosiddetti "LADRI MALEDETTI DI DIRITTI D'AUTORE
      CHE FANNO LE COPIE DELLE CASSETTE" oggi nessuno
      li conoscerebbe e starebbero ancora al club "Le
      scimmie", pagati con una
      consumazione.GEM BOYPROPHILAXGIANFRANCO MARZIANOTONY TAMMAROecc.ecc.non c'è solo Elio ;)
      • Unidraulico scrive:
        Re: EELST
        Certo che non c'è solo Elio, ma loro sono l'esempio per antonomasia perché da zero sono arrivati ad essere conosciuti (e spesso apprezzati) da tutti. Quando c'è talento...
      • CCGG scrive:
        Re: EELST
        - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
        - Scritto da: Unidraulico

        Dico solo "Elio e Le Storie Tese". Senza i

        cosiddetti "LADRI MALEDETTI DI DIRITTI
        D'AUTORE

        CHE FANNO LE COPIE DELLE CASSETTE" oggi
        nessuno

        li conoscerebbe e starebbero ancora al club
        "Le

        scimmie", pagati con una

        consumazione.

        GEM BOY
        PROPHILAX
        GIANFRANCO MARZIANO
        TONY TAMMARO
        ecc.ecc.
        non c'è solo Elio ;)si, chiedi a Toni Tammaro quanto prende di diritti... e poi ridi
    • bubba scrive:
      Re: EELST
      - Scritto da: Unidraulico
      Dico solo "Elio e Le Storie Tese". Senza i
      cosiddetti "LADRI MALEDETTI DI DIRITTI D'AUTORE
      CHE FANNO LE COPIE DELLE CASSETTE" oggi nessuno
      li conoscerebbe e starebbero ancora al club "Le
      scimmie", pagati con una
      consumazione.E non dimentichiamo questo colpo di genio.Il CD Brulé, o Instant CD, è un CD che viene venduto al pubblico subito dopo lo svolgimento di un concerto e che contiene la registrazione del concerto appena eseguito.È un'iniziativa ideata per la prima volta dal gruppo musicale Elio e le Storie Tese, durante il concerto di Varese dell'11 marzo 2004: la prima ora dell'evento dal vivo venne registrata ed in seguito, grazie ad alcuni masterizzatori in parallelo, registrata su CD (con la produzione di 400 CD a concerto) o scaricata su una chiave USB, e venduta agli spettatori (e online sul sito ufficiale) immediatamente dopo la fine del concerto.
      • pietro scrive:
        Re: EELST
        - Scritto da: bubba
        Il CD Brulé, o Instant CD, è un CD che viene
        venduto al pubblico subito dopo lo svolgimento di
        un concerto e che contiene la registrazione del
        concerto appena
        eseguito.

        È un'iniziativa ideata per la prima volta
        dal gruppo musicale Elio e le Storie Tese,
        durante il concerto di Varese dell'11 marzo 2004:
        la prima ora dell'evento dal vivo venne
        registrata ed in seguito, grazie ad alcuni
        masterizzatori in parallelo, registrata su CD
        (con la produzione di 400 CD a concerto) o
        scaricata su una chiave USB, e venduta agli
        spettatori (e online sul sito ufficiale)
        immediatamente dopo la fine del
        concerto.ma perchè dovrei comprarlo? si mette su una chiavetta e si fa una copia gratis per tutti.
  • Ingenuo 2001 scrive:
    Scavalchereste?
    Io non vorrei fare l'avvocato del diavolo ma...- Scavalchereste il muro di cinta dello stadio per vedere la partita?- Vi intrufolereste di soppiatto nel cinema per sbirciare il film?- Leggereste il quotidiano in edicola per poi riporlo sulla pila con gli altri giornali?In tutti e tre i casi proposti, il titolare dei "diritti" non perde nulla di materiale... ma converrete con me che avrebbe tutte le ragioni di prendervi a calci nel popò.O no?Mah!
    • Information Technology scrive:
      Re: Scavalchereste?
      Infatti molto ingenuo (esempi del menga).Entreresti in una biblioteca per leggere un libro, ascoltare un CD prendere in prestito un DVD?Internet e considerato da tanti una biblioteca pubblica.Inoltre cliccare su un link non è paragonabile a nulla del tipo, rubare, scavalcare, intrufolare. Tutti termini demagogici. Usa il termine appropriato: condividere!
    • Luco, giudice di linea mancato scrive:
      Re: Scavalchereste?
      - Scritto da: Ingenuo 2001
      Io non vorrei fare l'avvocato del diavolo ma...
      - Scavalchereste il muro di cinta dello stadio
      per vedere la partita?Non rischio la vita per una partita di calcio.
      - Vi intrufolereste di soppiatto nel cinema per
      sbirciare il film?Non vado più al cinema da quando hanno messo spot antipirateria anche lì.
      - Leggereste il quotidiano in edicola per poi
      riporlo sulla pila con gli altri giornali?Ho internet, quindi leggo su internet, e leggo le notizie anche prima che arrivino sulla carta stampata. Perché devo leggere il giornale cartaceo? Se proprio voglio farlo, posso andare al bar dove posso leggerlo gratis.
      In tutti e tre i casi proposti, il titolare dei
      "diritti" non perde nulla di materiale...Quindi non può chiamarmi ladro né può definire la copia furto, altrimenti è colpevole lui di diffamazione e sarà lui non solo a risarcirmi il danno ma anche ad andare in galera. Cominciamo a specificare che la diffamazione è un REATO, contrariamente alla copia che non è un reato perché non è un furto. Chiunque compia il reato di diffamazione (e chi chiama ladro uno che non è colpevole di furto lo compie) è un CRIMINALE e deve andare in GALERA.
      ma converrete con me che avrebbe tutte le ragioni di
      prendervi a calci nel popò.Neanche per sogno. Se lo facesse, allora io avrei tutte le ragioni di fracassargli la testa a suon di sprangate fin quando non tirerò fuori i frammenti del suo minuscolo cervello.
      O no?Ovviamente no. Nessuno è autorizzato a prendermi a calci.Se gli brucia il sedere, invece di dare la colpa al mio comportamento, il rimedio è farsi più spesso il bidè.
      Mah!Sei perplesso tu stesso: allora che scrivi a fare le stupidaggini che hai scritto? Solo perché non hai niente da fare? Trovati un lavoro. Possibilmente onesto, che non includa quindi il vendere copie ma il vendere cose originali e uniche, non replicabili.
      • Ingenuo 2001 scrive:
        Re: Scavalchereste?
        Calma, calma Luco, non ti agitare!Ho spesso apprezzato i tuoi interventi, li trovo spesso duri ma mai sopra le righe, mi sembra che qui stai perdendo un po' di aplomb.Dicevo, non ti costringo ad andare al cinema o allo stadio per forza ma, visto che si fa il distinguo tra furto e non furto: la copia non è un furto perché non priva del bene il suo possessore. D'accordo.Mi chiedevo solo se ci sono altre fattispecie in cui ci si riconduce alla stessa situazione (il possessore di un bene non ne viene privato) ma che sia riconosciuto come un abuso, un qualcosa di illegale e perseguibile.La copia dei prodotti delle case di moda non sarebbe quindi da perseguire, se il famoso stilista Ar...piedi disegna una borsa e un altro tizio la riproduce identica, con pure il marchio Ar...piedi, tu difenderesti il diritto del tizio a rivendere o anche regalare le borse copiate, perché il signor Ar...piedi non ha perso alcuna borsa.E poi, tornando alla musica, mi pare tu sia un musicista vero? Dico vai a un concerto di un tizio che tu apprezzi, paghi 50 sacchi, ti siedi al tuo posto e accanto a te si siede lo stesso tizio di sopra che dopo aver prodotto copie delle borse, si è intrufolato in teatro e non ha pagato, tu troveresti lecita tale situazione per il semplice fatto che il produttore della prestazione musicale non ha perso alcunché, è questo che si intende?Ciao e grazie.
        • 444 scrive:
          Re: Scavalchereste?
          - Scritto da: Ingenuo 2001
          La copia dei prodotti delle case di moda non
          sarebbe quindi da perseguire, se il famoso
          stilista Ar...piedi disegna una borsa e un altro
          tizio la riproduce identica, con pure il marchio
          Ar...piedi, tu difenderesti il diritto del tizio
          a rivendere o anche regalare le borse copiate,
          perché il signor Ar...piedi non ha perso alcuna
          borsa.Nessuno avrebbe niente da ridire, nemmeno lo stilista Arpiedi se il signor tizio non ci guadagnasse.
        • Luco, giudice di linea mancato scrive:
          Re: Scavalchereste?
          - Scritto da: Ingenuo 2001
          Mi chiedevo solo se ci sono altre fattispecie in
          cui ci si riconduce alla stessa situazione (il
          possessore di un bene non ne viene privato) ma
          che sia riconosciuto come un abuso, un qualcosa
          di illegale e perseguibile.No. Non c'è niente di paragonabile perché l'abuso non è la sottrazione in sé ma il fatto che il proprietario non ce l'abbia più. E' come se ci fosse un incantesimo su un oggetto in modo tale che una volta tolto da dove si trova, se ne riforma un altro identico.Visto che la magia non esiste, tutti i beni non replicabili non sono infiniti (se fossero infiniti sarebbero replicabili e quindi si potrebbero copiare senza toglierli al proprietario).Io non conosco beni non replicabili infiniti. Al massimo avranno una durata o una capacità molto grande, com'è l'energia solare. Ma il sole un giorno diventerà una gigante rossa inglobando Mercurio e Venere e liquefando la Terra. E ancora più tardi, diventerà prima una nana bianca e infine un buco nero. In una parola, anche l'energia solare non è infinita, semplicemente per qualche miliardo di anni non ce ne dovremmo preoccupare. Poi faremo bene ad allontanarci e trovare qualche altro pianeta dove vivere, altrimenti ci estingueremo insieme a tutto il resto del pianeta.
          La copia dei prodotti delle case di moda non
          sarebbe quindi da perseguire, se il famoso
          stilista Ar...piedi disegna una borsa e un altro
          tizio la riproduce identica, con pure il marchio
          Ar...piedi, tu difenderesti il diritto del tizio
          a rivendere o anche regalare le borse copiate,
          perché il signor Ar...piedi non ha perso alcuna
          borsa.Se le regalasse sì. Se le vendesse, potrei difenderlo se mi dimostra che le vende a prezzo di costo. Altrimenti no, perché vuol dire che vuole guadagnare soldi su qualcosa fatto da altri.
          E poi, tornando alla musica, mi pare tu sia un
          musicista vero? Dico vai a un concerto di un
          tizio che tu apprezzi, paghi 50 sacchi, ti siedi
          al tuo posto e accanto a te si siede lo stesso
          tizio di sopra che dopo aver prodotto copie delle
          borse, si è intrufolato in teatro e non ha
          pagato, tu troveresti lecita tale situazioneE' un problema del gestore del posto: se non controlla chi entra, non sta certo a me doverlo fare. Diventa un problema mio solo se il tizio pretendesse di sedersi dove io ho prenotato il posto. E' come se in un treno salisse uno senza biglietto: non sono io il controllore, non sta a me fargli la multa. Diventa un mio problema (e mi premurerò di chiamare il controllore) se il tizio volesse sedersi (e non andarsene) nel posto dove io ho prenotato.Se il gestore non controlla e non impedisce l'afflusso di chi non paga, allora vuol dire che è come il concerto del 1 maggio, e stai tranquillo che al concerto del 1 maggio sono il primo a NON pagare.
          • Riketto scrive:
            Re: Scavalchereste?
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
            Io non conosco beni non replicabili infiniti. Al
            massimo avranno una durata o una capacità molto
            grande, com'è l'energia solare. Ma il sole un
            giorno diventerà una gigante rossa inglobando
            Mercurio e Venere e liquefando la Terra. E ancora
            più tardi, diventerà prima una nana bianca e
            infine un buco nero. Per correttezza.. il Sole NON diventera'un buco nero, non avendo attualmente massa sufficiente per oltrepassare il Limite di Chandrasekhar.Potrebbe diventarlo se catturasse massa da altra stella, cosa alquanto improbabile essendo una stella singola
          • si riserva di cancellare scrive:
            Re: Scavalchereste?
            - Scritto da: Riketto
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato


            Io non conosco beni non replicabili
            infiniti.
            Al

            massimo avranno una durata o una capacità
            molto

            grande, com'è l'energia solare. Ma il sole un

            giorno diventerà una gigante rossa inglobando

            Mercurio e Venere e liquefando la Terra. E
            ancora

            più tardi, diventerà prima una nana bianca e

            infine un buco nero.

            Per correttezza.. il Sole NON diventera'un buco
            nero, non avendo attualmente massa sufficiente
            per oltrepassare il Limite di
            ChandrasekharVero. DI GRAN LUNGA troppo piccolo per diventare un buco nero. Diventa una nana bianca e poi una nana bruna fino a poi "spegnersi" completamente.Inoltre non mi preoccuperei troppo dei 4 o 5 miliardi di anni entro cui l'umanità si dovrà spostare in un altro sistema stellare; personalmente ritengo veramente improbabile che tra 5 milardi di anni l'umanità possa esistere ancora, e anche se esisterà sarà completamente diversa e potrebbe certamente non essere la specie dominante sul pianeta (ammesso che ci sia ancora vita sul pianeta).Ne succedono di cose in 5 miliardi di anni eh. 5 miliardi di anni fa non esisteva nemmeno il pianeta Terra. Mezzo miliardo di anni fa non esistevano ancora i dinosauri! Per una ragione o per l'altra (collisione con un meteorite? Evoluzione di nuove specie che sorpasseranno l'uomo?) tra 5 miliardi di anni faccio fatica a credere che l'uomo possa esistere in una forma minimamente simile a quella odierna.
          • Funz scrive:
            Re: Scavalchereste?
            - Scritto da: si riserva di cancellare
            Inoltre non mi preoccuperei troppo dei 4 o 5
            miliardi di anni entro cui l'umanità si dovrà
            spostare in un altro sistema stellare;
            personalmente ritengo veramente improbabile che
            tra 5 milardi di anni l'umanità possa esistere
            ancora, e anche se esisterà sarà completamente
            diversa e potrebbe certamente non essere la
            specie dominante sul pianeta (ammesso che ci sia
            ancora vita sul
            pianeta).

            Ne succedono di cose in 5 miliardi di anni eh. 5
            miliardi di anni fa non esisteva nemmeno il
            pianeta Terra. Mezzo miliardo di anni fa non
            esistevano ancora i dinosauri! Per una ragione o
            per l'altra (collisione con un meteorite?
            Evoluzione di nuove specie che sorpasseranno
            l'uomo?) tra 5 miliardi di anni faccio fatica a
            credere che l'uomo possa esistere in una forma
            minimamente simile a quella
            odierna.A parte che, siccome il Sole gradualmente aumenta il suo calore, la vita sulla Terra ha ancora al più mezzo miliardo di anni, e la vita multicellulare complessa ancora di meno.A meno che la vita stessa non trovi un altro posto, o un modo per spostare il pianeta su un'orbita più esterna...
          • Riketto scrive:
            Re: Scavalchereste?
            - Scritto da: Funz
            A parte che, siccome il Sole gradualmente aumenta
            il suo calore, la vita sulla Terra ha ancora al
            più mezzo miliardo di anni, e la vita
            multicellulare complessa ancora di
            meno.
            A meno che la vita stessa non trovi un altro
            posto, o un modo per spostare il pianeta su
            un'orbita più
            esterna...Non son d'accordo. L'evoluzione portera' ad organismi in grado di vivere con una temperatura piu' elevata. I XXXXXX che vediamo attualmente sono dovuti, a mio parere, al fatto che l'intervento umano e' stato troppo rapido per permettere all'evoluzione di tenere il passo
          • Guybrush scrive:
            Re: Scavalchereste?
            - Scritto da: Riketto
            - Scritto da: Funz[...]
            Non son d'accordo. L'evoluzione portera' ad
            organismi in grado di vivere con una temperatura
            piu' elevata. I XXXXXX che vediamo attualmente
            sono dovuti, a mio parere, al fatto che
            l'intervento umano e' stato troppo rapido per
            permettere all'evoluzione di tenere il
            passoNon ci giurerei.Il sole aumenta la propria luminosita' (e quindi l'energia emessa) dell'1% ogni 100.000.000 anni circa.E nel farlo si espande pure un pochetto (il "gioco" è dovuto alla perdita di massa durante i processi di fusione nucleare: meno massa = meno gravità e meno capacità di trattenere i gas al proprio interno per cui si espande. Ad un certo punto succede una cosa abbastanza drammatica: non c'è piu' idrogeno e la perdita di calore fa collassare la stella, fino al punto in cui la pressione consente la fusione dell'elio. L'astro torna a splendere, ma l'energia sprigionata lo fa espandere parecchio di piu' e alcontempo si raffredda virando al rosso. E' un freddo relativo, ma sufficiente per ).La leggera perdita di massa del sole, unita alla perdita della luna (l'astro si allontana di circa 3,5 cm/anno e presto le eclissi totali saranno un ricordo, sostituite tutte da eclissi anulari) potrebbe spostare la Terra su un'orbita sufficientemente lontana.Pero' il tutto deve avvenire entro i prossimi 900.000.000 di anni.Poi la terra si trovera' fuori della fascia di abitabilita' e poco tempo (100-200.000.000 anni) anche i piu' coriacei batteri estremofili dovranno dare forfait.GT-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 agosto 2011 16.45-----------------------------------------------------------
          • panda rossa scrive:
            Re: Scavalchereste?
            - Scritto da: Guybrush
            lontana.
            Pero' il tutto deve avvenire entro i prossimi
            900.000.000 di
            anni.Solo 900 milioni?Poco, considerando le scale geologiche.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Scavalchereste?
            - Scritto da: Riketto
            Per correttezza.. il Sole NON diventera'un buco
            nero, non avendo attualmente massa sufficiente
            per oltrepassare il Limite di Chandrasekhar.
            Potrebbe diventarlo se catturasse massa da altra
            stella, cosa alquanto improbabile essendo una
            stella singolaNessuno può sapere oggi cosa succederà allora ;) è solo improbabile ma certamente non impossibile. Inoltre non ne sappiamo così tanto sui buchi neri, ne sappiamo abbastanza sulla nascita delle stelle ma non così tanto sulla loro morte.
      • Capitan Ovvio scrive:
        Re: Scavalchereste?
        - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
        Non vado più al cinema da quando hanno messo spot
        antipirateria anche
        lì.allora mi sa che ti conviene tornare, visto che sono spariti da anni. ormai li becco solo su vecchi DVD.
        • Luco, giudice di linea mancato scrive:
          Re: Scavalchereste?
          - Scritto da: Capitan Ovvio
          allora mi sa che ti conviene tornare, visto che
          sono spariti da anni. ormai li becco solo su
          vecchi DVD.Ho smesso di andarci il 30 dicembre 2010 (a vedere Narnia il viaggio del veliero) ed era la prima volta che vedevo uno spot antipirateria in quel cinema, fino ad allora non l'avevano mai fatto (e ci andavo tutti i mesi, anche più di una volta). Quindi almeno da queste parti, non sono affatto "spariti da anni".
    • dont feed the troll/dovella scrive:
      Re: Scavalchereste?
      - Scritto da: Ingenuo 2001
      Io non vorrei fare l'avvocato del diavolo ma...
      - Scavalchereste il muro di cinta dello stadio
      per vedere la
      partita?dipende: quanto è alto sto muro? No perchè non mi va di sudare.Se lo posso scavalcare con un click, volentieri, ammesso e non conXXXXX che mi piaccia il calcio, cosa che, fortunatamente, non è vera.
      - Vi intrufolereste di soppiatto nel cinema per
      sbirciare il
      film?Perchè no?L'importante è che non tolga il posto a nessuno dei paganti.
      - Leggereste il quotidiano in edicola per poi
      riporlo sulla pila con gli altri
      giornali?Si lo fanno spesso migliaia di persone ogni giorno.Ricordo un episodio. Eravamo ragazzi e io e un mio amico dell'epoca in un famoso grande magazzino trovammo un libro che spiegava tutti gli interrupt bios e dos (eh l'informatica era un altro mondo). Lo sfogliammo, e siccome non potevamo comprarlo, tornavamo ogni pomeriggio e leggere qualcos'altro. Qualcuno ci notò e si avvicinò dicendo: "Questo è un modo per risparmiare soldi". Ed aveva ragione, stavamo risparmiando, ma non stavamo rubando nulla, visto che letto quello che ci interessava riponevamo il volume al suo posto nello scaffale. Non ci dissero altro e continuammo a sfogliarlo per giorni, fino a quando ci rendemmo conto che quel tomo era fondamentale per la nostra formazione di giovani informatici in erba e lo comprammo. Ci abbiamo guadagnato tutti.
      In tutti e tre i casi proposti, il titolare dei
      "diritti" non perde nulla di materiale... ma
      converrete con me che avrebbe tutte le ragioni di
      prendervi a calci nel
      popò.Ah beh, è evidente che non sia così.
      O no?
      Mah!Beh, buh, bhi!!!
      • Luco, giudice di linea mancato scrive:
        Re: Scavalchereste?
        - Scritto da: dont feed the troll/dovella
        Ricordo un episodio. Eravamo ragazzi e io e un
        mio amico dell'epoca in un famoso grande
        magazzino trovammo un libro che spiegava tutti
        gli interrupt bios e dos (eh l'informatica era un
        altro mondo). Lo sfogliammo, e siccome non
        potevamo comprarlo, tornavamo ogni pomeriggio e
        leggere qualcos'altro. Qualcuno ci notò e si
        avvicinò dicendo: "Questo è un modo per
        risparmiare soldi". Ed aveva ragione, stavamo
        risparmiando, ma non stavamo rubando nulla, visto
        che letto quello che ci interessava riponevamo il
        volume al suo posto nello scaffale. Non ci
        dissero altro e continuammo a sfogliarlo per
        giorni, fino a quando ci rendemmo conto che quel
        tomo era fondamentale per la nostra formazione di
        giovani informatici in erba e lo comprammo. Ci
        abbiamo guadagnato tutti.Le grandi librerie Feltrinelli hanno addirittura una sala lettura per chi volesse leggersi i libri in vendita senza dover comprare.E poi ci sono le biblioteche.
    • gerry scrive:
      Re: Scavalchereste?
      - Scritto da: Ingenuo 2001
      Io non vorrei fare l'avvocato del diavolo ma...
      O no?
      Mah!Ti vergogneresti a prendere un libro a prestito in biblioteca?Eppure così l'autore guadagna molto ma molto meno.Le scelte morali non sono così scontate come si pensa, ciò che è giusto o sbagliato può cambiare dal contesto e dal tempo di riferimento.
      • Ingenuo 2001 scrive:
        Re: Scavalchereste?
        Ma infatti ci stanno provando, o ci hanno già provato, a caricare le biblioteche di un balzello proprio per coprire i mancati guadagni.Non che io lo trovi giusto, eh, anzi lo trovo vergognoso.
    • si riserva di cancellare scrive:
      Re: Scavalchereste?
      - Scritto da: Ingenuo 2001
      Io non vorrei fare l'avvocato del diavolo ma...
      - Scavalchereste il muro di cinta dello stadio
      per vedere la
      partita?L'esempio non è calzante: se migliaia persone si mettessero a scavalcare il muro di cinta, lo stadio diventerebbe sovraffollato e conseguentemente pericoloso.
      - Vi intrufolereste di soppiatto nel cinema per
      sbirciare il
      film?Come sopra.
      - Leggereste il quotidiano in edicola per poi
      riporlo sulla pila con gli altri
      giornali?Non vedo perché no. Deciderei di comprarlo se vedo che è ben scritto e interessante, perché non ho il tempo materiale per leggerlo tutto in edicola.
      In tutti e tre i casi proposti, il titolare dei
      "diritti" non perde nulla di materiale... ma
      converrete con me che avrebbe tutte le ragioni di
      prendervi a calci nel
      popò.
      O no?Per quanto mi riguarda infatti la pirateria, intesa come copia illegittima e distribuzione di materiali la cui licenza presuppone invece la vendita, non è sempre moralmente "giusta"... In alcuni casi, lo è: per esempio io vivo negli Stati Uniti e se volessi vedere un film italiano tipo, che so, Fantozzi (quindi mica un film di nicchia), non lo trovo (non è neanche importato), non lo posso neanche importare per via delle regioni dei DVD (a meno di togliere la codifica regionale, che non sarebbe neanche permesso nei lettori in teoria). Ti sembra normale?Esempio ancora peggiore: in Italia fino a pochissimi anni fa (e forse tuttora, non ho controllato e spero di no), Quarto Potere in versione restaurata con le musiche e le voci originali NON ESISTEVA NEMMENO IN DVD, quando negli Stati Uniti era uscito da molti anni! Esisteva solo una versione PESSIMA senza le musiche originali, con solo il doppiaggio (e doppiata malissimo, doppiaggio credo risalente ai primi anni 50) e con una qualità delle immagini assolutamente *ignobile*. Quando lo vidi (dopo aver visto la versione "vera") rimasi letteralmente esterrefatto, non sembrava neanche lo stesso film... E stiamo parlando del film più acclamato della storia del cinema! Era giustificabile trattare chi scaricava la versione USA come un "ladro"? Dove erano questi difensori dell'arte cinematografica quando si trattava di promuovere la vera arte rendendo disponibile alla gente il vero film come Orson Welles l'aveva pensato e realizzato?E poi non mi si venga a dire che la copia di film e musica sia un reato grave ed esattamente come un furto, perché queste sono solamente immani XXXXXXXte dette in malafede: il furto provoca sempre e comunque danni alla persona che lo subisce, la copia di materiali protetti da copyright no. Ma questo l'hanno detto varie volte.
      • Luco, giudice di linea mancato scrive:
        Re: Scavalchereste?
        - Scritto da: si riserva di cancellare
        se volessi vedere un film italiano
        tipo, che so, Fantozzi (quindi mica un film di
        nicchia), non lo trovo (non è neanche importato),
        non lo posso neanche importare per via delle
        regioni dei DVD (a meno di togliere la codifica
        regionale, che non sarebbe neanche permesso nei
        lettori in teoria). Ti sembra normale?In che senso non sarebbe permessa? Quasi tutti i lettori standalone hanno menù nascosti che permettono di disabilitare il codice regionale. Con altri è necessario un telecomando programmabile (i Sony sono così). Questo perché (e credo ci sia qualcosa proprio a livello del DVD Forum ma chiaramente i documenti sono riservati e non possiamo saperlo) i centri assistenza devono essere sempre in grado di cambiare la regione di un lettore o eliminare il codice regionale1) quando l'utente trasloca da una regione a un'altra2) per motivi diplomatici (ambasciate, consolati, basi militari in regioni diverse dalle proprie)
        Dove erano questi difensori
        dell'arte cinematografica quando si trattava di
        promuovere la vera arte rendendo disponibile alla
        gente il vero film come Orson Welles l'aveva
        pensato e realizzato?Ma perché, secondo te quanti videotecari hanno anche solo il 2% dei capolavori del cinema mondiale che vengono trasmessi su Rai3 la notte? Quanti negozi o distributori hanno anche solo il 10% di quei film? E poi hanno il coraggio di dire che la pirateria dà fastidio: ma se diventa L'UNICO modo per accedere al contenuto (e non stiamo mica parlando del problema delle finestre di distribuzione, ma di film usciti ANNI prima) secondo loro cosa si deve fare? RINUNCIARE? E' questo che vogliono?Vogliamo parlare di SHAOLIN SOCCER, film che nel 2002 hanno visto DECINE DI MIGLIAIA DI ITALIANI ben prima che la Miramax decidesse anche solo di portarlo in occidente con una TRENTINA tra tagli e censure varie che vanno da pochi secondi a oltre 4 minuti, e quei pazzi che hanno deciso di farlo doppiare in maniera PATETICA dai calciatori invece di mettersi con la testa in un secchio di letame hanno pure il coraggio di lamentarsi che noi l'abbiamo visto in lingua originale sottotitolata per tre anni in anni in cui NESSUNO DI LORO sapeva chi fosse Stephen Chow?
        E poi non mi si venga a dire che la copia di film
        e musica sia un reato grave ed esattamente come
        un furto,Non è né un reato (la diffusione -upload- lo è, ma il download comporta solo una sanzione amministrativa, e la copia tra amici non è neanche sanzionata) né tantomeno, ovviamente, un reato grave. Al contrario, la diffamazione è un reato. E chi equipara la copi al furto diffama.
        perché queste sono solamente immani
        XXXXXXXte dette in malafede: il furto provoca
        sempre e comunque danni alla persona che lo
        subisce, la copia di materiali protetti da
        copyright no. Ma questo l'hanno detto varie
        volte.Sì ma pare che a certa gente le cose da una parte gli entrano e dall'altra gli escono... continuano a ripetere la tarantella. Basta vedere come frignano i videotecari sui loro forum.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 18 luglio 2011 02.56-----------------------------------------------------------
        • si riserva di cancellare scrive:
          Re: Scavalchereste?
          - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
          - Scritto da: si riserva di cancellare

          se volessi vedere un film italiano

          tipo, che so, Fantozzi (quindi mica un film
          di

          nicchia), non lo trovo (non è neanche
          importato),

          non lo posso neanche importare per via delle

          regioni dei DVD (a meno di togliere la
          codifica

          regionale, che non sarebbe neanche permesso
          nei

          lettori in teoria). Ti sembra normale?

          In che senso non sarebbe permessa? Quasi tutti i
          lettori standalone hanno menù nascosti che
          permettono di disabilitare il codice regionale.
          Con altri è necessario un telecomando
          programmabile (i Sony sono così). Questo perché
          (e credo ci sia qualcosa proprio a livello del
          DVD Forum ma chiaramente i documenti sono
          riservati e non possiamo saperlo) i centri
          assistenza devono essere sempre in grado di
          cambiare la regione di un lettore o eliminare il
          codice
          regionale
          1) quando l'utente trasloca da una regione a
          un'altra
          2) per motivi diplomatici (ambasciate, consolati,
          basi militari in regioni diverse dalle
          proprie)Vero, in molti (ma non tutti) è un'operazione semplice... peccato che quando uno la fa, invalida la garanzia. Non so se questo sia vero per tutti i lettori, ma so per certo che nel mio veniva invalidata.
          • panda rossa scrive:
            Re: Scavalchereste?
            - Scritto da: si riserva di cancellare
            Vero, in molti (ma non tutti) è un'operazione
            semplice... peccato che quando uno la fa,
            invalida la garanzia. Non so se questo sia vero
            per tutti i lettori, ma so per certo che nel mio
            veniva
            invalidata.Peggio per te.La prossima volta prima di comprare ti documenti.
          • si riserva di cancellare scrive:
            Re: Scavalchereste?
            - Scritto da: panda rossa
            Peggio per te.
            La prossima volta prima di comprare ti documenti.Ah "peggio per me"? Ho tolto la codifica regionale, e la garanzia era scaduta comunque, e tutto ha funzionato. "Peggio per me"? Ma che risposta idiota sarebbe mai questa?E avrei dovuto sapere in anticipo che un DVD serio di un film di tale importanza non esisteva in Italia?
          • panda rossa scrive:
            Re: Scavalchereste?
            - Scritto da: si riserva di cancellare
            - Scritto da: panda rossa

            Peggio per te.

            La prossima volta prima di comprare ti
            documenti.

            Ah "peggio per me"? Ho tolto la codifica
            regionale, e la garanzia era scaduta comunque, e
            tutto ha funzionato. "Peggio per me"? Ma che
            risposta idiota sarebbe mai
            questa?Non e' una risposta idiota.Ci sono i regional codes, ci sono dei lettori che sottostanno ai regional codes, ci sono dei lettori che si sbloccano facilmente da telecomando, per togliere i regional codes.Una persona si informa prima, e sceglie un prodotto facilmente sbloccabile.Non aspetta il dvd introvabile in italia per accorgersi che il suo player non e' sbloccabile o, sbloccandolo si perde la garanzia.(Che poi e' una questione di software quindi voglio vedere come fanno a dire che si e' invalidata la garanzia!)
            E avrei dovuto sapere in anticipo che un DVD
            serio di un film di tale importanza non esisteva
            in Italia?Visto che tutta la roba nuova, in italia e' regolarmete uscita, i casi sono due: o stai parlando di un film vecchio oppure ti piacciono i film dell'India.In entrambi i casi ti dovevi informare prima.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Scavalchereste?
            - Scritto da: panda rossa
            Visto che tutta la roba nuova, in italia e'
            regolarmete uscita, i casi sono due: o stai
            parlando di un film vecchio <b
            oppure ti piacciono i
            film dell'India. </b
            Anche fosse, cosa ci sarebbe di male?
          • panda rossa scrive:
            Re: Scavalchereste?
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
            - Scritto da: panda rossa

            Visto che tutta la roba nuova, in italia e'

            regolarmete uscita, i casi sono due: o stai

            parlando di un film vecchio <b

            oppure ti piacciono
            i

            film dell'India. </b


            Anche fosse, cosa ci sarebbe di male?Niente di male.Solo che i film di bollywood difficilmente arrivano dalle nostre parti e quindi se uno fosse appassionato del genere dovrebbe sapere che il regional code dell'india e' diverso da quello europeo e quindi comportarsi di conseguenza, dotandosi di un lettore dvd in cui la limitazione del regional code sia facilmente aggirabile alla faccia di quelli che l'hanno inventata per alterare il mercato per il proprio meschino tornaconto, in quanto l'utilizzatore dal regional code ha solo svantaggi e nessun vantaggio.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Scavalchereste?
            - Scritto da: panda rossa
            Niente di male.
            Solo che i film di bollywood difficilmente
            arrivano dalle nostre parti e quindi se uno fosse
            appassionato del genere dovrebbe sapere che il
            regional code dell'india e' diverso da quello
            europeo[img]http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/3/30/DVD-Regions_with_key.png[/img]Ti svelo un segreto. Le uniche regioni realmente usate nei DVD sono la 1 (USA e Canada) e la 2 (Europa, Sud Africa, Medio Oriente, Giappone e colonie francesi sparse tra America e Asia).Le altre regioni, a cominciare dalla Cina (relegata da sola nella regione 6) non hanno, nei fatti, quasi mai prodotto dischi solo per loro. Nei fatti, regione 3, 4, 5 e 6 esistono poco, la 3 e la 6 per niente, la 5 solo in Russia (ma neanche tanto) e la 4 solo in Australia e (poco) in America Latina. I DVD cinesi sono per tutte le regioni, alcuni DVD europei sono anche zona 4 cambiando solo la confezione (Matrix è tra questi), Russia è zona 5 e molti film di prima visione arrivano da lì perché lì la finestra tra cinema e home video è inesistente, il resto, come detto, fa dvd per tutte le zone infischiandosene delle regioni.
          • si riserva di cancellare scrive:
            Re: Scavalchereste?
            - Scritto da: panda rossa
            Visto che tutta la roba nuova, in italia e'
            regolarmete uscita, i casi sono due: o stai
            parlando di un film vecchio oppure ti piacciono i
            film
            dell'India.

            In entrambi i casi ti dovevi informare prima.Panda, stiamo parlando di Quarto Potere. Sarà anche vecchio (è del 1941) ma è un film di un'importanza (e di una qualità) <b
            mostruosa </b
            ... Il fatto che in Italia almeno fino al 2003 non esistesse una versione decente (e credimi, l'unica versione disponibile era veramente qualcosa di osceno e inguardabile, un vero insulto all'opera di Welles) era una cosa da lasciare sbalorditi, secondo me. Probabilmente hai ragione a dire che dovevo informarmi prima, ma io non avrei mai pensato di non trovare Quarto Potere.Lo vidi per la prima volta in USA credo nel 1998, ed era in versione già "restaurata": ho controllato e quella stampa della pellicola risale addirittura al 1991: 12 anni prima!Ed inoltre l'unica versione DVD che era presente in Italia aveva numerosi tagli ed oltre a non potere sentire le voci originali degli attori (cosa già di per sè oltremodo fastidiosa), era pure senza la colonna sonora originale, sostituita con una stupidissima musichetta di sottofondo in buona parte delle scene che nel film originale non esisteva nemmeno (tu prova ad immaginarti un film di Sergio Leone con le musiche originali sostituite da musichette generiche e avrai un'idea dello scempio fatto).In ogni caso, il mio discorso verteva sul fatto che tutte queste chiacchiere sul "difendere l'arte cinematografica" fatte da videotecari, politici sedicenti difensori del copyright e affini sono assolutamente PANZANE... l'unica cosa che stanno difendendo quasi sempre sono interessi personali, altrimenti non si spiega lo scarsissimo (se non spesso NULLO) interesse che hanno nel rendere disponibili alla gente i veri capolavori cinematografici.
          • panda rossa scrive:
            Re: Scavalchereste?
            - Scritto da: si riserva di cancellare
            Panda, stiamo parlando di Quarto Potere. Sarà
            anche vecchio (è del 1941) ma è un film di
            un'importanza (e di una qualità) <b

            mostruosa </b
            ...
            Non devi dirlo a me. Conosco benissimo Orson Welles.
            Il fatto che in Italia almeno fino al 2003 non
            esistesse una versione decente (e credimi,
            l'unica versione disponibile era veramente
            qualcosa di osceno e inguardabile, un vero
            insulto all'opera di Welles) era una cosa da
            lasciare sbalorditi, secondo me. 2003?Be', non c'erano mica molti film in DVD nel 2003.Quelli nuovi uscivano anche in dvd, ma di quelli precedenti al 2000, li stavano facendo uscire man mano...
            Probabilmente
            hai ragione a dire che dovevo informarmi prima,
            ma io non avrei mai pensato di non trovare Quarto
            Potere.Si, ma oggi c'e'.Non capisco di che cosa stai parlando, di un fatto che risale al 2003?
            Lo vidi per la prima volta in USA credo nel 1998,
            ed era in versione già "restaurata": ho
            controllato e quella stampa della pellicola
            risale addirittura al 1991: 12 anni
            prima!Il film mi pare che sia uscito durante la guerra, quindi tra il 39 e il 45Bianco e nero, formato 4:3, audio mono.
            Ed inoltre l'unica versione DVD che era presente
            in Italia aveva numerosi tagli ed oltre a non
            potere sentire le voci originali degli attori
            (cosa già di per sè oltremodo fastidiosa), era
            pure senza la colonna sonora originale,
            sostituita con una stupidissima musichetta di
            sottofondo in buona parte delle scene che nel
            film originale non esisteva nemmeno Non la so questa cosa che mi stai dicendo.Quindi devo recuperare anche questa versione che stai dicendo tu.
            (tu prova ad
            immaginarti un film di Sergio Leone con le
            musiche originali sostituite da musichette
            generiche e avrai un'idea dello scempio
            fatto).Non voglio neanche osare ad immaginare Leone senza Morricone.
            In ogni caso, il mio discorso verteva sul fatto
            che tutte queste chiacchiere sul "difendere
            l'arte cinematografica" fatte da videotecari,
            politici sedicenti difensori del copyright e
            affini sono assolutamente PANZANE... Quelli vogliono solo difendere la loro rendita.Sono i peggiori nemici del cinema, loro!
            l'unica cosa
            che stanno difendendo quasi sempre sono interessi
            personali, altrimenti non si spiega lo
            scarsissimo (se non spesso NULLO) interesse che
            hanno nel rendere disponibili alla gente i veri
            capolavori cinematografici.Parassiti e sanguisughe.Mi hai fatto venir voglia di rivedere Citizen Kane, sai...Adesso me lo metto sulla chiavetta e cosi' domani sera me lo guardo.
          • si riserva di cancellare scrive:
            Re: Scavalchereste?
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: si riserva di cancellare


            Panda, stiamo parlando di Quarto Potere. Sarà

            anche vecchio (è del 1941) ma è un film di

            un'importanza (e di una qualità) <b


            mostruosa </b
            ...



            Non devi dirlo a me. Conosco benissimo Orson
            Welles.


            Il fatto che in Italia almeno fino al 2003
            non

            esistesse una versione decente (e credimi,

            l'unica versione disponibile era veramente

            qualcosa di osceno e inguardabile, un vero

            insulto all'opera di Welles) era una cosa da

            lasciare sbalorditi, secondo me.

            2003?
            Be', non c'erano mica molti film in DVD nel 2003Beh insomma, ce n'erano dai. Non tutti, ma nel 2003 ormai avevo praticamente smesso di noleggiare VHS tranne casi rarissimi.
            Quelli nuovi uscivano anche in dvd, ma di quelli
            precedenti al 2000, li stavano facendo uscire man
            mano..Il discorso vale anche per la videocassetta: quel film in Italia proprio non esisteva nella versione "vera", purtroppo. Lo so perché lo cercai in vari negozi e videoteche prima, e l'unica versione che trovai fu quella. Quando lo chiesi in alcune videoteche (tra cui un paio di Blockbuster) non sapevano neanche di cosa stessi parlando... :'(
          • panda rossa scrive:
            Re: Scavalchereste?
            - Scritto da: si riserva di cancellare

            Be', non c'erano mica molti film in DVD nel
            2003

            Beh insomma, ce n'erano dai. Non tutti, ma nel
            2003 ormai avevo praticamente smesso di
            noleggiare VHS tranne casi
            rarissimi.C'erano i nuovi usciti, sicuramente.Dei precedenti adesso non ricordo, ma parecchi titoli importanti ci hanno messo un po' prima di uscire.Titanic per esempio, Blade Runner, Il Padrino, i Disney che sono sempre usciti un po' per volta... poi che altro, fammi pensare...gli Star Wars della vecchia trilogia...Sicuramente nel 2003 parecchi film in dvd ancora non c'erano e sono usciti man mano.


            Quelli nuovi uscivano anche in dvd, ma di
            quelli

            precedenti al 2000, li stavano facendo
            uscire
            man

            mano..

            Il discorso vale anche per la videocassetta: quel
            film in Italia proprio non esisteva nella
            versione "vera", purtroppo. Lo so perché lo
            cercai in vari negozi e videoteche prima, e
            l'unica versione che trovai fu quella. Quando lo
            chiesi in alcune videoteche (tra cui un paio di
            Blockbuster) non sapevano neanche di cosa stessi
            parlando...
            :'(Che cosa vuoi che ne sappiano le videoteche di cinema!Ne sa di piu' il mio salumiere.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 18 luglio 2011 21.31-----------------------------------------------------------
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Scavalchereste?
            Dài, Panda, vacci piano. È uno nuovo, deve ancora imparare. Oltre tutto, dai suoi post, mi sembre che sia sulla strada giusta... se ti mostri subito troppo "integralista" lo spaventi.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Scavalchereste?
            - Scritto da: panda rossa
            Il film mi pare che sia uscito durante la guerra,
            quindi tra il 39 e il 45
            Bianco e nero, formato 4:3, audio mono.C'è modo e modo di rieditare i film.Ricordo che a metà anni 90, quando ancora andavo in videoteca noleggiai una VHS di "Totò cerca casa" (1949, b/n) che era semplicemente INGUARDABILE. Non per la VHS in sé, che era in buone condizioni, ma proprio per il master da cui l'avevano tratto. La pellicola era vissutissima, piena di giunte e tagli vari su tutto il film, con tante righe e soprattutto con una definizione che dire pessima è fargli un complimento. Un filmino amatoriale 8mm (neanche super8) sarebbe stato in condizioni migliori. La colpa chiaramente non è certo del film (rivisto recentemente in tv, con fonte probabilmente dvd, in condizioni più che discrete) ma il fatto che chi si sia sognato di editarlo in VHS (la Creazioni Home Video se non sbaglio) non si sia manco sognato di chiedere un master migliore.Al contrario, ho comprato recentemente il DVD di Carosello napoletano (1953). Qui siamo su un film a colori (che in genere si rovinano molto prima dei film in b/n per via dei composti organici delle pellicole a colori che tendono a reagire con l'ossigeno dell'aria causando il repentino viraggio dei colori verso il rosso o il verde a seconda del supporto, rosso per il triacetato, verde per il poliestere -più diffuso sui film più recenti-) ma nonostante gli anni la definizione e la colorimetria sono SPLENDIDE, non ci sono giunte (neanche quelle che avevo sempre visto nei passaggi in tv) e c'è giusto qualche puntino bianco qua e là (=presenza di polvere sulla pellicola) che comunque non si nota più di tanto. Persino la traccia audio pur restando mono è stata riequalizzata e la dinamica migliorata, segno che chi ha fatto il restauro ci sapeva fare.In questi giorni lo stanno passando diverse volte sia su sky cinema classics sia su rai movie (a orari improponibili) quindi potete verificare, se vi capita, quanto sto dicendo.Per fare un altro esempio, nel cofanetto della trilogia storica di Star Wars edizione speciale (quella con la scena di Jabba in più) uscito in VHS poco dopo che uscì al cinema, fecero vedere l'operazione di restauro, con la differenza tra prima e dopo. Ovvio che nessuno pretende che si faccia sempre un lavoro alla qualità del restauro di Star Wars. Ricordo ancora la scena in cui per la prima volta si vede Darth Vader (e non Lord Fener :D): la versione non restaurata era pallida, smorta, coi colori quasi del tutto virati al verde. Quella restaurata era perfetta, forse con una colorimetria addirittura troppo elevata per il VHS (che notoriamente ha problemi con i colori molto saturi, specie il rosso e il blu). Col DVD SW ha raggiunto la perfezione perché hanno eliminato i problemi del VHS è stato restaurato come si deve anche l'audio (in DD5.1). Per la cronaca, SW per me inizia e finisce con la trilogia storica. La trilogia "nuova" l'ho registrata dalla TV, all'epoca scaricai il primo episodio col 56K (dal mitico #movie-central@DALnet) con audio ripreso da dentro a un cinema russo (audio inglese e sottotitoli in cirillico con gente nel cinema che urlava WOOOHOOO quando cominciava il film :D) e poi ho registrato dalla TV, ma non mi piace e non la comprerò a meno di trovarla davvero in superofferta del tipo i 3 film insieme in doppio dvd ciascuno tutto a 15 euro o meno. E parla uno che la trilogia storica ce l'ha in VHS originale e in DVD originale con le colonne sonore (introvabili) in CD (doppio per ogni capitolo)... indovinate un po'... originali.Ma potrei citare Ritorno al Futuro, dove le parti delle scene tagliate, presenti nel DVD, non sono state restaurate e si nota MOLTISSIMO la differenza anche se parliamo di un film uscito "solo" 20 anni prima del DVD (il DVD è uscito nel 2005) con le scene tagliate piene di graffi e pellicola quasi interamente rossa. Un pugno nello stomaco.
            Non voglio neanche osare ad immaginare Leone
            senza Morricone.E' come dire un Annozero senza la sigla di Piovani. :([yt]Odl5oPG8HVs[/yt]
            Mi hai fatto venir voglia di rivedere Citizen
            Kane, sai...
            Adesso me lo metto sulla chiavetta e cosi' domani
            sera me lo guardo.Guardati anche Citizen Berlusconi. E già che ci sei anche i film di Deaglio.Ad esempio puoi guardare "Uccidete la democrazia" legalmente da qui: http://www.arcoiris.tv/cinema_arcoiris_flv.php?lid=6150-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 19 luglio 2011 06.20-----------------------------------------------------------
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Scavalchereste?
            Guarda, fondamentalmente i tuoi ragionamenti sono corretti. Devi solo rifletterci un po', svilupparli... e capirai a cosa si riferisce panda rossa, e perchè te lo sta dicendo.Comunque, il punto è: tu hai avuto dei problemi a causa del codice regionale (li hai risolti, ma hai perso del tempo e hai invalidato la garanzia, quindi hai avuto un danno); quello che ti stiamo dicendo, è che quando hai comprato il cd con il codice regionale, tu hai dato dei soldi a chi ha messo quel codice regionale: quindi, sei andato a finanziare chi ti ha fatto un danno. Ti sembra giusto?
          • si riserva di cancellare scrive:
            Re: Scavalchereste?
            - Scritto da: uno qualsiasi
            Guarda, fondamentalmente i tuoi ragionamenti sono
            corretti. Devi solo rifletterci un po',
            svilupparli... e capirai a cosa si riferisce
            panda rossa, e perchè te lo sta
            dicendo.

            Comunque, il punto è: tu hai avuto dei problemi a
            causa del codice regionale (li hai risolti, ma
            hai perso del tempo e hai invalidato la garanzia,
            quindi hai avuto un danno); quello che ti stiamo
            dicendo, è che quando hai comprato il cd con il
            codice regionale, tu hai dato dei soldi a chi ha
            messo quel codice regionale: quindi, sei andato a
            finanziare chi ti ha fatto un danno. Ti sembra
            giusto?La garanzia era già scaduta. Il punto che volevo sottolineare in realtà era un altro comunque, ed era indipendente da codice regionale e dal fatto che non fosse uscito in DVD (come ho detto sopra, il film restaurato e originale non era disponibile neanche in VHS, non era semplicemente un problema di supporto nuovo): quello che volevo dire è che è ridicolo che i "difensori del copyright" parlino del declino dell'industria cinematografica e si mostrino "paladini della difesa dell'arte" quando le "industrie dei contenuti" e le videoteche italiote non hanno mai avuto alcun interesse a portare avanti l'arte, ma solo a fare soldi: Quarto Potere (o Citizen Kane) è uno dei film più importanti e influenti di tutti i tempi; i film di Moccia o i cinepanettoni sono spazzatura in tutto e per tutto, eppure questi si prendono la briga eccome di pubblicarli e renderli disponibili al pubblico, a differenza di un film come Citizen Kane che farebbe probabilmente soltanto un decimo o un ventesimo dei noleggi e delle vendite dell'ultima XXXXXXX di Neri Parenti.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Scavalchereste?
            Hai ragione, ovviamente.Ti invito però a spingere il ragionamento un po' più in là: "Quarto potere" quanto ha incassato? Direi che chi ci ha lavorato è stato abbondantemente ripagato.Quindi, perchè ci chiedono di pagare per vedere quel film? Cosa ne faranno di quei soldi? Di certo non li daranno al regista per fare altri film simili, visto che Orson Welles è morto nel 1985.E allora, a chi li daranno? Magari a Moccia, o a altri individui del genere. Ne vale la pena?E, se tu pirati il film, chi sarà a non essere pagato, e a non poter fare altri film? Magari Moccia.Quindi: piratando, forse non è affatto vero che si danneggi il cinema; forse si danneggia solo qualche speculatore che ti aveva appena raccontato questa balla per convincerti a pagare.La domanda, alla fine, è: è giusto che il copyright si applichi a film come "quarto potere"?
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Scavalchereste?
            - Scritto da: si riserva di cancellare
            Vero, in molti (ma non tutti) è un'operazione
            semplice... peccato che quando uno la fa,
            invalida la garanzia.Non la invalida di certo se a farla è il centro assistenza, e la fa nei casi che ho citato nel messaggio precedente.A parte poi che il più delle volte è un'operazione reversibile e che non lascia tracce.
          • si riserva di cancellare scrive:
            Re: Scavalchereste?
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
            - Scritto da: si riserva di cancellare

            Vero, in molti (ma non tutti) è un'operazione

            semplice... peccato che quando uno la fa,

            invalida la garanzia.

            Non la invalida di certo se a farla è il centro
            assistenza, e la fa nei casi che ho citato nel
            messaggio
            precedenteTu ti metteresti a portare il DVD al centro assistenza (che magari dista 20 km e magari non te la fa neanche sul momento) per una cosa del genere, che presuppone solo di premere 3 o 4 tasti in sequenza? Io no.
            A parte poi che il più delle volte è
            un'operazione reversibile e che non lascia
            tracceVero, ma è una questione di principio. L'operazione nella maggioranza degli apparecchi è semplice, reversibile e tutto quello che vuoi, ma non dovrebbe essere nascosta e in grado di invalidare la garanzia... anzi, proprio le divisioni regionali non dovrebbero neanche esistere se vogliamo dirla tutta.
          • panda rossa scrive:
            Re: Scavalchereste?
            - Scritto da: si riserva di cancellare

            Vero, ma è una questione di principio.
            L'operazione nella maggioranza degli apparecchi è
            semplice, reversibile e tutto quello che vuoi, ma
            non dovrebbe essere nascosta e in grado di
            invalidare la garanzia... anzi, proprio le
            divisioni regionali non dovrebbero neanche
            esistere se vogliamo dirla
            tutta.Per questo io scelgo solo apparecchiature che hanno il firmware open, o sostituibile con uno open.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Scavalchereste?
            - Scritto da: si riserva di cancellare
            Tu ti metteresti a portare il DVD al centro
            assistenza (che magari dista 20 km e magari non
            te la fa neanche sul momento) per una cosa del
            genere, che presuppone solo di premere 3 o 4
            tasti in sequenza? Io no.Se hai fatto un trasloco che ti ha portato a cambiare continente, 20 km per portare un DVD non sono niente.
            Vero, ma è una questione di principio.
            L'operazione nella maggioranza degli apparecchi è
            semplice, reversibile e tutto quello che vuoi, ma
            non dovrebbe essere nascosta e in grado di
            invalidare la garanzia...Non credere che i centri assistenza siano DAVVERO così pignoli. Anche installare applicazioni non ufficiali su un telefono Symbian invalida la garanzia eppure, quando s'è guastato, me l'hanno preso in garanzia e me l'hanno poi sostituito con un altro modello.
        • si riserva di cancellare scrive:
          Re: Scavalchereste?
          - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
          Sì ma pare che a certa gente le cose da una parte
          gli entrano e dall'altra gli escono... continuano
          a ripetere la tarantella. Basta vedere come
          frignano i videotecari sui loro
          forum.Ah, a proposito, parliamo del fatto che anni fa, quando vivevo in Italia, ordinai da Amazon.com il DVD doppio edizione speciale di 2001 Odissea nello spazio, DVD che in Italia non esisteva. Mi trovai nella posta dopo una settimana circa una lettera in cui mi si diceva che lo avevano fermato alla dogana per via del fatto che era privo del bollino SIAE e che (A) dovevo andare a prenderlo personalmente alla dogana vicino all'aeroporto di Linate (si parla di una cinquantina di chilometri di distanza da dove abitavo) e (B) dovevo pagare la tassa. PERCHE'!?!? Ma i diritti di cavolo stava difendendo SIAE in quel momento se io il DVD l'avevo pagato? Kubrick era già morto da 2-3 anni, il DVD l'avevo pagato ad Amazon e quindi la major che l'aveva pubblicato i soldi li aveva ricevuti, che XXXXX c'entrava la SIAE in tutto questo? Mi sentii preso per i fondelli e ovviamente il DVD non andai a ritirarlo, fu rispedito indietro ad Amazon e mi furono rimborsati i soldi. Ma io vorrei capire con che faccia tosta possano non sentirsi dei parassiti a fare cose del genere. Neanche la RIAA arriva a queste forme di parassitismo.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Scavalchereste?
            quello che hanno fatto è contro la legge, perchè tu privato cittadino, poi acquistare beni che non hanno il bello della siae!
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Scavalchereste?
            - Scritto da: si riserva di cancellare
            Ah, a proposito, parliamo del fatto che anni fa,
            quando vivevo in Italia, ordinai da Amazon.com il
            DVD doppio edizione speciale di 2001 Odissea
            nello spazio, DVD che in Italia non esisteva. Mi
            trovai nella posta dopo una settimana circa una
            lettera in cui mi si diceva che lo avevano
            fermato alla dogana per via del fatto che era
            privo del bollino SIAE e che (A) dovevo andare a
            prenderlo personalmente alla dogana vicino
            all'aeroporto di Linate (si parla di una
            cinquantina di chilometri di distanza da dove
            abitavo) e (B) dovevo pagare la tassa.Sei sicuro che parlassero di tassa siae e non di tasse doganali per l'importazione? Amazon.com è fuori dall'UE quindi a ogni spedizione sono dovuti iva e dazio (e difficilmente si scappa).Io ho ordinato diverse volte dei DVD da amazon.co.jp e ho pagato sempre iva (20%) e dazio (4%). Mai dovuto pagare nulla per la SIAE. I diritti d'autore sono già pagati nel Paese d'origine (alla JASRAC nel mio caso che è l'equivalente nipponico della SIAE) quindi che vuoi pagare?
          • si riserva di cancellare scrive:
            Re: Scavalchereste?
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
            - Scritto da: si riserva di cancellare

            Ah, a proposito, parliamo del fatto che anni
            fa,

            quando vivevo in Italia, ordinai da
            Amazon.com
            il

            DVD doppio edizione speciale di 2001 Odissea

            nello spazio, DVD che in Italia non
            esisteva.
            Mi

            trovai nella posta dopo una settimana circa
            una

            lettera in cui mi si diceva che lo avevano

            fermato alla dogana per via del fatto che era

            privo del bollino SIAE e che (A) dovevo
            andare
            a

            prenderlo personalmente alla dogana vicino

            all'aeroporto di Linate (si parla di una

            cinquantina di chilometri di distanza da dove

            abitavo) e (B) dovevo pagare la tassa.

            Sei sicuro che parlassero di tassa siae e non di
            tasse doganali per l'importazione? Amazon.com è
            fuori dall'UE quindi a ogni spedizione sono
            dovuti iva e dazio (e difficilmente si
            scappa).
            Io ho ordinato diverse volte dei DVD da
            amazon.co.jp e ho pagato sempre iva (20%) e dazio
            (4%). Mai dovuto pagare nulla per la SIAE. I
            diritti d'autore sono già pagati nel Paese
            d'origine (alla JASRAC nel mio caso che è
            l'equivalente nipponico della SIAE) quindi che
            vuoi
            pagare?Uhm... mi sa che hai ragione: ho controllato ed in effetti non risulta da nessuna parte che la tassa potesse essere relativa alla SIAE, mi sa che qui davvero ricordo male io... mi cospargo il capo di cenere per questo :'( (non che questo riabiliti le varie altre scemenze della SIAE eh)
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: Scavalchereste?
      Bell'esempio, ma vediamo come te la cavi con questo:-Entreresti di nascosto in casa di un tuo amico, per prendere un cd che lui NON VUOLE imprestarti, copiartelo, e rimetterlo a posto prima che lui si accorga di nulla?No?OK: ma, se invece il tuo amico ti dice: "prenditi pure il cd, copialo, e riportamelo" non ti faresti problemi, immagino.Ora: se qualcuno ha del materiale sul suo computer, non è di certo giusto cercare di forzare la password per accedere (anche se non gli porti via nulla); ma se lui mette il link e ti dice "scarica pure", che problema c'è?
    • Pinco Pallino scrive:
      Re: Scavalchereste?
      Proviamo a ribaltare le domande....- Scritto da: Ingenuo 2001
      Io non vorrei fare l'avvocato del diavolo ma...
      - Scavalchereste il muro di cinta dello stadio
      per vedere la
      partita?Metteresti una tassa su tutti quelli che passano a meno di 500 metri dallo stadio perche' "potrebbero farlo" ? Questo e' l'Iniquo Balzello (che la mafia SIAE continua a chiamare "Equo Compenso").
      - Vi intrufolereste di soppiatto nel cinema per
      sbirciare il
      film?Se tutte le volte che passi davanti al cinema ti costringessero a pagare dieci centesimi di euro perche' prima o poi potresti farlo... non ti sentiresti un pochino autorizzato a farlo un bel giorno ?
      - Leggereste il quotidiano in edicola per poi
      riporlo sulla pila con gli altri
      giornali?Ti piacerebbe che il giornalaio potesse tutelare il suo diritto sparando in faccia a chi tocca un giornale perche' capita a volte che glieli rubino ? Questo si chiama giustizia sommaria. E delegare a qualcuno che non e' la magistratura le decisioni sull'applicazione della legge e'.. giustizia sommaria.
      In tutti e tre i casi proposti, il titolare dei
      "diritti" non perde nulla di materiale... ma
      converrete con me che avrebbe tutte le ragioni di
      prendervi a calci nel
      popò.La cosa divertente e' che esistono al mondo almeno tre correnti di pensiero. Io e te siamo le due correnti in minoranza qui' sul forum. La maggiornaza e' molto piu' estremista di me: io penso che il copyright sia una buona cosa in assoluto, sono solo sbagliati questi mezzi per tutelarlo.
      O no?Buh.
      • si riserva di cancellare scrive:
        Re: Scavalchereste?
        - Scritto da: Pinco Pallino
        La cosa divertente e' che esistono al mondo
        almeno tre correnti di pensiero. Io e te siamo le
        due correnti in minoranza qui' sul forum. La
        maggiornaza e' molto piu' estremista di me: io
        penso che il copyright sia una buona cosa in
        assoluto, sono solo sbagliati questi mezzi per
        tutelarlo.La penso anche io come te. Il copyright ha una sua ragione di esistere. Peccato che sia "tutelato" (ma dove?) da dei soggetti assolutamente in mala fede e che non hanno alcun interesse al di là dei propri. Da questo punto di vista la SIAE è veramente il peggio del peggio, peggio anche della pur criticabilissima RIAA.
    • Funz scrive:
      Re: Scavalchereste?
      - Scritto da: Ingenuo 2001
      Io non vorrei fare l'avvocato del diavolo ma...Ti scaricheresti un telefilm americano o un film tedesco o un libro colombiano o un cartone giapponese del passato, mai importato in Italia e che non lo sarà mai, che è pure fuori commercio in Patria, e se non lo fosse non potresti comunque vederlo causa blocchi regionali?Un mucchio di gente scarica roba interessante, tradotta e sottotitolata da altri fan e non c' assolutamente niente di sbagliato in ciò. L'unica cosa profondamente sbagliata è che quei prodotti non siano disponibili legalmente.
      • Sgabbio scrive:
        Re: Scavalchereste?
        esattamente. Potrei citarti anche anime che non sono nemmeno tanto vecchi che in italia non sono mai arrivati ancora oggi.
      • Luco, giudice di linea mancato scrive:
        Re: Scavalchereste?
        - Scritto da: Funz
        Ti scaricheresti un telefilm americano o un film
        tedesco o un libro colombiano o un cartone
        giapponese del passato, mai importato in Italia e
        che non lo sarà mai, che è pure fuori commercio
        in Patria, e se non lo fosse non potresti
        comunque vederlo causa blocchi
        regionali?
        Un mucchio di gente scarica roba interessante,
        tradotta e sottotitolata da altri fan e non c'
        assolutamente niente di sbagliato in ciò. L'unica
        cosa profondamente sbagliata è che quei prodotti
        non siano disponibili
        legalmente.Come non quotarti.
    • panda rossa scrive:
      Re: Scavalchereste?
      - Scritto da: Ingenuo 2001
      Io non vorrei fare l'avvocato del diavolo ma...
      - Scavalchereste il muro di cinta dello stadio
      per vedere la
      partita?No, ma guarderei tranquillamente la suddetta partita dalla finestra di casa mia se da questa si potrebbe vedere l'interno dello stadio.
      - Vi intrufolereste di soppiatto nel cinema per
      sbirciare il
      film?No, ma lo vedrei dalla finestra di casa mia se da questa si potesse vedere lo schermo del drive-in
      - Leggereste il quotidiano in edicola per poi
      riporlo sulla pila con gli altri
      giornali?No, ma lo faccio abitualmente coi giornali che la gente lascia sul sedile del treno dopo averli letti
      In tutti e tre i casi proposti, il titolare dei
      "diritti" non perde nulla di materiale... ma
      converrete con me che avrebbe tutte le ragioni di
      prendervi a calci nel
      popò.
      O no?Direi proprio di no.Ti ho illustrato tre modalita' che tutti i giorni capitano e il titolare dei diritti nulla puo' fare e nulla deve fare.
    • Piero scrive:
      Re: Scavalchereste?
      Ora, non sono avvocato, ma a me pare che: primo e secondo caso sono violazioni di proprietà privata. Allora sì che mi merito calci nel popò. Se entrambi gli eventi venissero svolti su un terreno privo di demarcazioni (Internet?), io mi fermassi a guardare e qualcuno volesse prendermi a calci nel popò, si ritroverebbe con le braccia spezzate (hackerato?).Il terzo caso in realtà avviene già: le persone si fermano all'edicola, sfogliano un giornale e poi decidono o meno di comprarlo. La dinamica dell'evento dipende poi dal buon senso dei partecipanti: un edicolante che ti chiedesse di pagare il giornale si renderebbe ridicolo (oltre ad alienarsi i clienti), il tizio che volesse leggersi l'intero giornale verrebbe preso a calci. Tentare di "normare" una situazione del genere sarebbe l'apoteosi del patetico.Internet esaspera tutto questo, il buon senso si perde nella marea di possibilità offerte sia a chi vuole scroccare sia a chi vorrebbe fare pagare anche solo per vedere la copertina. Attualmente forse se la passano meglio i primi, ma non dimentichiamoci che situazione c'era prima di Internet, i CD a 30 con protezioni assurde (a proposito, se compro un LP cosa ottengo, la proprietà o il diritto all'ascolto? nel secondo caso perchè, per ottenere la versione in CD, dovevo riacquistare a prezzo intero?). Diciamo che i produttori se la sono un pò cercata e gli autori ci hanno marciato.
    • Franky scrive:
      Re: Scavalchereste?
      - Scritto da: Ingenuo 2001
      Io non vorrei fare l'avvocato del diavolo ma...
      - Scavalchereste il muro di cinta dello stadio
      per vedere la
      partita?Faresti arrestare tuo fratello perche' ha prestato(condiviso) l'ebook che ha comprato a tuo zio?
      - Vi intrufolereste di soppiatto nel cinema per
      sbirciare il
      film?faresti arrestare tua figlia perche' ha videoregistrato "porta a porta" e l'ha fatta vedere ad una sua amica che se l'era persa?
      - Leggereste il quotidiano in edicola per poi
      riporlo sulla pila con gli altri
      giornali?E tu spenderesti 99 euro per comprare un film che e' passato 4 volte in tv o lo videoregistreresti?
      In tutti e tre i casi proposti, il titolare dei
      "diritti" non perde nulla di materiale... ma
      converrete con me che avrebbe tutte le ragioni di
      prendervi a calci nel
      popò.
      O no?
      Mah!In tutti i casi citati converrai con me che il copyright e' fatto per raggranellare quanti piu' soldi possibili fregandosene dei diritti dei cittadini....
    • Guybrush scrive:
      Re: Scavalchereste?
      - Scritto da: Ingenuo 2001
      Io non vorrei fare l'avvocato del diavolo ma...
      - Scavalchereste il muro di cinta dello stadio
      per vedere la
      partita?No, e' pericoloso.
      - Vi intrufolereste di soppiatto nel cinema per
      sbirciare il
      film?E' illegale introdursi nella proprieta' altrui senza autorizzazione, per cui non si puo' entrare al cinema senza pagare il biglietto.C'è un caso in cui questo non succede: si vede il film E non si paga il biglietto.Mai visto un'arena? Ho visto decine di film comodamente seduto su un balcone con sdraio, cocacola & popcorn a volonta'.
      - Leggereste il quotidiano in edicola per poi
      riporlo sulla pila con gli altri
      giornali?No, ma ho raccolto tante volte giornali "nuovi" (stesso giorno) lasciati da altri che non li leggevano piu'.Cosi' come ho dato via il mio giornale una volta letto.
      In tutti e tre i casi proposti, il titolare dei
      "diritti" non perde nulla di materiale...Esatto.
      ma
      converrete con me che avrebbe tutte le ragioni di
      prendervi a calci nel
      popò.
      O no?No: se lo fai ti becchi una denuncia e una querela per danni.E nel caso piu' eclatante, quello del giornale, l'unico a rimetterci sul serio e' l'edicolante e lui ha tutto l'interesse per NON farmi leggere il giornale prima di aver pagato e quindi intascato "l'aggio".L'editore, infatti, guadagna sulla pubblicita', che ho comunque recepito nel momento in cui ho iniziato a sfogliare le pagine.
      Mah!Torna a casa a studiare, caro, ti fa bene.GT
  • Information Technology scrive:
    Diritti di autore? Falso problema!
    La Violazione del diritto d'autore è un falso problema.Il diritto d'autore così come è (pensato in un remoto passato) non si adatta ad internet che è una piattaforma per la distibuzione e la condivisione delle informazioni di tutti i tipi. Ora queste informazioni i navigatori di internet hanno imparato a condividerle prima che l'industria dei media comprendesse la portata, ancorati al blocco di cemento del loro antiquato modo di fare commercio. Netflix è una delle società in forte crescita solo perchè hanno reso legale la condivisione dei film e telefilm ad un prezzo stracciato (5 euro mensili). La trasmissione Glee ha venduto fino ad ora 22 milioni di canzoni attraverso iTunes (nonostante le lacrime di coccodrillo dell'industria musicale). Tutto questo a riprova che quando i servizi online che gli utenti desiderano vengono offerti, gli utenti preferiscono soluzioni legali. Milioni di persone pagano 10 euro al mese per scaricare materiale "illegale" da piattaforme dedicate poichè quel materiale non è offerto on line. Qusti dinosauri con le loro leggi antiquate possono solo rallentare il progresso e non fermarlo, stanno creando il problema quando invece potrebbero risolverlo. E parliamoci chiaro l'industria mediale protegge solo se stessa e non gli autori ai quali ritorna solo una percentuale irrisoria dei profitti. Un cantante per esempio deve vendere milioni di copie per sopravvivere con l'industria. Farebbe gli stessi quattrini vendendo 100 mila copie per suo conto attraverso internet come indipendente (come molti hanno iniziato a fare). Vita dura per questi giganti moribondi.
  • prova123 scrive:
    Appunto....
    Iniziamo a dare gli 800 milioni ai leggittimi proprietari che pagano la SIAE. La SIAE ha riscosso ma non ha pagato ... iniziare a dare il buon esempio?
  • Sbino D scrive:
    siae
    I nostri mercati rionali e le nostre vie, spiagge ecc.. sono pieni di venditori ambulanti che spesso e volentieri hanno tra la loro mercanzia cd e dvd pirata di chiara fattura "in serie" anche se non "industriale". Ebbene, perchè non sento mai dire che bisogna risalire "alla fonte" e trovare questi "produttori"? Forse perchè i soldi di queste vendite "rientrano" almeno in parte nelle tasche di qualcuno???
  • djck scrive:
    1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
    Gentile Dott. Scorza, credo che le sue risposte siano molto strumentalizzate e che, comunque, cavalcano l'onda dei soliti pretestuosi. Ho da farLe io una domanda se me lo concede. Ho visto che sia i contenuti di questa testata on-line sono sotto licenza CC il che mi permette di riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico, esporre in pubblico, rappresentare, eseguire e recitare quest'opera; di modificare quest'opera; di usare quest'opera per fini commerciali. Il tutto alle seguenti condizioni: attribuire la paternità dell'opera nei modi indicati dall'autore o da chi ti ha dato l'opera in licenza e in modo tale da non suggerire che essi avallino te o il modo in cui tu usi l'opera. La domanda e' la seguente: Ma se io prendessi le sue stesse 10 risposte e le facessi mie su un altro sito di mia proprieta' senza rispettare le regole del CC, Lei cosa farebbe?
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
      Prenditi le mie 10 risposte:http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3217352&m=3217381#p3217381E ripubblicale pure dove vuoi. Contento?
      • djck scrive:
        Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
        Non era la risposta che mi aspettavo ma va bene lo stesso. Grazie e buona "resistenza"
    • dont feed the troll/dovella scrive:
      Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
      - Scritto da: djck
      Gentile Dott. Scorza, credo che le sue risposte
      siano molto strumentalizzate e che, comunque,
      cavalcano l'onda dei soliti pretestuosi. Ho da
      farLe io una domanda se me lo concede. Ho visto
      che sia i contenuti di questa testata on-line
      sono sotto licenza CC il che mi permette di
      riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico,
      esporre in pubblico, rappresentare, eseguire e
      recitare quest'opera; di modificare quest'opera;
      di usare quest'opera per fini commerciali. Il
      tutto alle seguenti condizioni: attribuire la
      paternità dell'opera nei modi indicati
      dall'autore o da chi ti ha dato l'opera in
      licenza e in modo tale da non suggerire che essi
      avallino te o il modo in cui tu usi l'opera. La
      domanda e' la seguente: Ma se io prendessi le sue
      stesse 10 risposte e le facessi mie su un altro
      sito di mia proprieta' senza rispettare le regole
      del CC, Lei cosa
      farebbe?E' evidente che qui si confonde, non so quanto in buona fede, la proprietà intellettuale dal copyright, che sono due cose diverse.Nessuno mette in dubbio che se "ciccio cappuccio" produce qualcosa, nessuno debba spacciare come proprio quel qualcosa, è una questione di deontologia e di correttezza, prima che di leggi.on sarebbe parimenti corretto prendere quel qualcosa e distribuirlo modificato quel tanto che basta per snaturarlo continuando a spacciarlo per opera di "ciccio cappuccio".E' esattamente per questo che esistono licenze come la CC.Diversa sarebbe la pretesa del nostro "ciccio cappuccio" di prendere un compenso ogni volta che quel qualcosa venga riprodotto, duplicato e distribuito. Non solo sarebbe assurdo, sarebbe addirittura ridicolo e irrealizzabile.Attribuirsi qualcosa di invenzione di qualcun altro è evidentemente un plagio e in quanto tale un crimine che andrebbe perseguito. Se, invece, qualcuno produce qualcosa da divulgare al pubblico, non si capisce perchè dovrebbe lamentarsi se tra il pubblico viene distribuito, sarebbe un controsenso.
      • djck scrive:
        Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
        Da quel che leggo la definizione di Proprieta' intellettuale e' la seguente: Con proprietà intellettuale si indica l'apparato di principi giuridici che mirano a tutelare i frutti dell'inventiva e dell'ingegno umani; sulla base di questi principi, la legge attribuisce a creatori e inventori un vero e proprio monopolio nello sfruttamento delle loro creazioni/invenzioni e pone nelle loro mani alcuni strumenti legali per tutelarsi da eventuali abusi da parte di soggetti non autorizzati.Quindi, io che ho ingegnato un'opera e che ne detengo i diritti, posso essere libero di sentirmi tutelato se una mia opera si trova fuori o dentro la rete??? Se ad esempio fossi un regista, produttore o comunque detentore di copyright per una opera X e questa opera X me la ritrovo in un sito Y ... con chi me la posso prendere???
        • uno qualsiasi scrive:
          Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol

          Quindi, io che ho ingegnato un'opera e che ne
          detengo i diritti, posso essere libero di
          sentirmi tutelato se una mia opera si trova fuori
          o dentro la rete??? Se ad esempio fossi un
          regista, produttore o comunque detentore di
          copyright per una opera X e questa opera X me la
          ritrovo in un sito Y ... con chi me la posso
          prendere???Dipende: qualcuno ha caricato la tua opera sul sito Y. Ma se quel qualcuno l'aveva comprata, non è più la tua opera, è la sua. Quindi, non prendertela. Ti ha già pagato.
          • djck scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            Vabbe' ... Buona Resistenza!
          • FDG scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            - Scritto da: djck
            Vabbe' ... Buona Resistenza!Scappi subito?
          • djck scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            No, solo che a quanto pare non gradite i pareri di chi non la pensa diversamente. Have a Nice Day
          • panda rossa scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            - Scritto da: djck
            No, solo che a quanto pare non gradite i pareri
            di chi non la pensa diversamente.

            Have a Nice DaySi chiama "confronto"Uno dice la sua, un altro obietta.Se colui che dice la sua non e' in grado di rispondere alle obiezioni, abbandona il campo ammettendo implicitamente il torto.
          • djck scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            Bene, sicuro di esserti confrontato in maniera open???
          • panda rossa scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            - Scritto da: djck
            Bene, sicuro di esserti confrontato in maniera
            open???Non sono io quello che ha detto che scappava!
          • djck scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            neanche io... augurare una buona giornata, buona resistenza o assicurarsi di una certa apertura è un semplice gesto cordiale... son 2 giorni ormai che rispondo a diversi utenti solo per aver sollevato un dubbio ad un "untouchable" ... chi scappa. Al massimo rispondo in ritardo visto che ho diversi impegni ;-)Have a Nice Day
          • panda rossa scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            - Scritto da: djck
            neanche io... augurare una buona giornata, buona
            resistenza o assicurarsi di una certa apertura è
            un semplice gesto cordiale... son 2 giorni ormai
            che rispondo a diversi utenti solo per aver
            sollevato un dubbio ad un "untouchable" ...No, non hai sollevato un dubbio ad un untouchable, visto che qui non ci sono untouchable.Hai detto una castroneria.E siccome ti vogliamo bene e non ci piacerebbe vederti ripeterla, stiamo cercando di esporre altri punti di vista che ti permettono di rivedere la tua opinione alla luce di fatti e circostanze che magari non avevi considerato.
            chi scappa. Tu hai salutato con l'aria di quello che non sarebbe piu' tornato sull'argomento.
            Al massimo rispondo in ritardo visto che
            ho diversi impegni
            ;-)Nessuno di noi ha fretta.Questi thread resteranno aperti per anni...
          • djck scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            i love you too
          • FDG scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            - Scritto da: djck
            No, solo che a quanto pare non gradite i pareri
            di chi non la pensa diversamente.

            Have a Nice DaySi, ma ci si argomenta. Non ho capito perché se qualcuno ti pone un'argomentazione logica tu ti rifiuti di confutarla. Questo sarebbe non gradire i pareri di chi la pensa in modo diverso?
          • djck scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            Ce la vogliamo giocare alla curiosa??? io credo che un organo come l'AgCom possa essere utile a vigilare sul corretto utilizzo di materiale protetto da leggi sul diritto d'autore.Gradisci questa idea?
          • panda rossa scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            - Scritto da: djck
            Ce la vogliamo giocare alla curiosa???
            io credo che un organo come l'AgCom possa essere
            utile a vigilare sul corretto utilizzo di
            materiale protetto da leggi sul diritto
            d'autore.
            Gradisci questa idea?Vigilare non singifica sostituirsi alla magistratura, alle leggi e al rispetto dei principi democratici.Anche un vigile urbano vigila (lo dice la parola stessa), ma non si sostituisce alle leggi, anzi, opera nel rispetto delle leggi.E neppure va a dettare le leggi in parlamento.
          • djck scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            Bene, se ho il vicino di casa che alza il volume dello stereo di notte chiamo i vigili e in men che non si dica andranno dal vicino a chiedere di abbassare il volume... velocemente.. facendo rispettare le regole...
          • panda rossa scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            - Scritto da: djck
            Bene, se ho il vicino di casa che alza il volume
            dello stereo di notte chiamo i vigili e in men
            che non si dica andranno dal vicino a chiedere di
            abbassare il volume... velocemente.. facendo
            rispettare le
            regole...Al momento, se tu facessi una cosa del genere, i vigili verrebbero ad arrestare te per aver fruito illegalmente di musica senza aver pagato il pizzo alla siae. :|Devi stare molto attento a quando chiami i vigili di notte.Non dire mai "musica" ma sempre "rumori molesti", "grida", "stoviglie rotte", se vuoi evitare di incorrere in sanzioni amministrative.
          • djck scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            Sto con la coscienza pulita... Tutto originale in casa mia! Tu con stoviglie??? ;-)
          • panda rossa scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            - Scritto da: djck
            Sto con la coscienza pulita... Tutto originale in
            casa mia!

            Tu con stoviglie??? ;-)A casa tua sara' tutto originale, non dubito.Ma tu stavi ascoltando illecitamente la musica del tuo vicino a volume alto.E quella musica non ce l'hai, ma ne stavi fruendo, con estremo danno del nipote del titolare dei diritti che e' morto solo 50 anni fa.
          • djck scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            infatti per evitare di incorrere in sanzioni chiamo i vigili
          • djck scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            ok faro' cosi! Grazie per il consiglio!
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            - Scritto da: djck
            No, solo che a quanto pare non gradite i pareri
            di chi non la pensa diversamente.Non è questione di non gradire, è che se tu non capisci le nostre argomentazioni e te ne scappi, ti comporti da troll. Il prossimo passaggio quale sarà? L'insulto o attacco personale? Magari per qualche slato, o una virgola fuori posto, o per sXXXXXXX il nickname del tuo interlocutore?
          • djck scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            puo' darsi ma le lascio fare a qualcun'altro queste cose ;-) ops... prova a rileggerti ;-) have a nice day
          • Franky scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            - Scritto da: uno qualsiasi

            Quindi, io che ho ingegnato un'opera e che ne

            detengo i diritti, posso essere libero di

            sentirmi tutelato se una mia opera si trova
            fuori

            o dentro la rete??? Se ad esempio fossi un

            regista, produttore o comunque detentore di

            copyright per una opera X e questa opera X
            me
            la

            ritrovo in un sito Y ... con chi me la posso

            prendere???

            Dipende: qualcuno ha caricato la tua opera sul
            sito Y. Ma se quel qualcuno l'aveva comprata, non
            è più la tua opera, è la sua. Quindi, non
            prendertela. Ti ha già
            pagato.Quello che dico io...se io ti vendo una cosa...sarai libero una volta che l'hai comprata di metterla dove diavolo ti pare o di leggerla dove diavolo ti pare...o di darla a chi ti pare, no?Dovrebbe essere cosi'...a meno che i "detentori di diritti"(non di doveri!!!) non vogliano abilire il diritto di proprieta' privata o sospenderlo...o sospendere i diritti costituzionali per far valere il loro diritto superiore a qualunque altro diritto di qualunque altro soggetto...
        • dont feed the troll/dovella scrive:
          Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
          - Scritto da: djck
          Da quel che leggo la definizione di Proprieta'
          intellettuale e' la seguente:
          Ora: innanzitutto Wikipedia non è la bibbia, quindi quello che c'è scritto non è per forza corretto, ma prendiamolo come punto di partenza.In secundis quando si cita una fonte sarebbe il caso di indicarla, è una questione di rispetto della proprietà intellettuale, per l'appunto.Si predica bene e si razzola male, direi.
          Con proprietà intellettuale si indica l'apparato
          di principi giuridici che mirano a tutelare i
          frutti dell'inventiva e dell'ingegno umani; sulla
          base di questi principi, la legge attribuisce a
          creatori e inventori un vero e proprio monopolio
          nello sfruttamento delle loro
          creazioni/invenzioni e pone nelle loro mani
          alcuni strumenti legali per tutelarsi da
          eventuali abusi da parte di soggetti non
          autorizzati.Molto bene, io sottolinerei i concetti di "sfruttamento" e "abusi".
          Quindi, io che ho ingegnato un'opera e che ne
          detengo i diritti, posso essere libero di
          sentirmi tutelato se una mia opera si trova fuori
          o dentro la rete??? Tu sei libero pure di sentirti la "regina del deserto", le tue sensazioni e pulsioni non sono argomento degno di discussione.
          Se ad esempio fossi un
          regista, produttore o comunque detentore di
          copyright per una opera X e questa opera X me la
          ritrovo in un sito Y ... con chi me la posso
          prendere???Perchè te la devi prendere?Qualcuno sta abusando della tua opera?Qualcuno ti sta impedendo di sfruttarla?
          • djck scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            Wikipedia non e' la Bibbia??? Come, una cosi grande biblioteca condivida "liberamente" ma sopratutto "partecipativa" adesso perde valore? Inoltre, anziche' ragionare sulle mie ipotetiche "sensazioni e pulsioni che non sono argomento degno di discussione" (citazione di dont feed the troll/dovella" quello che cerco di capire e' se qualcuno "sfrutta" la mia opera in rete e/o ne "abusa" chi mi tutela?
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            - Scritto da: djck
            Wikipedia non e' la Bibbia??? Come, una cosi
            grande biblioteca condivida "liberamente" ma
            sopratutto "partecipativa" adesso perde valore?Ha il valore che ha, è per questo che va citata la fonte, in modo che ciascuno possa attribuirle la credibilità che ritiene necessaria.
            Inoltre, anziche' ragionare sulle mie ipotetiche
            "sensazioni e pulsioni che non sono argomento
            degno di discussione" (citazione di dont feed the
            troll/dovella" quello che cerco di capire e' se
            qualcuno "sfrutta" la mia opera in rete e/o ne
            "abusa" chi mi
            tutela?La magistratura, come in tutti gli altri casi.
          • djck scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            Capisco...have a nice day
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            - Scritto da: djck
            Capisco...
            have a nice dayPochi argomenti e meno male che eri il portatore della Verità assoluta.
    • Mela avvelenata scrive:
      Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
      - Scritto da: djck
      Gentile Dott. Scorza, credo che le sue risposte
      siano molto strumentalizzate e che, comunque,
      cavalcano l'onda dei soliti pretestuosi. Ho da
      farLe io una domanda se me lo concede. Ho visto
      che sia i contenuti di questa testata on-line
      sono sotto licenza CC il che mi permette di
      riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico,
      esporre in pubblico, rappresentare, eseguire e
      recitare quest'opera; di modificare quest'opera;
      di usare quest'opera per fini commerciali. Il
      tutto alle seguenti condizioni: attribuire la
      paternità dell'opera nei modi indicati
      dall'autore o da chi ti ha dato l'opera in
      licenza e in modo tale da non suggerire che essi
      avallino te o il modo in cui tu usi l'opera. La
      domanda e' la seguente: Ma se io prendessi le sue
      stesse 10 risposte e le facessi mie su un altro
      sito di mia proprieta' senza rispettare le regole
      del CC, Lei cosa
      farebbe?Ti farebbe il qulo a strisce! E farebbe bene...La licenza CC non prevede la possibilità di attribuirsi la paternità di un opera non propria, anzi, non esiste nessuna licenza (che io sappia) che lo permetta...Quindi la tua provocazione è un FAIL su tutta la linea!
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol

        Ti farebbe il qulo a strisce! E farebbe bene...La
        licenza CC non prevede la possibilità di
        attribuirsi la paternità di un opera non propria,Credo che la variante CC 0 (Creative Commons zero) lo permetta.
        anzi, non esiste nessuna licenza (che io sappia)
        che lo
        permetta...Oltre alla CC0, c'è anche la WTFPL (che, di fatto, è equivalente).
        • Mela avvelenata scrive:
          Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
          - Scritto da: uno qualsiasi

          Ti farebbe il qulo a strisce! E farebbe
          bene...La

          licenza CC non prevede la possibilità di

          attribuirsi la paternità di un opera non
          propria,

          Credo che la variante CC 0 (Creative Commons
          zero) lo
          permetta.Ne prendo atto, non lo conoscevo...



          anzi, non esiste nessuna licenza (che io
          sappia)

          che lo

          permetta...

          Oltre alla CC0, c'è anche la WTFPL (che, di
          fatto, è
          equivalente).Ehm, la CC0 mi sembra un pelino più autorevole :Dhttp://sam.zoy.org/wtfpl/Ad ogni modo son convinto che nella maggior parte dei casi la CC è più che valida!
        • Dottor Stranamore scrive:
          Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
          - Scritto da: uno qualsiasi

          Ti farebbe il qulo a strisce! E farebbe
          bene...La

          licenza CC non prevede la possibilità di

          attribuirsi la paternità di un opera non
          propria,

          Credo che la variante CC 0 (Creative Commons
          zero) lo
          permetta.Credi male, in Italia la paternità dell'opera è inalienabile, cioè firmare come tu un'opera di un altro e quella licenza non concede questo. Non lo puoi fare nemmeno per materiale in public domain come ad esempio i Promessi Sposi.La cosa che non avete capito del suo esempio è che deridete se uno si lamenta della violazione dei suoi diritti di copyright, però poi state a fare i cacazibetti se uno vede violato un suo diritto usando la licenza CC.Ipocrisia ecco come si chiama.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol

            La cosa che non avete capito del suo esempio è
            che deridete se uno si lamenta della violazione
            dei suoi diritti di copyright, però poi state a
            fare i cacazibetti se uno vede violato un suo
            diritto usando la licenza
            CC.Allora non sai leggere:http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3217352&m=3218097#p3218097Del resto, lo immaginavo.
      • djck scrive:
        Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
        Pero' vi inXXXXXXX se qualcuno viola i vostri contenuti (siano essi intesi come proprieta' intellettuale o con copyright o con licenza lebera quale CC)! Bene, bene!!!
        • Mela avvelenata scrive:
          Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
          - Scritto da: djck
          Pero' vi inXXXXXXX se qualcuno viola i vostri
          contenuti (siano essi intesi come proprieta'
          intellettuale o con copyright o con licenza
          lebera quale CC)! Bene,
          bene!!!No...non ti è ben chiara la differenza tra paternità di un'opera con lo sfruttamento dell'opera stessa: se tu fai un copia/incolla di qualcosa che trovi sulla rete (o su un libro) e lo spacci per tuo, commetti un grave torto nei confronti di chi ha speso tempo e fatica per quell'opera (fosse anche solo un trafiletto di un blog).L'avv. Scorza suppongo che utilizzi la Creative Commons per quello che scrive sul web, alla stregua di tutti gli articoli presenti su PI (escluse alcune eccezioni, ovviamente). Il che vuol dire che è possibile fare e non fare le seguenti cose:http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/2.5/it/Personalmente ritengo che tutto ciò che passa sul web dovrebbe ricadere automaticamente nel Creative Commons, perchè alla fine è la cosa più naturale e semplice possibile!Pensa alle tonnellate di tutorial esistenti in rete, secondo te all'autore gliene frega qualcosa se viene ripubblicato su migliaia di siti? No (diciamo "ni"...), quello che lo scoccerebbe di più sarebbe una eventuale attribuzione del suo tutorial ad un'altra persona!!!Capisci (e forse non lo capisci) che la questione non è la violazione della proprietà dei contenuti, quanto la possibilità di condividerli al più ampio pubblico possibile?
          • djck scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            Grazie per avermi rispolverato bene il concetto di CC che quoto in pieno. In realta' se l'attenzione venisse spostata su questo tipo di licenze alternative probabilmente questa gran confusione non sarebbe nata. Oppure, probabilmente, sarebbe comunque stata strumentalizzata. Utilizzo da anni la CC e GPL nel caso di software libero che rilascio "liberamente" e consapevolmente" in rete. Quello che proprio non riesco a capire e' questa "condivisione" forzata che deve esserci a tutti i costi. "Capisci (e forse non lo capisci)" (citazione di Mela avvelenata) che esiste qualcuno che non la pensa come te/voi e che ha il sacrosanto diritto di essere tutelato come meglio crede? "Capisci (e forse non lo capisci)" (citazione di Mela avvelenata) che probabilmente una campagna di sensibilizzazione andrebbe fatta a favore di licenze libere lasciando la liberta' individuale a chiunque di poter SCEGLIERE come meglio ritiene opportuno la propria opera?"Capisci (e forse non lo capisci)" (citazione di Mela avvelenata) che se io autore di un tutorial (ad esempio) del linguaggio X ho passato mesi a scrivere e DECIDO di metterlo in vendita con tanto di copyright DEVO essere libero di poterlo DECIDERE e non stare con l'ansia che qualche fanatico non sottragga l'opera nel nome della condivisione???
    • Franky scrive:
      Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
      - Scritto da: djck
      Ma se io prendessi le sue
      stesse 10 risposte e le facessi mie su un altro
      sito di mia proprieta' senza rispettare le regole
      del CC, Lei cosa
      farebbe?Vallo a dire alle tv commerciali che lo fanno di continuo...E noi netcitizen fino ad ora non abbiamo fatto niente...E poi cosa diavolo c'entra con il copyright? Chi ha mai violato la paternita' dell'opera su internet? Chi ha mai lucrato sulle opere dell'artista?Nessuno... Qui si parla di "condivisione etica" senza fini di lucro...si tratta di stabilire se debba considerarsi reato aiutare il prossimo...prestare i propri beni leggittimamente acquistati...rendere fruibile un libro comprato in Italia ad un ragazzino che abita in Tanzania...si parla di diffusione della cultura non di mera speculazione monetaria...Capite la differenza? O fate finta di non capire per non andare in guerra (come si usa dire...) ?Un conto e' aprire un tavolo e dire "come intendete finanziare gli artisti nell'epoca del web 2.0" un conto e' criminalizzare chi presta condivide compie gesti altruistici...rendere reato il prestito...limitare il diritto di proprieta' privata (dicendo come usufruire di un'opera acquistata...su quale dispositivo e' possibile usufruirne...su quale no...ecc...)o fare nefandezze come quella del libro che si collega al sito remoteapproach.com per dire "allarme qualcuno mi sta leggendo"...http://www.tech-recipes.com/rx/861/adobe-replacements-to-block-pdf-files-from-sending-your-personal-information/
    • Pinco Pallino scrive:
      Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
      Ioa) Le farei causa per via ordinaria, senza pretendere di avere un'agenzia (che non e' la magistratura) che ha il potere di rimuoverle il testo dal suo sito con una azione di giustizia sommaria.b) Non pretenderei che lei e tutti quelli che hanno una tastiera munita dei tasti C e V mi paghino un Iniquo Balzello per risarcire i danni emotivi che potenzialmente potrebbero arrecarmi nel caso in cui copiassero il mio testo.Spostare il problema non giova e lei sta contestando cose NON scritte nell'articolo (anche se sostenute con veemenza da alcuni qui' su forum), questo o e' una stretegia dialettica o e' mancanza degli strumenti intellettuali per capire cosa dice l'interlocutore prima di contestarlo.1 - Sostenere che AGCOM non puo' sostituirsi alla magistratura arrogandosi il potere di decidere cosa va rimosso NON SIGNIFICA necessariamente dire che copiare sia giusto o che cio' che viene messo online in violazione del copyright debba essere rimosso.2 - Sostenere che l'Iniquo balzello sia una furto legalizzato perpetrato in favore di una casta, un'arrogante offesa a chiunque compra qualcosa su cui la tassa e posta implicando una presunzione di colpevolezza NON SIGNIFICA dire che chi crea un'opera debba essere ricompensato da chi ne fruisce, significa solo dire che deve esserci una connessione FRUIZIONE-PAGAMENTO che e' tipica dei rapporti negoziali e non un pagamento "a priori" che e' tipico delle tasse.Se e' in grado di capire questi due concetti provi a discuterli, se non lo e' me ne dispiace, se preferisce fare finta di non capire e criticare un articolo discutendo cose che l'articolo non dice la lascio giocare con gli "estremisti del non copyright", cosi' magari potra' anche sembrare che lei abbia ragione... auguri :)A.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 17 luglio 2011 20.20----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 17 luglio 2011 20.21-----------------------------------------------------------
      • djck scrive:
        Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
        Non sposto nessuna attenzione da alcun luogo e la ringrazio di cuore per la speranza che ripone in me credendo che potrei essere in grado di capire due concetti che ha gentilmente provveduto a postare. Detto cio', provo, con molta cautela, a rispondere ai 2 quesiti migliori del mondo facendo degli esempi banali.Concetto n.1 L'AGCOM non va a sostituire la magistratura, semplicemente continuera' a fare da garante per me (ad esempio) titolare dei diritti di un film che, per esempio, Lei nel suo sito ha pubblicato senza mia esplicita autorizzazione. Io, pessima persona che ancora usa avere la cattiva abitudine di depositare un'opera, mi rivolgo all'AGCOM che provvedera', nel caso di illegalita', a oscurare la parte del sito che sta agendo illegalmente.Il concetto n.1 che Lei magistralmente ha postato potrebbe non esistere se il detentore dei diritti decidesse di tutelarsi con una licenza libera come ad esempio la CC (immagino che sappia di cosa sto parlando). Oppure, sempre per esempio, se il suo sito, anziche' sfruttare opere senza autorizzazione, decidesse di utilizzare solo materiale libero, il problema/quesito non esisterebbe.Per quanto riguarda il quesito 2, sinceramente non ho proprio capito cosa voleva dire nonostante le 2 modifiche, mio problema (sono solo un fesso che preferisce fare finta di non capire e criticare un articolo discutendo cose che l'articolo non dice e che gioca con gli "estremisti del non copyright").In conclusione, non ho criticato nessuno. Mi sono solo permesso di lasciare un commento nella speranza di capire cio' che per me e' ovvio e per qualcun'altro no. Per quanto riguarda la ragione che potrei avere, La ringrazio ma la rispedisco al mittente. Sa bene di chi e' la ragione. Motivo per cui e' giusto che se la tenga Lei.
        • Healty scrive:
          Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
          Si, ma ci sarà un motivo se i casi in tribunale durano così tanto ;) magari perchè non è facile capire la verità ^^ se io dico: "quello è mio, levatelo" e l'agcom ha il potere di farlo dopo un massimo di cinque giorni, senza far intervenire chi, per legge, è preposto a verificare se una cosa è illegale, c'è qualcosa di sbagliato. Oltre ad errori grossolani, si rischiano anche problemi causati dalla malafede che sfrutta la confusione :) è per questo che è stato creato l'organo giudiziario
          • djck scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            Appunto perche' i tribunali sono lenti sarebbe opportuno che esistesse un organo veloce come la rete a mediare in alcune situazioni.
          • panda rossa scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            - Scritto da: djck
            Appunto perche' i tribunali sono lenti sarebbe
            opportuno che esistesse un organo veloce come la
            rete a mediare in alcune
            situazioni.Mediare non significa ne' sostituirsi alla magistatura, ne' difendere solo una delle due parti (quella tipicamente piu' grossa e arrogante).
          • djck scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            Ripeto... mi piacerebbe sapere quale sarebbe la REALE reazione di ognuno di voi se vi toccassero il portafoglio. La rete e' veloce e aspettare i tempi lentissimi dei tribunali, significherebbe per me (ipotetico) proprietario di un film o canzone che, mentre la magistratura giudica un illecito, l'eventuale sito o portale X continua "arrogantemente" a sfruttare la mia opera. Come si fa??? Giuro che non capisco questo marasma. Ma ad utilizzare lo stesso megafono a spiegare cos'è una licenza CC, no??? Bisogna per forza strumentalizzare tutto???
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            - Scritto da: djck
            Ripeto... mi piacerebbe sapere quale sarebbe la
            REALE reazione di ognuno di voi se vi toccassero
            il portafoglio.Negli stati di diritto la giustizia non viene amministrata dalle vittime dei reati (presunti) per un motivo preciso.Poi se volete l'anarchia, a me sta bene, basta che lo dite prima.
            Bisogna per forza
            strumentalizzare
            tutto???No, infatti, piantala.
          • djck scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            Ma anziche' fare il proXXXXX alle intenzioni, su quello che potrebbe accadere, perche' non ti limiti a ragionare su quello che accade veramente in rete? Scommetto che tu sei uno di quelli che sul browser firefox ha installato la funzione per annullare il limite di megavideo ;-)
          • panda rossa scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            - Scritto da: djck
            Ma anziche' fare il proXXXXX alle intenzioni, su
            quello che potrebbe accadere, perche' non ti
            limiti a ragionare su quello che accade veramente
            in rete? Che cosa accade veramnte in rete?Ci si incontra, ci si scambiano i punti di vista...
            Scommetto che tu sei uno di quelli che
            sul browser firefox ha installato la funzione per
            annullare il limite di megavideo
            ;-)E se anche fosse?Che problema ti fai tu di quello che faccio io, in casa mia, col mio computer, con la mia linea adsl, con un servizio disponibile in rete?
          • djck scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            infatti noi scambiamo punti di vista e mi fa abbastanza piacere, ma se provi a cercare su google qualcosa come: film streaming, acid download, final cut crackato... mbè troverai quello che cerchi a discapito di qualcun'altro... certo ma a te che importa?? tanto stai a casa tua col tuo computer, con la tua linea adsl...
          • panda rossa scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            - Scritto da: djck
            infatti noi scambiamo punti di vista e mi fa
            abbastanza piacere, ma se provi a cercare su
            google qualcosa come: film streaming, acid
            download, final cut crackato... mbè troverai
            quello che cerchi a discapito di qualcun'altro...A discapito di chi? E perche'?Tu stai facendo un proXXXXX sommario alle intenzioni.Posso cercare. E' lecito? O e' gia' pirateria?Non e' detto che si trovi. Facciamo che lo trovo.L'ho trovato. E' lecito? O e' gia' pirateria?Dopo che l'ho trovato comincio a scaricarlo.Magari non ci riesco. Magari si. In ogni caso ci vuole del tempo.E' lecito fin qui o e' gia' pirateria?Perche' ancora non ho scaricato tutto, e finche' non e' scaricato tutto non e' fruibile.Ad un certo punto l'ho scaricato.Pero' lo tengo sul disco, perche' non ho tempo di occuparmene (ho anche una vita io, sai?)Poi dopo qualche giorno mi ricordo di quel file, e vado a vedere.Lo unzippo. E magari scopro che non e' quello che volevo io.Sono passati un sacco di giorni, e ancora non ho fruito di nulla.E ancora non si capisce il discapito di chi sia...
            certo ma a te che importa?? tanto stai a casa tua
            col tuo computer, con la tua linea
            adsl...Ma anche no. Posso anche non stare in casa...Posso anche non avere la adsl...
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            - Scritto da: djck
            Ma anziche' fare il proXXXXX alle intenzioni,Guarda, ciccio, che sei tu quello che lo sta facendo.Qua ti si sta cercando di spiegare che indipendentemente dalla tua sicurezza sul fatto che un tuo diritto sia violato o meno, ci vuole un organo terzo, costituzionalmente atto a farlo, per appurarlo. Questa è la base del vivere civile.
            su
            quello che potrebbe accadere, perche' non ti
            limiti a ragionare su quello che accade veramente
            in rete?E cosa accade "veramente" sulla rete?Chi è che decide cosa accade "veramente", "toricamente" e "falsamente" sulla rete, tu?Agcom? Le major?
            Scommetto che tu sei uno di quelli che
            sul browser firefox ha installato la funzione per
            annullare il limite di megavideoIn verità non ne sento il bisogno.Non sono un fan dello streaming, preferisco la visione off-line, preferisco la qualità.Ma se anche fosse, che dovrebbe significare, che ho torto?
          • djck scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            Grazie per il ciccio innanzitutto! Qua si fa un po' complicato... un po' come la classica domanda: chi ha votato berlusca se poi tutti dicono di non averlo fatto??? Anche un altro utente mi ha risposto a proposito di "illimitux", il componente aggiuntivo di firefox per annullare il limite di megavideo, dicendomi: ma anche se fosse??? Tu invece mi dici che preferisci la visione off-line che sei per la qualita'... quindi mi lasci intendere che acquisti dvd originali cosi come probabilmente anche musica legale! Di conseguenza, apprezzando il lavoro di qualcuno che ha reso eccellente il prodotto che hai comprato, sarai sensibile al fatto che se in rete trovi un sito che in streaming in maniera illegale permette la visione dello stesso dvd che hai comprato tu fa un torto anche a te. In primis a chi ha realizzato il dvd e poi a te che hai speso 19,90 alla ricordi per comprare lo stesso titolo. E poi... un terzo organo per fare che???Mi sembra di sognare... sara' che ci lavoro nella rete e quindi chi sta all'esterno come diceva quel comico: son tutti finokki con il deretano di qualcun altro...Esempio (premetto che non e' un invito a fare quello che sto per scrivere ma a proposito di diffondere conoscenza e situazioni reali...):Vado nell'internet point sotto casa gestito da qualche amico pakistano, senza documenti faccio il primo acXXXXX in rete acquistando un dominio .com o comunque qualsiasi estensione che non richieda la compilazione della LAR (lettera di assunzione responsabilita'). Passo successivo, vado in posta a pagare un bollettino a nome di Mario Rossi (nome molto comune in Italia), da un altro internet point sposto i server in svezia (per esempio) presso la societa' prq.se (la stessa che ha utilizzato Mister Camaleonte Assange) che mi garantisce l'anonimato. Altro internet point carico sul mio bel sito un mare di contenuti coperti da diritto d'autore.Ho il mio bel sito pieno zeppo di roba che va a ruba perche' parliamoci chiaro.. perchè comprare dischi se li possiamo scaricare? Perche' comprare da XXXXXXXX dvd originali (come fa il sottoscritto) se tanto in streaming trovo tutto???Tornando comunque al mio bel sitarello dove per beccarmi ci mettono una vita... alzo 2 soldi.. magari sfruttando qualche conto estero (la rete e' veloce e non conosce orari o limiti) per associarlo a qualche programma di affiliazione e vendere pubblicita' sicuro di fare soldini viste le alte previsioni di visita sul mio sito.Ora mi dici tu... denuncia alla magistratura... in realta' questo tipo di "crimini" li segue la polizia postale che dovrebbe riuscire a localizzarmi innanzitutto. Poi contattare prq.se, vedere se secondo le leggi svedesi possono svelare il mio nome, poi far iniziare un proXXXXX ed infine condannarmi. Sai quanto tempo e' passato, sempre se riescono a beccarmi? Anni. io ho alzato moneta grazie ad XXXXXXXXX che chiamano ciccio le persone che vogliono una rete libera dove si debba "condividere" tutto e il o i detentori dei diritti si attaccano sai dove? Tu mi parli di che? terzo organo indipendente??? Ahahahah Ma va là... La teoria e' una cosa.. la PRATICA e' un'altra! Poi si sa... seduti sul divano di casa sanno tutti guidare una Desmo o far vincere l'Italia ai mondiali!
          • panda rossa scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            - Scritto da: djck
            Tu invece mi dici che preferisci la
            visione off-line che sei per la qualita'...
            quindi mi lasci intendere che acquisti dvd
            originali cosi come probabilmente anche musica
            legale! Di conseguenza, apprezzando il lavoro di
            qualcuno che ha reso eccellente il prodotto che
            hai comprato, sarai sensibile al fatto che se in
            rete trovi un sito che in streaming in maniera
            illegale permette la visione dello stesso dvd che
            hai comprato tu fa un torto anche a te. In primis
            a chi ha realizzato il dvd e poi a te che hai
            speso 19,90 alla ricordi per comprare lo stesso
            titolo.Tu stai commettendo un errore madornale.Stai confrontando mele con pere.Stai confrontando un file con un cofanetto da esposizione.Io li spendo piu' che volentieri 20 euro per un cofanetto, contenente dischi, libretto e qualche gadget, se il film/album/libro/game mi piace.Ma quei 20 euro sono il costo dell'oggetto, non del file.Compro l'oggetto, come tributo al film che mi piace.Metto l'oggetto sullo scaffale, in bella vista.Ma poi il film/brano/libro/game lo voglio poter copiare, spostare tra tutti i miei riproduttori, etc...La presenza in rete in ampia disponibilita' del titolo in questione e' solo una conferma al fatto che e' bello e che merita di essere diffuso e conosciuto da tutti.
            E poi... un terzo organo per fare che???Un terzo organo per giudicare!!!Dai tempi di Hamurrabi (1750 a.C.) si e' stabilito che in caso di controversia tra due parti, deve essere una terza parte, esterna ad entrambe, ad esprimere un giudizio.Che procedimento equo sarebbe se fosse la presunta vittima a giudicare il presunto colpevole?
            Mi sembra di sognare... sara' che ci lavoro nella
            rete e quindi chi sta all'esterno come diceva
            quel comico: son tutti finokki con il deretano di
            qualcun
            altro...

            Esempio (premetto che non e' un invito a fare
            quello che sto per scrivere ma a proposito di
            diffondere conoscenza e situazioni
            reali...):

            Vado nell'internet point sotto casa gestito da
            qualche amico pakistano, senza documenti faccio
            il primo acXXXXX in rete acquistando un dominio
            .com o comunque qualsiasi estensione che non
            richieda la compilazione della LAR (lettera di
            assunzione responsabilita').E gia' qui ci sono due violazioni.La prima del gestore che ti ha dato l'acXXXXX senza documenti, la seconda tua che lo hai effettuato.
            Passo successivo, vado in posta a pagare un
            bollettino a nome di Mario Rossi (nome molto
            comune in Italia), da un altro internet point
            sposto i server in svezia (per esempio) presso la
            societa' prq.se (la stessa che ha utilizzato
            Mister Camaleonte Assange) che mi garantisce
            l'anonimato. Altro internet point carico sul mio
            bel sito un mare di contenuti coperti da diritto
            d'autore.
            Ho il mio bel sito pieno zeppo di roba che va a
            ruba perche' parliamoci chiaro.. perchè comprare
            dischi se li possiamo scaricare?Parliamoci chiaro: perche' i concerti fanno sempre il pieno?perche' harry potter al cinema sta superando gli incassi di avatar?Non e' forse da XXXXXXXX spendere tutti questi soldi quando si possono tranquillamente scaricare?
            Perche' comprare
            da XXXXXXXX dvd originali (come fa il
            sottoscritto) se tanto in streaming trovo
            tutto???Prova a guardarti allo specchio e troverai la risposta.
            Tornando comunque al mio bel sitarello dove per
            beccarmi ci mettono una vita... alzo 2 soldi..Se fosse cosi' facile, fallo.
            magari sfruttando qualche conto estero (la rete
            e' veloce e non conosce orari o limiti) per
            associarlo a qualche programma di affiliazione e
            vendere pubblicita' sicuro di fare soldini viste
            le alte previsioni di visita sul mio sito.Milioni come se piovesse...Pensa che quelli di PI sono tutti miliardari, con tutti i soldi che fanno con questo sito.
            Ora mi dici tu... denuncia alla magistratura...
            in realta' questo tipo di "crimini" li segue la
            polizia postale che dovrebbe riuscire a
            localizzarmi innanzitutto. Poi contattare prq.se,
            vedere se secondo le leggi svedesi possono
            svelare il mio nome, poi far iniziare un proXXXXX
            ed infine condannarmi. Sai quanto tempo e'
            passato, sempre se riescono a beccarmi? Anni. Nessuno ha fretta.Dopo anni hanno beccato pure assassini...
            io
            ho alzato moneta grazie ad XXXXXXXXX che chiamano
            ciccio le persone che vogliono una rete libera
            dove si debba "condividere" tutto e il o i
            detentori dei diritti si attaccano sai dove? Ma allora falla questa moneta cosi' facile, no?Lo hai detto tu stesso che con un amico pakistano e quattro click si puo' fare tutto.Fallo, guadagna tutti questi soldi, e poi torna qui a darci a tutti degli XXXXXXXXX che ce lo meritiamo.
            Tu
            mi parli di che? terzo organo indipendente???
            Ahahahah Ma va là... La teoria e' una cosa.. la
            PRATICA e' un'altra! Poi si sa... seduti sul
            divano di casa sanno tutti guidare una Desmo o
            far vincere l'Italia ai
            mondiali!A sentire te, stando seduti sul divano di casa si diventa milionari...
          • djck scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            Grazie per rispondere sempre in maniera costruttiva!
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            - Scritto da: djck
            Grazie per il ciccio innanzitutto! Ma anche prego.
            Qua si fa un
            po' complicato... un po' come la classica
            domanda: chi ha votato berlusca se poi tutti
            dicono di non averlo fatto???A proposito di berlusca, apriamo una parentesi.Alcuni di noi 17 anni fa erano abbastanza adulti da poter votare, tra cui anche io.Benchè molto giovane mi era evidente che un uomo arricchito così velocemente e con conflitti di interessi grandi quanto bilanci di piccoli stati sarebbe stato un problema per la democrazia del Paese.Ma la gente, tanta gente, ha detto "Proviamolo, perchè no?" il risultato ormai è evidente anche ai + ottusi.Oggi tu mi vieni a dire "proviamo Agcom, e le sue soluzioni incostituzionali, perchè no?". E' lo stesso identico ragionamento.Cos'è ci dobbiamo reincontrare tra 20 anni per constatare che è stato un disastro? no grazie, stoppiamola subita sta cosa, tanto è evidente che è anticostituzionale e sbagliata.
            Anche un altro
            utente mi ha risposto a proposito di "illimitux",Ah, si chiama così? Vedi? ne sai + di me.
            il componente aggiuntivo di firefox per annullare
            il limite di megavideo, dicendomi: ma anche se
            fosse???Beh tu lanci una accusa (sbagliata) volendo dimostrare chissà cosa. Cosa volevi dimostrare? Tu invece mi dici che preferisci la
            visione off-line che sei per la qualita'...
            quindi mi lasci intendere che acquisti dvd
            originali cosi come probabilmente anche musica
            legale!Francamente non capisco la connessione tra "qualità" e "dvd originali".Per me la qualità, è un'altra cosa.Cmq si, acquisto qualche dvd ogni tanto. Ma non tutto quello che vedo l'ho acquistato. Come tutti, d'altronde.
            Di conseguenza, apprezzando il lavoro di
            qualcuno che ha reso eccellente il prodotto che
            hai comprato, sarai sensibile al fatto che se in
            rete trovi un sito che in streaming in maniera
            illegale permette la visione dello stesso dvd che
            hai comprato tu fa un torto anche a te.No, francamente non sono una persona che ama fare i conti in tasca alla gente.Se uno non vuole acquistare è giusto che non acquisti. Sono affari suoi.Io, di contro, quando voglio acquisto e quando non voglio no. E vorrei che nessuno mi venga a dire quando e cosa comprare e soprattutto a quale prezzo.Io i soldi me li guadagno senza l'aiuto di nessuno, ergo, quando li spendo, vorrei essere padrone di cio' che è mio.Poi se invece me lo vuoi regalare tu, uno stipendio, potrai anche venirmi a dire come spenderlo.
            E poi... un terzo organo per fare che???
            Per accertare e dirimere le controversie.

            Esempio Si si possono fare molti reati in reati sfruttando, falle buche e facendo furbate.Molti dei quali decisamente + orrendi, efferati, violenti e socialmente pericolosi della condivisione di file multimediali coperti da diritto d'autore, quindi?
            Ora mi dici tu... denuncia alla magistratura...No non lo dico io, lo dice la legge?La stessa dietro la quale si nascondono i "legalisti" a convenienza protettori del copyright.
            in realta' questo tipo di "crimini" li segue la
            polizia postale che dovrebbe riuscire a
            localizzarmi innanzitutto.Ora, io preferisco non esprimermi sulla polizia postale.Soprattutto perchè la conosco bene.Ma indipendentemente dalla mia stima, quella abbiamo. Non possiamo arbitrariamente decidere di saltarla.Non è che se uno non si fida della stradale, possa mettere strisce chiodate sulle strade statali per fermare i presunti rapinatori.
          • djck scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            ho capito...
          • panda rossa scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            - Scritto da: djck
            Ripeto... mi piacerebbe sapere quale sarebbe la
            REALE reazione di ognuno di voi se vi toccassero
            il portafoglio. A me il portafoglio me lo toccano per metterci altro denaro dentro, tramite la rete.Si tratta di adeguare il business alla tecnologia.
            La rete e' veloce e aspettare i
            tempi lentissimi dei tribunali, significherebbe
            per me (ipotetico) proprietario di un film o
            canzone che, mentre la magistratura giudica un
            illecito, l'eventuale sito o portale X continua
            "arrogantemente" a sfruttare la mia opera. Come
            si fa???Si tratta di scegliere se calpestare i diritti di tutti per salvaguardare quelli di pochissimi, o se garantire i diritti di tutti a discapito di quelli di pochissimi che dovranno attendere i tempi della magistratura.La tua logica che cosa suggerisce di fare?
            Giuro che non capisco questo marasma. Ma ad
            utilizzare lo stesso megafono a spiegare cos'è
            una licenza CC, no??? Bisogna per forza
            strumentalizzare
            tutto???Quale marasma? Quello causato da gente che urla AL LADRO, AL LADRO?
          • djck scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            Mi fa piacere (sinceramente) che il portafoglio ti venga toccato solo per iniettare liquidita'. Mi riferivo pero' all'ipotesi in cui iniziassi a vedere le tue entrate calare a seguito di violazioni del proprio lavoro.Suggerirei per l'appunto un organo indipendente che vigili su eventuali sopruso e in maniera veloce come la rete stessa.Uso da una vita licenze CC suggerirei ad autori in primis di iniziare a valutare questo tipo di licenze.
          • panda rossa scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            - Scritto da: djck
            Mi fa piacere (sinceramente) che il portafoglio
            ti venga toccato solo per iniettare liquidita'.
            Mi riferivo pero' all'ipotesi in cui iniziassi a
            vedere le tue entrate calare a seguito di
            violazioni del proprio lavoro.I venditori di ghiaccio piu' furbi, quando hanno visto che cominciavano a diffondersi i frigoriferi, si sono trasformati in gelaterie.Gli altri sono rimasti a piangere sul fatto che il progresso e la tecnologia gli ha fatto calare le entrate. E non parlavano certo di violazioni.
            Suggerirei per l'appunto un organo indipendente
            che vigili su eventuali sopruso e in maniera
            veloce come la rete stessa.Vigilare va bene.Ma senza sostituirsi alla magistratura.
            Uso da una vita licenze CC suggerirei ad autori
            in primis di iniziare a valutare questo tipo di
            licenze.Qui sfondi porte aperte.
          • djck scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            di esempi potrei fartene a migliaia anche io... non solo di gelatai... pensa alla kodak che da leader dei "rullini" lo e' ancora con le fotocamere digitali vedendo mooolto piu' lungo di qualcun altro. Sono un accanito sostenitore della CC e nel caso di software libero della GPL che uso regolarmente quando di MIA SPONTANEA VOLONTA' rilascio qualcosa in rete. Difendo semplicemente la liberta' di un individuo che se decide di depositare un'opera alla Siae si deve sentire tutelato perche' cosi ha scelto di fare... senza se e senza ma!
          • panda rossa scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            - Scritto da: djck
            di esempi potrei fartene a migliaia anche io...
            non solo di gelatai... pensa alla kodak che da
            leader dei "rullini" lo e' ancora con le
            fotocamere digitali vedendo mooolto piu' lungo di
            qualcun altro. Ecco, vedi che lo sai.
            Sono un accanito sostenitore della
            CC e nel caso di software libero della GPL che
            uso regolarmente quando di MIA SPONTANEA VOLONTA'
            rilascio qualcosa in rete. Difendo semplicemente
            la liberta' di un individuo che se decide di
            depositare un'opera alla Siae si deve sentire
            tutelato perche' cosi ha scelto di fare... senza
            se e senza ma!Chi deposita un'opera in siae VIENE TUTELATO!Te lo ricordi il caso di Al Bano e Michael Jackson?Michael Jackson fu condannato a risarcire Al Bano, quindi la siae tutela eccome.
          • djck scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            perfetto. quindi sei d'accordo con me...
          • panda rossa scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            - Scritto da: djck
            perfetto. quindi sei d'accordo con me...Non so.Al Bano si rivolse alla magistratura ai tempi della questione con Michael Jackson, e la magistratura fece le sue perizie e senti' le parti.Non fu mica Al Bano o la SIAE o altro organo a pretendere il ritiro dal mercato del disco di MJ gridando "AL LADRO!"Hanno fatto un proXXXXX, hanno stabilito chi ha copiato da chi, hanno stabilito l'ammontare dell'ingiusto arricchimento e hanno sentenziato di rigirare quei soldi, non un centesimo di piu', non uno di meno.Si chiama giustizia.Magari da quel proXXXXX saltava fuori che era stato Al Bano a copiare e in tal caso avrebbero sentenziato diversamente.Ma c'e' stato un corretto iter giudiziario, chi ha dovuto pagare ha pagato, e nessuno e' stato chiamato LADRO.
          • djck scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            tempi del proXXXXX?
          • panda rossa scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            - Scritto da: djck
            tempi del proXXXXX?E' tutto ben documentato in rete: le cronache ne hanno parlato.Fai una bella ricerca e troverai tutto.
          • djck scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            li conosco perfettamente i tempi... solo che non perdo mai occasione per far fare lo sborone a qualcuno ;-)
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            - Scritto da: djck
            tempi del proXXXXX?Ma fammi capire una cosa, ma perchè mai sti maledetti detentori di diritti avrebbero diritto a risoluzioni + brevi delle controversie rispetto a noi comuni mortali?E io che credevo che la legge fosse uguale per tutti, quelli come te non solo tollerano, ma addirittura promuovono disparità di trattamento tra i cittadini.O forse tu credi di far parte di quella certa casta che vorresti privilegiare?
          • djck scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            allora e' un discorso di invidia sociale la tua... bene bene.A me sinceramente me ne fotte sai quanto??? Utilizzo solo software libero, licenze CC (per i contenuti che diffondo in rete e non) e GPL (per il software che rilascio in rete). Liberta' assoluta ma liberta' anche per chi non la pensa come me o come te. La soluzione dell'AgCom per me va bene per tutelare chi deposita un'opera che non sono solo i "ricchi", anche il mio amico sfigato che ha da poco depositato un romanzo in Siae o amici cantanti.
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            - Scritto da: djck
            allora e' un discorso di invidia sociale la
            tua... bene
            bene.Semmai è la tua ad essere proneria, antidemocraticità e sudditanza psicologica.
            A me sinceramente me ne fotte sai quanto???Cioè non te ne fotte di fare la figura del servetto o te ne fotte che ci siano disparità sociali?
            La soluzione dell'AgCom per me
            va bene per tutelare chi deposita un'opera che
            non sono solo i "ricchi", anche il mio amico
            sfigato che ha da poco depositato un romanzo in
            Siae o amici
            cantanti.E allora non capisci una benemerita perché è evidente che la soluzione AgCom (suona un po' come la "soluzione finale" dei nazisti) c'entra poco e nulla con gli autori minori che certo, in quanto tali, vengono "piratati" poco e niente, e che se anche fosse avrebbero solo da guadagnare da un po' di pubblicità.Ma il punto non è nemmeno questo, se i tuoi "amici" autori (e per essere amici tuoi tanto svegli non devono essere) sono ottusi e si vogliono tutelare contro il demone internet che li rende poveri (non che sono loro a valere poco) facciano pure, quello che non si capisce è perché dovrebbero avere canali privilegiati rispetto agli altri cittadini.Ah già, altrimenti esce il servetto di turno che gli da degli invidiosi.Ma vedi di crescere un po', bimbo.
          • djck scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            CVD (Come volevasi dimostrare). Di una risposta, hai estrapolato solo cio' che ti e' servito per strumentalizzare quello che vuoi.Sai che c'è? Per quanto mi riguarda ci puoi rimanere nella tua second life, dimmi pure che scappo (come hai fatto nei giorni scorsi) ma credo di aver detto abbastanza oltre ad aver argomentato concretamente quello che penso.Ribadisco il concetto che nonostante sia un ACCANITO SOSTENITORE DELLA CC e GPL (licenze che uso per diffondere miei lavori) rispetto chi non la pensa come me e cerco di conviverci oltre che cercare di capirne i motivi. Credo di aver ricevuto, invece, solo insulti o altro, probabilmente perche' non abbastanza intellighente. Ci risentiamo appena cresco!
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            - Scritto da: djck
            rispetto chi non
            la pensa come meIo non rispetto chi insulta, poi fa pure la vittima e infine scappa.
          • djck scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            Solo questo sai dire. Anziche' fare lotta dura senza paura, proponi e cerca di comprendere anche chi, per un motivo valido o meno, non la pensa come te.Nei miei post precedenti, oltre ad aver chiarito il fatto che a me AgCom o meno poco importera' in quanto utilizzatore di licenze libere da sempre, credo che chi crede in una logica di coyright debba essere ascoltato e proporre qualche soluzione anziche' fare la lotta. Lo so, noi bambini crediamo ancora in un mondo migliore dove tutti possono convivere.
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            - Scritto da: djck
            Solo questo sai dire.Se il tuo comportamento è sempre quello pavido e scorretto non vedo perchè dovrei risponderti diversamente.
            Nei miei post precedenti, oltre ad aver chiarito
            il fatto che a me AgCom o meno poco importera' in
            quanto utilizzatore di licenze libere da sempre,
            credo che chi crede in una logica di coyright
            debba essere ascoltato e proporre qualche
            soluzione anziche' fare la lotta.Le soluzioni si propongono di fronte ai problemi.Secondo me il fatto che il tuo amico scrittore voglia non lavorare per vivere non è un problema, certamente non è un problema mio e me ne strafrego. Un problema è imporre uno stato di polizia e tribunali speciali al solo fine di creare una possibilità illusoria di guadagno per i cosiddetti autori, e la soluzione è opporsi a queste derive antidemocratiche in maniera netta e pulita.
            Lo so, noi
            bambini crediamo ancora in un mondo migliore dove
            tutti possono
            convivere.Anche io, ma da adulto so che convivere non significa accettare tutte le cretinate che gli altri propongono.
          • djck scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            va bene
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            - Scritto da: djck
            va beneSe non hai niente da dire, puoi anche tacere.
          • djck scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            ok, faro' tesoro di tutto cio' che mi hai detto
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            - Scritto da: djck
            ok, faro' tesoro di tutto cio' che mi hai dettoNella speranza che tu lo abbia capito.Cosa che mi sento di escludere.
          • djck scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            D'altra parte e' cosi!
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            - Scritto da: djck
            D'altra parte e' cosi!Sì, sei un cretino.
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            - Scritto da: djck
            D'altra parte e' cosi!Ok vuoi l'ultima parola, bimbo, tienila pure.
          • djck scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            Ti stavo dando conferma del fatto che faro' tesoro di cio' che mi hai insegnato in questi giorni. Non capisco questa tua uscita!
          • Riketto scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            - Scritto da: djck
            Ripeto... mi piacerebbe sapere quale sarebbe la
            REALE reazione di ognuno di voi se vi toccassero
            il portafoglio. che me lo toccassero pure... magari impietositi ci mettono qualcosa dentro ;)
          • djck scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            Bella battuta... per la serie: volemose bene. Ecco, è proprio questo il punto. Anche io ho un portafoglio spesso vuoto ma non faccio l'obsoleto discorso riferito ai padroni ... ;-)
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            - Scritto da: djck
            Appunto perche' i tribunali sono lenti sarebbe
            opportuno che esistesse un organo veloce come la
            rete a mediare in alcune
            situazioni.Ergo, secondo il tuo ragionamento, siccome i tribunali sono lenti è legittimo andare a spaccare le gambe a quelli che presumiamo ci abbiano rapinato.
          • djck scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            Se agisco in maniera legale non dovrei preoccuparmi minimamente dentro e fuori la rete!
          • panda rossa scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            - Scritto da: djck
            Se agisco in maniera legale non dovrei
            preoccuparmi minimamente dentro e fuori la
            rete!No! Tu ti sei fatto scrivere apposta delle leggi per poter dire di agire in maniera legale.Non prendiamoci in giro!
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            - Scritto da: djck
            Se agisco in maniera legale non dovrei
            preoccuparmi minimamente dentro e fuori la
            rete!Ed è proprio qui che ti sbagli.Una volta che si innesca il meccanismo che ognuno si fa giustizia come gli pare nessuno può dirsi al sicuro.
          • djck scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            Mica devo fare Dredd (la legge sono io). Penso che in questo contesto l'AgCom possa avere un ruolo indipendente. E poi... ma vediamo come si comportano prima di fare processi alle intenzioni...
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            - Scritto da: djck
            Mica devo fare Dredd (la legge sono io). Penso
            che in questo contesto l'AgCom possa avere un
            ruolo indipendente. Non vedo come potrebbe, dato che ha già dimostrato di essere dalla parte di major e videotechini.
            E poi... ma vediamo come si
            comportano prima di fare processi alle
            intenzioni...Si comporteranno incostituzionalmente, non è una questione di opinioni ma di nero su bianco.
          • djck scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            ho capito...
          • Pinco Pallino scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            La lentezza della giustizia di diritto non e' una scusa per fare giustizia sommaria.Anche a me ogni volta che qualcuno mi fa un torto farebbe comodo poter applicare la legge della Jungla, invece mi tocca rassegnarmi al fatto che vivo in una societa' (supposta) civile, con i suoi modi, le sue procedure e... i suoi tempi.Non sarebbe un po' egoista se anteponessi il mio diritto di singolo al diritto prevalente della societa' che non venga fatta giustizia sommaria da nessuno e che ognuno sia considerato innocente fino a prova contraria (da verificare in un tribunale) ?A.
          • djck scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            Moralismi a parte, qui si parla di un mezzo veloce quale la rete. Avere un organo alla quale rivolgersi per far valere i propri diritti credo che sia un'opportunita'. Aggiungo che l'AgCom non ha iniziato neanche a lavorare a riguardo che subito si va ad attaccare l'intenzione. Calabrò la reputo una persona seria che da anni lavora dietro le quinte di diversi ministri e non ha mai toppato. Non vedo perche' debba iniziare a farlo adesso. Ah, dimenticavo, ci sono delle associazioni con dietro partiti politici che contestano e non propongono.
          • gerry scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            - Scritto da: djck
            Moralismi a parte, qui si parla di un mezzo
            veloce quale la rete. Avere un organo alla quale
            rivolgersi per far valere i propri diritti credo
            che sia un'opportunita'. Fai un tribunale speciale. Gestito dai giudici però, non da un'emanazione diretta del potere esecutivo.
          • Pinco Pallino scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            Quantomeno per essere prevenuti ci sono dei precedenti,Hai presente il blocco di urgenza dei siti sbandierato com arma come la solita pedofilia e poi usato al 99.99% per bloccare siti di gaming Esteri che facevano una concorrenza scomoda ai balzelli della mafia che controlla i giochi "di stato" italiani?
          • panda rossa scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            - Scritto da: Pinco Pallino
            Quantomeno per essere prevenuti ci sono dei
            precedenti,

            Hai presente il blocco di urgenza dei siti
            sbandierato com arma come la solita pedofilia e
            poi usato al 99.99% per bloccare siti di gaming
            Esteri che facevano una concorrenza scomoda ai
            balzelli della mafia che controlla i giochi "di
            stato"
            italiani?Appunto!Quando non c'e' pericolo di vita (e non vedo come ci possa essere pericolo di vita per le questioni di copyright) non c'e' alcun bisogno di decretare alcun blocco d'urgenza.
        • Pinco Pallino scrive:
          Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
          Mi scusi ma le due domande e idue punti a me sembrano molto semplici:Perche' se esiste l magistratura che ha (costituzionalmente) il potere di decidere chi detiene un diritto dovrebbe essere un'agenzia a poter decidere al posto della magistratura ?Perche' se lei ha fatto un film io che non ho nessuna intenzione di copiare, di noleggiare, ne di vedere, quando compro un iPod devo pagare una tassa che viene ripartita tra gli autori, lei compreso; mentre magari sull'ipod ci voglio tenere le lezioni dell'universita' (pagate a chi ne detiene i diritti), o le canzoni scaricate da iTunes (pagate ai rispettivi autori) ?Non mi sembrano domande complicate e non mi sembra che lei abia risposto a nessuna delle due.A.
          • djck scrive:
            Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
            mbe' quest'ultima osservazione e' giusta. Sembrerebbe un ripagare N volte un diritto ma credo che le varie ripartizioni siano diverse.
        • dont feed the troll/dovella scrive:
          Re: 1 sola risposta alle 10 risposte e 1 sol
          - Scritto da: djck
          Non sposto nessuna attenzione da alcun luogo e la
          ringrazio di cuore per la speranza che ripone in
          me credendo che potrei essere in grado di capire
          due concetti che ha gentilmente provveduto a
          postare. Detto cio', provo, con molta cautela, a
          rispondere ai 2 quesiti migliori del mondo
          facendo degli esempi
          banali.

          Concetto n.1
          L'AGCOM non va a sostituire la magistratura,
          semplicemente continuera' a fare da garante per
          me (ad esempio) titolare dei diritti di un film
          che, per esempio, Lei nel suo sito ha pubblicato
          senza mia esplicita autorizzazione. Io, pessima
          persona che ancora usa avere la cattiva abitudine
          di depositare un'opera, mi rivolgo all'AGCOM che
          provvedera', nel caso di illegalita', a oscurare
          la parte del sito che sta agendo
          illegalmente.Il problema è che non ne ha nè l'autorità, nè la possibilità di verificare gli illeciti.
          In conclusione, non ho criticato nessuno. Mi sono
          solo permesso di lasciare un commento nella
          speranza di capire cio' che per me e' ovvio e per
          qualcun'altro no. Quindi ci stavi facendo il favore di fornirci il tuo punto di vista che un quanto tale è la Verità con la V maiuscola.Oh grazie, grazie infinite!
  • NO siae scrive:
    No siae No party
    [yt]_PveNGyEeRI[/yt]
    • Riketto scrive:
      Re: No siae No party
      Tanto tempo fa avevo letto un articolo che descriveva come Raul Casadei prendesse soldoni dalle canzoni non sue suonate nelle discoteche... non mi ricordo l'articolo, ma questo passaggio mi e' rimasto impresso a fuoco
      • Incubo Notturno scrive:
        Re: No siae No party
        - Scritto da: Riketto
        Tanto tempo fa avevo letto un articolo che
        descriveva come Raul Casadei prendesse soldoni
        dalle canzoni non sue suonate nelle discoteche...
        non mi ricordo l'articolo, ma questo passaggio mi
        e' rimasto impresso a
        fuocoUn po' come quelli che incassano fino a 70 anni dopo la morte dell'autore... un po' come quelli che intascano la pensione del caro estinto.
        • Darwin scrive:
          Re: No siae No party
          - Scritto da: Incubo Notturno
          un po' come quelli
          che intascano la pensione del caro
          estinto.Quella è chiamata "pensione di reversibilità" ed è un diritto.I soldi che ti danno con la pensione sono i contributi che tu versi durante la tua vita lavorativa.Pertanto quando una persona muore, in caso di familiari diretti (mogli e figli) che non producono reddito una parte della pensione (dal 60% all'80%) va alla famiglia.I figli percepiscono la reversibilità dopo la maggiore età fino ai 25 anni, ma solo nel caso in cui vadano all'università. Se lasciano (o si laureano), la loro reversibilità non è più erogabile.Altrimenti vallo a dire alla moglie 70enne che non potrà usufruire dei contributi del defunto marito e che se vuole campare deve andare a lavorare...Per favore, non mischiamo pere e mele.
          • Riketto scrive:
            Re: No siae No party
            credo che intendesse chi incassa la pensione del morto senza averbe diritto
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: No siae No party
            Tipo quelli che mettono il morto nel freezer?
          • Riketto scrive:
            Re: No siae No party
            - Scritto da: uno qualsiasi
            Tipo quelli che mettono il morto nel freezer?eh, con questo caldo dove vorresti metterlo???
          • Incubo Notturno scrive:
            Re: No siae No party
            - Scritto da: Riketto
            credo che intendesse chi incassa la pensione del
            morto senza averbe
            dirittoEsatto :D e il bello è che lui dice agli altri di non mischiare pere con le mele! (rotfl)
          • Incubo Notturno scrive:
            Re: No siae No party
            - Scritto da: Darwin
            - Scritto da: Incubo Notturno

            un po' come quelli

            che intascano la pensione del caro

            estinto.
            Quella è chiamata "pensione di reversibilità" ed
            è un
            diritto.
            I soldi che ti danno con la pensione sono i
            contributi che tu versi durante la tua vita
            lavorativa.
            Pertanto quando una persona muore, in caso di
            familiari diretti (mogli e figli) che non
            producono reddito una parte della pensione (dal
            60% all'80%) va alla
            famiglia.
            I figli percepiscono la reversibilità dopo la
            maggiore età fino ai 25 anni, ma solo nel caso in
            cui vadano all'università. Se lasciano (o si
            laureano), la loro reversibilità non è più
            erogabile.

            Altrimenti vallo a dire alla moglie 70enne che
            non potrà usufruire dei contributi del defunto
            marito e che se vuole campare deve andare a
            lavorare...

            Per favore, non mischiamo pere e mele.http://www.adnkronos.com/IGN/Regioni/Puglia/Riscuotevano-pensioni-di-parenti-morti-115-denunce-delle-Fiamme-Gialle-di-Lecce_312245024985.htmlCaro mischiatore di pere e mele, è sempre uno spasso vedere qualcuno che non capisce quel che legge, ma sale subito in cattedra dando per scontato che gli altri siano più scemi o ignoranti di lui :D Magari la prossima volta, anziché partire solo da questi presupposti, considera anche la possibilità che se qualcosa non ti quadra, potresti essere tu quello che ha capito male, ha le idee poco chiare, ha bisogno di informarsi meglio (almeno leggere le notizie ogni tanto) :D
      • Luco, giudice di linea mancato scrive:
        Re: No siae No party
        - Scritto da: Riketto
        Tanto tempo fa avevo letto un articolo che
        descriveva come Raul Casadei prendesse soldoni
        dalle canzoni non sue suonate nelle discoteche...
        non mi ricordo l'articolo, ma questo passaggio mi
        e' rimasto impresso a fuoco(nb. il servizio e dell'ottobre 2001 e quindi le cifre sono in lire)http://www.report.rai.it/dl/Report/puntata/ContentItem-52fcc1de-37ce-4f9c-961c-a67408c02ee0.html?refresh_ceVOCE FUORI CAMPO DELL'AUTOREE passiamo alle discoteche. Nelle discoteche le cose funzionano piu' o meno cosi': la siae incassa il 5% sui biglietti venduti, piu' un forfait sulle consumazioni. si tratta di una cifra pari a 100 miliardi, che alla fine, uno pensa, dovrebbero essere divise fra gli autori delle musiche suonate nelle discoteche. invece non e' cosi'! la Siae fa una specie di statistica e destina il 50% del ricavato solo agli autori che rientrano nel campione.FRANCO FABBRI - musicologoCosa succede, se nella discoteca in cui è stato ascoltato il pezzo dance del Signor Rossi, non è nel campione rilevato dalla Siae, il signor Rossi non vedra' una lira.VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTOREquesto e' un esempio di un signor rossi che non rientra nella statistica.GIOVANNI NATALE - Expanded MusicAdesso ti faccio sentire un'opera di cui sono editore, che qualche anno fa ha avuto un grande sucXXXXX. Ecco questa è un'opera che ha avuto un grande sucXXXXX in Italia e in tutto il mondo. Siamo stati primi in classifica in Europa. Il problema è che evidentemente ha avuto un enorme numero di esecuzioni nelle discoteche, purtroppo i diritti che sia io come editore che gli autori di questo brano abbiamo incassato erano si' e no la meta' di quelli che nelle discoteche aveva fatto incassare alla Siae.VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTOREQuindi dei 100 miliardi all'anno versati dalle discoteche, 50 miliardi vanno agli autori campionati, e gli altri 50?MASSIMO OLCESE - comicoIo non lo so, tu lo sai?ROCCO BARBARO - comicoNo, Qualcuno lo sa?MASSIMO OLCESE - comicoCerto 50 miliardi l'anno rendono la vita difficile.VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTOREdi questi 50 miliardi, 30 vanno ai dischi piu' venduti in italia, la maggior parte dei quali editati dalle multinazionali del disco, che c'entrano poco con la discoteca e gli altri 20 miliardi?VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTOREL'altro 50%?SABRINA RICCARDELLI - direttore sezione musica SiaeL'altro 50% viene ripartito in base ai criteri che regolano tipologie considerate analoghe e sono per esempio la vendita dei dischi o anche la musica dal vivo.VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORECioe' chi vende piu' dischi avra' i soldi delle discoteche?SABRINA RICCARDELLI - direttore sezione musica SiaeSi'VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE <b
        I proventi che vengono dalla discoteca vanno alla musica da ballo liscio </b
        GIOVANNI NATALE - Expanded music <b
        Io le dico che gran parte dei proventi che provengono dalla discoteca vanno alla musica da ballo liscio. <u
        Per esempio "Romagna mia" ricava dei soldi che sono stati generati dall'esecuzione di musica tecno </u
        . </b
        VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE <b
        Certo, in percentuale quanta musica da ballo liscio metti su' </b
        MARCO TRANI - Dj <b
        Liscio? <u
        Non esiste </u
        </b
        .VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTOREQuesta e' la discoteca e questa e' la balera. <b
        Il liscio si balla nelle balere, non in discoteca, <u
        eppure si prendono 20 miliardi dalla musica da discoteca. come mai? </u
        . A Faenza c'e' una delle case editrici piu' importanti della musica liscio, appartiene alla famiglia Galletti, <u
        e la titolare e' stata nella Commmisione musica della Siae, dove si decide come ripartire i soldi </u
        .Per esempio dei cento miliardi che vengono dalle discoteche dove il liscio non si balla voi prendete una bella percentuale? </b
        ANNA GALLETTI -Galletti - Boston edizioniAllora qui bisogna distinguere, forse bisogna scendere un attimino e mettere il dito nella piaga. <b
        Era semplicemente per dire che anche questa musica che pure trova il suo sfogo principale nelle balere è anche usata in discoteca. </b
        MARCO TRANI -DJ <b
        Anche il piu' stupido a cui chiedi ti puo' dire la esatta realta'? </b
        VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORECioe'?MARCO TRANI - dJ <b
        L'esatta realta' è che <u
        si balla dance in discoteca </u
        . </b
        FRANCO FABBRI - musicologoQuindi questo è un caso anche abbastanza macroscopico, perche' <b
        la dance italiana è un fenomeno industriale piuttosto rilevante, pero' <u
        evidentemente poco rappresentata nei suoi interni alla Siae </u
        , in cui di fatto dei diritti che dovrebbero andare a Tizio, nel caso specifico al Sig. Rossi, vanno invece a Caio e cioe' a <u
        qualcuno che è meglio rappresentato nella commissione musica della Siae </u
        . </b
        VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE <b
        In questo caso uno dei Caio e' proprio la dottoressa Galletti </b
        ANNA GALLETTI - Edizioni Galletti - Boston <b
        <u
        Ho fatto proprio una bella esperienza nell'ambito della commissione musica in questi ultimi cinque anni. Penso, spero di aver svolto egregiamente questo ruolo a vantaggio della musica italiana direi </u
        . </b
        VOCE FUORI CAMPO DELL'AUTORE <b
        <u
        Non c'e' dubbio! </u
        e il bello e' che gli ispettori della Siae sono sempre li', in tutte le discoteche! e controllano tutto quello che viene suonato. </b
        Gli ispettori della Siae sono una sorta di pubblico ufficiale, ed hanno anche funzioni di controllo erariale per conto dello stato.RICCARDO CASALI - Silb - RiminiLoro volendo hanno poteri polizia tributaria, ossia possono entrare in un locale, controllare i registratori di cassa.MILENA GABANELLI IN STUDIOAllora riepiloghiamo: dei 100 miliardi versati dalle discoteche alla Siae, 50 se li dividono autori ed editori, ma non tutti gli autori ed editori dei pezzi suonati, bensì a quelli che vengono suonati di più. 30 ai dischi piu' suonati in Italia, anche se non c'entrano niente con le discoteche, i restanti 20 miliardi al ballo liscio.
        • FDG scrive:
          Re: No siae No party
          - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
          http://www.report.rai.it/dl/Report/puntata/ContentQuando sei in rete lo sXXXXXXXmento è garantito :)Servizio interessante da leggere interamente!
  • Pinco Pallino scrive:
    La cinque..
    Sottoscriverei in toto l'articolo, sarei stato solo un po' piu' lapidario sulla quinta:
    D: 5. Perché il diritto all'equo compenso viene strumentalmente, da
    alcuni, chiamato tassa? Perché non sono chiamate tasse i compensi di
    medici, ingegneri, avvocati, meccanici, idraulici, ecc.?Perche' se vado dal meccanico quello mi da qualcosa in cambio, posso scegliere di andarci e da quale andare e lo pago a fronte di un servizio definito; mentre se compro in iPad ci pago una tassa che non e' un compenso per gli autori di quelle canzoni per le quali (legalmente) paghero' il diritto ad ascoltare.Se fosse raddoppiato il bollo dell'auto e venisse chiamato "equo compenso per i meccanici incapaci che non trovano clienti" sarebbe una tassa, orrenda, iniqua e vessatoria.A.
  • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
    The answer
    [img]http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/8/82/Piracy_cartoon.gif[/img]
    • ahboh scrive:
      Re: The answer
      - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT
      [img]http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commonsin quella vignetta mancano i giochi usati, ahimè. è attuale come Internet.
    • Franky scrive:
      Re: The answer
      - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT
      [img]http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commonsappunto...sono contro ogni forma di progresso...percio' sono "mummie"...se fossimo andati dietro a loro non avremmo avuto nessuna comodita' moderna...perche' tutto viola il loro diritto di lucrare sulle riproduzioni delle opere degli artisti...oltretutto ho letto che si pappano il 76% degli introiti...e gli artisti quindi le briciole...
  • Giuseppe Iampieri scrive:
    Una risposta ad una domanda
    Gentile Sig. Scorza,quale musicista professionista che lotta ogni giorno contro furti di contenuti propri (CD) realizzati a seguito di oltre 30 anni di studi e lavoro nella musica e che lotta quotidianamente per racimolare centesimi e sopravvivere, trovo davvero INGRATO ironizzare e continuamente polemizzare su una tematica tanto semplice: la messa in rete illegalmente di uno o piu' brani musicali che hanno un legittimo proprietario intellettuale (compositore) E' UN FURTO! E' UN FURTO! E' UN FURTO! Che si voglia accettare o no questo semplice passaggio, che lo si voglia far passare per altro forse per coprire talune "magagne" è un altro discorso ... FURTO E' ... E FURTO RESTA!L'esempio, sempre lo stesso (lo chiami ingenuo ma per cortesia abbia rispetto e non definisca "ragazzini" quegli artisti che la fanno divertire quando accende la radio in macchina o mentre è in vacanza o in ufficio o mentre guarda la TV o ascolta musica su internet) resta quello di entrare in frutteria è rubare una mela ... le suggerisco di non farsi scoprire dal negoziante perchè lui avrebbe di sicuro un bel posto dove riporre quella mela! E per chi ruba, si sa quali sono le stanze in cui si dovrebbe passare i propri giorni a venire ...E per finire, anche qui si accetti o meno, la Rete senza contenuti (di cui la Musica è regina sovrana!) chiuderebbe immediatamente per lutto! Inoltre, pongo io l'ultima domanda: Sanzioni o non sanzioni, dove è il Rispetto per chi lavorando duramente (spesso con costi monetizzabili) realizza un'opera e che, oltretutto, si deve sentire coercitivamente obbligato a "condividerla" con gli altri e se non lo fa lui allora ci pensano gli altri a rubargliela...? (La domanda sarà certamente poco chiara e con qualche problema di italiano e di consecutio ma sicuramente e con buona volontà non le sarà difficile capirne il senso...).PS: la Realtà va affrontata, non ironizzata e disprezzata per evitarla.
    • age scrive:
      Re: Una risposta ad una domanda
      - Scritto da: Giuseppe Iampieri
      Gentile Sig. Scorza,

      quale musicista professionista che lotta ogni
      giorno contro furti di contenuti propri (CD)
      realizzati a seguito di oltre 30 anni di studi e
      lavoro nella musica e che lotta quotidianamente
      per racimolare centesimi e sopravvivere, trovo
      davvero INGRATO ironizzare e continuamente
      polemizzare su una tematica tanto semplice: la
      messa in rete illegalmente di uno o piu' brani
      musicali che hanno un legittimo proprietario
      intellettuale (compositore) E' UN FURTO! E' UN
      FURTO! E' UN FURTO! Che si voglia accettare o no
      questo semplice passaggio, che lo si voglia far
      passare per altro forse per coprire talune
      "magagne" è un altro discorso ... FURTO E' ... E
      FURTO
      RESTA!

      L'esempio, sempre lo stesso (lo chiami ingenuo ma
      per cortesia abbia rispetto e non definisca
      "ragazzini" quegli artisti che la fanno divertire
      quando accende la radio in macchina o mentre è in
      vacanza o in ufficio o mentre guarda la TV o
      ascolta musica su internet) resta quello di
      entrare in frutteria è rubare una mela ... le
      suggerisco di non farsi scoprire dal negoziante
      perchè lui avrebbe di sicuro un bel posto dove
      riporre quella mela! E per chi ruba, si sa quali
      sono le stanze in cui si dovrebbe passare i
      propri giorni a venire
      ...

      E per finire, anche qui si accetti o meno, la
      Rete senza contenuti (di cui la Musica è regina
      sovrana!) chiuderebbe immediatamente per lutto!


      Inoltre, pongo io l'ultima domanda: Sanzioni o
      non sanzioni, dove è il Rispetto per chi
      lavorando duramente (spesso con costi
      monetizzabili) realizza un'opera e che,
      oltretutto, si deve sentire coercitivamente
      obbligato a "condividerla" con gli altri e se non
      lo fa lui allora ci pensano gli altri a
      rubargliela...? (La domanda sarà certamente poco
      chiara e con qualche problema di italiano e di
      consecutio ma sicuramente e con buona volontà
      non le sarà difficile capirne il
      senso...).
      Furto: lart. 624 c.p. stabilisce che chiunque si impossessa della cosa mobile altrui, sottraendola a chi la detiene, al fine di trarne profitto per sé o per altrihttp://www.penale.it/page.asp?IDPag=24http://www.penale.it/page.asp?IDPag=903se duplico la "mela" te la "sottraggo" ?http://www.youtube.com/watch?v=aV8Sy7f4BEw
      PS: la Realtà va affrontata, non ironizzata e
      disprezzata per
      evitarla.La Realtà e cambiata sono solo i Copyrightslave come te che si rifiutano di ammetterlo e danno del criminale tutti gli altri
    • luisito scrive:
      Re: Una risposta ad una domanda
      - Scritto da: Giuseppe Iampieri
      Gentile Sig. Scorza,

      quale musicista professionista che lotta ogni
      giorno contro furti di contenuti propri (CD)Basta investire in una bella cassaforte: ci metti dentro tutte le tue produzioni e non ne fai parola con nessuno
      realizzati a seguito di oltre 30 anni di studi e
      lavoro nella musica e che lotta quotidianamente
      per racimolare centesimi e sopravvivere,Parafrasando un pensiero di Leo Ortolani, l'arte sfama l'anima, non il corpo, mi viene in ogni caso da pensare a due possibilità:1) Sei un artista poco conosciuto o non apprezzato a sufficienza, quindi non puoi contare esclusivamente sulla vendita dei brani per sopravvivere. I concerti, i lavori su commissione e l'uso commerciale delle tue opere dovrebbero essere la tua fonte di lucro principale, quindi una maggiore diffusione delle tue opere non farebbe altro che giovare a queste attività2) Sei un artista apprezzato e conosciuto, hai, di conseguenza, una schiera di fedeli fan che collezionano le tue opere a prescindere dal fatto che queste siano disponibili gratuitamente in giro per la rete, puoi sempre contare sul fatto che a tuoi concerti ci sarà sempre qualcuno e vieni contattato periodicamente per commissioni e richieste d'utilizzo delle tuo opere per realizzazioni commerciali di terze parti, quindi il fatto che qualcuno pirati le tue opere non può certo influenzare negativamente il tuo indotto
      trovo
      davvero INGRATO ironizzare e continuamente
      polemizzare su una tematica tanto semplice: la
      messa in rete illegalmente di uno o piu' brani
      musicali che hanno un legittimo proprietario
      intellettuale (compositore) E' UN FURTO! E' UN
      FURTO! E' UN FURTO! Che si voglia accettare o no
      questo semplice passaggio, che lo si voglia far
      passare per altro forse per coprire talune
      "magagne" è un altro discorso ... FURTO E' ... E
      FURTO
      RESTA!No si tratta di violazione di licenza d'uso, continuare a gridare LADRO! LADRO! LADRO! non cambia la realtà dei fatti. Allo stesso modo io potrei darti dello SCHIFOSO ASSASSINO visto che stai uccidendo il senso comune
      L'esempio, sempre lo stesso (lo chiami ingenuo ma
      per cortesia abbia rispetto e non definisca
      "ragazzini" quegli artisti che la fanno divertire
      quando accende la radio in macchina o mentre è in
      vacanza o in ufficio o mentre guarda la TV o
      ascolta musica su internet) resta quello di
      entrare in frutteria è rubare una mela ... le
      suggerisco di non farsi scoprire dal negoziante
      perchè lui avrebbe di sicuro un bel posto dove
      riporre quella mela! E per chi ruba, si sa quali
      sono le stanze in cui si dovrebbe passare i
      propri giorni a venire
      ...Lascio qui la mia mela:[img]http://zucconi.blogautore.repubblica.it/files/2011/05/mela_rossa.jpg[/img]... e mi volto un attimo dall'altra parte, se tu volessi potresti "rubarla" (click destro e salva con nome), ma sono pronto a scommettere che quando mi giro la mia mela sarà ancora lì
      E per finire, anche qui si accetti o meno, la
      Rete senza contenuti (di cui la Musica è regina
      sovrana!) chiuderebbe immediatamente per lutto!(rotfl)
      Inoltre, pongo io l'ultima domanda: Sanzioni o
      non sanzioni, dove è il Rispetto A questo mondo molto è possibile e niente è dovuto, questo vale anche per il rispetto
      per chi
      lavorando duramente (spesso con costi
      monetizzabili) realizza un'opera e che,
      oltretutto, si deve sentire coercitivamente
      obbligato a "condividerla" con gli altri e se non
      lo fa lui allora ci pensano gli altri a
      rubargliela...? Come ho scritto sopra, se non vuoi rischiare che qualcuno fruisca delle tue opere non hai che da metterle in cassaforte e non farne parola con nessuno
      PS: la Realtà va affrontata, non ironizzata e
      disprezzata per
      evitarla.Infatti: Nell'epoca digitale i costi di distribuzione di un opera si stanno approssimando allo zero, di conseguenza basare esclusivamente i propri introiti sulla distribuzione stessa è da incoscienti totali (mi verrebbe da scrivere un'altra definizione ma mi trattengo)DEAL WITH IT!
    • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
      Re: Una risposta ad una domanda

      E' UN FURTO <b
      COPIARE NON SIGNIFICA RUBARE </b
      http://www.penale.it/page.asp?IDPag=24 <b
      Corte di Cassazione, Sezione IV Penale, 13 novembre 2003 (dep. 29 gennaio 2004), n. 3449 (2110/2003) </b
      ...non configurabilità del reato di furto dei files mediante duplicazione (o copiatura)...http://www.penale.it/page.asp?IDPag=903 <b
      Corte di Cassazione, Sezione IV Penale, 26 ottobre 2010 (dep. 21 dicembre 2010), n. 44840 </b
      ...è da escludere la configurabilità del reato di furto nel caso di semplice copiatura...
      entrare in frutteria è rubare una mela ...Se tu hai una mela, e io ho una mela, e ce le scambiamo, allora tu ed io abbiamo sempre una mela per uno. Ma se tu hai un'idea, ed io ho un'idea, e ce le scambiamo, allora abbiamo entrambi due idee. <i
      George Bernard Shaw </i
      [img]http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/0/0e/Piracynottheft.png[/img][yt]IeTybKL1pM4[/yt]
      la Rete senza contenuti (di cui la Musica è regina
      sovrana!) chiuderebbe immediatamente per lutto!Appunto, con l' <b
      abolizione del copyright </b
      si avrebbe ad un incredibile <b
      incremento di contenuti </b
      perché finalmente l'informazione fluirebbe liberamente. <b
      ABOLIRE IL COPYRIGHT </b
      P-)
      • ahboh scrive:
        Re: Una risposta ad una domanda
        - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT

        E' UN FURTO

        <b
        COPIARE NON SIGNIFICA RUBARE
        </b



        http://www.penale.it/page.asp?IDPag=24
        <b
        Corte di Cassazione, Sezione IV
        Penale, 13 novembre 2003 (dep. 29 gennaio 2004),
        n. 3449 (2110/2003) </b


        ...non configurabilità del reato di furto dei
        files mediante duplicazione (o
        copiatura)...

        http://www.penale.it/page.asp?IDPag=903
        <b
        Corte di Cassazione, Sezione IV
        Penale, 26 ottobre 2010 (dep. 21 dicembre 2010),
        n. 44840 </b


        ...è da escludere la configurabilità del reato di
        furto nel caso di semplice
        copiatura...


        entrare in frutteria è rubare una mela ...

        Se tu hai una mela, e io ho una mela, e ce le
        scambiamo, allora tu ed io abbiamo sempre una
        mela per uno. Ma se tu hai un'idea, ed io ho
        un'idea, e ce le scambiamo, allora abbiamo
        entrambi due
        idee.
        <i
        George Bernard Shaw </i


        [img]http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/0/0e

        [yt]IeTybKL1pM4[/yt]

        la Rete senza contenuti (di cui la Musica è
        regina

        sovrana!) chiuderebbe immediatamente per
        lutto!

        Appunto, con l' <b
        abolizione del
        copyright </b
        si avrebbe ad un
        incredibile <b
        incremento di contenuti
        </b
        perché finalmente l'informazione
        fluirebbe
        liberamente.

        <b
        ABOLIRE IL COPYRIGHT </b


        P-)devo ripeterti tutte le altre baggianate uscite dalla CdC?
        • Darwin scrive:
          Re: Una risposta ad una domanda
          Dove stanno le baggianate in quello che ha scritto?
          • Franky scrive:
            Re: Una risposta ad una domanda
            - Scritto da: Darwin
            Dove stanno le baggianate in quello che ha
            scritto?io oltretutto ho letto le sentenze originali della suprema corte di cassazione e devo dire che gran parte delle cose che scrivono i giornali finalizzati a delegittimare la suprema corte... sono baggianate strumentali...(probabilmente lo fanno per sensazionalismo o perche' qualche partito gli ha dato disposizioni in tal senso...)
    • Luco, giudice di linea mancato scrive:
      Re: Una risposta ad una domanda
      - Scritto da: Giuseppe Iampieri
      Gentile Sig. Scorza,

      quale musicista professionista che lotta ogni
      giorno contro furti di contenuti propri (CD)
      realizzati a seguito di oltre 30 anni di studi e
      lavoro nella musica e che lotta quotidianamente
      per racimolare centesimi e sopravvivere, trovo
      davvero INGRATO ironizzare e continuamente
      polemizzare su una tematica tanto semplice: la
      messa in rete illegalmente di uno o piu' brani
      musicali che hanno un legittimo proprietario
      intellettuale (compositore) E' UN FURTO! E' UN
      FURTO! E' UN FURTO!Sei un diffamatore perché vai contro la Suprema Corte di Cassazione:http://www.lastampa.it/_web/CMSTP/tmplrubriche/giornalisti/grubrica.asp?ID_blog=2&ID_articolo=1228E aggiungo che sei anche un incapace. Prova a chiederti come fanno loro a campare:[yt]iI6mc46lxFA[/yt]
    • Pinco Pallino scrive:
      Re: Una risposta ad una domanda
      Gentile Sig. Iampieri,anche cercare di leggere le cose e capire le posizioni dell'interlocutore prima di fare i bambini offesi e' educazione:- Scritto da: Giuseppe Iampieri
      ... FURTO E' ... E FURTO RESTA!Questo non lo ha negato l'autore dell'articolo e non lo nega nessuna persona di nuon senso.Questo non crea il diritto a una forma di giustizia sommaria (quello che sta cercando di fare AGCOM) ne alla presunzione di colpevolezza (L'Iniquo balzello).
      L'esempio, sempre lo stesso (lo chiami ingenuo ma
      per cortesia abbia rispetto e non definisca
      "ragazzini" quegli artisti che la fanno divertire ..Continuero' personalmente a chiamare ragazzino arrogante, viziato e preuntuoso chiunque e' incapace di fare il suo lavoro abbastanza bene da mantenersi e pretende di essere pagato imponendomi dei balzelli che non sono il pagamento di cose delle quali usufruisco o leggi militari che danneggiano diritti prevalenti per tutelare un interesse di casta.Non scarico mai nulla illegalmente, se lei ritiene che io debba pagare l'Iniquo Balzello per mantenerla lei prima di sta insultando (dando per scontato che io sia un ladro) e poi sta cercando di derubarmi (facendomi pagare qualcosa che non uso e non voglio: la sua musica). Le piace di piu' questo tono ?
      E per finire, anche qui si accetti o meno, la
      Rete senza contenuti (di cui la Musica è regina
      sovrana!) chiuderebbe immediatamente per lutto!E con questo ? La Rete non esisterebbe se non ci fossero un milione di cose, comprese alcune fatte da me. Ma non per questo mi si accende una sacra invidia nei confronti di chi con la rete ha trovato il modo di fare i soldi e non per questo ritengo che Google o FaceBook dovrebbero mantenermi solo perche' sono stati piu' bravi di me.Sapere elaborare ammirazione invece che invidia nei confronti di chi ci riesce e' maturita', e chi non arriva alla maturita' e' e rimane un ragazzino. Se poi il ragazzino cerca di imporre le sue regole e' un ragazzino prepotente, se fa anche la parte della vittima e offende e' un ragazzino prepotente, viziato e presuntuoso.
      Inoltre, pongo io l'ultima domanda: Sanzioni o
      non sanzioni, dove è il Rispetto per chi
      lavorando duramente (spesso con costi
      monetizzabili) realizza un'opera e che, ...Dov'e' il rispetto per chi della sua opera non se ne fa niente, non la vuole ascoltare, non la scarica e non la copia e non vuole mantenere lei ?Le e' mai venuto il dubbio che se ci sono autori di cui nemmeno conosce il nome e altri che guadagnano centinaia di milioni di dollari questo puo' essere correlato con il fatto che le opere dei primi fanno schifo ?
      PS: la Realtà va affrontataAppunto.A.
    • SCF IS EVIL scrive:
      Re: Una risposta ad una domanda
      Ma i soldi che ti danno per i concerti non ti bastano? Credo che non ci voglia molto per dimostrare che un operaio qualsiasi guadagni meno per un lavoro molto più faticoso che fare l'artista.Se poi non sei molto bravo nel tuo mestiere e non ti chiamano per i concerti, beh...cambia mestiere!Non puoi pretendere di essere mantenuto da chi si rompe la schiena per poi proporgli un prodotto schifoso!
    • SCF IS EVIL scrive:
      Re: Una risposta ad una domanda
      Mettiamo caso che la mela la mangio quindi l'uso, la digerisco quindi la trasformo e poi la espello quindi la distribuisco di nuovo...anche questo è parassitismo? Sto per caso sfruttando il lavoro del contadino?!
    • Jacopo Monegato scrive:
      Re: Una risposta ad una domanda
      come artista SIAE non rappresenta me dato che di fatto mi toglie un sacco di libertà, veda il post sopra: in breve un fan-site degli 883 aveva ottenuto l'autorizzazione dagli artisti (spero proprietari dei diritti dei master) a pubblicare i loro brani in mp3. il sito è dovuto chiudere perché siae continuava a pretendere che gli venissero pagati i diritti che sarebbero stati poi redistribuiti, anche agli stessi 883.Riesce a cogliere l'assurdità della richiesta di SIAE? se la loro parola vale più di quella di coloro che dovrebbero tutelare, qualcosa non va. Si tratta di un altro mangia-mangia, come ne conosciamo tanti purtroppo.Ripeto che SIAE non mi rappresenta come autore. Secondo me non dovrebbe avere nulla a che fare con me e la mia musica, originale e scritta da me, i cui diritti tutelati come e da chi dico io. Un amico che il cui studio si è convertito in etichetta mi ha raccontato che è stato obbligato a iscrivere tutto e tutti a siae per poter vendere nei negozi, ma non mi ha mai dato dettagli al riguardo, lo ammetto. Di certo gli chiederò appena lo vedo, il fatto è che la società non tutela noi, tutela se stessa a scapito dei pesci piccoli e dei giovani e questo va cambiato.Secondo me, naturalmente
    • Kevin scrive:
      Re: Una risposta ad una domanda
      Gli artisti sono nella storia sempre stati degli spiantati, salvo che non si mettessero sotto le ali di qualche potente. L'arte per l'arte. Ricorda? Poi uno ha inventato il diritto di copia e l'altra panzana della proprietà intellettuale. Magicamente, dopo millenni, gli spiantati sono diventiati ricchissimi. Beatles, Manzoni, Michael Jackson, Cruise, Totò, Baglioni...Ora posso capire che, come la nostra casta insegna, ci si abitui a vivere da ricchi o si intraprenda una carriera in vista di quel tipo di vita, ma alla prova tecnica (Internet), il popolo ignorante, del quale facciamo parte anche noi, ha scoperto la bufala del diritto di copia e della proprietà intellettuale e non sta più al gioco.Perché tu che canti una canzone, o che scrivi un libro, o dipingi un quadro, o reciti in un film, o artisteggi in uno dei 999 altri modi di essere creativi, dovresti guadagnare più di uno che pianta un chiodo, segue una pratica, alza un muro di cemento, munge una mucca, insegna il tedesco o vende salame? Ah, perché tu sei meglio di me? La tua è arte e il mio è cemento?Questo è l'argomento della SIAE.
    • Incubo Notturno scrive:
      Re: Una risposta ad una domanda
      - Scritto da: Giuseppe Iampieri
      Gentile Sig. Scorza,

      quale musicista professionista che lotta ogni
      giorno contro furti di contenuti propri (CD)
      realizzati a seguito di oltre 30 anni di studi e
      lavoro nella musica e che lotta quotidianamente
      per racimolare centesimi e sopravvivere, trovo
      davvero INGRATO ironizzare e continuamente
      polemizzare su una tematica tanto semplice: la
      messa in rete illegalmente di uno o piu' brani
      musicali che hanno un legittimo proprietario
      intellettuale (compositore) E' UN FURTO! E' UN
      FURTO! E' UN FURTO! Che si voglia accettare o no
      questo semplice passaggio, che lo si voglia far
      passare per altro forse per coprire talune
      "magagne" è un altro discorso ... FURTO E' ... E
      FURTO
      RESTA!Caro Giuseppe (Mistheria?), la tua "collega" Lady Gaga, a differenza tua, le sue musiche su Youtube è ben contenta di avercele. Lei è diventata famosa anche grazie a quello. Tu? Chi ti conosce? : Magari suoni bene, ma io non ti ho mai sentito. Non ho neanche un amico che abbia un tuo disco e me lo possa passare (ah, già è un atto criminoso). Allora sai che faccio? Vado a vedere sul tubo o in quei posti che additate: magari qualcuno ha caricato "illegalmente" la tua musica e potrei scoprire che mi piace... ;) Ah no, come non detto, meglio evitare: mi dite che è un furto. :s Ho capito, va bene. Lo so: voi vorreste farmi comprare dischi a caso di gente mai sentita, visto che i miei mille euro al mese sono cifre che fanno girare la testa... e che pensate che se qualcuno mi fa sentire una musica la sto rubando (newbie) Ragazzi, siete un po' strani, non vivete nel mondo reale, dai. Nel modo in cui volete fare voi, non ti conoscerò mai e le mie orecchie e le tue musiche non si incontreranno mai. Pazienza.
      E per finire, anche qui si accetti o meno, la
      Rete senza contenuti (di cui la Musica è regina
      sovrana!) chiuderebbe immediatamente per lutto!La musica??? Il XXXXX, ragazzo, il XXXXX... :D
      Inoltre, pongo io l'ultima domanda: Sanzioni o
      non sanzioni, dove è il Rispetto per chi
      lavorando duramente (spesso con costi
      monetizzabili) realizza un'opera e che,
      oltretutto, si deve sentire coercitivamente
      obbligato a "condividerla" con gli altri e se non
      lo fa lui allora ci pensano gli altri a
      rubargliela...? (La domanda sarà certamente poco
      chiara e con qualche problema di italiano e di
      consecutio ma sicuramente e con buona volontà
      non le sarà difficile capirne il
      senso...). Ehm, più che un problema di capirne il senso, c'è una fallacia grossa come una casa :o
      PS: la Realtà va affrontata, non ironizzata e
      disprezzata per
      evitarla.La realtà va accettata, non rigirata cercando di chiamare qualcosa diversamente da ciò che è (es. "furto") o avvinghiandosi al passato per evitare i cambiamenti, perdendo il senso della realtà.
      • Giuseppe Iampieri scrive:
        Re: Una risposta ad una domanda
        Per cortesia. Allora faccia una cosa, esimio Dottor Lingua Italiana... rubi una macchina e la provi per vedere se le può piacere, vediamo cosa ne pensa il concessionario...! Di nuovo, trovera' un altro posto dove testare la marmitta!I Pink Floyd e tanti rispettabili altri musicisti, facevano musica e vendevano dischi quando Internet non si immaginava neanche ... I dischi li comperi come ho fatto io (migliaia di dischi!), anche rischiando di acquistare qualcosa di poco gradito, la prossima volta sarà piu' attento. E poi, quando un disco l'ha ascoltato avendolo rubato e le dovesse piacere, sara' cosi' ONESTO dall'acquistarlo nuovo.. come dovrebbe? Dubito profondamente.Condinuando con l'esempio della macchina, chi acquista una vettura nuova, se non si ritiene soddisfatto la vende... ma, ripeto, avendola precedentemente ACQUISTATA!Chi mi conosce? Non mi interessa. Per sua informazione io sono colui che ha lavorato (registrato) sull'ultimo disco del Sig. Bruce Dickinson, cantante degli IRON MAIDEN. E molte altre cose, ma non mi interessa davvero cosa io abbia fatto. A me interessa che anche un solo disco di un musicista qualsiasi, non solo il mio, venga LEGALMENTE acquistato, NON RUBATO!!!Se io decido di fare promozione e regalare dei brani, E' UNA MIA SCELTA, non sua e non mi fa nessun regalo o piacere rubandomi dei brani sulla Rete!Non devo assolutamente sentirmi costretto a fare quello che tutti fanno, e nemmeno costretto a diventare famoso se questo non è il mio scopo della vita. Lo scopo della mia vita è essere onesto e R-IS-P-E-T-T-A-R-E il lavoro di tutti ... TUTTI!Per finire lei si pone il problema dei SUOI 1000 euro al mese, ma non si pone quello dei MIEI centesimi che mi sottrae rubando i miei brani! Davvero interessante la sua osservazione... direi abbastanza egoista da risultare disgustante.Nella mia domanda c'era una fallaccia? Bene, l'importante che non ci sia nelle regole della mia vita e nell'onesta' di cui sono profondamente orgoglioso. Provi a chiedersi se nei suoi ragionamenti ben scritti e grammaticalmente corretti c'è altrettanta precisione nei Principi di correttezza morale e legale.Polemizzare non mi è mai piaciuto, soprattutto quando dall'altra parte ci si erge a Verita' ...Il mio pensiero è chiaro, il suo un po' meno (istigazione al furto...?) ma con questo messaggio la saluto definitivamente e chiudo qui la discussione.Cordiali saluti.
        • dont feed the troll/dovella scrive:
          Re: Una risposta ad una domanda
          - Scritto da: Giuseppe Iampieri
          Per cortesia. Allora faccia una cosa, esimio
          Dottor Lingua Italiana... rubi una macchina e la
          provi per vedere se le può piacere, vediamo cosa
          ne pensa il concessionario...! Di nuovo, trovera'
          un altro posto dove testare la
          marmitta!A parte questi continui richiami ad esperienze anali che evidentemente la colpiscono molto, lei continua a far finta di non capire, che il "furto" prevede la sottrazzione di un bene che nella duplicazione, in quanto tale, non c'è.E' incapacità logica o malafede?

          I Pink Floyd e tanti rispettabili altri
          musicisti, facevano musica e vendevano dischi
          quando Internet non si immaginava neanche ...
          Lady Gaga è uscita l'altro ieri, quando internet c'era già ed è straricca.Evidentemente la discrimine non è internet.

          Condinuando con l'esempio della macchinaE' inutile, è sbagliato.

          Chi mi conosce? Non mi interessa. Per sua
          informazione io sono colui che ha lavorato
          (registrato) sull'ultimo disco del Sig. Bruce
          Dickinson, cantante degli IRON MAIDEN.Ma Bruce Dickinson e gli Iron Maiden sono miliardari e lei invece no.Si faccia delle domande.

          Lo scopo della mia vita è essere
          onesto e R-IS-P-E-T-T-A-R-E il lavoro di tutti
          ...
          TUTTI!
          Sarà per questo che insulta e diffama dando dei ladri a destra e a manca senza averne nessun motivo.Alla faccia del rispetto.
          Per finire lei si pone il problema dei SUOI 1000
          euro al mese, ma non si pone quello dei MIEI
          centesimi che mi sottrae rubando i miei brani!Nessuno le sottrare nulla.Io per esempio non le darò mai nulla, nè un euro nè un centesimo.Semplicemente perchè credo che lei non li meriti.Il fatto che poi possa ascoltare o meno un suo brano è indifferente io non la voglio pagare e non la pagherò. Si rassegni.D'altronde sarei proprio di sapere se mai qualcuno nel mondo abbia mai copiato un suo brano: mi scusi, ma dubito fortemente.
          Il mio pensiero è chiaro, il suo un po' meno
          (istigazione al furto...?)Il suo pensiero sarà chiaro, ma la sua diffamazione sistematica è un po' meno "onesta" di quanto a lei piaccia dipingersi.Si dia una regolata.
          ma con questo
          messaggio la saluto definitivamente e chiudo qui
          la
          discussione.
          Ci mancherebbe, è tipico di chi ha argomenti deboli insultare e poi sfuggire alla discussione che non si è in grado di sostenere.
          • Franky scrive:
            Re: Una risposta ad una domanda
            - Scritto da: dont feed the troll/dovella
            - Scritto da: Giuseppe Iampieri

            Per cortesia. Allora faccia una cosa, esimio

            Dottor Lingua Italiana... rubi una macchina
            e
            la

            provi per vedere se le può piacere, vediamo
            cosa

            ne pensa il concessionario...! Di nuovo,
            trovera'

            un altro posto dove testare la

            marmitta!

            A parte questi continui richiami ad esperienze
            anali che evidentemente la colpiscono molto, lei
            continua a far finta di non capire, che il
            "furto" prevede la sottrazzione di un bene che
            nella duplicazione, in quanto tale, non
            c'è.
            E' incapacità logica o malafede?
            oltretutto io una cosa dico... supponiamo che io passi da un negozio sportivo che vende racchette...Sono con un amico, e stiamo parlando...ed il mio amico ha una racchetta in mano che ha comprato regolarmente in negozio...il mio amico mi dice "ti presto la mia racchetta cosi' domani giochi"...Lo sente il proprietario del negozio e dice "ladri....!!! siete una massa di ladri...!!!!"Noi diciamo "scusi puo' ripetere?" Siete una massa di ladri...!!! perche' il tuo amico ladro prestandoti la racchetta ha impedito a te brutto ladro di venire a comprare la racchetta da me...!!! Quindi siete due ladri...!!!" Cosa pensi che risponderei a tale individuo?E supponiamo che mio padre mi presti un libro di storia...cartaceo...nessuno dice niente...ma se mio padre mi presta un libro in formato digitale diventa un ladro perche' impedisce che io compri di nuovo un libro che abbiamo gia' a casa?Allora sapete che vi dico? Che questo e' un discorso totalmente idiota...E chi da del ladro a chi presta un'opera e' un demente!!
          • Burp scrive:
            Re: Una risposta ad una domanda
            - Scritto da: dont feed the troll/dovella

            I Pink Floyd e tanti rispettabili altri

            musicisti, facevano musica e vendevano dischi

            quando Internet non si immaginava neanche ...



            Lady Gaga è uscita l'altro ieri, quando internet
            c'era già ed è
            straricca.
            Evidentemente la discrimine non è internet.Vero e non solo: è stata proprio Internet a contribuire a fare la sua fortuna, altro che Internet il male! Internet è la più grande vetrina del mondo. La ragazza è intelligente e ha saputo sfruttare le opportunità dei nuovi mezzi, invece di buttarsi in sciocche crociate donchisciottesche :)
        • uno qualsiasi scrive:
          Re: Una risposta ad una domanda
          - Scritto da: Giuseppe Iampieri
          Per cortesia. Allora faccia una cosa, esimio
          Dottor Lingua Italiana... rubi una macchina e la
          provi per vedere se le può piacere, vediamo cosa
          ne pensa il concessionario...! Di nuovo, trovera'
          un altro posto dove testare la
          marmitta!Ok, allora ti dico: se il concessionario ha 15 auto, io entro, poi esco, e dopo che me ne sono andato il concessionario ha sempre 15 auto, si può parlare di furto? Direi proprio di no.

          I Pink Floyd e tanti rispettabili altri
          musicisti, facevano musica e vendevano dischi
          quando Internet non si immaginava neanche ...Certo: infatti, la vendita di dischi è una cosa del passato.
          I dischi li comperi come ho fatto io (migliaia di
          dischi!), anche rischiando di acquistare qualcosa
          di poco gradito, la prossima volta sarà piu'
          attento.Scordatelo. Se tu vuoi usare i sistemi obsoleti, sei libero di farlo (immagino che tu ascolti i dischi con un grammofono a manovella, se sei coerente). Ma non pretendere che lo facciano anche gli altri.
          E poi, quando un disco l'ha ascoltato
          avendolo rubato e le dovesse piacere, sara' cosi'
          ONESTO dall'acquistarlo nuovo.. come dovrebbe?Perchè mai dovrebbe? Non ha senso comprare ciò che hai già.
          Condinuando con l'esempio della macchina, chi
          acquista una vettura nuova, se non si ritiene
          soddisfatto la vende... ma, ripeto, avendola
          precedentemente
          ACQUISTATA!Ok: allora, io mi compro il tuo disco, poi ne faccio 10000 copie e le vendo. Ti va bene?
          Se io decido di fare promozione e regalare dei
          brani, E' UNA MIA SCELTA, non sua e non mi fa
          nessun regalo o piacere rubandomi dei brani sulla
          Rete!Ok: ma se qualcuno compra i tuoi brani, a quel punto è una SUA scelta se distribuirli gratis su internet o no. Li ha comprati, quindi sono SUOI.

          Non devo assolutamente sentirmi costretto a fare
          quello che tutti fanno, e nemmeno costretto a
          diventare famoso se questo non è il mio scopo
          della vita. Lo scopo della mia vita è essere
          onesto e R-IS-P-E-T-T-A-R-E il lavoro di tutti
          ...
          TUTTI!Ma se tu non lavori, non ha senso rispettare il tuo lavoro.
        • Nome il cognome un altra volta scrive:
          Re: Una risposta ad una domanda
          Quei soldi li hai già rubati prima ancora che decidessi di scaricare. Vai alla SIAE ufficio "equo compenso", i miei soldi per te sono lì. Se non te li danno, o non sono abbastanza, non è con me che devi prendertela: io ti ho pagato in anticipo. Prenditela con la SIAE.
        • Luco, giudice di linea mancato scrive:
          Re: Una risposta ad una domanda
          Che strano, hai dimenticato di andarti a leggerehttp://www.lastampa.it/_web/CMSTP/tmplrubriche/giornalisti/grubrica.asp?ID_blog=2&ID_articolo=1228oppure l'hai letto ma sei talmente stupido da non aver capito cosa c'è scritto.O magari, per citare l'autore, sei uno di quelli che pretende soldi solo per aver premuto il tasto start sulla fotocopiatrice. In questo caso sia tu che il tuo lavoro siete inutili, e quindi è giusto che non veniate pagati.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 17 luglio 2011 16.34-----------------------------------------------------------
        • Luco, giudice di linea mancato scrive:
          Re: Una risposta ad una domanda
          - Scritto da: Giuseppe Iampieri
          Per cortesia. Allora faccia una cosa, esimio
          Dottor Lingua Italiana... rubi una macchina e la
          provi per vedere se le può piacere, vediamo cosa
          ne pensa il concessionario...!Non il concessionario, ma il proprietario dell'auto la mette di sua spontanea volontà in un <b
          <u
          replicatore di materia </u
          </b
          e permette a tutti di avere le copie dell'auto, adesso sia lui che noi possiamo guidarci l'auto. Chi l'ha pagata continua ad averla.http://it.wikipedia.org/wiki/Replicatore_%28Star_Trek%29
        • gerry scrive:
          Re: Una risposta ad una domanda
          - Scritto da: Giuseppe Iampieri
          I dischi li comperi come ho fatto io (migliaia di
          dischi!), anche rischiando di acquistare qualcosa
          di poco gradito, la prossima volta sarà piu'
          attento. No, è qui che il tuo ego di artista ti frega.Solo perché tu compri migliaia di dischi non vuol dire che tutti farebbero altrettanto, anzi direi che il consumatore medio compra proprio poco.Il consumatore finisce per prendere quello che passa la radio, cioè quello che pompano gratis.Te non ti pomperebbe gratis nessuno e finiresti comunque per prendere 0. Non perché la gente ti ruberebbe i dischi ma perché non ti si filerebbe nessuno.
          E poi, quando un disco l'ha ascoltato
          avendolo rubato e le dovesse piacere, sara' cosi'
          ONESTO dall'acquistarlo nuovo.. come dovrebbe?
          Dubito
          profondamente.Questo è vero, ma perchè non lavorare su questo fronte invece di darsi subito per vinti e sparare a vista?
          Nella mia domanda c'era una fallaccia? Bene,
          l'importante che non ci sia nelle regole della
          mia vita e nell'onesta' di cui sono profondamente
          orgoglioso. Provi a chiedersi se nei suoi
          ragionamenti ben scritti e grammaticalmente
          corretti c'è altrettanta precisione nei Principi
          di correttezza morale e
          legale. <i
          Le fallacie sono errori nascosti nel ragionamento che comportano la violazione delle regole di un confronto argomentativo corretto. </i
          http://it.wikipedia.org/wiki/FallaciaDa un musicista par suo ci si aspetterebbe un minimo di cultura, o quantomeno il tentativo di documentarsi. :
        • Pinco Pallino scrive:
          Re: Una risposta ad una domanda
          Vedo che Lei ha voluto rispondere a una posizione radicale e ha omesso di rispondere alle piu' difficilmente discutibili posizioni di giustizia e ragionevolezza di altri post, che peraltro riprendono sostanzialmente quanto scritto nell'ottimo articolo.Strategia efficace dal punto di vista dialettico, che pero' ovviamente non aggiunge nulla all'assenza di argomenti ragionevoli per giustificare l'Iniquo Balzello e il conferimento di poteri straordinari di Giudizio all'AGCOM.Non posso allora che riagganciarmi qui'....- Scritto da: Giuseppe Iampieri
          I dischi li comperi come ho fatto io (migliaia di
          dischi!), anche rischiando di acquistare qualcosa
          di poco gradito, la prossima volta sarà piu'
          attento.Ma no... questo rischio non si corre piu' perche' adesso esiste Internet, e anche in modo del tutto legale si puo' ascoltare una preview di un minuto dei brani su iTunes e poi decidere.Ho provato ad ascoltarne alcuni suoi, e tutto mi e' molto piu' chiaro: alcuni "artisti" hanno assoluto bisogno dell'iniquo balzello e della distribuzione a pioggia delle tasse imposte dalla SIAE per campare.Lo capisco, non lo condivido ma lo capisco.A.
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: Una risposta ad una domanda
            - Scritto da: Pinco Pallino
            Ho provato ad ascoltarne alcuni suoi, e tutto mi
            e' molto piu' chiaroEcco hai fatto venire la curiosità anche a me e ne ho ascoltato i samples...si sono chiarite molte cose.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Una risposta ad una domanda
            Posso ascolarli pure io questi "simple" ? Mi è venuta la curiorità... oppure è come per le fantomatiche foto di pepito ? :D
          • Pinco Pallino scrive:
            Re: Una risposta ad una domanda
            Stica... questo e' un genio.Non era una trollata, era un'operazione di marketing :-DSenza sto post ce lo saremmo ipodefecato tangenzialmente tutti.....A.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 18 luglio 2011 07.12-----------------------------------------------------------
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: Una risposta ad una domanda
            - Scritto da: Sgabbio
            Posso ascolarli pure io questi "simple" ? Mi è
            venuta la curiorità... oppure è come per le
            fantomatiche foto di pepito ?
            :DItunes o anche altre piattaforme di vendita online di brani.I brani li vendono a circa 14/15 centesimi di dollaro l'uno, no giusto per farsi una idea del valore.
          • Scuido Gorza scrive:
            Re: Una risposta ad una domanda
            - Scritto da: Sgabbio
            Posso ascolarli pure io questi "simple" ? Mi è
            venuta la curiorità... oppure è come per le
            fantomatiche foto di pepito ?
            :Dhttp://www.mistheria.com/demoaudio.cfm
          • Riketto scrive:
            Re: Una risposta ad una domanda
            volevo all'inizio tenere per me le mie onsiderazioni...ho ascoltato pure io e mi e' immediatamente venuto in mente "il suono di Ross" di Friends...(senza offesa, ovviamente, de gustibus non disputandum est)
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: Una risposta ad una domanda
            - Scritto da: Riketto
            volevo all'inizio tenere per me le mie
            onsiderazioni...
            ho ascoltato pure io e mi e' immediatamente
            venuto in mente "il suono di Ross" di
            Friends...Ma anche lol.
            (senza offesa, ovviamente, de gustibus non
            disputandum
            est)(eh a Phoebe piaceva, il suono di Ross)
        • Joe Tornado scrive:
          Re: Una risposta ad una domanda

          I dischi li comperi come ho fatto io (migliaia di
          dischi!)Io ne ho comprati quasi un centinaio in tutta la mia vita ... la gran parte dopo averli ascoltati non originali, anche dopo anni., anche rischiando di acquistare qualcosa
          di poco gradito, la prossima volta sarà piu'
          attento.Vi piacerebbe, eh ... invece con il P2P ciò che è "poco gradito" rimane a marcire sugli scaffali ! E poi, quando un disco l'ha ascoltato
          avendolo rubato e le dovesse piacere, sara' cosi'
          ONESTO dall'acquistarlo nuovo.. come dovrebbe?
          Dubito
          profondamente.Fai male ! Al di là del sottoscritto, conosco un bel po' di gente che, in proporzione alle proprie capacità contributive acquista opere originali. Certo, non si tratta di spazzatura !
          Condinuando con l'esempio della macchina ...Basta, sei nauseante ...
        • FDG scrive:
          Re: Una risposta ad una domanda
          - Scritto da: Giuseppe Iampieri
          Per cortesia. Allora faccia una cosa, esimio
          Dottor Lingua Italiana... rubi una macchina e la
          provi per vedere se le può piacere...Esempio sbagliato: i concessionari te la fanno provare. Detto questo, la macchina non può essere duplicata sul proprio computer. Se dovete combattere un "nemico", almeno cercate di conoscerlo e smettetela di fare paragoni assurdi.Come il precedente commentatore, la prima cosa che ho fatto è cercare su google il suo nome. Non ha manco un sito attraverso cui promuovere la Sua attività. Nel mondo digitale e interconnesso pretende di essere qualcuno così? Pretende che io compri a scatola chiusa? Che magari Lei è un artista promosso sulle radio nazionali? Ne dubito! E quale mezzo migliore di farsi conoscere se non la rete?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 18 luglio 2011 10.10-----------------------------------------------------------
        • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
          Re: Una risposta ad una domanda

          rubi una macchina e la provi per vedere se le può piacerehttp://www.torrentfreak.com/piracy-is-theft-ridiXXXXus-lost-sales-they-dont-exist-says-minecraft-creator-110303 <b
          Piracy is Theft? RidiXXXXus. Lost Sales? They Don't Exist, Says Minecraft Creator </b
          ..Piracy is not theft. If you steal a car, the original is lost. If you copy a game, there are simply more of them in the world...[img]http://jeremygohblog.com/wp-content/uploads/2010/11/wpid-tumblr_l9z3t8oCbJ1qzl2uzo1_500.jpg[/img]
          • FDG scrive:
            Re: Una risposta ad una domanda
            - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT

            rubi una macchina e la provi per vedere se
            le può piacere

            http://www.torrentfreak.com/piracy-is-theft-ridicu
            <b
            Piracy is Theft? RidiXXXXus. Lost
            Sales? They Don't Exist, Says Minecraft Creator
            </b


            ..Piracy is not theft. If you steal a car, the
            original is lost. If you copy a game, there are
            simply more of them in the
            world...

            [img]http://jeremygohblog.com/wp-content/uploads/2E non m'aspettavo altro da Notch :)Ma del resto, l'industria del software ha imparato e sa bene cos'è la pirateria, come si combatte realmente e come la si può sfruttare :)
        • aracosta scrive:
          Re: Una risposta ad una domanda
          - Scritto da: Giuseppe Iampieri
          Per cortesia. Allora faccia una cosa, esimio
          Dottor Lingua Italiana... rubi una macchina e la
          provi per vedere se le può piacere, vediamo cosa
          ne pensa il concessionario...! Di nuovo, trovera'
          un altro posto dove testare la
          marmitta!
          Io vado dal concessionario e gli chiedo di provare la macchina.Se me la fà provare e mi piace la compro, altrimenti non la compro. Semplicissimo.Anni fa' (molti) un amico mi fece una compilation di pezzi dei Van Halen su cassetta. In questo modo li conobbi ed in seguito comprai quasi tutti i loro dischi. Ci hanno guadagnato o perso per quella cassetta con pezzi copiati ?Oggi la gente non compra sulla fiducia, visto che spesso è malriposta, con CD che contengono 1 pezzo valido che viene sempre ripetuto per radio e tv e 10, 15 pezzi che fanno schifo giusto per poter riempire lo spazio.
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Una risposta ad una domanda
            - Scritto da: aracosta
            Anni fa' (molti) un amico mi fece una compilation
            di pezzi dei Van Halen su cassetta. In questo
            modo li conobbi ed in seguito comprai quasi tutti
            i loro dischi. Ci hanno guadagnato o perso per
            quella cassetta con pezzi copiati ?L'unico pezzo che mi piace davvero è "Jump". Ne hai qualcun altro da consigliare sullo stesso tipo?
          • pubblicare scrive:
            Re: Una risposta ad una domanda
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
            - Scritto da: aracosta

            Anni fa' (molti) un amico mi fece una
            compilation

            di pezzi dei Van Halen su cassetta. In questo

            modo li conobbi ed in seguito comprai quasi
            tutti

            i loro dischi. Ci hanno guadagnato o perso
            per

            quella cassetta con pezzi copiati ?

            L'unico pezzo che mi piace davvero è "Jump". Ne
            hai qualcun altro da consigliare sullo stesso
            tipo?Ain't Talkin' 'Bout LovePanamaRunnin' With the DevilHot For TeacherIn generale, le cose dell'era con David Lee Roth alla voce (fino al 1985)... da evitare, invece (a parte proprio rarissimi casi), le cose dell'era con Sammy Hagar (e non solo per colpa di Sammy Hagar: proprio tutto il gruppo era molto meno ispirato).
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Una risposta ad una domanda
            - Scritto da: pubblicare
            - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato

            - Scritto da: aracosta


            Anni fa' (molti) un amico mi fece una

            compilation


            di pezzi dei Van Halen su cassetta. In
            questo


            modo li conobbi ed in seguito comprai
            quasi

            tutti


            i loro dischi. Ci hanno guadagnato o
            perso

            per


            quella cassetta con pezzi copiati ?



            L'unico pezzo che mi piace davvero è "Jump".
            Ne

            hai qualcun altro da consigliare sullo stesso

            tipo?

            Ain't Talkin' 'Bout Love
            Panama
            Runnin' With the Devil
            Hot For Teacher

            In generale, le cose dell'era con David Lee Roth
            alla voce (fino al 1985)... da evitare, invece (a
            parte proprio rarissimi casi), le cose dell'era
            con Sammy Hagar (e non solo per colpa di Sammy
            Hagar: proprio tutto il gruppo era molto meno
            ispirato).Grazie.
      • Healty scrive:
        Re: Una risposta ad una domanda
        Si, sembra proprio che sia Mistheria .-. ok, magari tanto sconosciuto non è XD
    • dont feed the troll/dovella scrive:
      Re: Una risposta ad una domanda
      - Scritto da: Giuseppe IampieriEh amico mio, se non riesci a campare della tua musica, evidnetemente non deve essere al livello di chi invece ci è diventato megamiliardario.Potresti sempre andare a lavorare, miliardi di persone al mondo lo fanno.
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: Una risposta ad una domanda

      quale musicista professionista che lotta ogni
      giorno contro furti di contenuti propri (CD)Ti entrano in casa e ti portano via i cd?Perchè il furto di CD può essere solo quello.
      realizzati a seguito di oltre 30 anni di studi e
      lavoro nella musica e che lotta quotidianamente
      per racimolare centesimi e sopravvivere, trovo
      davvero INGRATO ironizzare e continuamente
      polemizzare su una tematica tanto semplice: la
      messa in rete illegalmente di uno o piu' brani
      musicali che hanno un legittimo proprietario
      intellettuale (compositore) E' UN FURTO! E' UN
      FURTO! E' UN FURTO!No, non lo è.Chi è stato a mettere in rete i brani realizzati da te? Come faceva, lui, ad averli?Per caso, era uno che aveva comprato i tuoi brani? Perchè, se li aveva COMPRATI, ora quei brani erano SUOI. Non appartenevano più a te. E quindi, poteva farne ciò che voleva, incluso metterli online.
      E per finire, anche qui si accetti o meno, la
      Rete senza contenuti (di cui la Musica è regina
      sovrana!) chiuderebbe immediatamente per lutto!I "contenuti" non esistono. Esistono i dati.
      Inoltre, pongo io l'ultima domanda: Sanzioni o
      non sanzioni, dove è il Rispetto per chi
      lavorando duramente (spesso con costi
      monetizzabili) realizza un'opera e che,
      oltretutto, si deve sentire coercitivamente
      obbligato a "condividerla" con gli altri e se non
      lo fa lui allora ci pensano gli altri a
      rubargliela...?Rubargliela? Se tu eviti di pubblicare un brano, ti entra forse qualcuno in casa a prendertelo con la forza? Non credo.Se invece, dopo aver VENDUTO un'opera, ti permetti di affermare che appartiene sempre a te, non meriti rispetto.
    • Joe Tornado scrive:
      Re: Una risposta ad una domanda
      Giusè, sarò rapido .. è tardi ed ho sonno, e dal tenore delle risposte che dai è evidente che non meriti tanto impegno ...Immagino che ti piacerebbe voler vivacchiare di diritti d'autore, lavorando una volta e guadagnando sempre; ma non è da tutti. Lascia perdere, evidentemente la tua "arte" non te lo consente, se non accetti che sia condivisa tienitela per te e vattene a lavorare sul serio.
    • panda rossa scrive:
      Re: Una risposta ad una domanda
      - Scritto da: Giuseppe Iampieri
      la
      messa in rete illegalmente di uno o piu' brani
      musicali che hanno un legittimo proprietario
      intellettuale (compositore) E' UN FURTO! E' UN
      FURTO! E' UN FURTO! Che si voglia accettare o no
      questo semplice passaggio, che lo si voglia far
      passare per altro forse per coprire talune
      "magagne" è un altro discorso ... FURTO E' ... E
      FURTO
      RESTA!Iampie' ciai proprio raggione, sai!Fatte 'na bella assicurazione furto-incendio e passa la paura!
    • FDG scrive:
      Re: Una risposta ad una domanda
      - Scritto da: Giuseppe IampieriSempre pallottole spuntate. Mai nessuno in grado di argomentarsi. :-o
    • Funz scrive:
      Re: Una risposta ad una domanda
      Vede, caro sig. Giuseppe, siete già morti ma ancora non ve ne siete accorti.
    • hermanhesse scrive:
      Re: Una risposta ad una domanda
      - Scritto da: Giuseppe Iampieri
      Gentile Sig. Scorza,

      quale musicista professionista che lotta ogni
      giorno contro furti di contenuti propri (CD)Ti rubano FISICAMENTE i CD???
      realizzati a seguito di oltre 30 anni di studi e
      lavoro nella musica e che lotta quotidianamente
      per racimolare centesimi e sopravvivere, Cambiare lavoro. Come ho fatto io.
      trovo
      davvero INGRATO ironizzare e continuamente
      polemizzare su una tematica tanto semplice: la
      messa in rete illegalmente di uno o piu' brani
      musicali che hanno un legittimo proprietario
      intellettuale (compositore) E' UN FURTO! E' UN
      FURTO! E' UN FURTO! No, è il sistema di business che deve essere cambiato.Altrimenti tutti i pensionati che vendevano ghiaccio durante la guerra dovrebbero fare causa alle varie aziende che commerciano frigoriferi.
      Che si voglia accettare o no
      questo semplice passaggio, che lo si voglia far
      passare per altro forse per coprire talune
      "magagne" è un altro discorso ... FURTO E' ... E
      FURTO
      RESTA!Mi dispiace, io non scarico contenuti illegali, ma non sono d'accordo con te.

      L'esempio, sempre lo stesso (lo chiami ingenuo ma
      per cortesia abbia rispetto e non definisca
      "ragazzini" quegli artisti che la fanno divertire
      quando accende la radio in macchina o mentre è in
      vacanza o in ufficio o mentre guarda la TV o
      ascolta musica su internet) resta quello di
      entrare in frutteria è rubare una mela ... le
      suggerisco di non farsi scoprire dal negoziante
      perchè lui avrebbe di sicuro un bel posto dove
      riporre quella mela! Sottrai della merce. Questo è furto.Sottrarre una copia non è la stessa cosa.
      E per chi ruba, si sa quali
      sono le stanze in cui si dovrebbe passare i
      propri giorni a venire
      ...Sotto terra, come tutti?

      E per finire, anche qui si accetti o meno, la
      Rete senza contenuti (di cui la Musica è regina
      sovrana!) chiuderebbe immediatamente per lutto!Beh, forse ci sarebbero molto meno bimbiminkia. Però la pubblicità che ti fai sulla rete senza spendere un fa comodo, vero? ANCHE QUELLA CHE TI STAI FACENDO IN QUESTO ISTANTE, mio caro tastierista.


      Inoltre, pongo io l'ultima domanda: Sanzioni o
      non sanzioni, dove è il Rispetto per chi
      lavorando duramente (spesso con costi
      monetizzabili) realizza un'opera e che,
      oltretutto, si deve sentire coercitivamente
      obbligato a "condividerla" con gli altri e se non
      lo fa lui allora ci pensano gli altri a
      rubargliela...? Io mi chiedo dov'è il rispetto per chi lavora in catena di montaggio alla FIAT.
      (La domanda sarà certamente poco
      chiara e con qualche problema di italiano e di
      consecutio ma sicuramente e con buona volontà
      non le sarà difficile capirne il
      senso...).In effetti si capisce.

      PS: la Realtà va affrontata, non ironizzata e
      disprezzata per
      evitarla.Bene: la realtà è che su internet viaggiano canzoni a destra e a manca. E che con nessun provvedimento di legge sarà mai impossibile proibire questa pratica.Ora, fai un po' tu...
      • hermanhesse scrive:
        Re: Una risposta ad una domanda
        Inoltre ti vorrei dire:http://www.mistheriakademy.net/addservice/recordingQuesto fa comodo, a quanto sembra. Ad esempio ti potrei chiamare a registrare un solo nel mio prossimo CD.Grazie ad Internet. Senza intermediari. 99 + spese?
  • paoloholzl scrive:
    'Free Software in Free World' risponde
    Ecco la risposta in copia-incolla dal mio blog ...LAGCOM pone delle domande sui diritti dautore alle quali rispondo volentieri.1. Perché il diritto dautore, che fuori dalla rete è riconosciuto, in rete non deve essere remunerato?Fuori rete la gente compra un oggetto fisico (un libro ad esempio), che si porta dietro delle regole, se dovesse pagare separatamente il libro dai suoi diritti non so quanti sarebbero disposti a pagarli.Attenzione le regole del libro fisico spesso sono migliori di quelle dell EBook su Internet, il libro se voglio lo regalo, me ne faccio una fotocopia casomai si rovinassero alcune parti, non mi sparisce dalle mani per un guasto informatico o un problema tecnico di chi me lo ha venduto.2. Perché coloro che criticano il provvedimento AGCOM non criticano anzitutto il furto della proprietà intellettuale? Perché impedire la messa in rete di proprietà intellettuale acquisita illegalmente dovrebbe essere considerata una forma di censura?E giusto perseguire chi ha fatto la prima copia e lha messa in rete.E ingiusto perseguire chi la copia in rete se la scambia, in quanto una volta in rete diventa inevitabilmente parte del sapere comune.Se qualcuno divulga un segreto é perseguibile, ma tutti quelli che ora lo conoscono no.3. Perché dovrebbe risultare ingiusto colpire chi illegalmente sfrutta il lavoro degli altri?Certo che é giusto colpirlo, ma di che lavoro stiamo parlando?Se fai un concerto la gente paga lingresso, la donna delle pulizie e lorchestrale, poi magari si compra il DVD del concerto.Ed é giusto far pagare tutto questo.Nella tua sala hai diritto di vietare riprese con telecamera o altro, ci sono i tuoi addetti alla sorveglianza che giustamente applicano le regole che accetti allingresso.Se uno riesce a filmarti la serata perché non sei riuscito a proteggerti e mette i contenuti in rete, se lo individui é giusto tu possa perseguirlo.Ma chi copia in rete il contenuto postato non sente di compiere un illecito perché attinge da quello che é divenuto patrimonio comune.E ingiusto chiedere alla collettività di far pagare la pretesa di diritti su ciò che é inevitabilmente divenuto sapere comune.4. Perché si ritiene giusto pagare la connessione della rete, che non è mai gratis, ed ingiusto pagare i contenuti? E perché non ci si chiede cosa sarebbe la rete senza i contenuti?Perché i contenuti sono il sapere umano, il sapere é sempre esistito, prima del Copyright, dei brevetti, di Internet e di tutto il resto.In fondo non sto scrivendo dei contenuti pure io in questo momento.Se i vostri contenuti non volete si diffondano non usate Internet, ma alla fine ci rientreranno ugualmente, alla fine tutto diventa inevitabilmente parte del sapere comune.5. Perché il diritto allequo compenso viene strumentalmente, da alcuni, chiamato tassa? Perché non sono chiamate tasse i compensi di medici, ingegneri, avvocati, meccanici, idraulici, ecc.?Perché tutti trovano giusto pagare lacquisto di un bene o di un servizio (compreso lacXXXXX a un concerto), ma non sono disposti a pagare la conoscenza e il sapere comune.In pratica un file non può portarsi dietro una tassa, la gente comune lo percepisce come ingiusto.6. Perché Internet, che per molte imprese rappresenta una opportunità di lavoro, per gli autori e gli editori deve rappresentare un pericolo?Erano un pericolo le audiocassette per i venditori di fonografi, i CD per quelli di audiocassette, i DVD per i venditori di CD ecc.Si chiama progresso, i tempi cambiano, se non cambi il tuo lavoro sparirà.7. Perché nessuno si chiede a tutela di quali interessi si vuole creare questa contrapposizione (che semplicemente non esiste) tra autori e produttori di contenuti e utenti?Perché lutente é contento che lautore produca i contenuti, paga i concerti, magari compra i CD, ascolta la musica (anche copiata magari in formato mp3), fino a qui contrapposizioni non se ne vedono.Poi un giorno arriva lAGCOM, che probabilmente non é mai andata in una scuola media dove su 100 telefonini 99 contengono file mp3 senza licenza (uno no perché non sa come si usa), e dice che é illegale.Sempre la stessa frase stracitata di Churchill, Se tre persone fumano sotto il cartello divieto di fumare gli fai la multa.Se trenta persone fumano sotto il cartello divieto di fumare chiedi loro di spostarsi. Se trecento persone fumano sotto il cartello divieto di fumare togli il cartello.8. Perché dovremmo essere contro la libertà dei consumatori? Ma quale libertà? Quella di scegliere cosa acquistare ad un prezzo equo o quella di usufruirne gratis (free syndrome) solo perché qualcuno che lha rubata te la mette a disposizione?Perché Internet é oggi il magazzino della conoscenza, quello che ci finisce dentro, comunque ci arrivi, arricchisce tutti e questa é lunica cosa che a tutti interessa.Il termine rubare é inappropriato, uno ti ruba lauto tu resti senza e lui ne ha una rubata, se uno ti copia un file tu hai sempre il tuo e lui ne ha uno uguale.Il sapere si diffonde così, si impara dagli altri, non si ruba il sapere degli altri.9. Perché nessuno dice che lindustria della cultura occupa in Italia quasi mezzo milione di lavoratori e le società over the top al massimo qualche decina? E perché chi accusa lindustria culturale di essere in grave ritardo sulla offerta legale di contenuti, poi vuole sottrarci quelle risorse necessarie per continuare a lavorare e dare lavoro e per investire sulle nuove tecnologie e sul futuro?Ricavarsi lo spazio nel mercato richiede abilità anche perché il mercato cambia.Potete organizzare manifestazioni, concerti, giocare sulle sponsorizzazioni, creare contenuti di qualità dandoli a un prezzo equo che renda svantaggioso lo scaricamento da Internet.Mal che vada venderete piadine alluscita dai concerti!Oppure continuerete a combattere nella boscaglia quando la guerra é finita da un pezzo.10.Perché, secondo alcuni, non abbiamo il diritto di difendere il frutto del nostro lavoro, non possiamo avere pari dignità e dobbiamo continuare a essere figli di un Dio minore?Perché siete coloro che possono governare la transizione verso un libero sapere, la gente non ha nai ascoltato tanta musica e fruito di tanti contenuti multimediali come oggi.E vede un gruppo che si lamenta che non vende più i fonografi.Putroppo il mondo cambia e se non cambiate pure voi finirete inevitabilmente travolti e tutti continueranno a guardarvi come figli di un Dio minore.
    • Sgabbio scrive:
      Re: 'Free Software in Free World' risponde
      siae non agcom :D
      • paoloholzl scrive:
        Re: 'Free Software in Free World' risponde
        - Scritto da: Sgabbio
        siae non agcom :DAnche la SIAE senza dubbio, ma la risposta é a AGCOM (che fa sue le logiche della SIAE)
  • Un lettore scrive:
    LA SIAE E GLI ARTISTI
    http://punto-informatico.it/195201/PI/News/siae-vuole-soldi-sito-chiude-mp3.aspxPer chi non se lo ricordasse...
    • dalek scrive:
      Re: LA SIAE E GLI ARTISTI
      agli artisti musicali spetta di diritto il 50% dell'incasso fatto dalla siaee non il 2% come è sempre stato fino ad ora
  • Zerotol scrive:
    soldini
    Il problema è il mantenimento del proprio carrozzone, infatti, come per le Provincie, gli amici degli amici trovano un posto di lavoro, e ben pagato, alla Siae.Credo che la Siae debba essere sciolta e ricostruita con quattro persone, anzi tre, sicuramente basteranno.Grazie per l'ospitalità.
  • ellorenz scrive:
    Ulteriori considerazioni
    Egregio dott. Scorza sono completamente d'accordo con lei. La S.I.A.E. e chi di fatto ha sottoscritto le 10 domande da essa poste non si rende conto che il nocciolo della questione non è tanto nel concetto di tutela del diritto d'autore ma nella modalità in cui esso viene tutelato. C'è da aggiungere inoltre non trovo tollerante l'argomentazione a riguardo degli investimenti sulle nuove tecnologie e che denotano mancanza di un iniziativa che non partì nemmeno al momento opportuno ovvero almeno circa 5 anni or sono. Vorrei anche aggiungere una nota di bisasimo per tutte le così dette "major" che hanno sempre avuto un comportamento di monopolismo e che secondo me sono state in un certo senso "drogate" economicamente in un periodo in cui la distribuzione della musica poteva essere solo che verticale, vivendo così quella che io considero una "bolla speculativa" e adesso siamo in periodo di contrazione e loro non riescono ad accettarlo e ad adattarsi. Come d'altronde trovo addirittura fastidioso che la SIAE ponga i suoi quesiti con i sottoscrittori e non lasci il permesso di postare risposte, anche moderate, da parte della gente.
  • Paolo P. scrive:
    bloccare i contenuti su internet....
    .. è come pretendere di far pagare un biglietto per i fuochi d'artificio
    • Sbino D scrive:
      Re: bloccare i contenuti su internet....
      Guarda che per l'aria già paghiamo, vedi i vari ecopass a livello locale e le "quote" verdi a livello mondiale.
      • Luco, giudice di linea mancato scrive:
        Re: bloccare i contenuti su internet....
        - Scritto da: Sbino D
        Guarda che per l'aria già paghiamo, vedi i vari
        ecopass a livello locale e le "quote" verdi a
        livello mondiale.Quindi non paghiamo per l'aria, ma paghiamo perché la sporchiamo.
  • collione scrive:
    stupendo articolo
    esattamente le stesse cose che scrissi anch'ioevidentemente le risposte alle domande sciocche di SIAE sono ovvie per chi è dotato di materia cerebrale funzionanteè evidente a questo punto che SIAE e i suoi compari sono palesemente in malafede e, in pieno stile ita(g)liano, difendono qualcosa che sanno essere indifendibile ma con l'arroganza di chi sa che la spunterà perchè il disprezzo dei diritti del cittadino nel nostro Paese regna sovrano
  • mela marcia doc scrive:
    Il nemico numero uno non è la pirateria
    ... sono i mercatini dell'usato: <<Nonostante i numeri promettenti, il fronte degli sviluppatori è quanto mai compatto contro il mercato dell'usato. Secondo Mike West, designer di Lionhead Studios, "attualmente la pirateria è un problema di portata minore rispetto alla compravendita dell'usato", che a lungo termine causa perdite più ingenti per il settore.

    http://www.repubblica.it/tecnologia/2011/07/14/news/psn_pass_videogiochi_usato-19115908/?ref=HREC2-12Questo dovrebbe fer riflettere.Già ora sono tanti i giochi che vengono abbinati a chiavi monouso.Ad esempio per gli ultimi 2 assassin's creed per PC, a meno che tu non ceda anche il tuo account Ubisoft, non li puoi rivendere.
    • Sgabbio scrive:
      Re: Il nemico numero uno non è la pirateria
      Per non parlare dell'ultimo mortal kombat, devi pagare 10 euro per avere una chiave che ti permette di giocare online...pure i DLC legati all'utente....
    • Riketto scrive:
      Re: Il nemico numero uno non è la pirateria
      poverini...hanno la crisi, loro...IN MINIERA DI URANIO A LAVORARE!!!!!Se voglio una macchina e non ho soldi per la nuova me la prendo usata.Se ho bisogno dun un frigo cerco un'occasione.Se cerco una casa e' quasi sempre usata..Ma i giuochi no, i giuochi devono essere sempre nuovi, anche se poi li passo a mio figlio...sai, loro hanno la crisi, loro ci rimettono soldi, non possono cambiarsi lo iòt ogni stagione...pero' noi escrementi umani dobbiamo far quadrare tutto com 1000 euro al mese, con un mutuo, con debiti, con bollette assurde, con il fisco modello contea di Hazard, con una tassazione che cala cala, ma sempre va su, con un... piove... sapete che intendo..i giuochi devono essere sempre nuovi? va bene, si sta poco a non comprarli, tanto gia' per comperarne uno usato bisogna fare sacrifici folli (e saltare spesso i pasti)
      • Sgabbio scrive:
        Re: Il nemico numero uno non è la pirateria
        per comprare un gioco usato, devi saltare i pasti ?Non siamo ancora a quei livelli...
    • Pinco Pallino scrive:
      Re: Il nemico numero uno non è la pirateria
      Uh behSe compri uno switch o un router di Cisco la licenza del firmware e' "non trasferibile".Vuol dire che se dopo un mese rivendi il router usato chi lo compra per essere in regole dovrebbe ricomprare la licenza da Cisco... quanto costa ? Quanto un router nuovo.A.
    • Sbino D scrive:
      Re: Il nemico numero uno non è la pirateria
      Allora direi pure che non posso comprarmi un'auto usata senza "acquisire" l'identità del venditore sennò "ammazzo" il mercato, vero?
    • FDG scrive:
      Re: Il nemico numero uno non è la pirateria
      - Scritto da: mela marcia doc
      ... sono i mercatini dell'usato:Un solo commento: pezzi di XXXXX.
    • Funz scrive:
      Re: Il nemico numero uno non è la pirateria
      - Scritto da: mela marcia doc
      ... sono i mercatini dell'usato:

      <<Nonostante i numeri promettenti, il
      fronte degli sviluppatori è quanto mai compatto
      contro il mercato dell'usato. Secondo Mike West,
      designer di Lionhead Studios, "attualmente la
      pirateria è un problema di portata minore
      rispetto alla compravendita dell'usato", che a
      lungo termine causa perdite più ingenti per il
      settore.




      http://www.repubblica.it/tecnologia/2011/07/14/newQuesti non provengono dal nostro stesso pianeta, forse nemmeno dalla stessa galassia...
      Questo dovrebbe fer riflettere.
      Già ora sono tanti i giochi che vengono abbinati
      a chiavi
      monouso.
      Ad esempio per gli ultimi 2 assassin's creed per
      PC, a meno che tu non ceda anche il tuo account
      Ubisoft, non li puoi
      rivendere.Assurdo. Posso capire cose tipo Steam, che uso, dove c'è esclusivamente la versione digitale, ma per un gioco comprato con scatola e disco no, assolutamente.Aggiungiamo poi l'obbligo di essere sempre online per poter giocare... finché non levano st'obbrobrio non comprerò mai più nulla da Ubisoft. E dire che ero loro cliente affezionato.
    • dalek scrive:
      Re: Il nemico numero uno non è la pirateria
      come mai un cd musicale con tanto di bollino siae, al negozio costa 25 euro e al mercatino lo stesso cd originale con tanto di bollino siae costa 3 euro?il primo con l'iva - il secondo senza l'iva.....
  • prima o poi scrive:
    Prima o poi ..
    http://punto-informatico.it/3206779/PI/News/spagna-pioggia-arresti-sul-diritto-autore.aspx
    • FDG scrive:
      Re: Prima o poi ..
      - Scritto da: prima o poi
      http://punto-informatico.it/3206779/PI/News/spagnaCioè, in Italia non sono in grado di fare di meglio? :D
  • gerry scrive:
    11ma domanda
    11) Perchè in SIAE non hanno un webmaster capace di impaginare un testo? I pirati li stanno rovinando così tanto che non possono permettersene uno?
    • panda rossa scrive:
      Re: 11ma domanda
      - Scritto da: gerry
      11) Perchè in SIAE non hanno un webmaster capace
      di impaginare un testo? I pirati li stanno
      rovinando così tanto che non possono
      permettersene
      uno?http://punto-informatico.it/3096369/PI/News/siae-ora-del-commissariamento.aspxultima riga.
    • say no scrive:
      Re: 11ma domanda
      - Scritto da: gerry
      11) Perchè in SIAE non hanno un webmaster capace
      di impaginare un testo? I pirati li stanno
      rovinando così tanto che non possono
      permettersene uno?aha hahhahhhpoco va vedendo il sito di questa gente ho pensato la stessa cosa...un sito che sembra peraltro essere perfettamente in linea con le "produzioni artistiche" di cui questi signori sono capaci...
    • pasta e fagioli scrive:
      Re: 11ma domanda
      - Scritto da: gerry
      11) Perchè in SIAE non hanno un webmaster capace
      di impaginare un testo? I pirati li stanno
      rovinando così tanto che non possono
      permettersene
      uno?Webmaster? Ma un bambino di 8 anni riuscirebbe a impaginare meglio di quell'obbobrio illeggibile che hanno messo insieme. Si capisce perché vogliono vivere di balzelli sulla gente comune... perché non sarebbero capaci di svolgere nessun lavoro.
    • collione scrive:
      Re: 11ma domanda
      e il bello è che magari quel webmaster guadagna 30000 euro al mese :'(
    • Picchiatell o scrive:
      Re: 11ma domanda
      - Scritto da: gerry
      11) Perchè in SIAE non hanno un webmaster capace
      di impaginare un testo? I pirati li stanno
      rovinando così tanto che non possono
      permettersene
      uno? in ogni altro paese democratico e non la SIAE con il suo bilancio in perdita netta da sempre sarebbe gia' fallita da tempo...
    • dalek scrive:
      Re: 11ma domanda
      sbagliato!!!!sono troppo impegnasti a contare i soldi - non hanno tempo di fare altre cose....
  • ospite scrive:
    Semplicemente meraviglioso !!!
    Dieci risposte semplicemente meravigliose, non posso che fare i complimenti all'autore. Un grande!
  • panda rossa scrive:
    Diecu domande (di Mogol, Battisti)
    Ho visto un uomoche moriva per doloreNe ho visto un altroche piu' lacrime non ha.Nessun pirata mai,ti puo' ferir di piu'di una grande renditache non c'e' piu'...Dieci domande per meposson bastare!Dieci domande per mevoglio dimenticare.Una la voglio perche'sa ben scaricare,una la voglio perche'ancor non sa cosa vuol dir "rubare".Una soltanto perche'hanno risposto tutti tranne me,dieci domande cosi'a cui rispoder solo con si'!Vorrei sapere chi ha dettoche non si scarica piu' senza te.matto!quello e' proprio matto perche'forse non sache posso avere un proxyper il giornounoper la serapero' quel matto mi conosceperche' ha detto una cosa vera!dieci domande per me!dieci domande per me!dieci domande per me!pero' chi muore sei te!pero' chi muore sei te!pero' chi muore sei te!
    • gegiu scrive:
      Re: Diecu domande (di Mogol, Battisti)
      ho riso come un matto in ufficio...ho preso un XXXXXatone...ma va bene così...questa parodia è mitica... :)
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: Diecu domande (di Mogol, Battisti)
      Da "Domande" dei Gem BoysForse i masterizzatoriHan bisogno di qualche ISO?Perché il mio vecchio hard diskNon riesci a buttare via?Perché i dierreemmeche continuano a caderenon li fanno con i rootkitdelle pecore nere?Queste sono domandedi cui non mi frega nientequello che vorreisapere veramentePerché continuano a mettereGli spot in fondo ai divvidìI rootkit dentro ai ciddì?!!!Perché continuano a metterecompensi equi da borsaioloChe su cento persone paga poi uno solo?!!Perché quella cosa che haipiace a tutti (o quasi!) e non la dai?!?!
    • Pinco Pallino scrive:
      Re: Diecu domande (di Mogol, Battisti)
      Stavolta ho proprio da riconoscerlo...GRANDE!A.
    • Funz scrive:
      Re: Diecu domande (di Mogol, Battisti)
      - Scritto da: panda rossa10/10Però pensiamo anche ai poveri padroni delle major che perdono il loro pane![yt]zGM8PT1eAvY&feature=artist[/yt]
    • Guybrush scrive:
      Re: Diecu domande (di Mogol, Battisti)
      Ok, ma... la metrica non funziona benissimo, non se la metti su una base... e poi manca un pezzetto!!!Sai, quando si parla di capelli biondi e labbra rosse... non so te, ma io non ci capisco piu' niente ^___^- Scritto da: panda rossa
      Ho visto un uomo
      che moriva per dolore
      Ne ho visto un altro
      che piu' lacrime non ha.
      Nessun pirata mai,
      ti puo' ferir di piu'
      della gran rendita
      che non c'e' piu'...

      Dieci domande per me
      posson bastare!
      Dieci domande per me
      voglio dimenticare.deanari in in tasca da accarezzarecifre a sei zeri sulle quali dormireoh oh ohdieci domande così a cui rispondo di sì!
      Una la voglio perche'
      sa ben scaricare,
      una la voglio perche'
      ancor non sa cosa vuol dir "rubare".
      Una soltanto perche'
      hanno risposto tutti tranne a me,
      dieci domande cosi'
      a cui rispoder con si'!

      Vorrei sapere chi ha detto che l'acXXXXX al sito non c'è.

      matto!
      quello e' proprio matto perche'
      forse non sa
      che posso usare un proxy
      per il giorno
      uno
      per la sera
      pero' quel matto mi conosce
      perche' ha detto una cosa vera!

      dieci domande per me!
      dieci domande per me!
      dieci domande per me!
      pero' chi muore sei te!
      pero' chi muore sei te!
      pero' chi muore sei te!Bellali'.In settimana ci provo la chitarra sopra, poi ti passo lo spartito.GT
      • panda rossa scrive:
        Re: Diecu domande (di Mogol, Battisti)
        - Scritto da: Guybrush
        Ok, ma... la metrica non funziona benissimo, non
        se la metti su una base... e poi manca un
        pezzetto!!!
        Sai, quando si parla di capelli biondi e labbra
        rosse... non so te, ma io non ci capisco piu'
        niente
        ^___^L'avevo stesa di getto e a memoria...Senza neppure la base sotto.Mi sono accorto anche io che mancava un pezzo, e nel frattempo ho pure migliorato il testo sistemando sia la metrica che i contenuti.Ma io mica sono Mogol, e comunque questo articolo, con relativi commenti, e' ormai nel dimenticatoio.
        • Guybrush scrive:
          Re: Diecu domande (di Mogol, Battisti)
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: Guybrush

          Ok, ma... la metrica non funziona benissimo,
          non

          se la metti su una base... e poi manca un

          pezzetto!!!

          Sai, quando si parla di capelli biondi e
          labbra

          rosse... non so te, ma io non ci capisco piu'

          niente

          ^___^


          L'avevo stesa di getto e a memoria...
          Senza neppure la base sotto.
          Mi sono accorto anche io che mancava un pezzo, e
          nel frattempo ho pure migliorato il testo
          sistemando sia la metrica che i
          contenuti.
          Ma io mica sono Mogol, e comunque questo
          articolo, con relativi commenti, e' ormai nel
          dimenticatoio.Ottimo, allora approfitta del mio modesto contributo, se credi e fammi sapere dove leggere il testo "definitivo" ^____^GT
    • Il Gargilli scrive:
      Re: Diecu domande (di Mogol, Battisti)
      Ah ah ah !Mitico Panda Rossa!Aloha!
  • uno qualsiasi scrive:
    10 risposte
    Le avevo già postate, ma ... repetita iuvant 1. Perché il diritto dautore, che fuori dalla rete è riconosciuto, in rete non deve essere remunerato?Perchè non è compatibile con la struttura stessa della rete, che implica la circolazione delle informazioni in modo decentralizzato2. Perché coloro che criticano il provvedimento AGCOM non criticano anzitutto il furto della proprietà intellettuale?Per il semplice motivo che non è furto. La legge sul diritto d'autore (Legge 22 aprile 1941 n. 633 ) non usa il termine "furto" nemmeno una volta.Perché impedire la messa in rete di proprietà intellettuale acquisita illegalmente dovrebbe essere considerata una forma di censura?Perchè non è tecnicamente possibile nessun provvedimento in grado di distinguere i contenuti legali da quelli illegali3. Perché dovrebbe risultare ingiusto colpire chi illegalmente sfrutta il lavoro degli altri?Per il semplice motivo che tutti, in un modo o nell'altro, sfruttiamo il lavoro di altri. Non stiamo tutti sfruttando il lavoro di chi ha inventato la ruota, scoperto il fuoco, ideato la scrittura?4. Perché si ritiene giusto pagare la connessione della rete, che non è mai gratis, ed ingiusto pagare i contenuti?Perchè la connessione alla rete è una risorsa limitata, non replicabile all'infinito. Chi la usa, non la rende più disponibile agli altri. E aumentare la disponibilità ha un costo.Al contrario, i contenuti sono replicabili all'infinito, senza alcun costo.E perché non ci si chiede cosa sarebbe la rete senza i contenuti?Perchè tale domanda è priva di senso. I contenuti venivano creati già prima dell'introduzione del copyright.5. Perché il diritto allequo compenso viene strumentalmente, da alcuni, chiamato tassa? Perché non sono chiamate tasse i compensi di medici, ingegneri, avvocati, meccanici, idraulici, ecc.?Perchè l'equo compenso, quando viene pagato, non fornisce assolutamente nulla in cambio.Al contrario, i compensi di medici, ingegneri, avvocati, meccanici, idrauilici ecc... permettono di ottenere, in cambio, una prestazione lavorativa.6. Perché Internet, che per molte imprese rappresenta una opportunità di lavoro, per gli autori e gli editori deve rappresentare un pericolo?Qualsiasi tecnologia rappresenta un pericolo per alcune categorie di lavoratori. Qualunque tipo di progresso, infatti, rende obsoleti alcuni lavori. L'informatizzazione ha reso obsoleto il lavoro di molti impiegati, in molti settori. La meccanizzazione ha reso obsoleto il lavoro di molti operai non specializzati. L'opposizione a tale fenomeno prende il nome di luddismo.7. Perché nessuno si chiede a tutela di quali interessi si vuole creare questa contrapposizione (che semplicemente non esiste) tra autori e produttori di contenuti e utenti?Tale contrapposizione esiste già, non è stata creata ad arte.Se ritenete che esistano altri interessi in gioco, perchè non ce lo dite voi?8. Perché dovremmo essere contro la libertà dei consumatori? Ma quale libertà? Quella di scegliere cosa acquistare ad un prezzo equo o quella di usufruirne gratis (free syndrome) solo perché qualcuno che lha rubata te la mette a disposizione?La libertà di mercato consiste nella possibilità di acquistare prodotti equivalenti da produttori diversi. Tale libertà, nel mercato dei beni digitali, può esistere solo se esistono beni equivalenti; ma l'unico bene equivalente ad un dato bene digitale è una sua copia identica. Quindi, ogni cliente diventa potenzialmente un produttore, ed in tale contesto l'unico prezzo equo possibile è zero (questo paradosso nasce dal fatto che le leggi di mercato non sono applicabili ad un bene replicabile infinite volte).Impedire la concorrenza (anche una concorrenza paradossale come questa) prende il nome di monopolio. La libertà che chiediamo consiste nell'eliminazione di tale monopolio.9. Perché nessuno dice che lindustria della cultura occupa in Italia quasi mezzo milione di lavoratori e le società over the top al massimo qualche decina?E voi perchè non dite che, per mantenere il posto a mezzo milione di lavoratori, occorre pagare mezzo milione di stipendi... e dovremmo essere noi a saldare il conto?E perché chi accusa lindustria culturale di essere in grave ritardo sulla offerta legale di contenuti, poi vuole sottrarci quelle risorse necessarie per continuare a lavorare e dare lavoro e per investire sulle nuove tecnologie e sul futuro?Proprio a causa di tale ritardo: se l'industria culturale dimostra di non essere in grado di svolgere tale lavoro, o di svolgerlo troppo lentamente, i finanziamenti vengono sospesi. Chi lavora in modo non soddisfacente, perde l'appalto (in tutti i campi, non solo in quello culturale)10.Perché, secondo alcuni, non abbiamo il diritto di difendere il frutto del nostro lavoro, non possiamo avere pari dignità e dobbiamo continuare a essere figli di un Dio minore?Non avete il diritto di difendere ciò che chiamate "vostro lavoro" perchè lo vendete, e dopo averlo venduto non vi appartiene più; eppure, pretendete di difenderlo come se appartenesse ancora a voi.Inoltre, le tecniche che sono state usate per difendere i vostri diritti hanno leso i diritti di altri (fair use). Perciò, non sono accettabili.Queste risposte sono rilasciate in licenza CC. Vi invito, se lo desiderate, a farle circolare e ripubblicarle.
    • . . . scrive:
      Re: 10 risposte
      Complimenti per l'acume delle risposte. Per quel poco che potrà servire...Non c'è peggior sordo di colui che non vuol sentire. D'altronde questi arroganti se le cantano e se le suonano da soli.
    • say no scrive:
      Re: 10 risposte
      - Scritto da: uno qualsiasi
      Le avevo già postate, ma ... repetita iuvant[...]bravo
    • Uno a caso scrive:
      Re: 10 risposte
      Su alcune sono d'accordo, su altre un po' meno.
    • Paolo P. scrive:
      Re: 10 risposte
      Grazie!
    • gattaggio scrive:
      Re: 10 risposte

      1. Perché il diritto dautore, che fuori dalla
      rete è riconosciuto, in rete non deve essere remunerato?

      Perchè non è compatibile con la struttura stessa
      della rete, che implica la circolazione delle
      informazioni in modo decentralizzatoArgomentazione debole. Infatti quel che stanno appunto cercando di fare è rendere la rete compatibile con la struttura del diritto d'autore.Non è che il diritto d'autore non debba essere remunerato, ma nel momento in cui la tecnologia rende possibile duplicare l'opera indefinitamente, il mercato - in altri ambiti tanto osannato e chissà perché qui no 8) - ne abbassa automaticamente il prezzo. Ho già scritto che il prezzo di un'opera su CD, DVD, Blue Ray eccetera dovrebbe aggirarsi fra i tre e i sei euro, senza protezioni alcune. Il supporto costa mezzo euro e lo rivendi a sei, che vuoi di più? In tali condizioni conviene comprare l'opera su supporto originale, con tutti i vantaggi di qualità e durata, piuttosto che smazzarsi a fare copie, masterizzare, stampare etichette e così via.Il problema è che l'industria dei contenuti vuole invece vendere a 29,99 euro, 49,99 euro ed esosità varie l'opera che il mercato è disposto a pagare 3-6 euro. Per far questo inquina l'intera società premendo sui governi per far approvare provvedimenti che restringono anche libertà e diritti legali, e questo non è accettabile. Questo gioco sXXXXX, in un clima oltretutto in cui da oltre dieci anni non vediamo che restizioni e inasprimenti in nome della "guerra al terrorismo", non farà che aumentare l'ostilità del pubblico verso i produttori di contenuti e la simpatia per la pirateria.
      2. Perché coloro che criticano il provvedimento
      AGCOM non criticano anzitutto il furto della
      proprietà intellettuale?"Proprietà intellettuale" è un parolone creato apposta per poter parlare poi di "furto" e invocare dal legislatore i provvedimenti restrittivi di cui sopra.
      Per il semplice motivo che non è furto. La legge
      sul diritto d'autore (Legge 22 aprile 1941 n. 633)
      non usa il termine "furto" nemmeno una volta.

      Perché impedire la messa in rete di proprietà
      intellettuale acquisita illegalmente dovrebbe
      essere considerata una forma di censura?

      Perchè non è tecnicamente possibile nessun
      provvedimento in grado di distinguere i contenuti
      legali da quelli illegaliE proprio per questo, insieme all'illegale si colpisce anche ciò che è garantito dal fair use o dal diritto di citazione. Nel clima che si è creato, basta mandare una lettera minacciosa a un provider perché pialli tutto senza distinguere, e questo lede la libertà di espressione.
      3. Perché dovrebbe risultare ingiusto colpire chi
      illegalmente sfrutta il lavoro degli altri?Gli editori?
      Per il semplice motivo che tutti, in un modo o
      nell'altro, sfruttiamo il lavoro di altri. Non
      stiamo tutti sfruttando il lavoro di chi ha
      inventato la ruota, scoperto il fuoco, ideato la
      scrittura?I diritti di sfruttamento hanno una durata limitata appunto perché, al termine, diventi per tutti possibile fare uso dell'opera. L'industria dei contenuti si è distinta per aver progressivamente esteso questi termini oltre l'accettabile.
      E perché non ci si chiede cosa sarebbe la rete
      senza i contenuti?Boh, io me lo chiedo. Non sento tutto questo bisogno di contenuti. Anni fa mi hanno riempito una chiavetta di film scaricati, devo ancora guardarli perché non ho mai tempo.
      Perchè tale domanda è priva di senso. I contenuti
      venivano creati già prima dell'introduzione del
      copyright.

      5. Perché il diritto allequo compenso viene
      strumentalmente, da alcuni, chiamato tassa?
      Perché non sono chiamate tasse i compensi di
      medici, ingegneri, avvocati, meccanici,
      idraulici, ecc.?

      Perchè l'equo compenso, quando viene pagato, non
      fornisce assolutamente nulla in cambio.Perché, se non sbaglio, l'"equo compenso" grava anche sul supporto che compro per metterci i miei file, quindi di che equità si ciancia?
      Al contrario, i compensi di medici, ingegneri,
      avvocati, meccanici, idrauilici ecc... permettono
      di ottenere, in cambio, una prestazione lavorativa.Anche i compensi di diverse categorie sono artificiosamente tenuti alti dagli ordini professionali in barba al mercato.
      8. Perché dovremmo essere contro la libertà dei
      consumatori? Ma quale libertà? Quella di
      scegliere cosa acquistare ad un prezzo equo o
      quella di usufruirne gratis (free syndrome) solo
      perché qualcuno che lha rubata te la mette a
      disposizione?Al prezzo percepito come equo nessun consumatore preferirebbe la copia piratata all'originale.
      • Dottor Stranamore scrive:
        Re: 10 risposte
        - Scritto da: gattaggio
        Boh, io me lo chiedo. Non sento tutto questo
        bisogno di contenuti. Anni fa mi hanno riempito
        una chiavetta di film scaricati, devo ancora
        guardarli perché non ho mai
        tempo.
        Io non ho mai voglia di vedere film. Un tempo quando si usava la pellicola e non il digitale per girare riuscivo a riconoscere la casa di produzione già dai primi fotogrammi.Ora tutti i film sono uguali, il digitale ha appiattito tutto. Ma anche la pirateria ha spinto le case di produzione ad andare sul kolossal, magari anche 3d, perché quelli sono i film che portano la gente al cinema e fanno vendere i DVD, tutto a discapito del cinema indie.La pirateria è un cancro bestiale. Sta massacrando la nostra società. Elton John ha detto si spegnerla, qualcuno può ridere, ma quello è venuto in Italia e ha fatto sgomberare gli zingari dal giardino che aveva davanti alla finestra. Se è riuscito in questo può riuscire anche a spegnere Internet.
        • uno qualsiasi scrive:
          Re: 10 risposte

          Io non ho mai voglia di vedere film. Un tempo
          quando si usava la pellicola e non il digitale
          per girare riuscivo a riconoscere la casa di
          produzione già dai primi
          fotogrammi.
          Ora tutti i film sono uguali, il digitale ha
          appiattito tutto. Vero. Perciò, non sarà una perdita se nessuno produrrà più.
          Ma anche la pirateria ha spinto
          le case di produzione ad andare sul kolossal,
          magari anche 3d, perché quelli sono i film che
          portano la gente al cinema e fanno vendere i DVD,
          tutto a discapito del cinema
          indie.Esatto: con il modello a pagamento, si finanziano solo i kolossal. Quindi, è meglio non pagare.
          La pirateria è un cancro bestiale. Sta
          massacrando la nostra società.Al contrario: le majors sono il cancro. La pirateria è la cura.
          Elton John ha detto si spegnerla, qualcuno può
          ridere, ma quello è venuto in Italia e ha fatto
          sgomberare gli zingari dal giardino che aveva
          davanti alla finestra. Se è riuscito in questo
          può riuscire anche a spegnere
          Internet.È più facile che sia internet a spegnere lui.
Chiudi i commenti