Spotify, in volo con Universal?

Secondo le ultime indiscrezioni la piattaforma europea di streaming musicale avrebbe ottenuto il fatidico sì dalla terza grande sorella del disco. Il servizio svedese sarebbe pronto per lo sbarco in USA già questa estate

Roma – A rivelarlo in esclusiva è stato un recente articolo apparso tra le pagine online della testata specializzata All Things Digital : il noto servizio di streaming musicale Spotify avrebbe ormai siglato un cruciale accordo di distribuzione con i vertici di Universal Music Group .

Si tratterebbe di un colpo significativo per la piattaforma europea, che riuscirebbe così ad assicurarsi il benestare di tre delle quattro grandi sorelle statunitensi del disco . Il CEO di Spotify Daniel Ek avrebbe infatti già ottenuto il fatidico sì da parte di EMI Music e Sony Music .

A mancare all’appello sarebbe dunque solo l’altro colosso Warner, forse nemmeno così indispensabile per tentare un primo sbarco in terra statunitense. Fonti interne alla faccenda hanno tuttavia sottolineato come Spotify sia vicinissimo ad un contratto di distribuzione con tutte le major a stelle e strisce.

Un passo decisivo per intraprendere definitivamente il sentiero verso il mercato del Nord America, con il sostegno – non confermato ufficialmente – garantito dall’integrazione con il social network Facebook. Stando alle recenti indiscrezioni, Spotify potrebbe sbarcare negli States già nel corso di questa estate .

E il servizio di streaming svedese potrebbe trovare in Muve un agguerrito competitor , almeno nel settore mobile. La piattaforma offerta da Cricket Communications – telco statunitense che può attualmente contare su 5 milioni di utenti – potrebbe arrivare a 100mila abbonati entro la fine di questo mese .

Un repentino balzo in avanti, dopo che nei primi sei mesi di attività gli utenti si erano fermati a 50mila. Il pacchetto flat offerto da Cricket sembra aver attirato le attenzioni degli utenti mobile: con 55 dollari mensili si parla, naviga e soprattutto si scarica illimitatamente musica su smartphone come Samsung Suede.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ciccio quanta ciccia scrive:
    addetto non adito!
    Il participio passato di addire - con 2 D - è addetto non adito...
    • bubba scrive:
      Re: addetto non adito!
      - Scritto da: ciccio quanta ciccia
      Il participio passato di addire - con 2 D - è
      addetto non
      adito...Si addetto alle poste .. dai..A me pare un canonico trapassato prossimo , invece ...
      • ciccio quanta ciccia scrive:
        Re: addetto non adito!
        E non si può più manco trollare in santa pace che ti sgamano subito (rotfl) Non ci sono più i burini di una volta, uffa! Una ci prova e zacchete! :'(
  • ruppolo scrive:
    Il patent troll è andato molto avanti
    http://www.macitynet.it/macity/articolo/Lodsys-allattacco-del-mercato-hi-tech/aA52011Ma ora troverà pane per i suoi denti.
    • bubba scrive:
      Re: Il patent troll è andato molto avanti
      - Scritto da: ruppolo
      http://www.macitynet.it/macity/articolo/Lodsys-all

      Ma ora troverà pane per i suoi denti.beh ogni tanto chi trolla viene morsicato lui stesso.. che non lo sapevi? O hai gia dimenticato la trollata sul trademark di "app"+"store" ?
    • nessuno scrive:
      Re: Il patent troll è andato molto avanti
      Forse i soldi incassati se ne andranno in avvocati. Ma gli sviluppatori taglieggiati non rivedranno i loro soldi.P.S. Che succederá a quegli sviluppatori fuori dall'america che hanno ricevuto richieste di soldi ?
Chiudi i commenti