USA, aperta la caccia ad iTunes?

Stando alle indiscrezioni, il servizio musicale in the cloud di Google potrebbe essere disponibile già a partire da questo mese. Mentre il lancio statunitense di Spotify dovrà vedersela con le esose richieste delle major del disco

Roma – Un turbinio di indiscrezioni, scatenato dagli osservatori più vicini al variopinto panorama della musica digitale. Un mercato che pare ormai in pieno fermento, nell’agguerrita caccia al predominio di iTunes in terra statunitense.

Due i protagonisti di questa rincorsa, a partire dalla minacciosa nuvola di Google. L’azienda di Mountain View sarebbe ormai quasi pronta al battesimo ufficiale della sua piattaforma in the cloud Google Music, secondo alcuni disponibile già nel corso di questo mese .

C’è però chi ha consigliato di andarci piano. Il servizio musicale di BigG avrebbe dovuto offrire il suo modello di download a sottoscrizione già nelle scorse festività natalizie. Pare che il colosso del search sia ancora invischiato in lunghe ed estenuanti trattative con le principali major del disco .

Il motivo è piuttosto semplice: le grandi sorelle vorrebbero capire bene quali saranno le loro opportunità di business, in particolare dagli accordi di licensing con la Grande G . Forse perché non hanno mai ricevuto una proposta come quella relativa al servizio in the cloud architettato dall’azienda di Mountain View.

Google non è la sola società ad essere rimasta come intrappolata nei rigidi meccanismi di licensing delle sorelle del disco. C’è chi ha sottolineato come Spotify abbia ricevuto delle consistenti richieste economiche da major come Universal Music, almeno per il prossimo lancio del servizio in terra statunitense.

Il motivo è altrettanto semplice: le grandi etichette hanno paura che la maggior parte degli utenti di Spotify abbracci il modello di streaming gratuito supportato dalla pubblicità . Lasciando del tutto perdere l’offerta di sottoscrizione a pagamento. Le major vorrebbero dunque delle garanzie minime che hanno fatto vacillare Spotify.

Ma su questo punto è calato un alone d’incertezza. Secondo altre fonti , Spotify avrebbe già strappato accordi con EMI e Sony Music Entertainment , insieme detentrici di una fetta pari al 37 per cento del mercato statunitense della musica digitale. All’appello mancherebbe però la gigantesca Universal, attualmente restia a qualsivoglia proposta d’accordo.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • pingladn scrive:
    e la gara?
    Tutti quei soldi spesi senza una gara pubblica?alemanno andrebbe arrestato.
  • ops scrive:
    e comunque...
    ...sono quattro GIORNI!!! no anni
  • Guybrush scrive:
    Be'... brutto è brutto
    Ci sarebbe però da vedere cosa è stato fornito, oltre alle pagine del sito per la modica cifra di 1.3 milioni e rotti.L'articolo parla di risorse hardware oltre che software e se c'e' da sostenere il traffico dati di milioni di utenti che vanno a vedere l'expo via internet, tramite il sito del comune di Roma (posso dire mah?) la spesa non è poca.1gb costa circa 20k al mese (240.000 euro l'anno) moltiplica per 4 anni e salta fuori qualcosa.Con tutta probabilità nel contratto è compresa la banda e non solo per il portale dell'expo' di Shangai.Il che fa pure pensare che il sito e' costato, forse, 1000 euro e quello che non è andato a coprire i costi dell'housing presso il datacenter di Pomezia e' sparito nei bilanci del comune di Roma (mia personalissima opinione, tutta da verificare).SalutiGTSalutiGT
    • ops scrive:
      Re: Be'... brutto è brutto
      "milioni di utenti che vanno a vedere l'expo via internet"?!?!? ma ti sei mangiato lucertole a colazione?!?!? ma mi dici chissenepuomaiXXXXXXX di roma+exposhangai?!? secondo me l'unico picco lo sta avendo in questi giorni che ne stanno parlando e a vedere le statistiche di Alexa (per tutto il dominio oltretutto) mi sa che sarebbe bastato un pentium 4 dall'olgettina a gestire il tutto
      • Guybrush scrive:
        Re: Be'... brutto è brutto
        - Scritto da: ops
        "milioni di utenti che vanno a vedere l'expo via
        internet"?!?!? ma ti sei mangiato lucertole a
        colazione?!?!? ma mi dici chissenepuomaiXXXXXXX
        di roma+exposhangai?!? secondo me l'unico picco
        lo sta avendo in questi giorni che ne stanno
        parlando e a vedere le statistiche di Alexa (per
        tutto il dominio oltretutto) mi sa che sarebbe
        bastato un pentium 4 dall'olgettina a gestire il
        tuttoCito me stesso e ti domando: quale parte di "Con tutta probabilità nel contratto è compresa la banda e non solo per il portale dell'expo' di Shangai.Il che fa pure pensare che il sito e' costato, forse, 1000 euro e quello che non è andato a coprire i costi dell'housing presso il datacenter di Pomezia e' sparito nei bilanci del comune di Roma (mia personalissima opinione, tutta da verificare)."ti e' sfuggita?E poi cos'hai contro le lucertole a colazione? Basta che non siano dentro piattini di (aaargh) porcellana(*) e va tutto benissimo.GT(*): SoMI III.
    • Matteo scrive:
      Re: Be'... brutto è brutto
      - Scritto da: Guybrush
      Ci sarebbe però da vedere cosa è stato fornito,

      1gb costa circa 20k al mese (240.000 euro l'anno)
      moltiplica per 4 anni e salta fuori
      qualcosa.Aldilà dell'assoluta discutibilità (per essere gentili) dell'ipotesi che serva 1Gb per sto' sito (+ tutti gli altri evntualmente connessi presenti e futuri, escludendo forse spogliarelloferilli.comune.roma.it);quale parte di "quattro GIORNI" non ti è chiara?Baci;Matteo
  • V come Vendetta scrive:
    Ci vuole la Rivoluzione!!!!
    Una notizia del genere dovrebbe far scendere i cittadini armati di tutto punto in piazza per chiedere la testa di Alemanno o di qualsiasi altro politico sprecone che abbia contribuito a tale truffa.VERGOGNA!!!! VERGOGNA!!! VERGOGNA!!!E in mano a chi è andata la commessa? In mano ai camorristi della TELECOM!!!LADRI!!!!!!!!Prima o poi i nodi verranno al pettine, la gente fa finta di non vedere e non sentire ma prima o poi le teste di questi individui salteranno e come salteranno.
  • lelec scrive:
    con drupal si diventa milionari
    Ho trovato questohttp://www.stenoweb.it/it/node/228preventivo da 22.000 euro
    • Paolo Marani scrive:
      Re: con drupal si diventa milionari
      Scritto con DRUPAL ????? porkzozzz...Potevano farlo con wordpress, così spendevano meno, si sa che il codice sorgente di drupal costa 1.000 euro a linea di javascript!
  • ops scrive:
    qualunque ventenne...
    ...un sito del genere te lo farebbe, e meglio, per 1000 (al massimo) e mettendoci un paio di giorni (se va male qualcosa pero')il grande problema dell'italia non e' nel non saper piu' fare nulla, ma e' nel credere di saper fare ancora qualcosa...
    • ops scrive:
      Re: qualunque ventenne...
      dimenticavo... puttanieri e cocainomani, ecco il nuovo stereotipo degli italiani nel nuovo decennio... forse erano meglio pizza e mandolino...
      • Difensore scrive:
        Re: qualunque ventenne...
        Lasciatemi fumarecon una canna in boccalasciatemi fumaresono un italiano!Buongiorno Italia la ghostcake al denteun comunista come presidente,con la bustarella sempre nella mano destraun canarino sopra la finestra.Buongiorno Italia con i tuoi drogati,con troppa America sui manifesti,con le canzoni fatte con amore e cuore,con più donne sempre meno suore. (put.nelle)Buongiorno Italia, buongiorno Maria,con gli occhi pieni di XXXXXXX,buongiorno Dio ... sai che ci sono anch'io. Lasciatemi fumare con una canna in mano, lasciatemi fumare una canna piano piano. Lasciatemi fumare, perché ne sono fiero: sono un italiano, un italiano vero.Buongiorno Italia che non si spaventacon la droga che sa di menta,con un vestito gessato sul blue tette la domenica in TV.Buongiorno Italia col caffè ristretto,non me lo avevi mica dettocon la bandiera in tintoriae una Seicento giù di carrozzeria.Buongiorno Italia, buongiorno Maria,con gli occhi dolci di malinconia,buongiorno Dio ... lo sai che ci sono anch'io. Lasciatemi fumare con una canna in mano, lasciatemi fumare una canna piano piano. Lasciatemi fumare, perché ne sono fiero: sono un italiano, un italiano vero.
    • contrario alla policy scrive:
      Re: qualunque ventenne...
      - Scritto da: ops
      il grande problema dell'italia non e' nel non
      saper piu' fare nulla, ma e' nel credere di saper
      fare ancora
      qualcosa...Esattamente.E quante volte riguardo a tutte le inefficienze, sprechi, ladrate della classe politica e dirigenziale capita di sentire "perché invece credi che negli altri Paesi le cose vadano diversamente"? Peccato che (a) le cose vadano davvero diversamente - e di parecchio, e (b) ciò non giustifichi nulla comunque.
  • frap1964 scrive:
    Italia.it a Shanghai
    Il beneamato portalone in versione cinese, che è tutta da vedere, ci è costato invece "solamente" 320.000 euro.http://magicitaly.wordpress.com/2011/01/27/ciao-italia-e-ciao-a-centinaia-di-migliaia-di-euro"il primo esempio al mondo di un sito che non viene tradotto, ma viene pensato per conoscere e quindi fare proprie le abitudini, le aspettative e ciò che vuole appunto il popolo cinese."
    • ops scrive:
      Re: Italia.it a Shanghai
      giusto per un confronto, qui in inghilterra sta scatenando qualche polemica (sopra tutto per gli effetti che potra' avere sul mercato delle case) il sito www.police.uk che fornisce informazioni ultradettagliate (inserite il codice "nw10 5sb") sui reati in tutto il paese, costo per il contribuente £300.000, 6 mesi di lavoro.
  • Oracle Guru scrive:
    Alemanno o Ale...magna?
    3000 euro per fare il sito, 1.297.000 al fotografo per riuscire a far sembrare Alemanno più intelligente di quel che è.Che poi vorrei sapere che diamine ci va a fare il podestà di Roma in mezzo a un miliardo e passa di comunisti.
    • IoStoConRom a scrive:
      Re: Alemanno o Ale...magna?
      - Scritto da: Oracle Guru
      3000 euro per fare il sito, 1.297.000 al
      fotografo per riuscire a far sembrare Alemanno
      più intelligente di quel che
      è.
      prove, fatti, documenti, links? niente di tutto questo, nevvero? solo ilazioni contro l'amministrazione del comune di Roma, giusto?
      Che poi vorrei sapere che diamine ci va a fare il
      podestà di Roma in mezzo a un miliardo e passa di
      comunisti.sta semplicemente dimostrando, con fatti tangibili, che un modo diverso di fare amministrazione in Itala è possibile
      • Oracle Guru scrive:
        Re: Alemanno o Ale...magna?
        parente?
      • gips scrive:
        Re: Alemanno o Ale...magna?
        giusto! lui innova!invece di sprecare soldi con opere pubbliche di dubbia utilità, li spreca sul digitale!che innovazione! che lungimiranza!!!!
        • nome e cognome scrive:
          Re: Alemanno o Ale...magna?
          - Scritto da: gips
          giusto! lui innova!Maledetto comunista. Alemanno ha di fatto risolto il problema della disoccupazione di parenti e amici, scusa se è poco.
      • salsedo scrive:
        Re: Alemanno o Ale...magna?
        - Scritto da: IoStoConRom a
        - Scritto da: Oracle Guru

        3000 euro per fare il sito, 1.297.000 al

        fotografo per riuscire a far sembrare Alemanno

        più intelligente di quel che

        è.


        prove, fatti, documenti, links? niente di tutto
        questo, nevvero? solo ilazioni contro
        l'amministrazione del comune di Roma,
        giusto?



        Che poi vorrei sapere che diamine ci va a fare
        il

        podestà di Roma in mezzo a un miliardo e passa
        di

        comunisti.

        sta semplicemente dimostrando, con fatti
        tangibili, che un modo diverso di fare
        amministrazione in Itala è
        possibileQuanto siete patetici, con alemannop Roma è tornata ad essere quella di sbardella & co. il vuoto spinto
  • Fetente scrive:
    Ma avete letto i titoli delle notizie!
    Tutte le notizie della home pagine cominciano con "Alemanno"...E bravo il sindaco, intanto i sudditi tirano la cinghia eh
  • ercole69 scrive:
    La storia di ripete...
    La storia di ripete...Il sito tra le altre cose sembra fatto con Drupal, quindi costo del software 0. 1.300.000 per quel sito è da denuncia: ad esagerare ci saranno si è no 100-120.000 in 2 anni di spese (ma già stando larghi e mettendoci anche la parte di aggiornamento dei 4 giorni).Sempre che non abbiano fatto come quel tale che per un sito di una medio/piccola attività si è fatto mettere 4 server con 4 proXXXXXri quadcore in cluster perchè non si sa mai... (http://soft-land.org/storie/10/story39)
    • Maestro Miyagi scrive:
      Re: La storia di ripete...
      Be' ma mi pare ovvio, c'è la quota:- aperitivi, rinfreschi e banchetti per maggiorenti vari e relative famiglie a carico- viaggi mensili di "intenso studio" estivo a Sharm-el-Sheik- pellicce e gioielli vari alle amanti e alle suocere- quote di partecipazione bunga bunga a fini di captatio benevolentiae governativa- parziale copertura indebitamento paleolitico del Gruppo TI aggiudicatario- assunzione di promettenti figli, figlie e nipoti di persone influenti del progetto per la copertura vitalizia di ruoli manageriali TopClass- simposi, gruppi di studio, colazioni di lavoro e consulenze per ricerche accademiche relative al pregevolissimo "lupo espositivo austro-berbero di Buzziconia"- insediamento di svariate commissioni giudicatrici per la valutazione estetica comparativa dell'utilissimo logo dell'organizzazione- gestione ehm "distratta" per forniture di materiali- variabile applicazione dei principi costituzionali "Tengo famiglia" e "Mi manda papà".ecc....Si fa in fretta ad arrivare a un milione e trecentomila così ...
      • P.Inquino scrive:
        Re: La storia di ripete...
        - Scritto da: Maestro Miyagi
        Be' ma mi pare ovvio, c'è la quota:
        - aperitivi, rinfreschi e banchetti per
        maggiorenti vari e relative famiglie a
        carico
        - viaggi mensili di "intenso studio" estivo a
        Sharm-el-Sheik
        - pellicce e gioielli vari alle amanti e alle
        suocere
        - quote di partecipazione bunga bunga a fini di
        captatio benevolentiae
        governativa
        - parziale copertura indebitamento paleolitico
        del Gruppo TI
        aggiudicatario
        - assunzione di promettenti figli, figlie e
        nipoti di persone influenti del progetto per la
        copertura vitalizia di ruoli manageriali
        TopClass
        - simposi, gruppi di studio, colazioni di lavoro
        e consulenze per ricerche accademiche relative al
        pregevolissimo "lupo espositivo austro-berbero di
        Buzziconia"
        - insediamento di svariate commissioni
        giudicatrici per la valutazione estetica
        comparativa dell'utilissimo logo
        dell'organizzazione
        - gestione ehm "distratta" per forniture di
        materiali
        - variabile applicazione dei principi
        costituzionali "Tengo famiglia" e "Mi manda
        papà".
        ecc....
        Si fa in fretta ad arrivare a un milione e
        trecentomila così
        ...sante parole!!!!che vergogna....
      • IoStoConRom a scrive:
        Re: La storia di ripete...
        - Scritto da: Maestro Miyagi
        Be' ma mi pare ovvio, c'è la quota:
        - aperitivi, rinfreschi e banchetti per
        maggiorenti vari e relative famiglie a
        caricoprove, fatti, documenti, links? niente di tutto questo, nevvero? solo ilazioni contro l'amministrazione del comune di Roma, giusto?
        - viaggi mensili di "intenso studio" estivo a
        Sharm-el-Sheikprove, fatti, documenti, links? niente di tutto questo, nevvero? solo ilazioni contro l'amministrazione del comune di Roma, giusto?
        - pellicce e gioielli vari alle amanti e alle
        suocereprove, fatti, documenti, links? niente di tutto questo, nevvero? solo ilazioni contro l'amministrazione del comune di Roma, giusto?
        - quote di partecipazione bunga bunga a fini di
        captatio benevolentiaeprove, fatti, documenti, links? niente di tutto questo, nevvero? solo ilazioni contro l'amministrazione del comune di Roma, giusto?
        governativa
        - parziale copertura indebitamento paleolitico
        del Gruppo TIquesta non l'ho capita
        aggiudicatario
        - assunzione di promettenti figli, figlie e
        nipoti di persone influenti del progetto per la
        copertura vitalizia di ruoli manageriali
        TopClassprove, fatti, documenti, links? niente di tutto questo, nevvero? solo ilazioni contro l'amministrazione del comune di Roma, giusto?
        - simposi, gruppi di studio, colazioni di lavoro
        e consulenze per ricerche accademiche relative al
        pregevolissimo "lupo espositivo austro-berbero di
        Buzziconia"questa non l'ho capita
        - insediamento di svariate commissioni
        giudicatrici per la valutazione estetica
        comparativa dell'utilissimo logo
        dell'organizzazioneprove, fatti, documenti, links? niente di tutto questo, nevvero? solo ilazioni contro l'amministrazione del comune di Roma, giusto?
        - gestione ehm "distratta" per forniture di
        materialiprove, fatti, documenti, links? niente di tutto questo, nevvero? solo ilazioni contro l'amministrazione del comune di Roma, giusto?
        - variabile applicazione dei principi
        costituzionali "Tengo famiglia" e "Mi manda
        papà".prove, fatti, documenti, links? niente di tutto questo, nevvero? solo ilazioni contro l'amministrazione del comune di Roma, giusto?
        ecc....
        Si fa in fretta ad arrivare a un milione e
        trecentomila così
        ...prove, fatti, documenti, links? niente di tutto questo, nevvero? solo ilazioni contro l'amministrazione del comune di Roma, giusto?
        • Funz scrive:
          Re: La storia di ripete...
          Spiega, spiega tu come hanno fatto a spendere unmilioneetre per un sitarello temporaneo. Forniscici tu prove e fatti, e i nomi di chi ci ha guadagnato. Grazie.
          • paradox scrive:
            Re: La storia di ripete...
            Probabilmente il signore che sta con Roma non paga le tasse al comune di Roma, non perché evasore ma probabilmente vive in un'altra città. Altrimenti sarebbe piuttosto indispettito per come utilizzano i suoi soldi. Ovvero c'è l'altra ipotesi .....
        • Maestro Miyagi scrive:
          Re: La storia di ripete...
          Quello che non capisci è che a me di chi dirige il Comune di Roma, come politico o come amministratore, non importa un fico sesso.E' gravissimo che per un sito che deve rimanere attivo CINQUE giorni si spendano UNMILIONETRECENTOMILA euro di soldi del contribuente!!! Con che faccia tosta si può difendere spese del genere???Chissenefrega di chi paga le tasse eh? :(
    • IoStoConRom a scrive:
      Re: La storia di ripete...
      - Scritto da: ercole69
      La storia di ripete...

      Il sito tra le altre cose sembra fatto con
      Drupal, quindi costo del software 0.
      tu si che sai tutto, bravo.
      1.300.000 per quel sito è da denuncia: ad
      esagerare ci saranno si è no 100-120.000 in 2
      anni di spese (ma già stando larghi e mettendoci
      anche la parte di aggiornamento dei 4
      giorni).hai idea di quanto costi un vero sito web tecnologicamente avanzato?la locazione di appositi server atti alla fruizione fluida dei contenuti?la definizione della strategia dei contenuti?la definizione della task-force di gestione del sito?in realtà, normalmente i costi avrebbero dovuto essere molto più importanti.Grazie all'intervento degli esperti del comune, il sito ha ridotto i costi in maniera lodevole. Come, del resto, Alemanno è riuscito a fare in praticamente tutti i progetti del comune di Roma.
      Sempre che non abbiano fatto come quel tale che
      per un sito di una medio/piccola attività si è
      fatto mettere 4 server con 4 proXXXXXri quadcore
      in cluster perchè non si sa mai...
      (http://soft-land.org/storie/10/story39)certo che se voi prendete delle informazioni sbagliate sull'eccellente amministrazione della capitale della nostra Nazione su dei siti di dubbia affidabilità... non si va lontano.Informatevi su tutto quello che l'amministrazione Alemanno sta facendo di buono per Roma, altrochè criticare a priori.get the facts!
      • Zorro scrive:
        Re: La storia di ripete...
        Puoi usare tutti gli inglesismi che vuoi ma una truffa resta una truffa, con o senza task force e fluidificazione dei contenuti!
      • Matteo scrive:
        Re: La storia di ripete...
        - Scritto da: IoStoConRom a
        - Scritto da: ercole69

        La storia di ripete...



        Il sito tra le altre cose sembra fatto con

        Drupal, quindi costo del software 0.


        tu si che sai tutto, bravo. Che troll.Fatto 1: il sito della casa bianza è fatto con Drupal e gira su lamp (costo del software: 0).Fatto 2: il sito di cui parla l'articolo è fatto con Drupal e gira su lamp (costo del software: 0).Fatto 3: il costo sul mercato di un sito talfatto (progettazione e realizzazione)+redazione+hosting (con multiserver in load balancing e mettiamoci pure, crepi l'avarizia, la "fruzione fluida dei contenuti") va da poche migliaia di euro a (ma proprio masssssimo) qualche decina di migliaio di euro. Sul mercato, ripeto.Tutto il resto è incompetenza e spreco nella migliore delle ipotesi: nella peggiore fai tu.Questo non è salotto per claques di partito ma un sito tecnico e se vuoi difendere l'operato di una giunta (azione in sè assolutamente stimabile nelle intenzioni) non venire in sito che si chiama punto-informatico senza saperne quasi nulla; ti avviso che buona parte dei lettori sa di cosa (stra)parli e, ti assicuro, non stai facendo una bella figura (facendola fare a chi difendi, suo malgrado).
        get the facts!Buona idea.Baci
        • Funz scrive:
          Re: La storia di ripete...
          - Scritto da: Matteo
          - Scritto da: IoStoConRom a

          - Scritto da: ercole69


          La storia di ripete...





          Il sito tra le altre cose sembra fatto con


          Drupal, quindi costo del software 0.




          tu si che sai tutto, bravo.

          Che troll.
          Fatto 1: il sito della casa bianza è fatto con
          Drupal e gira su lamp (costo del software:
          0).
          Fatto 2: il sito di cui parla l'articolo è fatto
          con Drupal e gira su lamp (costo del software:
          0).
          Fatto 3: il costo sul mercato di un sito talfatto
          (progettazione e realizzazione)+redazione+hosting
          (con multiserver in load balancing e mettiamoci
          pure, crepi l'avarizia, la "fruzione fluida dei
          contenuti") va da poche migliaia di euro a (ma
          proprio masssssimo) qualche decina di migliaio di
          euro. Sul mercato,
          ripeto.
          Tutto il resto è incompetenza e spreco nella
          migliore delle ipotesi: nella peggiore fai
          tu.

          Questo non è salotto per claques di partito ma un
          sito tecnico e se vuoi difendere l'operato di una
          giunta (azione in sè assolutamente stimabile
          nelle intenzioni) non venire in sito che si
          chiama punto-informatico senza saperne quasi
          nulla; ti avviso che buona parte dei lettori sa
          di cosa (stra)parli e, ti assicuro, non stai
          facendo una bella figura (facendola fare a chi
          difendi, suo
          malgrado).


          get the facts!

          Buona idea.
          BaciChissà perché i berlusconiani quando sono messi davanti alla verità spariscono...
  • paride scrive:
    tutti in galera
    e pensare che il sito della casa bianca e' in drupal...vorrei proprio sapere quando li mettono dentro questi XXXXXXXX, perche di altro non si tratta.
    • Matteo scrive:
      Re: tutti in galera
      - Scritto da: paride
      e pensare che il sito della casa bianca e' in
      drupal...Notiziona: anche questo è fatto con Drupal!Sicuramente il famigerato Dipartimento X (linuX o osX?) è quello che si occupa di devolvere il milione e rotti alla Drupal Association...
    • IoStoConRom a scrive:
      Re: tutti in galera
      - Scritto da: paride
      e pensare che il sito della casa bianca e' in
      drupal...
      e tu che cosa ne sai? queste informazioni quale origine hanno? Hai forse letto il capitolato d'intesa del produttore tecnologico del sito della casa bianca?
      vorrei proprio sapere quando li mettono dentro
      questi XXXXXXXX, perche di altro non si
      tratta.e le punizioni corporali no? ma quanta veemenza, magari hai perso la gara d'appalto per lo sviluppo, a causa dell'inadeguatezza della tua offerta economica / tecnologica / contenutistica
  • marantz777 scrive:
    X Files per expo 2010
    Sapevate che fra gli sponsors ci sono anche gli X Files ???http://www.expo2010.comune.roma.it/partner_e_sponsor/dipartimento_xQuesta è davvero spassosa!
    • Fetente scrive:
      Re: X Files per expo 2010
      HA HA MITICOSIAMO UN PAESE DA BARZELLETTA
    • Informatico scrive:
      Re: X Files per expo 2010
      - Scritto da: marantz777
      Sapevate che fra gli sponsors ci sono anche gli X
      Files
      ???

      http://www.expo2010.comune.roma.it/partner_e_spons
      un semplice errore, tu non sbagli mai?
      • Paolo Marani scrive:
        Re: X Files per expo 2010
        Mah, se midavano un milione di euro, forse sviste così banali non le facevo, ma osereidire anche per molto meno...
  • banca scrive:
    costo per click
    mi sa che sarebbe ancor più interessante da conoscere..
Chiudi i commenti