Spyware finanziato ancora da grandi gruppi

Gli esperti mettono all'indice operatori di telefonia mobile come Cingular e net company come Travelocity: le loro azioni di marketing finanziano la diffusione di spyware, checché ne dicano le loro policy

Roma – Cingular Wireless e Travelocity hanno avuto il coraggio – qualcuno dice la sfrontatezza – di violare con la pubblicità l’immacolata homepage di Google.com. È successo a gennaio, senza il consenso di Mountain View, e con l’aiuto di alcuni spyware.

Secondo Ben Edelman , analista-ricercatore specializzato nel settore spyware, le due aziende continuerebbero ad affidarsi a spyware per fare pubblicità. “Malgrado le loro promesse, sia Cingular che Travelocity non hanno interrotto i legami con i vendor di spyware”, ha confermato Edelman. “Continuano infatti ad approfittare del traffico generato da spyware, incluso quello generato da uno dei siti più noti per queste cose, in chiara violazione delle loro rispettive Assurances of Discontinuance “.

E dire che sempre all’inizio del 2006 Cingular e Travelocity, insieme a Priceline , avevano accettato di pagare multe e riformare le loro “practice”. Nel rispetto dei nuovi accordi siglati con il Procuratore Generale dello Stato di New York, Andrew Cuomo, che prevedono per gli inserzionisti una totale responsabilità anche sul comportamento degli affiliati.

“Gli inserzionisti non possono più sottrarsi alle responsabilità chiudendo un occhio su come la loro pubblicità viene veicolata, o piazzandola tramite intermediari, come i media buyer”, aveva dichiarato Cuomo in un comunicato ufficiale.

Eppure secondo l’esperto la retta via sarebbe compatibile anche con le attuali esigenze di mercato. In base alle rilevazioni, infatti, Priceline avrebbe rispettato il patto “riducendo i rapporti” con terze parti che utilizzano adware e spyware.

Travelocity si è detta estranea ad ogni insinuazione. “Quando abbiamo individuato situazioni di questo genere, abbiamo immediatamente sospeso le campagne perché in violazione delle nostre policy e practice”, ha confermato un portavoce dell’azienda. “Stiamo investigando in profondità per comprendere se c’è una società che sta veicolando la nostra pubblicità in modo inappropriato”.

Anche Cingular condivide la stessa posizione di Travelocity. “Prendiamo seriamente questa policy e i nostri partner sanno quanto ci teniamo. Stiamo lavorando per risolvere ogni problema, e stiamo valutando nuove soluzioni per proteggere i nostri clienti, e quelli potenziali, dagli spyware”, ha sottolineato il portavoce di AT&T, proprietaria di Cingular.

Edelman è convinto che, al di là delle buone intenzioni, gli inserzionisti avrebbero bisogno di qualche tipo di meccanismo che permetta di raggiungere realmente lo scopo – come ad esempio si propongono di fare AffiliateFairPlay.com e ProtectMyMark.com . “Gli inserzionisti non devono supporre che i partner o i sub-partner rispetteranno automaticamente le norme, soprattutto quando con le truffe è facile fare tanti soldi”, ha concluso Edelman. “C’è l’esigenza di sistemi di monitoraggio e controllo. È decisamente difficile immaginare un qualsiasi contesto dove un’azienda possa essere disposta a distribuire centinaia di migliaia di dollari a dozzine, centinaia o migliaia di fornitori senza alcun controllo. Eppure queste pratiche sembrano ancora essere comuni nel settore della pubblicità online”.

Dario d’Elia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • fiducia_zero scrive:
    ma uscire di casa no?
    Vi spiego il più bel gioco online del mondo:1) esci di casa2) intorti un partner /una partner che ti piace3) if intorto va a buon fine then: andiamo a mangiare una pizza limoniamo #...#....# auto censura if ok then viviamo una vita insieme exit 0 else ricomincio da capo fi4) ricomincio da capo. Si può alternare anche birra con gli amici , giro in moto, concerto e un altro miliardo e mezzo di cose da fare che non fare ste st..ate e "rubare" login e pass a chi spende ore a giocare on line...forza , lobotomizzati del computer...uscite di casa e fate due passi va!! :D :D
  • Anonimo scrive:
    ma quale ratto...
    ho amici che giocano a WOW ed altri giochi on-line, che mi raccontando di come i cinesi si siano attrezzati per farti crescere il personaggio, mentre tu ti gratti la pancia. non so quali sono le cifre (una 50 di euro forse?) ma se non ricordo male in un mese ti portano su il personaggio ai livelli massimi... stavamo facendo due conti e avevamo calcolato un giro signifativo di soldi generato da ragazzini che probabilmente fanno i turni davanti al pc finche il tuo personaggio non è pronto...qualcuno ne sa di più?ps: non che a me personalmente interessi... io sto benissimo a giocare a GuildWars nel tempo libero, anzi quando non ho niente di meglio da fare...
  • Anonimo scrive:
    old. lo facevo pure io con diablo
    maronna quanti SOJ mi ero fregato...sono solo ragazzini furbi.
  • Anonimo scrive:
    fateli trombare...
    Fate trombare sta gente.. sti cracker e gentucola che crede di avere il mondo sotto mano... Illusi asusahdahsdahdasdasdas
    • fiducia_zero scrive:
      Re: fateli trombare...
      sono stra-d'accordo...straquoto, l'ho scritto anche in "uscire di casa no?" è brutto , ma è semplice:rimbambiti-lobotomizzati, cresciuti a playstation, hamburger , telefilm scadenti etc etc ( va beh , dai , ho voluto sdrammatizzare con un pò di luoghi comuni, ok ? please no flames ) Io da ragazzino mi ammazzavo di pippe finchè non ho cominciato a relazionarmi con il mondo.. ;-) ... poi c'è lo sport , la moto , gli amici ...è proprio necessario stare ore su un game on line ( o addirittura su una finta vita online )? mah...e comunque sti cinesi non sono messi tanto peggio degli adolescenti italiani : tra repliche scadenti del tempo delle mele scamarci-anti e "pippa le mie wheels" e altri "programmoni" televisivi , tipo quello condotto dal marito di costanzo...anche questi qua stanno venendo su belli storditi.. :s
  • Funz scrive:
    Comprare un account forte.
    Perche'? A me, quando gioco ad un videogame, piace giocarlo dall'inizio alla fine, a difficolta' alta, senza cheats. Sono l'unico?PS: vendo un account di ogame.org, uni4, 350K punti, posizione 650 e rotti in classifica, quasi ottenuta la morte nera, 500 euro (PPS: scherzo!)
    • bt scrive:
      Re: Comprare un account forte.
      - Scritto da: Funz
      Perche'? A me, quando gioco ad un videogame,
      piace giocarlo dall'inizio alla fine, a
      difficolta' alta, senza cheats.

      Sono l'unico?Eccomi! I miei personaggi sono miei, non me li faccio tirare su da qualcun'altro! :3
  • Anonimo scrive:
    ma su ebay?
    si trovano?
  • xuneel scrive:
    furto d'*identità*, non di "avatar"
    il titolo dell'articolo é fuorviante, solo leggendolo ho capito che non sono gli avatar (rappresentazione di sé stessi per mezzo di un'immagine) ad essere rubati, bensì i profili utente (login e password).in una testata come questa non mi aspettavo imprecisazioni del genere ma vabbhé...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 21 marzo 2007 09.42-----------------------------------------------------------
Chiudi i commenti