Staminali, dibattito riaperto da un giudice USA

La scelta dell'amministrazione Obama di finanziare anche le ricerca su cellule staminali prese da embrioni umani è stata bloccata da un giudice federale. A rischio ricerche già avviate

Roma – Un giudice distrettuale statunitense ha emanato un’ingiunzione preliminare che blocca i finanziamenti federali alla ricerca sulle cellule staminali prese da embrioni umani .

La delicata questione si gioca su una normativa antecedente (l’emendameto Dickey-Wicker del 1996) che proibisce il finanziamento pubblico a favore di ricerche in cui vengono distrutti embrioni umani .

L’estensione dei finanziamenti federali a questo tipo di ricerca è soprattutto una questione politica: è stato infatti Obama ad allargare rispetto a questa delicata questione rispetto alla passata amministrazione, che limitava la ricerca ad una ventina di linee di cellule staminali. Contrari sono invece una serie di associazioni cattoliche e repubblicane. La portata della decisione del giudice sembrerebbe riguardare, peraltro, anche alcune ricerche già finanziate sotto la Presidenza di George W. Bush.

Su questa posizione moralmente e politicamente dibattuta il giudice Royce C. Lamberth è entrato a gamba tesa, e ha accolto in pratica la tesi dell’accusa che ha portato il caso davanti al tribunale federale: negli esperimenti condotti sulle staminali prese da embrioni umani questi finirebbero regolarmente per essere distrutti, e per questo il finanziamento pubblico deve essere interrotto.

L’amministrazione Obama ha già annunciato la volontà di fare ricorso: troppo grande il danno che sarebbe causato, spiega, dall’interruzione dei finanziamenti pubblici a ricerche già avviate e con obiettivi molto importanti, tra cui trovare una cura al morbo di Parkinson.

Spazio di manovra ce n’è: l’interruzione dei fondi non riguarda quelli già concessi. Né la liceità della ricerca in sé. Quelli, tuttavia, che attendevano anticipi già a settembre, rispetto ai finanziamenti del prossimo anno, rischiano di veder compromesse le risorse finora investite a meno che non trovino a breve investitori privati.

Il National Institutes of Health ( NHI ), dichiarandosi stordito dalla decisione del giudice, inoltre, ha sospeso i fondi destinati a nuove ricerche su cellule staminali da embrioni e ha espresso l’intenzione di bloccare il rinnovamento di tutti accordi di finanziamento già stilati fin quando la sentenza del giudice non sarà rivista.

A chiarire la dura convinzione dell’NHI il suo direttore, il dr. Francis S. Collins: “La decisione del giudice non fa che mettere il bastone tra le ruote alle scoperte e ha le potenzialità di arrecare seri danni ad una delle aree della ricerca biomedica più promettenti”.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Orwell scrive:
    Quale sarebbe il reato?
    Non capisco quale legge abbia infranto la Google car. Al limite il reato potrebbe configurarsi se le informazioni sui wifi venissero diffuse, ma la semplice raccolta, boh.
    • ullala scrive:
      Re: Quale sarebbe il reato?
      - Scritto da: Orwell
      Al limite il reato potrebbe configurarsi se
      le informazioni sui wifi venissero diffuseNiente...Affatto a diffonderle ci pensano già gli hot spot!Per definizione!Quindi neppure lì c'è reato!
  • luca scrive:
    in Italia
    maresciallo: controllate che c'habbiano tutte il wi-fi omologato... avete capito?appuntato: certo sig.maresciallo.appuntato in servizio: alt, controllo, stiamo verificando che tutti i gli hi-fi siano in regola, il suo le prende tutte le stazioni? mi faccia vedere lo sportellino dei cd.
    • cavalloz scrive:
      Re: in Italia
      il tutto in un meraviglioso accento napoletano ovviamente
    • Francesco scrive:
      Re: in Italia
      Noooo... qui si offende l'Arma.Da noi invece il garante della privacy ordinerebbe di dotare il malcapitato autista di uan risma di "autorizzazzione al consenso dei dati personali" da volantinare ad ogni casa.Così la forma è salva.bye
    • ephestione scrive:
      Re: in Italia
      mi hai battuto sul tempo...e sei stato anche molto più divertente di quanto sarei stato io nel dire la stessa cosa :P :D
Chiudi i commenti