Stampa 3D, farmaci a domicilio

Ricercatori scozzesi promettono medicinali personalizzati "scaricabili" dalla Rete e sintetizzabili grazie alle mirabolanti promesse della stampa 3D e della medicina personalizzata
Ricercatori scozzesi promettono medicinali personalizzati "scaricabili" dalla Rete e sintetizzabili grazie alle mirabolanti promesse della stampa 3D e della medicina personalizzata

L’interesse per le mirabolanti (e supposte) doti della stampa 3D di massa non conosce crisi, e se lo si salda alle altrettanto mirabolanti promesse della medicina personalizzata il risultato somiglia più o meno a quello prospettato dagli scienziati dell’Università di Glasgow: una stampante 3D che sintetizza i farmaci di cui un paziente ha bisogno direttamente via Internet.

I ricercatori dell’istituto scozzese hanno sviluppato quello che loro chiamano “reactionware”, vale a dire una sorta di stratificazione delle sostanze chimiche utili a generare il composto farmacologico necessario all’utente/paziente: la stampante sedimenta gli strati uno a uno, l’ultimo dei quali è un gel di polimero che “scende” di strato in strato generando reazioni chimiche a cascata che alla fine dovrebbero sintetizzare il farmaco desiderato.

I ricercatori hanno usato una stampante 3D “normalmente” disponibile in commercio (tolte le svariate migliaia di euro di costo per l’aggeggio) e l’hanno poi interfacciata con un software open source a cui era deputato il controllo del processo di stampa/sintetizzazione farmacologica.

Il processo di stampa in sé dura al momento “solo” poche ore, e i ricercatori favoleggiano di rivoluzioni nell’accesso alle cure mediche nelle nazioni in via di sviluppo come possibile risultato finale del loro lavoro.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

24 04 2012
Link copiato negli appunti