Sugli smartphone Ubuntu arriva col freddo

Shuttleworth si lascia sfuggire "ottobre" come possibile data di lancio al pubblico. Gli sviluppatori potranno iniziare a lavorarci già da fine mese

Roma – A un mese dalla presentazione in pompa magna di Ubuntu per smartphone, da Canonical arrivano le prime informazioni sulla disponibilità futura dei terminali che faranno uso del nuovo OS: gli ubuntufonini arriveranno a ottobre 2013, mentre gli sviluppatori potranno cominciare a lavorarci dalla fine di febbraio (su Galaxy Nexus di Samsung).

Intervenendo in occasione di un meeting a New York, il CEO e founder di Canonical Mark Shuttleworth ha “spifferato” il periodo di disponibilità dei gadget basati su Ubuntu (per smartphone) sottolineando la presunta convenienza dei nuovi prodotti per l’adozione da parte delle aziende grandi e piccole.

Ubuntu per smartphone permetterà di fare lo “streaming” di applicazioni Windows fatte girare sui server corporate, sostiene Shuttleworth, e avrà il vantaggio di potersi integrare facilmente nell’ambiente aziendale grazie alla capacità di connettersi a display “da scrivania”, a tastiere e ad altri dispositivi con supporto delle comunicazioni wireless.

Una prospettiva su cui Canonical conta per solleticare l’interesse dei dipartimenti IT e non solo, quella di interfacciare Ubuntu per smartphone con i server aziendali, e che ha già dato origine al cosiddetto fenomeno del BYOD (“bring your own device”) con l’integrazione più o meno problematica degli OS mobile già affermati sul mercato come iOS e Android.

La strizzatina d’occhio al BYOD non dà comunque alcuna garanzia di successo, e per quanto riguarda la singolarità dell’interfaccia di Ubuntu per smartphone – tutta incentrata su gesture e contorsioni delle dita – da Canonical rassicurano : ci siamo ispirati all’architettura tradizionale giapponese e alle potenzialità della memoria muscolare per tirare fuori una tecnologia molto più utile delle GUI attualmente presenti sul mercato.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • newbie scrive:
    ...
    Con tutti i blasonati antivirus in circolazione nessuno e' stato in grado di individuare un trojan che ha colpito otto milioni di pc. Perche'? (newbie)
    • panda rossa scrive:
      Re: ...
      - Scritto da: newbie
      Con tutti i blasonati antivirus in circolazione
      nessuno e' stato in grado di individuare un
      trojan che ha colpito otto milioni di pc.

      Perche'? (newbie)Perche' come dice l'articolo, si tratta di PC con windows e con Symantec come antivirus.
      • P.Inquino scrive:
        Re: ...
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: newbie

        Con tutti i blasonati antivirus in
        circolazione

        nessuno e' stato in grado di individuare un

        trojan che ha colpito otto milioni di pc.



        Perche'? (newbie)

        Perche' come dice l'articolo, si tratta di PC con
        windows e con Symantec come
        antivirus.....da cui, eliminando il "primo" virus (winzoz) ..il problema conseguente non si pone più per l'eternità
    • AxAx scrive:
      Re: ...
      Non per difendere WIndows ma contro l'idiozia della gente che clicca sui link che arrivano in email e che si installa di tutto sui cellulari non c'è difesa.
      • krane scrive:
        Re: ...
        - Scritto da: AxAx
        Non per difendere WIndows ma contro l'idiozia
        della gente che clicca sui link che arrivano in
        email e che si installa di tutto sui cellulari
        non c'è
        difesa.Ok, ma windows aiuta...A propos, c'e' stato un aggiornamento di java di nuovo ? Che sento chiedere come togliere la solita barra di ricerca di ask dai pc di casa ??
      • panda rossa scrive:
        Re: ...
        - Scritto da: AxAx
        Non per difendere WIndows ma contro l'idiozia
        della gente che clicca sui link che arrivano in
        email e che si installa di tutto sui cellulari
        non c'è
        difesa.La difesa c'e'.Prendiamo due sistemi operativi qualunque.Uno che sono anni che ti abitua che devi essere amministratore per usarlo, e quando provano a fartelo usare come utente, ogni tanto ti esce la richiesta di inserire la password di amministratore per fare questo e quello.Un altro che e' concepito per essere usato SEMPRE come utente, e la password di amministratore non viene chiesta mai per l'uso abituale.Con questi due sistemi, due utenti scaricano la stessa robaccia dalla rete e cercano di installarla.La robaccia come prima cosa chiede la password di amministratore.Il primo la inserisce senza neanche pensarci.Il secondo si insospettisce e interrompe la procedura e va ad informarsi.La prima domanda e': quali sono i due sistemi operativi del racconto?La seconda domanda e': allora c'e' o non c'e' difesa contro quelli che cliccano tutto?
        • armstrong scrive:
          Re: ...
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: AxAx

          Non per difendere WIndows ma contro l'idiozia

          della gente che clicca sui link che arrivano
          in

          email e che si installa di tutto sui
          cellulari

          non c'è

          difesa.

          La difesa c'e'.

          Prendiamo due sistemi operativi qualunque.
          Uno che sono anni che ti abitua che devi essere
          amministratore per usarlo, e quando provano a
          fartelo usare come utente, ogni tanto ti esce la
          richiesta di inserire la password di
          amministratore per fare questo e
          quello.

          Un altro che e' concepito per essere usato SEMPRE
          come utente, e la password di amministratore non
          viene chiesta mai per l'uso
          abituale.

          Con questi due sistemi, due utenti scaricano la
          stessa robaccia dalla rete e cercano di
          installarla.

          La robaccia come prima cosa chiede la password di
          amministratore.

          Il primo la inserisce senza neanche pensarci.
          Il secondo si insospettisce e interrompe la
          procedura e va ad
          informarsi.

          La prima domanda e': quali sono i due sistemi
          operativi del
          racconto?
          Fammi indovinare uno ha più del 90% di diffusione e l'altro arriva forse all' 1% :D
          • panda rossa scrive:
            Re: ...
            - Scritto da: armstrong
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: AxAx


            Non per difendere WIndows ma contro
            l'idiozia


            della gente che clicca sui link che
            arrivano

            in


            email e che si installa di tutto sui

            cellulari


            non c'è


            difesa.



            La difesa c'e'.



            Prendiamo due sistemi operativi qualunque.

            Uno che sono anni che ti abitua che devi
            essere

            amministratore per usarlo, e quando provano a

            fartelo usare come utente, ogni tanto ti
            esce
            la

            richiesta di inserire la password di

            amministratore per fare questo e

            quello.



            Un altro che e' concepito per essere usato
            SEMPRE

            come utente, e la password di amministratore
            non

            viene chiesta mai per l'uso

            abituale.



            Con questi due sistemi, due utenti scaricano
            la

            stessa robaccia dalla rete e cercano di

            installarla.



            La robaccia come prima cosa chiede la
            password
            di

            amministratore.



            Il primo la inserisce senza neanche pensarci.

            Il secondo si insospettisce e interrompe la

            procedura e va ad

            informarsi.



            La prima domanda e': quali sono i due sistemi

            operativi del

            racconto?


            Fammi indovinare uno ha più del 90% di diffusione
            e l'altro arriva forse all' 1%
            :DFuochino.Hint: Uno dei due vanta una botnet di otto milioni di PC (otto milioni sono gli abitanti di Roma, Milano, Napoli, Torino, Palermo e Firenze sommati assieme)L'altro invece domina incontrastato lato server, dove bisogna esporsi alla rete e la sicurezza e' una necessita'.
  • Punto Zerbino scrive:
    Microsoft e Symantec contro la botnet
    Ah beh, allora siamo proprio in buone mani. :
    • sbrotfl scrive:
      Re: Microsoft e Symantec contro la botnet
      - Scritto da: Punto Zerbino
      Ah beh, allora siamo proprio in buone mani. :Missà che erano meglio le botnet (rotfl)
Chiudi i commenti