SuperCrusoe salta sul Tablet PC di HP

HP svela i piani per un futuro tablet PC equipaggiato con la prima CPU a 1 GHz di Transmeta. E Crusoe sogna già nuovi spazi sul mercato USA
HP svela i piani per un futuro tablet PC equipaggiato con la prima CPU a 1 GHz di Transmeta. E Crusoe sogna già nuovi spazi sul mercato USA


San Francisco (USA) – HP è il primo produttore nordamericano a credere in Transmeta e ad annunciare l’adozione, nel prossimo futuro, delle sue CPU a basso consumo. Il mega colosso, risultato della recente fusione con Compaq, ha infatti svelato l’intenzione di rilasciare, verso la fine dell’anno, l’EVO Tablet PC, un dispositivo mobile che segue le linee guida dettate da Microsoft due anni or sono per andarsi a ritagliare una nicchia del mercato dei computer portatili.

EVO Tablet PC uscirà con il marchio Compaq e utilizzerà la versione a 1 GHz del processore TM5800 di Transmeta, un chip in grado di eseguire circa un miliardo di calcoli al secondo. Annunciata lo scorso anno , questa CPU verrà rilasciata da Transmeta in concomitanza con l’uscita sul mercato di EVO.

Fino ad oggi i produttori americani avevano snobbato i chippetti a basso consumo di Transmeta preferendogli le CPU mobile ultra-low voltage di Intel. C’è da dire che i chip Crusoe si prestano particolarmente bene ad equipaggiare i tablet PC a causa dei consumi molto contenuti, un fattore cruciale in questo tipo di dispositivi. Da qualche tempo Intel ha però risposto a Transmeta con la sua linea di processori ultra-low voltage .

HP non ha fornito dettagli sul suo tablet PC ma è probabile che questo, oltre al riconoscimento della scrittura e al display touch-screen tipico di questi computer “tavoletta”, disporrà anche di una piccola tastiera scollegabile a piacere. Il sistema operativo, come per tutti i tablet PC, sarà costituito da una speciale versione di Windows XP.

“Noi pensiamo di poter espandere l’intero mercato ultra portatile e speriamo di accelerare le vendite nel mercato dei notebook, tuttavia il nostro target è rappresentato da quegli stessi clienti che guarderebbero verso un ultra o un mini-notebook”, ha spiegato Ted Clark, vice presidente di HP.

Se fino ad oggi i tablet PC non hanno incontrato grande successo sul mercato, e sono stati per lo più proposti in segmenti di nicchia come quello ospedaliero, HP spera di poter spingere EVO sul mercato mobile di massa, lo stesso che negli ultimi due anni ha fatto registrare incrementi di crescita più che positivi.

A breve verranno proposti nuovi modelli di tablet PC anche da parte di altri colossi del mercato dei notebook come Toshiba, Acer e Fujitsu.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

03 06 2002
Link copiato negli appunti