Swarmanoid, robot comanda robot

Da Bruxelles e Lisbona, un gruppo di ricercatori sfrutta i feedback visuali a mezzo LED per guidare piccoli robot nella scalata di una collina. A guidarli è un drone che invia segnali sensoriali
Da Bruxelles e Lisbona, un gruppo di ricercatori sfrutta i feedback visuali a mezzo LED per guidare piccoli robot nella scalata di una collina. A guidarli è un drone che invia segnali sensoriali

Nella ricerca robotica, uno sciame di creature artificiali viene generalmente visto come un insieme di unità simili che lavorano coordinate per risolvere un determinato problema o affrontare uno specifico compito. A volte, i robot all’interno di un team non riescono – è solo un esempio – a salire su superfici dalla morfologia complessa, a causa di un raggio d’azione e percezione limitato, che non permette di prevedere e organizzare la scalata.

Ma cosa succede se si mettono insieme diverse tipologie di robot, ovvero macchine differenti dotate di capacità differenti? È il cuore dell’esperimento condotto da un gruppo di ricercatori all’Universite Libre di Bruxelles e all’Instituto Universitario di Lisbona, uno sciame di macchine chiamato Swarmanoid.

Con Swarmanoid , diversi robot riescono a comunicare tra loro – il metodo è chiamato Specially Targetted Communication (STC) – e dunque a coordinarsi mescolando le singole capacità sensoriali ed esecutive. I ricercatori di Bruxelles e Lisbona hanno sfruttato un piccolo drone volante per guidare una serie di piccoli robot a terra e così portarli a scalare una piccola collina artificiale .

Alla base della tecnologia STC, lo sfruttamento dei feedback visuali attraverso piccoli pannelli LED . Il drone seleziona un determinato numero di robot a terra, comunicando con essi attraverso il cambiamento dei colori sui pannelli. Arrivato il giusto segnale, i piccoli robot riescono a formare una sorta di schiera e muoversi alla volta della superficie in salita.

E tutto questo senza alcun bisogno di connessione wireless, senza tecnologie d’orientamento GPS o mappe online . Senza alcun controllo esterno, i robot hanno una migliore capacità d’analisi dell’ambiente circostante, riuscendo ad impartire segnalazioni sensoriali alla schiera di robot sulla terra. La visione di questo video fugherà ogni dubbio.

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

30 10 2012
Link copiato negli appunti