Swatting, ucciso per una scommessa da nulla

Un uomo cade vittima del grilletto facile della polizia americana, ma la colpa principale è di un frequentatore del gaming on-line che ha coinvolto un innocente in una disputa dal valore di pochi dollari
Un uomo cade vittima del grilletto facile della polizia americana, ma la colpa principale è di un frequentatore del gaming on-line che ha coinvolto un innocente in una disputa dal valore di pochi dollari

Fine anno di sangue negli USA a causa dello swatting , l’ignobile pratica dei giocatori on-line di lanciare allarmi fasulli al 911 nel tentativo di spedire un team di agenti di polizia a fare irruzione in casa della “vittima”.

Ma la vittima, questa volta, ha perso la vita pur non avendo nulla a che fare con il gaming in Rete.

L’origine dell’incidente va fatta risalire a due membri di uno stesso team di giocatori appassionati di Call of Duty : WW2, entrati in polemica tra di loro dopo aver perso una partita nel succitato sparatutto in prima persona di Activision e di conseguenza una scommessa da $1,50.

La questione è degenerata quando uno degli utenti coinvolti ha esortato il suo (ex) compagno d’armi virtuali a provare a fare swatting, fornendo per di più un indirizzo diverso dal suo. A questo punto è arrivata una denuncia di incidente domestico al 911, con tanto di presunto omicidio e ostaggi tenuti sotto mira.

All’arrivo della polizia, un agente ha fatto fuoco uccidendo Andy Finch, ventottenne padre di due bambini e per nulla avvezzo al videogioco on-line . Ulteriori indagini hanno permesso di identificare Tyler Barriss, venticinquenne autore della denuncia fasulla che è stato ora arrestato .

Barriss è già noto alle autorità per la sua attività di swatting, e nel caso in oggetto ha difeso su Twitter la sua innocenza accusando piuttosto l’agente di polizia che ha sparato come autore dell’omicidio di un innocente.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

03 01 2018
Link copiato negli appunti