Symantec: l'antivirus è morto

Inizia una nuova era per il produttore di Norton. Le protezioni anti-malware non bastano più. Per tenere testa alle minacce moderne occorre prevedere un approccio che ha quasi del fantascientifico (ma è già realtà)

Roma – Symantec ha annunciato il nuovo corso aziendale, quello che definisce la “metodologia olistica” alla sicurezza, l’ advanced threat protection (ATP): vale a dire un nuovo approccio alla cybersecurity che dovrebbe superare il semplice impiego di un antivirus .

Il nuovo progetto parte dall’assunto – come dice il vicepresidente di Symantec Brian Dye – secondo cui “l’antivirus”, inteso come scudo per non far entrare i malintenzionati all’interno di un sistema informatico “è morto”. I dati Symantec d’altronde mostrano come riescano a bloccare un’offensiva solo nel 45 per cento dei casi: così, occorre dare per scontato che in qualche modo i malintenzionali riescano a passare e che sia necessario lavorare per individuarli e minimizzarne le possibilità di recare danno.

La logica assomiglia molto a quella degli ICE ( Intrusion Countermeasures Electronics ) dell’universo cyberpunk: nel mondo inventato da William Gibson ai sistemi di sicurezza funzionanti come muri sono affiancati altri, che servono ad individuare gli intrusi.

Symantec, peraltro, non è la prima a pensarci: Juniper Network propone di inserire dati falsi all’interno dei firewall per distrarre i cracker; la startup Shape Security punta a rendere inutilizzabili i dati eventualmente ottenuti; un’altra società, FireEye, ha creato una tecnologia per individuare codice malevole che ha superato la prima linea di difesa informatica ed ha acquistato Mandiant, sviluppatore di una sorta di cyber-ghostbuster che individua le fughe di dati.

Oltre allo sviluppatore dell’antivirus Norton, peraltro, si è mossa in questo senso anche IBM che ha presentato il suo Threat Protection System , che punta a vigilare costantemente sul sistema, ed il Critical Data Protection che punta invece a difendere – appunto – i suoi dati.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Mario scrive:
    ced?
    CED e enterprise? ma quelli hanno sbagliato target, alta capienza, bassi consumi e elevata velocità, il loro posto è nei tablet e notebook.
  • Claudio Porcellana scrive:
    SSD deboli?
    boh, che dire?ho comprato un Crucial SSD SATA 120 GB, 6 GB/s a novembre 2013il mio PC è ringiovanito di colpo ed è molto + veloce e performante, in + lo chassis ha smesso di vibrare e fare rumore come prima (ogni tentativo di ammortizzare il vecchio HD era fallito)uso il PC per lavoro e tengo il PC acceso circa 10 ore al giornoogni giorno faccio una copia di tutto il disco su HD esterno da sempreper ora funge (incrocio le dita dei piedi anche ;-)se muore e quando muore vi farò sapere
  • ego scrive:
    Media
    5 anni sono 5x365 = 18251825 x3 riscritture sono 5475Cioè mi stanno dicendo che allo stato dell'arte una cella che immagazzina un bit o un byte di dati può essere riscritta a massimo 5mila e rotti volte e poi è da buttare via? Get the fuck outQuesto tenendo conto dello scenario migliore. Nel peggiore da loro ammesso, cioè una volta, la riscrittura massima è 2000. Ma hanno idea di quanta roba viene scritta anche solo accendendo il pc e aprendo una pagina internet fra log, cache, cookie e menate varie?Facendo una media 365giorni * 5anni * 2riscritture stiamo a 3500. Hanno dato i due estremi dei valori 1 e 3, ma la media sta più verso l'1 o più verso il 3? Si tratta di triplicare o dividere per tre il costo di integrità e migrazione di dati potenzialmente importanti
  • capienze scrive:
    stagnazione
    Possono farlo anche di n-tera, ma se costa un botto se lo possono anche tenere. Il mercato storage ha bisogno di un bello scossone con un sensibile abbassamento dei prezzi, che siano ottici, girino o siano statici, le tecnologie ci sono, ce la menano da anni con super capienze, super dischi e menate varie. Alla fine sono anni che vendono la stessa minestra, anzi costa anche di più, una cosa inaudita per un prodotto vecchio e dovrebbe avere i mesi contati.I dischi ottici hanno capienze ridicole, gli hd sono fermi da anni e gli ssd costano un botto.
    • frank scrive:
      Re: stagnazione
      Gli SSD costano un botto è durano niente dopo che ci hai fatto due tre volte il defrag li butti via...
      • user_ scrive:
        Re: stagnazione
        racconta cosa è sucXXXXX a te, io non ho mai avuto ssd.
      • ... scrive:
        Re: stagnazione
        - Scritto da: frank
        Gli SSD costano un botto è durano niente dopo che
        ci hai fatto due tre volte il defrag li butti via...Sugli SSD il defrag non è necessario, ed è pure sconsigliato.Quindi non vedo perché dovresti farlo...
      • ... scrive:
        Re: stagnazione
        1) fare il defrag su un ssd non serve proprio a niente (impara ad usare nel modo corretto gli strumenti)2) 2 o 3 volte? Hai beccato ud ssd fallato...
      • anverone99 scrive:
        Re: stagnazione
        - Scritto da: frank
        Gli SSD costano un botto è durano niente dopo che
        ci hai fatto due tre volte il defrag li butti
        via...Defrag su SSD? (ghost)
        • frank scrive:
          Re: stagnazione
          Il punto non è il tipo di tecnologia che sia SSD oppure i classici HD il punto e che il file system di MS FAT/FAT32/NTFS ecc frammenta alla grande da qui la necessità di deframmentare se gli SSD non tengono il problema e nella tecnologia...
          • Cryptainer scrive:
            Re: stagnazione
            - Scritto da: frank
            Il punto non è il tipo di tecnologia che sia SSD
            oppure i classici HD il punto e che il file
            system di MS FAT/FAT32/NTFS ecc frammenta alla
            grande da qui la necessità di deframmentare se
            gli SSD non tengono il problema e nella
            tecnologia...Evidentemente non hai capito come funzionano gli SSD...
          • krane scrive:
            Re: stagnazione
            - Scritto da: Cryptainer
            - Scritto da: frank

            Il punto non è il tipo di tecnologia che sia SSD

            oppure i classici HD il punto e che il file

            system di MS FAT/FAT32/NTFS ecc frammenta alla

            grande da qui la necessità di deframmentare se

            gli SSD non tengono il problema e nella

            tecnologia...
            Evidentemente non hai capito come funzionano gli
            SSD...Questo dettaglio glie lo spiego io: non avendo parti meccaniche e non essendovi nessuna testina da spostate, ma avvenendo tutto l'i/o a livello logico di elettronica, la frammtentazione non e' un problema, ogni settore viene letto alla sessa velocita' sia che le parti del file siano contigue sia che non lo siano.
          • frank scrive:
            Re: stagnazione
            "
            Evidentemente non hai capito come funzionano gli
            SSD...Questo dettaglio glie lo spiego io: non avendo parti meccaniche e non essendovi nessuna testina da spostate, ma avvenendo tutto l'i/o a livello logico di elettronica, la frammentazione non e' un problema, ogni settore viene letto alla sessa velocità' sia che le parti del file siano contigue sia che non lo siano."Effettivamente negli SSD tutta la fase di lettura scrittura avviene elettronicamente non richiedendo come da te sottolineato nessuna deframmentazione. Comunque i file system di MS frammentano e frammenteranno sempre nonostante l'evoluzione tecnologica.. Viva la Microzizz
          • panda rossa scrive:
            Re: stagnazione
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: Cryptainer

            - Scritto da: frank


            Il punto non è il tipo di tecnologia
            che sia
            SSD


            oppure i classici HD il punto e che il
            file


            system di MS FAT/FAT32/NTFS ecc
            frammenta
            alla


            grande da qui la necessità di
            deframmentare
            se


            gli SSD non tengono il problema e nella


            tecnologia...


            Evidentemente non hai capito come funzionano
            gli

            SSD...

            Questo dettaglio glie lo spiego io: non avendo
            parti meccaniche e non essendovi nessuna testina
            da spostate, ma avvenendo tutto l'i/o a livello
            logico di elettronica, la frammtentazione non e'
            un problema, ogni settore viene letto alla sessa
            velocita' sia che le parti del file siano
            contigue sia che non lo
            siano.Ok, il defrag non serve.Anche se le utility utonto-oriented faranno sempre un'analisi del disco per capire se questo e' frammentato e consiglieranno comunque un defrag, sempre che non lo facciano in automatico.Vogliamo parlare delle funzioni di wipe e di quanto facciano bene ad un SSD?
          • sisko212 scrive:
            Re: stagnazione

            system di MS FAT/FAT32/NTFS ecc frammenta alla
            grande da qui la necessità di deframmentare seIl fatto che si defframmenti, ok, è vero, però cambia il punto di vista.Il problema della frammentazione sugli HD normali, si fà sentire perchè quando i settori di un file si trovano si tracce molto distanti frà loro (e addirittura su piatti diversi), la testina deve muoversi di più perchè si posiziona da una traccia all'altra, deve stabilizzarsi etc.etc... i cosiddetti seek time, read time, write time etc.etc.Ergo se devi leggere/scrivere un file che è spezzato su 1000 settori diversi, devi moltiplicare tutti stì time per 1000 volte.Cose che sugli SSD non esistono perchè non c'è nulla di meccanico da aspettare... e quindi anche se un file è frammentato in 1000 celle nand diverse, non te ne importa nulla, perchè tanto il tempo di acXXXXX è prossimo a 0 e non ci sono testine o parti meccaniche che si devono muovere, stabilizzare, etc.Per contro gli SSD, hanno il problema di avere un limitato numero di scritture per cella, e devono essere scritti interi blocchi e non puoi scrivere poche centinaia di byte alla volta... cosa questa che riduce la vita utile degli ssd.E' per questo che esiste la tecnologia TRIM, ossia una roba, tipica solo degli ssd, sia hardware che software che "informa" il s.o. in modo da organizzare i dati in scrittura, di modo che si possano scrivere tutti in una volta, da riempire l'intero blocco di un ssd.
      • Nome e cognome scrive:
        Re: stagnazione
        - Scritto da: frank
        Gli SSD costano un botto è durano niente dopo che
        ci hai fatto due tre volte il defrag li butti
        via...Non è vero che durano poco, dipende dall'uso che ne fai, inoltre fare il defrag su un SSD è totalmente inutile e dannoso, ne accorcia solo la vita senza dare nessun vantaggio prestazionale
    • Sg@bbio scrive:
      Re: stagnazione
      Gli HD sono fermi in che senso ?
    • Etype scrive:
      Re: stagnazione
      Aspetta,in ogni campo ci sono stati sviluppi.i DVD per esempio hanno più che raddoppiato la capacitàstesso dicorso per le chiavette USB tanto tempo fa al massimo trovavi 512MB o 1GB,ora le più stupide sono da 8GB.Per gli HDD c'è stato un sostanziale progresso nella densità con cui si scrivono i dati a parità di dimensioni dei piatti,HDD ibridi,minor consumo ed efficienza,eccAnche per gli SSD,i primi costavano un botto e duravano molto meno rispetto a queli che ci sono oggi.Che poi il mercato con il marketing cerchi di abbindolare l'utente con statistiche positive è normale,loro campano di vendite,hanno tutto l'interesse nel farti comprare...sta all'utente farsi 2 domande ed informarsi.
      • panda rossa scrive:
        Re: stagnazione
        - Scritto da: Etype
        Che poi il mercato con il marketing cerchi di
        abbindolare l'utente con statistiche positive è
        normale,loro campano di vendite,hanno tutto
        l'interesse nel farti comprare...sta all'utente
        farsi 2 domande ed
        informarsi.Vogliamo parlare del pizzo siae?Non meno di 30 euro per ogni disco!Io compro dischi all'estero cosi' non nutro i parassiti.
        • anverone99 scrive:
          Re: stagnazione
          - Scritto da: panda rossa
          Io compro dischi all'estero cosi' non nutro i
          parassiti.http://www.nierle.com/
  • max scrive:
    ReRAM
    L'anno prossimo dovrebbero arrivare.Tra l'altro le potenzialità del memristore sono enormi, potrebbe mandare in pensione Von Neumann, mettendo logica e memoria sullo stesso chip.Senza contare le possibilità in ambito di reti neurali, fuzzy logic, intelligenza artificiale.
    • sisko212 scrive:
      Re: ReRAM

      mettendo logica e memoria sullo stesso
      chip.....ntelligenza artificiale.Mha... non saprei... leggevo che le reram, posso anche fare operazioni di AND, ma non so se sia sufficente a rimpiazzare l'intera cpu/gpu... sicuramente potranno prendersi carico di una parte dell'elaborazione, ma dubito possa fare proprio tutto... e per l'intelligenza artificiale.. bhè... la vedo dura... se non sappiamo neanche noi cos'è l'intelligenza e come si possa elaborarne un modello, figuriamoci a farne una artificiale.
      • ... scrive:
        Re: ReRAM
        - Scritto da: sisko212

        mettendo logica e memoria sullo stesso

        chip.....ntelligenza artificiale.

        Mha... non saprei... leggevo che le reram, posso
        anche fare operazioni di AND, ma non so se sia
        sufficente a rimpiazzare l'intera cpu/gpu...si, ogni cpu puo' essere ricondotta ad una matrice di porte NAND.
    • Funz scrive:
      Re: ReRAM
      - Scritto da: max
      L'anno prossimo dovrebbero arrivare.Qualche info? E' un pezzo che le annunciano, sarà la volta buona?
      Tra l'altro le potenzialità del memristore sono
      enormi, potrebbe mandare in pensione Von Neumann,
      mettendo logica e memoria sullo stesso
      chip.
      Senza contare le possibilità in ambito di reti
      neurali, fuzzy logic, intelligenza
      artificiale.Per iniziare mi accontenterei di dischi veloci come la RAM, capienti come un HD e un PC che tiene tutti i dati in memoria quando lo spegni...
      • panda rossa scrive:
        Re: ReRAM
        - Scritto da: Funz
        Per iniziare mi accontenterei di dischi veloci
        come la RAM, capienti come un HD e un PC che
        tiene tutti i dati in memoria quando lo
        spegni...No, per quello esiste gia' la modalita' di ibernazione.Lo spegnimento deve essere proprio una funzione che ELIMINA tutti i dati dalla memoria rendendo impossibile un loro recupero.
    • collione scrive:
      Re: ReRAM
      - Scritto da: max
      enormi, potrebbe mandare in pensione Von Neumann,
      mettendo logica e memoria sullo stesso
      chip.micron lo sta facendo con tecnologie convenzionali http://www.micron.com/about/innovations/automata-processing?source=mb
  • sisko212 scrive:
    E' roba...
    Che va bene solo per servizi/farm web, dove ci sono un sacco di pagine o script in lettura, e poche scritture, al limite confinate ai soli databases che con configurazioni specifiche possono stare tutti cacheati in ram e aggiornati su ssd solo saltuariamente e con blocchi molto grossi.Per l'uso in normali Pc dovremmo attendere le rram... spero si sbrighino e che la facciano finita con questi ssd.
  • Etype scrive:
    HDD VS SSD
    Ok,vada per la velocità e i bassi consumi ma per il resto non c'è storia."una durata di cinque anni tarata sui 1-3 intere scritture del drive al giorno" fa molto dicitura della durata che si trova sul retro delle lampade energetiche 8.000h e tutte si fermano molto prima.5 anni con 1-3 scritture al giorno ? 1-3 scritture ??? O_ONel 2017 il costo sarà anche lo stesso ma la durata del device NO,un comune HDD,se trattato bene ti dura almeno il doppio degli anni e non ha nessun limite di scritture.Senza contare che :1) chi usa un pc giornalmente farà molte più scritture di 1-3 (mi auguro che si riferisse alla scrittura della stessa cella di memoria,altrimenti è impossibilie fare 1-3 scritture al giorno)2) 5 anni sono una bazzecola e ci ritroveremo in breve tempo con una montagna di SSD ormai usurati che non sappiamo come smaltire,negli HDD solo la scheda elettronica non può essere recuperata in toto.
    • L.C. scrive:
      Re: HDD VS SSD
      cit. "una durata di cinque anni tarata sui 1-3 intere scritture del drive al giorno".In ogni caso per adesso sembrano durre meno dei drive tradizionali.
      • cicciobello scrive:
        Re: HDD VS SSD

        In ogni caso per adesso sembrano durre meno dei
        drive
        tradizionali.Molto probabilmente, però, dureranno molto di più dei supporti ottici.Inoltre, si potranno già usare sui computer attuali, mentre se uscisse un disco ottico da un tera (li hanno annunciati da più di dieci anni, periodicamente li ri-annunciano, ma non si vedono da nessuna parte) occorrerebbe avere i lettori compatibili (di certo non funzionerebbero su un'unità dvd attuale).
        • Sg@bbio scrive:
          Re: HDD VS SSD
          Come per il Bluray, ovvio che se esce una nuova tecnologia ottica, anche HW di lettura cambia, per molte ragioni.Per il resto non è che una tecnologia informatica la fanno in un anno, spesso certi prodotti che noi usiamo hanno 10 anni di studi alle spalle.
          • cicciobello scrive:
            Re: HDD VS SSD
            - Scritto da: Sg@bbio
            Come per il Bluray,Che infatti è stato un flop
            ovvio che se esce una nuova
            tecnologia ottica, anche HW di lettura cambia,
            per molte
            ragioni.Il vantaggio, in questo caso, è che l'hardware di lettura è integrato nel supporto di memoria. Se devo sostituire un hard disk con un disco a stato solido mi basta staccare un connettore e infilarne un altro.
            Per il resto non è che una tecnologia informatica
            la fanno in un anno, spesso certi prodotti che
            noi usiamo hanno 10 anni di studi alle
            spalle.Nessuno lo nega.
          • Sg@bbio scrive:
            Re: HDD VS SSD
            Se la smetti di spezzarmi le frasi.- Scritto da: cicciobello
            - Scritto da: Sg@bbio

            Come per il Bluray,


            Che infatti è stato un flopChe sia un flop c'è molto da ridire, pure i DVD ci hanno messo tanto tempo per affermarsi, ricordiamoci poi che un Masterizzatore Bluray costa quando un lettore bluray da tavolo (una settantina di euro) e i suoi supporti vergini, non hanno dei prezzi concorrenziali come i DVD vuoti.
            Il vantaggio, in questo caso, è che l'hardware di
            lettura è integrato nel supporto di memoria. Se
            devo sostituire un hard disk con un disco a stato
            solido mi basta staccare un connettore e
            infilarne un
            altro.Ma non vedo cosa centri questo con il discorso sul BR come hai fatto prima.
          • Etype scrive:
            Re: HDD VS SSD
            Beh devi ammettere che il flop del BR ci sta tutto,hanno spinto molto in pubblicità tanto da riesumare vecchi film e metterli in BR.
          • ... scrive:
            Re: HDD VS SSD
            il BR è stato un flop come unità di memorizzazione personale, invece è stato un sucXXXXX come supporto per i film. Prezzo "quasi" come i dvd ma qualità e contenuti decisamente superiori.
          • cicciobello scrive:
            Re: HDD VS SSD
            - Scritto da: ...
            il BR è stato un flop come unità di
            memorizzazione personale, invece è stato un
            sucXXXXX come supporto per i film. Davvero? Chiedilo ad Allibito ed altri.Blockbuster ti sembra che abbia avuto sucXXXXX distribuendo i film su bluray?
          • cicciobello scrive:
            Re: HDD VS SSD


            Che infatti è stato un flop

            Che sia un flop c'è molto da ridireChiedilo a chi li vende...
            , pure i DVD
            ci hanno messo tanto tempo per affermarsi,I dvd offrivano vantaggi significativi, all'epoca in cui sono usciti. Oltre tutto, era un'epoca in cui andavano molto i contenuti multimediali su supporto fisico (i cd rom, insomma), e i dvd erano la naturale evoluzione.
            ricordiamoci poi che un Masterizzatore Bluray
            costa quando un lettore bluray da tavolo (una
            settantina di euro) e i suoi supporti vergini,
            non hanno dei prezzi concorrenziali come i DVD
            vuoti.O non si trovano proprio... nei supermercati, ho visto i pacchi di cd e di dvd vuoti, ma non di bluray. E comunque, non mi fiderei a usarli per un backup... i cd durano pochi anni e spesso poi diventano illeggibili, i dvd durano anche meno... non oso pensare a quanto sia affidabile un bluray.

            Il vantaggio, in questo caso, è che l'hardware
            di

            lettura è integrato nel supporto di memoria. Se

            devo sostituire un hard disk con un disco a
            stato

            solido mi basta staccare un connettore e

            infilarne un

            altro.

            Ma non vedo cosa centri questo con il discorso
            sul BR come hai fatto
            prima.Un masterizzatore bluray costa sui 70 euro... e poi ti devi comprare i dischi. Una pendrive costa di più di un bluray vuoto, ma non hai bisogno di nessun masterizzatore/lettore, quindi il costo è più conveniente.
    • max scrive:
      Re: HDD VS SSD


      Senza contare che :

      1) chi usa un pc giornalmente farà molte più
      scritture di 1-3 (mi auguro che si riferisse alla
      scrittura della stessa cella di
      memoria,altrimenti è impossibilie fare 1-3
      scritture al
      giorno)

      2) 5 anni sono una bazzecola e ci ritroveremo in
      breve tempo con una montagna di SSD ormai usurati
      che non sappiamo come smaltire,negli HDD solo la
      scheda elettronica non può essere recuperata in
      toto.Ti capita spesso di riscrivere COMPLETAMENTE il tuo HD 1-3 volte al giorno?Che ci fai?
      • panda rossa scrive:
        Re: HDD VS SSD
        - Scritto da: max
        Ti capita spesso di riscrivere COMPLETAMENTE il
        tuo HD 1-3 volte al
        giorno?
        Che ci fai?I miei dischi di storage ospitano tutti i log del server e applicazioni annesse.Una occupazione media fissa al 90% (soglia che produce i primi allarmi).E i log hanno una retention di 48 ore.Fai tu i conti.Io una cosa del genere che in cosi' poco tempo mi lascia a piedi non ce la mettero' mai sui miei sistemi.
        • Panda Rosa scrive:
          Re: HDD VS SSD
          Si vede che non hai mai avuto un SSD.
        • pippo cannelungh e scrive:
          Re: HDD VS SSD
          Beh saresti comunque a 0,5 scritture del disco al giorno, Ben sotto quanto dichiarato.Inoltre non hai specificato quanto sono grandi i tuoi dischi.. 90% di cosa? Immagino non avrai (4TB * 90%) 3.6 tera di log ogni 2 giorni.. in caso di problema chi se li va a leggere? A volte abbiamo applicazioni/servizi qui che generano un paio di giga di log al giorno (ovviamente con i log al massimo) e mi sembra già uno sproposito.Sicuramente dipende dall'ambito, ma non li schiferei così a priori.
          • panda rossa scrive:
            Re: HDD VS SSD
            - Scritto da: pippo cannelungh e
            Beh saresti comunque a 0,5 scritture del disco al
            giorno, Ben sotto quanto
            dichiarato.E' il regime attuale.Se permetti io preferisco fare una previsionale pessimistica che mi porta a moltiplicare come minimo per 10, per stimare il carico nei prossimi anni.
            Inoltre non hai specificato quanto sono grandi i
            tuoi dischi.. 90% di cosa? Un tera.Ma le singole applicazioni hanno una loro quota.
            Immagino non avrai
            (4TB * 90%) 3.6 tera di log ogni 2 giorni.. in
            caso di problema chi se li va a leggere? Non e' mica un file unico.Sono tanti files da qualche decina di mega.In caso di problema si analizzano abbastanza agevolmente.
            A volte
            abbiamo applicazioni/servizi qui che generano un
            paio di giga di log al giorno (ovviamente con i
            log al massimo) e mi sembra già uno
            sproposito.Ho appena aperto una directory a caso di un server a caso e sto contando 57 files da 40 MB l'uno, ed e' una delle piu' scariche.I server sono una dozzina, le applicazioni qualche centinaio...
            Sicuramente dipende dall'ambito, ma non li
            schiferei così a priori.Io per un uso lato server non ce li vedo proprio.La perdita di dati e' una circostanza che NON DEVE SUCCEDERE.L'inaffidabilita' del device per un ciclo vita cosi' breve NON E' ACCETTABILE.Poi, se un domani per scelta dall'alto mi impongono un cambio della tecnologia di storage, avro' modo di evidenziare che in caso di problemi legati all'affidabilita' del device, devono andare a lamentarsi con chi avra' imposto questa tecnologia.Io preferisco restare con i dischi che non mi hanno mai deluso.
          • aphex_twin scrive:
            Re: HDD VS SSD
            - Scritto da: panda rossa
            Poi, se un domani per scelta dall'alto mi
            impongono un cambio della tecnologia di storage,
            E poi scusa, ma la ssd dove la collego?
            Devo prendere un adattatore.Magari prima vedi anche di informanti come si collega , anche se , ormai , figura piú o figura meno , ormai ti conoscono.
          • Sg@bbio scrive:
            Re: HDD VS SSD
            Inventiamo pure le frasi?
          • aphex_twin scrive:
            Re: HDD VS SSD
            - Scritto da: Sg@bbio
            Inventiamo pure le frasi?Inventare ?http://punto-informatico.it/b.aspx?i=4042460&m=4043195#p4043195Ho fatto un merge con quello che affermava ieri.
          • Sg@bbio scrive:
            Re: HDD VS SSD
            Mi spiace, ti squalifica comunque in questa discussione.
          • aphex_twin scrive:
            Re: HDD VS SSD
            Me ne sbatto :D
          • aphex_twin scrive:
            Re: HDD VS SSD
            Invece PR che discute di SSD quando il giorno prima si chiedeva come collegarlo lo qualifica perfettamente ?!
          • panda rossa scrive:
            Re: HDD VS SSD
            - Scritto da: aphex_twin
            Invece PR che discute di SSD quando il giorno
            prima si chiedeva come collegarlo lo qualifica
            perfettamente
            ?!La risposta ad ogni modo non e' arrivata.
          • aphex_twin scrive:
            Re: HDD VS SSD
            Se parli di cose che dici di non conoscere , studia , io non ho la pazienza per fare il maestrino ad un troll.
          • panda rossa scrive:
            Re: HDD VS SSD
            - Scritto da: aphex_twin
            Se parli di cose che dici di non conoscere ,
            studia , io non ho la pazienza per fare il
            maestrino ad un
            troll.Traduzione: non lo so neanche io.
          • aphex_twin scrive:
            Re: HDD VS SSD
            Certo certo, come ho detto in precedenza ... arrangiati.
          • ruppolo scrive:
            Re: HDD VS SSD
            Diciamo che vuoi vivere di rendita, come quelli "del copyright".
          • panda rossa scrive:
            Re: HDD VS SSD
            - Scritto da: ruppolo
            Diciamo che vuoi vivere di rendita, come quelli
            "del
            copyright".Ma che stai dicendo?Il concetto e' molto semplice: quello che puoi fare con la testa non hai bisogno di comprarlo.Per questo tu sei indebitato e io invece no.
          • ... scrive:
            Re: HDD VS SSD
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: ruppolo

            Diciamo che vuoi vivere di rendita, come
            quelli

            "del

            copyright".

            Ma che stai dicendo?XXXXXXXte, come al solito.
          • anverone99 scrive:
            Re: HDD VS SSD
            - Scritto da: panda rossa
            Io preferisco restare con i dischi che non mi
            hanno mai
            deluso.Avrei una certa diffidenza pure io ad usare un SSD come disco principale per il S.O. (ghost)
          • krane scrive:
            Re: HDD VS SSD
            - Scritto da: anverone99
            - Scritto da: panda rossa

            Io preferisco restare con i dischi che non mi

            hanno mai

            deluso.
            Avrei una certa diffidenza pure io ad usare un
            SSD come disco principale per il S.O.
            (ghost)Io senza un raid di due dischi il mio pc non lo accendo.
          • panda rossa scrive:
            Re: HDD VS SSD
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: anverone99

            - Scritto da: panda rossa



            Io preferisco restare con i dischi che
            non
            mi


            hanno mai


            deluso.


            Avrei una certa diffidenza pure io ad usare
            un

            SSD come disco principale per il S.O.

            (ghost)

            Io senza un raid di due dischi il mio pc non lo
            accendo.E' evidente che per un utilizzo professionale dove il contenuto dei dischi ha un valore immensamente piu' alto del contenitore (il disco), questi SSD non li voglia nessuno.Sono solo aggeggi adatti ai giocattoli in cui vengono inseriti, dove i dati ospitati non valgono niente e qualunque problema si risolve con un formattone e tanti saluti.
          • Joe Tornado scrive:
            Re: HDD VS SSD
            Io da circa tre anni e mezzo ho i due OS su SSD, ma i miei dati sono protetti a mezzo copie multiple e frequenti backup delle partizioni di sistema. Sarebbe bello avere un qualche programma che informi dello stato di salute dell'unità SSD. Qualcuno, per caso, ne conosce ?
      • Etype scrive:
        Re: HDD VS SSD
        In un uso normale ci sono continui accessi in lettura e scrittura di dati su un supporto di memoria.Il semplice visitare una pagina web scrive file temporanei su disco,copia/incolla di un file sulla stessa unità,salvataggio multiplo di un progetto durante la sua elaborazione,elaborazione di file audio e video,immagine,quando installi un programma,ecc + aggiungiamoci quello che fa l'OS.Su un HDD comune puoi scrivere anche un milione di volte sullo stesso punto,non è un problema....una memoria a stato solido ha un limite definito di operazioni di scrittura,infatti anche per questo che esiste il comando TRIM che evita di scrivere più volte nello stesso punto.
    • bradipao scrive:
      Re: HDD VS SSD
      - Scritto da: Etype
      1) chi usa un pc giornalmente farà molte più
      scritture di 1-3 (mi auguro che si riferisse alla
      scrittura della stessa cella di
      memoria,altrimenti è impossibilie fare 1-3
      scritture al giorno)Si, la cifra di 1-3 scrittura al giorno è riferita alla stessa cella (o comunque ai gruppi di celle in caso di accessi a blocchi tipici delle memorie flash).Può sembrare una cifra "bassa", ma solo perchè non si tiene conto degli artifici e delle tecniche degli SSD controller. Faccio un esempio. Quando scrivi e riscrivi più volte un file, concettualmente uno dovrebbe andare a riscrivere più volte la stessa cella di memoria, e questo probabilmente avviene negli HD tradizionali.Negli SSD è diverso (o almeno era così quando qualche anno fa me ne interessai): quando viene richiesta una riscrittura di una cella, il controller in realtà va ad usare (a rotazione) una delle celle attualmente libere e mette quella precedente tra quelle libere (ma in fondo alla coda di riuso). E' per questo motivo che gli SSD lavorano ottimamente fintanto che sono pieni al massimo al 75%: man mano che si riempiono, il controller comincia ad arrancare e le poche celle libere sono scritte sempre più di frequente.
      • Etype scrive:
        Re: HDD VS SSD
        - Scritto da: bradipao
        - Scritto da: Etype

        1) chi usa un pc giornalmente farà molte più

        scritture di 1-3 (mi auguro che si riferisse
        alla

        scrittura della stessa cella di

        memoria,altrimenti è impossibilie fare 1-3

        scritture al giorno)

        Si, la cifra di 1-3 scrittura al giorno è
        riferita alla stessa cella (o comunque ai gruppi
        di celle in caso di accessi a blocchi tipici
        delle memorie
        flash).

        Può sembrare una cifra "bassa", ma solo perchè
        non si tiene conto degli artifici e delle
        tecniche degli SSD controller.TRIM
        Faccio un esempio.
        Quando scrivi e riscrivi più volte un file,
        concettualmente uno dovrebbe andare a riscrivere
        più volte la stessa cella di memoria, e questo
        probabilmente avviene negli HD
        tradizionali.si lo so...
        Negli SSD è diverso (o almeno era così quando
        qualche anno fa me ne interessai): quando viene
        richiesta una riscrittura di una cella, il
        controller in realtà va ad usare (a rotazione)
        una delle celle attualmente libere e mette quella
        precedente tra quelle libere (ma in fondo alla
        coda di riuso).Lo so,senza questo artificio un SSD durebbe mesi,non anni e ci sarebbero un sacco di file corrotti.
        E' per questo motivo che gli SSD
        lavorano ottimamente fintanto che sono pieni al
        massimo al 75%: man mano che si riempiono, il
        controller comincia ad arrancare e le poche celle
        libere sono scritte sempre più di
        frequente.Hai detto bene 75%,per 1/4 della capacità che non potrai mai sfruttare appieno,di fatto è come comprare un SSD più piccolo.
Chiudi i commenti