Symantec: nessuna aggressione sui brevetti

La divisione italiana dell'azienda spiega che le notizie uscite su CNET e ZDNet negli USA hanno disegnato un quadro errato del brevetto sul LiveUpdate di Symantec. Brevetto che non sarà rivendicato o imposto come standard
La divisione italiana dell'azienda spiega che le notizie uscite su CNET e ZDNet negli USA hanno disegnato un quadro errato del brevetto sul LiveUpdate di Symantec. Brevetto che non sarà rivendicato o imposto come standard


Milano – Sorpresa, negli uffici di Symantec divisione italiana, per quanto pubblicato dalle americane CNET e ZDNet poi ripreso da alcune testate, tra cui Punto Informatico. Sorpresa, perché il brevetto registrato da Symantec sulle funzionalità di LiveUpdate non rappresenta, a detta dell’azienda, nessun tipo di rischio o di ostacolo per qualunque attività web.

Nelle notizie riportate dalle testate americane, si leggeva che Symantec, dopo aver registrato il brevetto,si apprestava a “rivendicarlo” presso altri produttori di software di sicurezza, antivirus in particolare, e presso tutti coloro che utilizzano la funzionalità dell’aggiornamento in linea per consentire agli utenti dei propri software di avere applicazioni sempre aggiornate.

“Symantec – hanno spiegato a Punto Informatico i responsabili dell’azienda – si è limitata esclusivamente a registrare il brevetto della propria tecnologia di live updating, una tecnologia esclusiva e diversa da quelle già utilizzate da altri produttori”.

Nè ci sarebbe il rischio di una “rivendicazione” di brevetto o “imposizione” di uno standard: “Non c’è alcuna intenzione di far pesare il brevetto a qualcuno come scritto da quelle testate. La registrazione ha esclusivamente rappresentato un atto formale per proteggere sistemi già utilizzati da Symantec”.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

11 02 2001
Link copiato negli appunti