Telecom, risarcimento multimilionario per Fastweb

L'ex monopolista è stato condannato a risarcire l'operatore del broad band con 60 milioni di euro. Il motivo? Non aver fornito l'accesso disaggregato alla rete ULL per 11mila clienti

Milano – Il 2007 è un anno cominciato pesantemente per le finanze di Telecom Italia . La richiesta di interessi avanzata dall’ Antitrust (per cui l’incumbent ha presentato ricorso) è stata infatti seguita a ruota da una richiesta di risarcimento, di 60 milioni di euro, da parte di Fastweb .

Ne dà notizia la stessa Fastweb con un proprio comunicato diffuso ieri. “Il Collegio arbitrale presieduto dal professore Guido Alpa – riferisce l’operatore – ha pronunciato un lodo con cui condanna Telecom Italia a risarcire a Fastweb la somma di oltre 60 milioni di euro per inadempimento agli obblighi di fornire a Fastweb l’accesso disaggregato alla rete locale (unbundling local loop o ULL). Con tale pronuncia il Collegio ha riconosciuto che il mancato collegamento di circa 11.000 clienti Fastweb è dovuto a comportamenti negligenti da parte di Telecom Italia negli anni 2001-2004”.

Una negligenza che è stata ritenuta “interessata”: avendo il controllo dell’infrastruttura sull’ultimo miglio, a Telecom Italia non sono mancate, secondo il collegio arbitrale, le opportunità per “tirare il freno a mano” nell’iter della migrazione degli abbonati.

“Nel processo operativo dell’unbundling – precisa il comunicato – Fastweb ha denunciato che numerosi clienti che avevano richiesto i suoi servizi non erano stati collegati nei tempi previsti e ciò senza giustificazione tecnica plausibile da parte di Telecom Italia. Pertanto Fastweb aveva avviato un tentativo di conciliazione davanti all’ Agcom e, di fronte ad un atteggiamento di totale chiusura di Telecom Italia, ha instaurato il giudizio arbitrale previsto dal contratto di accesso disaggregato”.

Le lagnanze di Fastweb, in realtà, riguardavano 15 mila clienti, ma “per altri 4.000 casi circa – aggiunge la nota dell’operatore – il Collegio ha ritenuto improcedibile la domanda di Fastweb perché presentata irritualmente dopo l’avvio dell’arbitrato”. “Fastweb – conclude il comunicato – prende atto delle proprie ragioni e del riconoscimento del danno sofferto sia in termini patrimoniali sia di immagine. Si riserva di richiedere i danni per i casi giudicati improcedibili e confida che le nuova dirigenza di Telecom Italia favorisca un clima di sviluppo concorrenziale del mercato”.

D.B.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Angelone scrive:
    Nuova idea per vendere più auto
    Visto che nella stessa auto altri passeggeri potrebbero distrarre il conducente, PER VENDERE PIU' AUTOMOBILI, facciamole monoposto!(troll)(troll1)(troll2)(troll3)(troll4)
  • MeX scrive:
    rapporti orali
    io constato per epserienza personale che i rapporti orali non inficiano la guida, anzi la migliorano parecchio
  • Anonimo scrive:
    E ci voleva una ricerca per confermarlo?
    E' una cosa ovvia e palese che non ci si può concentrare alla guida mentre si parla al telefono!Io personalmente trovo anche difficile guidare con l'autoradio accesa: se lo faccio mi sento come se fossi ubriaco e probabilmente guido anche come se fossi ubriaco!
    • Anonimo scrive:
      Re: E ci voleva una ricerca per conferma
      - Scritto da:
      E' una cosa ovvia e palese che non ci si può
      concentrare alla guida mentre si parla al
      telefono!
      Io personalmente trovo anche difficile guidare
      con l'autoradio accesa: se lo faccio mi sento
      come se fossi ubriaco e probabilmente guido anche
      come se fossi
      ubriaco!Nessuna delle centinaia di persone che io conosco ha questo problema. Sottoponiti a qualche controllo, seriamente.O eri ironico? :
  • Anonimo scrive:
    E in formula uno allora?
    I piloti di formula una, cui è richiesta una concentrazione e una prontezza di riflessi ben maggiore, ormai parlano continuamente con gli ingegneri ai box, senza che questo comporti nessun problema.La verità è che il test non è probante. Il multitasking è difficile quando si richiedono reazioni dello stesso tipo come premere un tasto. Per esempio se parlo al telefono con l'auricolare mentre c'è la radio accesa faccio un certo sforzo. Ma guidare e ascoltare/parlare non crea nessun problema, soprattutto se si guida con prudenza su percorsi ben noti.A volte dietro certe ricerche mi sembra di scorgere inconsci rigurgiti di proibizionismo insensato. Si cerca a tutti i costi la scusa per vietare qualcosa a qualcuno, anche sfiorando il ridicolo.
    • Anonimo scrive:
      Re: E in formula uno allora?
      Ricordo uno Shumacher che vola fuori pista proprio perchè stava scambiando due parole son il box prima di una curva...
    • Anonimo scrive:
      Re: E in formula uno allora?
      - Scritto da:
      I piloti di formula una, cui è richiesta una
      concentrazione e una prontezza di riflessi ben
      maggiore, ormai parlano continuamente con gli
      ingegneri ai box, senza che questo comporti
      nessun problema.Non ti viene in mente che forse è proprio la capacità di coordinare tutte queste cose che differenzia un pilota di formula uno (magari anche bravo) da chi non fa il pilota?Ah probabilmente sei uno dei milioni di italioti che appena mettono le mani sul volante credono di essere un pilota (troll) (troll) (troll) (troll)
  • Anonimo scrive:
    Non parlate al conducente ...
    non serviva uno studio, è ovvio che è così, anche se chiacchiero con la morosa mentre guido posso essere distratto.Ma questo c'era anche quando non esistevano i cellulari.SOLITA NOTIZIA INUTILE
  • Guybrush scrive:
    Un paio di mesi fa sulla Roma-Fiumicino
    ...in direzione Roma, come tutti i giorni lasciavo la mia bella casetta di Ostia per recarmi al lavoro.Imbocco via della scafa, arrivo all'aeroporto e mi immetto sull'autostrada che dall'aeroporto va alla capitale. Mi piace questo tragitto perche', seppure piu' lungo, mi fa passare in mezzo alla campagna e mi permette di andare a velocità costante, mentre tanto la via del mare, quanto la Cristoforo Colombo sono perennemente intasate e rallentate da scomodi quanto necessari semafori.Eppure quel giorno si andava a rilento e a singhiozzo.Dentro di me comincio a rimuginare sulla vita, l'universo e tutti i santi del paradiso, mentre penso al ritardo che vado accumulando. Penso sia colpa della strettoia che riduce le tre corsie dell'autostrada a due, in prossimità del raccordo. Però è un rallentamento anomalo perché tanto nella corsia di destra che in quella di sinistra le macchine procedono più speditamente.Metto la freccia e inizio i sorpassi.Ne sorpasso una, ne sorpasso due... alla fine ne sorpasserò una trentina, ma arrivo alla "causa".Non una, non due, ma ben tre auto che, sulla corsia centrale, procedono ad una velocità di 60-70km/h e che zigzagano pigramente poiché i loro conducenti stanno parlando al cellulare.Bellissimi: uno su una golf nera che teneva il cellulare incastrato nell'incavo del collo.Una signora su una smart bianca che parlava con la testa in parte fuori dal finestrino e i capelli al vento (LOL) e un tizio un una macchina grigia di cui non ho riconosciuto marca e modello.Mi incazzo.Lo so che è inutile, che si fanno tre fatiche e che non se ne trae alcuna soddisfazione.Però che dovevo fare?Così inizio ad imprecare sonoramente sulla vita, l'universo e tutto il resto (cit, Douglas Adams) e passo avanti.Nel frattempo sono arrivato allo svincolo del Grande Parcheggio Anulare (cioe' il GRA durante le ore di punta) e devo rallentare comunque: si passa a due corsie e non c'e' modo di correre.Sono anche preoccupato perche' il primo dei tre telefonisti è dietro di me, parla e... CA%%O, gesticola, ma sei scemo?!?A questo punto scatta l'autodifesa: rallento ulteriormente, tanto ormai ho fatto tardi.Quello dietro di me ne approfitta e va più piano ancora.Ottimo, così in caso di incidente non mi farò troppo male.Si arriva all'altezza del distributore della Q8, e vedo la salvezza.Rallento ancora (no, non entro nel distributore) e non ci entra nemmeno il conversatore) e mi avvicino alla salvezza, rallento in modo tale da far credere a quello dietro (distratto al telefono) che c'é un macello di traffico.Abbasso il finestrino e metto in alto un braccio colla mano stretta a pugno e il pollice che indica la macchina dietro, dando un colpetto di clackson per richiamare l'attenzione dell'uomo con la paletta rossa in mano, fermo in piedi accanto alla volante della stradale.La salvezza.Il poliziotto si gira, vede e alza la paletta.Succedono TRE cose.Primo: vedo nello specchietto il tizio col telefonino gettare quest'ultimo in terra (si sara' rotto?) e inchiodare.Secondo: la signora con la chioma al vento non fa in tempo a frenare e tampona quello davanti.Terzo: non lo so perché ormai ero lontano, ma ho sentito chiaramente una inchiodata di freni bella poderosa.Quel giorno sono arrivato con mezz'ora di ritardo, ma è stato un piccolo prezzo da pagare in confronto alla soddisfazione provata in quel momento.Ah, dimenticavo: se per caso chi legge è uno di quei tre che è stato fermato dalla stradale sappia che:si, l'ho fatto apposta, si non è la prima volta che regalo ad un vigile o ad un poliziotto un "cellularista" al volante, e si, quando riesco a fermare uno di voi sotto allo sguardo incredulo di un vigile provo una gioia empia e selvaggia come solo un dio pagano nei suoi momenti migliori può provare.Con voi tre sono a quota 13.Morale della storia:se mentre parlate al cellulare durante la guida, quello davanti a voi rallenta... preoccupatevi parecchio.
    GT
    • Anonimo scrive:
      fortuna
      Sei un grande!hai un culo pazzesco a essere riuscito tutte quelle volte a trovare polizia o vigili nel momento giusto.
      • Guybrush scrive:
        Re: fortuna
        - Scritto da:
        Sei un grande!

        hai un culo pazzesco a essere riuscito tutte
        quelle volte a trovare polizia o vigili nel
        momento
        giusto.
        Non e' stato qlo: ma con una media di 30.000km percorsi ogni anno in zone abbastanza trafficate, di incivili al volante ne incontro tutti i giorni quantita' industriali (senza esagerare 3-4).Moltiplica la cosa per 260 giorni (piu' o meno i giorni che per un motivo o per l'altro devo usare la macchina) l'anno e considera che pratico questo sport dal 2001.Se non fosse stato per quei tre avrei chiuso il 2006 sotto la media :D
        GT
    • Anonimo scrive:
      Re: Un paio di mesi fa sulla Roma-Fiumic
      Hai fatto bene!
    • Anonimo scrive:
      Re: Un paio di mesi fa sulla Roma-Fiumic
      ROTFL grandissimo!
  • mind.your.head scrive:
    dopo la cintura...
    Il bavaglio.Perchè scusate ma che differenza c'è tra parlare al cellulare e al passeggero a fianco?Inoltre, questo effetto era noto già dimostrato da un pezzo, tanto che nei test sul carico di lavoro mentale è stato spesso usato uno stimolo sonoro per produrre il compito secondario. l'unica novità mi sembra l'utilizzo della risonanza magnetica.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 31 gennaio 2007 10.45-----------------------------------------------------------
    • Anonimo scrive:
      Re: dopo la cintura...
      - Scritto da: mind.your.head
      Perchè scusate ma che differenza c'è tra parlare
      al cellulare e al passeggero a
      fianco?Il numero di mani necessarie ad una corretta impugnatura di quella circonferenza geometrica che prende il nome di STERZO :D
      • Anonimo scrive:
        Re: dopo la cintura...

        Il numero di mani necessarie ad una corretta
        impugnatura ...Peccato che la ricerca in oggetto non prenda in analisi questo aspetto, ma solo l'attività celebrale. Ovviamente io intendevo l'uso del cell con l'auricolare, e quindi con le mani libere...
      • mind.your.head scrive:
        Re: dopo la cintura...

        Il numero di mani necessarie ad una corretta
        impugnatura ...Peccato che la ricerca in oggetto non prenda in analisi questo aspetto, ma solo l'attività celebrale. Ovviamente io intendevo l'uso del cell con l'auricolare, e quindi con le mani libere...
  • Anonimo scrive:
    Sbagliato, la mente ha il multitasking
    Ma è implementato a basso livello.I riflessi ne sono un chiaro esempio, qualsiasi cosa stai facendo sono "programmati" per salvari dai pericoli.Inoltre alla guida quante volte vi è capitato di pensare completamente ad altro e trovarvi a casa vostra. Chi ha guidato? Chi si è fermato al rosso? Chi ha fatto le scelte giuste alla guida?La mente umana è in grado di automatizzare le cose che si fanno spesso, ed eseguirle in contemporanea con altri "processi".
    • MandarX scrive:
      Re: Sbagliato, la mente ha il multitaski

      La mente umana è in grado di automatizzare le
      cose che si fanno spesso, ed eseguirle in
      contemporanea con altri
      "processi".sono d'accordonon nego che stare al computer e al telefono contemporaneamente sia quasi impossibile, ma alla guida la cosa è diversa.secondo i ricercatori allora anche ascoltare la musica dovrebbe rallentare il cervello.io ascolto la musica o parlo con i passeggeri sempresemmai il pericolo è distrarsi per cambiare la canzone sull'iPod o manipolare il telefono
    • Anonimo scrive:
      Re: Sbagliato, la mente ha il multitaski
      - Scritto da:
      Ma è implementato a basso livello.
      I riflessi ne sono un chiaro esempio, qualsiasi
      cosa stai facendo sono "programmati" per salvari
      dai
      pericoli.
      Inoltre alla guida quante volte vi è capitato di
      pensare completamente ad altro e trovarvi a casa
      vostra. Chi ha guidato? Chi si è fermato al
      rosso? Chi ha fatto le scelte giuste alla
      guida?
      La mente umana è in grado di automatizzare le
      cose che si fanno spesso, ed eseguirle in
      contemporanea con altri
      "processi".Telefono, gelato, e guida ai 150 kmh in citta... E poi se succedono gli incidenti e' colpa degli altri.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sbagliato, la mente ha il multitaski
      - Scritto da:
      Ma è implementato a basso livello.
      I riflessi ne sono un chiaro esempio, qualsiasi
      cosa stai facendo sono "programmati" per salvari
      dai
      pericoli.

      Inoltre alla guida quante volte vi è capitato di
      pensare completamente ad altro e trovarvi a casa
      vostra. Chi ha guidato? Chi si è fermato al
      rosso? Chi ha fatto le scelte giuste alla
      guida?
      E' effettivamente incredibile come a volte, nemmeno ripensandoci a fondo, riesco a ricordarmi "ma ci sono passato da quel punto"? Senza proprio riuscire a ricordare parte del tragitto.
      La mente umana è in grado di automatizzare le
      cose che si fanno spesso, ed eseguirle in
      contemporanea con altri
      "processi".
      • Anonimo scrive:
        Re: Sbagliato, la mente ha il multitaski
        A dire il vero anche solo guidando il cervello sta già svolgendo molti computi complessi insieme, in "multitasking" qualcuno potrebbe dire. Semmai il vero problema è il calo dell'attenzione e della prontezza di rifessi in caso di eventi inattesi che richiedono immediate reazioni. Da questo punto di vista parlare al telefono, come qualsiasi altra attività che assorbe parte della nostra attenzione, mentre si guida è certamente molto pericoloso.
  • Anonimo scrive:
    Maaaaa daaavvvveeeeerroooooooo???
    Noooooonnnnn llllllloooooooooo saaaaaaappppppeeeeevvvvooooooooo!!!!!!!!!!!
  • Anonimo scrive:
    il cellulare...
    ...rallenta il cervello e basta.è per quello che abbiamo pagato per 20 anni i 2 euro di ricarica, e senza che ci venisse in mente che persino la legge prevede che si possa sparare a chi ti sta derubando.Lo so, è un esagerazione, ... ma lo è davvero?E Tiscali, e canoni, e spese sanitarie che prima non c'erano, e parcheggi a pagamento, e inceneritori, e tasse pure sulla carta igienica, e questo, e quello ... e solo perchè pochi possano avere 200 mq di piscina, o chia...si le veline.Ma quanto ancora dobbiamo sopportare?Gli anni 60-70 sono stati gli anni in cui il popolo ha guadagnato qualcosa, e sono stati anche gli anni in cui il paese è cresciuto.Ora stiamo male noi, e sta male la nazione.Non sono i politici e i grandi imprenditori che devono stare bene perchè il paese stia bene. Siamo noi, i cittadini, il paese!!!
  • Anonimo scrive:
    Non è vero!
    Il cellulare rallenta il cervello degli italiani (quasi tutti), non solo di chi guida!
  • Anonimo scrive:
    La ricerca non considera il Learning
    I test, effettuati mediante risonanza magnetica funzionale, hanno evidenziato il rallentamento dell'attività cerebrale dei soggetti intenti a compiere due operazioni nello stesso momento. Gli esperimenti sono stati condotti chiedendo ai soggetti-cavia, posti davanti ad una tastiera, di premere un pulsante corrispondente ad un determinato stimolo uditivo, contemporaneamente ad un altro pulsante, corrispondente ad uno stimolo visivo. I ricercatori hanno rilevato come la corteccia laterale frontale e perifrontale, e quella superiore frontale, non siano in grado di svolgere due azioni contemporaneamente. Chissà se hanno provato anche a verificare cosa succede quando le cavie ripetono quella procedura per che so' qualche settimana. Potrebbe accadare che dopo un certo periodo di training, il cervello si abitui a quel particolare tipo di multitasking, come accade ai videogiocatori. "I soggetti dell'insolito test, stando a quando pubblicato sul Canadian Journal of Experimental Psychology, sono tutti compresi tra un'età di 18 e 25 anni. L'abilità cerebrale fondamentale che viene "allenata" dall'uso dei videogiochi è il multitasking, un concetto preso in prestito da gergo informatico. I ragazzi di oggi sono in grado di usare contemporaneamente molti strumenti e gadget elettronici", sostiene la ricercatrice Cheryl Grady, "perché nascono e crescono nel nome di questa necessità". Una necessità della società moderna, assolutamente nuova rispetto al mondo monotasking delle passate generazioni." http://punto-informatico.it/p.aspx?id=1406421
    • Anonimo scrive:
      Re: La ricerca non considera il Learning
      Utile il Learning in questo caso.Ogni giorno davanti all'incrocio X sai che devi schivare l'auto rossa ruotando il volante di 15° e con una leggera frenata.Attenzione poi alla Curva no.2 poichè alla fine di essa troverai un bus fermo.Ma dai. ;)
    • MandarX scrive:
      Re: La ricerca non considera il Learning
      un altro esempioalcuni batteristi riescono a tenere due tempi diversi contemporaneamenteattenzione sto parlando di tempo
      • Anonimo scrive:
        Re: La ricerca non considera il Learning
        - Scritto da: MandarX
        un altro esempio

        alcuni batteristi riescono a tenere due tempi
        diversi
        contemporaneamente

        attenzione sto parlando di tempoSi ma ci vuole molto allenamento e per contro molte persone non riescono a tenere neanche un tempo anche se studiano e si allenano per anni.
      • Anonimo scrive:
        Re: La ricerca non considera il Learning
        - Scritto da: MandarX
        un altro esempio

        alcuni batteristi riescono a tenere due tempi
        diversi contemporaneamente

        attenzione sto parlando di tempoSi, ma stiamo parlando di pochi eletti, come Bill Brufford e gente simile.Il 90% dei comuni batteristi non ci riesce.Il 99,99% delle persone comuni non ci riesce.
      • Anonimo scrive:
        Re: La ricerca non considera il Learning
        - Scritto da: MandarX
        un altro esempio

        alcuni batteristi riescono a tenere due tempi
        diversi
        contemporaneamente

        attenzione sto parlando di tempo
        Ci sono anche quelli che tengono tre tempi dispari diversi contemporaneamente. Il trucco per farlo è trovare un comune denominatore tra i tempi ed intercciarli assieme su un'unica trama temporale. E' umanamente possibile finché è da tenere qualcosa di facile come un 4/4 assieme ad un 7/8, in questo caso ti trovi ad esempio la cassa che un battuta parte in battere e nella battuta successiva viene sfasata di 1/8, diventa questione da pochi eletti quando devi tenere un 7/8 assieme ad un 19/16 assieme ad un 5/4 (c'è chi ci riesce, beati loro).
  • Anonimo scrive:
    ma bravi la scoperta dell'acqua calda!
    Sarebbe buona regola che quando uno guida tenesse spento il cellulare o al massimo fermare dove è possibile per rispondere !
    • Anonimo scrive:
      Re: ma bravi la scoperta dell'acqua cald
      - Scritto da:
      Sarebbe buona regola che quando uno guida tenesse
      spento il cellulare o al massimo fermare dove è
      possibile per rispondere
      !Esistono gli auricolari anche bluetooth.Esiste il vivavoce.
      • HomoSapiens scrive:
        Re: ma bravi la scoperta dell'acqua cald
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        Sarebbe buona regola che quando uno guida
        tenesse

        spento il cellulare o al massimo fermare dove è

        possibile per rispondere

        !

        Esistono gli auricolari anche bluetooth.
        Esiste il vivavoce.mi sa tanto che non hai letto l'articolo
      • Anonimo scrive:
        Re: ma bravi la scoperta dell'acqua cald
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        Sarebbe buona regola che quando uno guida
        tenesse

        spento il cellulare o al massimo fermare dove è

        possibile per rispondere

        !

        Esistono gli auricolari anche bluetooth.
        Esiste il vivavoce.si ma ti distrai e distrarsi alla guida è pericoloso ! @^ @^
  • Anonimo scrive:
    Ricerca?
    Basta andare su una qualunque direttrice autostradale che porta a Milano per rendersi conto degli innumerevoli bamba che guidano in maniera esecrabile perché troppo impegnati a chiaccherare al telefono o con il compagno.Fanno il paio con i de*enti che scrivono gli SMS e quelli che si leggono la relazione prima di andare in ufficio (rigorosamente in corsia di sorpasso a 130 km/h così possono sempre dire che tanto rispettavano il limite).
    • Anonimo scrive:
      Re: Ricerca?
      Ma è da anni che si sa....è come conciliare il parlare al telefono con l'imparare una serie di numeri. Le uniche attività conciliabili della mente umana sono una (o più) attività automatizzate fisiche (come andare in bicicletta, camminare, saltare o guidare su un percorso molto ben conosciuto e senza alcun imprevisto) ed una ad elevato impegno cognitivo...peccato che questo io l'abbia studiato 2 anni fa all'università, proprio con l'esempio del cellulare alla guida, e questi ora vengono fuori che hanno scoperto l'acqua calda?
  • Wakko Warner scrive:
    Interessante...
    Quindi proibiamo anche di parlare all'eventuale passeggero. O il cervello rallenta solo quando si parla al cellulare? (newbie)Da ora in poi chi parla a proprio figlio mentre guida avrà la patente sequestrada, spero che sia chiaro, non mi ripeterò. :@
    • Anonimo scrive:
      Re: Interessante...
      - Scritto da: Wakko Warner
      Quindi proibiamo anche di parlare all'eventuale
      passeggero. O il cervello rallenta solo quando si
      parla al cellulare?
      (newbie)

      Da ora in poi chi parla a proprio figlio mentre
      guida avrà la patente sequestrada, spero che sia
      chiaro, non mi ripeterò.
      :@quoto in pieno...bravo!
    • Anonimo scrive:
      Re: Interessante...
      - Scritto da: Wakko Warner
      Quindi proibiamo anche di parlare all'eventuale
      passeggero. O il cervello rallenta solo quando si
      parla al cellulare?
      (newbie)

      Da ora in poi chi parla a proprio figlio mentre
      guida avrà la patente sequestrada, spero che sia
      chiaro, non mi ripeterò.
      :@buona idea, propongo di installare delle telecamere su tutti i veicoli, al fine di cogliere gli eventuali trasgressori.
    • Anonimo scrive:
      Re: Interessante...
      - Scritto da: Wakko Warner
      Quindi proibiamo anche di parlare all'eventuale
      passeggero. O il cervello rallenta solo quando si
      parla al cellulare?
      (newbie)Si, a certe persone dovrebbero proibirlo.Mai visto quelli che parlano in maniera concitata e guardano un pò la strada e un pò l'interlocutore? Oppure le befane sul SUV che ciacolano dell'ultima pelliccia presa dalla Titti?Ecco, io sono quello dietro che sfanala da 5km per passare :Cmq spesso il cellulare distrae dalla guida più di una conversazione regolare perché non sempre si sente bene con l'auricolare o col viva voce e bisogna concentrarsi di più per capire le parole.
    • Anonimo scrive:
      Re: Interessante...
      - Scritto da: Wakko Warner
      Quindi proibiamo anche di parlare all'eventuale
      passeggero. O il cervello rallenta solo quando si
      parla al cellulare?
      (newbie)

      Da ora in poi chi parla a proprio figlio mentre
      guida avrà la patente sequestrada, spero che sia
      chiaro, non mi ripeterò.
      :@Chi ti sta a fianco, amenochè non sia stupido del tutto, o un pazzo suicida (in alcuni casi), VEDE quand'è il momento di stare zitto. Chi è al telefonino no, visto che non è in auto.E difficilmente gli si dice d'aspettare perchè si è in un momento difficile, fino a quando non è troppo tardi.Esperienza personale: una ragazza al telefono con me ha preso il muro mentre faceva una semplice manovra (io non sapevo che stava guidando).Oltretutto c'è una fase in cui componi il numero (o altro), che s'eviterebbe in caso non ci possa essere le telefonata.ad ogni modo alcuni sono troppo stupidi per guidare, e molti lo sono per guidare a fare altro contemporaneamente, quindi ...Io ho avuto un solo incidente negli ultimi 10 anni, e guardacaso è stata una rimbambita a venirmi addosso mentre parlava al telefonino.Magari è stata una coincidenza (anzi due), ma...Lo so, anche a me piace poter parlare al cellulare se mi serve, ma penso anche che se mettessero sotto qualcuno che amo, perchè stanno parlando al telefonino ...bhe ...non so se la prossima comunicazione riuscirebbero a farla senza medium
Chiudi i commenti