Terremoto, cracker cinese in carcere

Implacabile la macchina giudiziaria cinese: rinchiuso il cracker reo di aver tentato di sottrarre denaro ai fondi destinati alle vittime del terremoto dal sito della Croce Rossa

Roma – Due anni di carcere e 5000 yuan di multa per un cracker cinese. Questo il verdetto del giudice che ha condannato il 23 enne Yang Litao, reo di truffa ai danni di un sito della Croce Rossa cinese pubblicato online allo scopo di raccogliere fondi per aiutare le vittime del terremoto avvenuto nel maggio scorso nella provincia del Sichuan. Fortunatamente il tentativo di frode non è valso al truffatore neanche un centesimo.

Il giovane, dipendente di una società informatica ed originario di Shenzen, provincia di Jiangsu si è reso colpevole di aver rubato identità e password del sysadmin del sito della Fondazione Croce Rossa di Kunshan, con il quale venivano raccolti fondi destinati alle vittime e agli sfollati del disastroso terremoto. Dopo aver acquisito i dati d’accesso, il giovane ha provveduto quindi a cambiare le coordinate bancarie del conto corrente su cui i fondi venivano depositati, sostituendole con quelle relative ad un altro conto corrente, aperto da Litao sotto falso nome. Inoltre il cracker ha rilasciato sul portale un virus che ne ha causato lo shutdown per almeno 27 ore proprio durante le fasi cruciali delle operazioni di soccorso.

Tempestiva l’azione della polizia cinese, già sulle tracce di Litao per via di altre incursioni informatiche, che ha di fatto spento con un paio di manette i suoi sogni di gloria: sino al momento dell’arresto il cracking del sito non ha procurato alcun guadagno allo sventurato, accusato di frode ed in seguito condannato dal giudice a trascorrere due anni in carcere e a pagare una multa pari a circa 625 euro. Una cifra simbolica per un’azione fraudolenta costruita per di più su una catastrofe costata parecchie vite umane.

Va da sé che non tutte le irruzioni sui siti web hanno come obiettivo quello di arrecare danni o sottrarre denaro: spesso – come nel caso del cracker indiano Theli , intervistato da Punto Informatico tempo fa – l’atto in sé costituisce un mezzo di denuncia, un canale attraverso cui far passare un messaggio, che di sovente ha natura politica .

Vincenzo Gentile

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • miomao scrive:
    deja vu
    Gli americani sono troppo avanti !Peccato che in Italia in 2 comuni del nord italia abbiamo gia' installato sensori che fanno la stessa identica cosa 3 anni fa ! E con ottimi risultati dal punto di vista della rotazione delle auto in sosta.Solo che se lo fanno a S.Francisco fa piu' figo e piu' high tech!
    • nonsenepuop i u scrive:
      Re: deja vu
      Veramente è dal 96 per le olimpiadi che esiste negli USA nella zona di Atlanta.Solo che all'epoca non interessava a nessuno, ora lo fa una grande città e se ne parla.Tutto qui.
  • Godzilla scrive:
    Sempre occupati anche là
    Che schifo anche a SF si circola solo a piedi o la sera in auto ma durante il giorno non esiste proprio è quasi peggio che a Roma per i parcheggi
    • Macfan scrive:
      Re: Sempre occupati anche là
      - Scritto da: Godzilla
      Che schifo anche a SF si circola solo a piedi o
      la sera in auto ma durante il giorno non esiste
      proprio è quasi peggio che a Roma per i
      parcheggifinchè non ci libereremo delle automobili sarà così ma non mi sembra che nessuno voglia farne a meno
    • Roberto Osti scrive:
      Re: Sempre occupati anche là
      Io sono stato a SF in maggio e mi aveva colpito l'estrema facilità di trovare parcheggi disponibili, anche in Downtown... strano... forse mi sbagliavo
  • Filippo scrive:
    a Napoli?
    figuriamoci!Qui mancano proprio i parcheggi. Altro che gestione ottimale dello spazio.
    • Godzilla scrive:
      Re: a Napoli?
      - Scritto da: Filippo
      figuriamoci!
      Qui mancano proprio i parcheggi. Altro che
      gestione ottimale dello
      spazio.E' quello che dico!! Ci fossero!! Anche a Roma i parcheggi li hanno ricavati dalle strade (!) quindi ci sono strade intasate un sacco di parcheggi pieni di macchine e se trovi un posto è MIRACOLO
    • Caracalla scrive:
      Re: a Napoli?
      - Scritto da: Filippo
      figuriamoci!
      Qui mancano proprio i parcheggi. Altro che
      gestione ottimale dello
      spazio.Vabbè però se parcheggi a cazzo non ti fanno la multa....
      • ... scrive:
        Re: a Napoli?
        - Scritto da: Caracalla
        - Scritto da: Filippo

        figuriamoci!

        Qui mancano proprio i parcheggi. Altro che

        gestione ottimale dello

        spazio.

        Vabbè però se parcheggi a cazzo non ti fanno la
        multa....Lasciate perdere napoli che è un caso a parte... sono messi peggio del terzo mondo.
  • Ermanno Russo scrive:
    Troppi virtuosismi nell'articolo
    Ma dove sono finiti i caporedattori burberi che cassano gli articoli dei niubbi? Che cavolo significa "automobilisti che, volante alla mano, scalcia sul freno nel tentativo di abbandonare la propria scatoletta a scoppio senza incappare in multe"? L'articolo è eccessivamente pieno di parole fuori luogo che lo rendono di difficile lettura e comprensione.
Chiudi i commenti