Texas Instruments non ha fatto i conti con gli hacker

Non si può perseguire legalmente chi modifica calcolatrici per hobby. Anche se pubblica tutto su Internet. Lo sostiene EFF in una querelle in corso negli USA

Roma – La Electronic Frontier Foundation (EFF) ha avvertito Texas Instruments (TI) che non può minacciare azioni legali contro chi per hobby modifica le sue calcolatrici.

L’Hardware TI è dotato di firme digitali che permettono di caricare solo programmi specifici. Tuttavia alcuni studenti, dotati delle competente tecniche necessarie, hanno ottenuto le chiavi necessarie a sbloccarle attraverso reverse engineering . Hanno quindi installato sistemi operativi diversi e abilitato nuove funzionalità nelle calcolatrici, divulgando il tutto in rete.

Secondo TI sarebbero dei contraffattori che violano le regole anti-crack del Digital Millenium Copyright Act (DMCA). Li ha quindi subissati di lettere chiedendo la rimozione delle documentazioni pubblicate.

“Anche se non si tratta affatto di una questione di proprietà intellettuale, TI cerca di spaventare gli appassionati con lo scopo di chiudere delle discussioni legittime”, ha sottolineato EFF che ha deciso di rappresentare tre dei blogger sotto il mirino.

La norma tirata in ballo da TI prevede che “nessuno possa aggirare una misura tecnologica che efficacemente ( effectively ) controlli l’accesso ad un lavoro protetto” da copyright.

Tuttavia, ha sottolineato la rappresentante di EFF Jennifer Granick, i sistemi operativi protetti dalle chiavi erano già disponibili decriptate sulle calcolatrici stesse (accessibili semplicemente collegandole ad un computer) ed era possibile scaricarle dal sito dello stesso produttore.

Per quanto riguarda la modifica di sistemi operativi protetti da proprietà intellettuale (che tuttavia non è chiamata in causa da TI), l’articolo 117 del Copyright Act afferma che “è consentito modificare copie del software che si possiede per migliorarne le prestazioni sull’hardware disponibile”. D’altronde il reverse engeneering dalla norma è legittimo nel caso in cui serva a studiare lo strumento legalmente acquistato, e a ottenere l’interoperabilità con altri sistemi.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • lippo scrive:
    cosnumo
    ma consuma così tanto un comune ventilatore?
  • Principe di Valacchia scrive:
    L'idea e' ottima, il prezzo molto meno..
    Sostanzialmente funziona in base al principio dell'ala di aereo come ha fatto notare gia' qualcuno, accelerando l'aria su un profilo opportunamente sagomato si crea una depressione che attira aria attraverso la struttura.Il principio non e' propriamente nuovo, esistono delle applicazioni di condizionamento domestico simili dove c'e' un buco di piccole dimensioni in un muro esterno della casa, un ventilatore esterno spinge aria parallelamente al muro, questo crea una depressione che fa circolare una grande massa d'aria in casa, lo stesso identico principio di "moltiplicazione" dell'aria usato qui.Sono un po' scettico sul risparmio dichiarato, mi sembra eccessivo, e poi il prezzo per un coso di plastica con una ventola e un motorino elettrico e' decisamente eccessivo, ma le novita' si pagano si sa : .
    • EffeGi scrive:
      Re: L'idea e' ottima, il prezzo molto meno..
      Ricordo il primo masterizzatore di cdrom che comprai circa dieci anni fa: masterizzatore scsi 2X al modico prezzo di 900.000 Lire + 100.000 Lire di scheda SCSI. Ricordo anche che un cd costava 10.000 Lire.Oggi un masterizzatore di DVD (e di cdrom) costa 30 euro e ti regalano pure la licenza di questo o quel software che solo lei costa i 30 euro.E con questo? Per dire che la tecnologia, quando è "nuova", costa! E costa cara!Altro esempio, i primi decoder del digitale terrestre nel 2005: 500.000 Lire. Oggi con 30 euro porti a casa un decoder IDENTICO a quello del 2005 e che fa tutto quello che serve.Vogliamo parlare del prezzo dei televisori LCD o al plasma? oggi un 42" costa come un 14" di 5 anni fa.
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: L'idea e' ottima, il prezzo molto meno..
        - Scritto da: EffeGi
        Ricordo il primo masterizzatore di cdrom che
        comprai circa dieci anni fa: masterizzatore scsi
        2X al modico prezzo di 900.000 Lire + 100.000
        Lire di scheda SCSI. Ricordo anche che un cd
        costava 10.000
        Lire.
        Oggi un masterizzatore di DVD (e di cdrom) costa
        30 euro e ti regalano pure la licenza di questo o
        quel software che solo lei costa i 30
        euro.
        Che marca era, anche Io spesi una cifra simile.... quanti supporti bruciati...
        E con questo? Per dire che la tecnologia, quando
        è "nuova", costa! E costa
        cara!

        Altro esempio, i primi decoder del digitale
        terrestre nel 2005: 500.000 Lire. Oggi con 30
        euro porti a casa un decoder IDENTICO a quello
        del 2005 e che fa tutto quello che
        serve.
        Ah le novità si pagano care!
        Vogliamo parlare del prezzo dei televisori LCD o
        al plasma? oggi un 42" costa come un 14" di 5
        anni
        fa.Concordo... certo in questo caso vista la pochezza dei materiali potevano essere meno ladri... peggio per loro qualcuno la copierà e in pochi avremo vari cloni a prezzi stracciati... sempre che il sistema funzioni davvero!
      • Principe di Valacchia scrive:
        Re: L'idea e' ottima, il prezzo molto meno..
        Beh in quel caso c'era una innovazione tecnologia vera che giustificava un prezzo cosi' alto, qui no, una qualsiasi officina di stampaggio plastiche sarebbe in grado di costruire quel coso a un prezzo molto piu' basso.Nel caso del lettore CD c'era una delle prime applicazioni commerciali del laser per la lettura dati, quei cosi costavano tanto perche' costava tanto produrli (non doveva essere semplice progettare una catena di montaggio per una cosa mai prodotta prima), questi no ti fanno pagare piu' che altro la novita' ma il costo industriale di quel ventilatore dubito che superi i 10 euro (a voler essere molto pessimisti).E' un po' come la storia degli occhiali da sole di marca, te li vendono a 700 euro (visto coi miei occhi) ma produrli non costa piu' di 10 euro (anche qui a voler essere pessimisti).
  • italiano scrive:
    Rumorosità
    Magari dico una stupidata, ma non sarà eccessivamente rumoroso?
    • ventilatore senza pale scrive:
      Re: Rumorosità
      Il livello del rumore va dai 40 dB ai 64 dB db=decibel. qua trovate maggiori dettaglihttp://aconfronto.org/ventilatore-senza-pale/
  • ignorante scrive:
    altre applicazioni
    quindi a breve avremo generatori eolici ad alto rendimento sfruttando questo principio
    • MeX scrive:
      Re: altre applicazioni
      c'era giá una notizia di gallerie atte a comprimere l'aria e "spararla" sulle pale eoliche quando necessario
      • guast scrive:
        Re: altre applicazioni
        Interessante. Potrebbe aumentare il tempo di utilizzo delle plae eoliche.Ora se il vento è troppo forte o troppo leggero le pale vengono fermate.Con delle gallerie variabili che modulano il vento in entrata potrebbero funzionare sempre. Mi chiedo solo che dimensioni avremmero per i generatori da 4/5 MW che stanno costruendo adesso
  • Mauriziosat scrive:
    mi sa di bufala
    credo proprio che quel coso vada contro alcune delle leggi fondamentali della termodinamica..potrebbe fare il paio con la BIOWASBALL , con il TUBO DI TUKER e con i CERCHI NEL GRANO
    • Izio scrive:
      Re: mi sa di bufala
      - Scritto da: Mauriziosat
      credo proprio che quel coso vada contro alcune
      delle leggi fondamentali della
      termodinamica.
      .
      potrebbe fare il paio con la BIOWASBALL , con il
      TUBO DI TUKER e con i CERCHI NEL
      GRANOSenza contare che se in teoria gli aspirapolvere "ciclonici", inventati da Dyson, DOVREBBERO funzionare meglio di quelli convenzionali non perdendo potenza man mano che il serbatoio si riempie, in pratica (quanto meno leggendo l'ultima recensione comparativa su Altroconsumo) sembrano in realtà funzionare peggio.By the way, anche il test di laboratorio sulla Biowashball mostra che l'utilità è nulla, lava come la sola acqua. Il consiglio che danno è di usare piuttosto meno sapone.
      • Marco Ravich scrive:
        Re: mi sa di bufala
        Sulla BioWash Ball io ancora non sono convintissimo dell'inefficacia (peraltro molti test sono stati fatti in modo NON corretto):http://robertoscano.info/random-bits/biowashball-test-ed-analisi-tecnica-parte-seconda/...di cui riporto parte delle conclusioni:[quote]La palla lava meglio della sola acqua ma peggio del detersivo (test di lavaggio eseguiti più volte).Risulta chiaro che per quanto riguarda solo il lavaggio, la bwb modifica le proprietà fisiche dellacqua che esce dai rubinetti di casa nostra ma non può fare i miracoli che molti vorrebbero attribuirle.Se verranno confermati i risultati di cui sopra, risulterebbe chiaro che la BioWashBall ha realmente un effetto pulente magari non uguale al detersivo, ma sicuramente maggiore rispetto alla sola acqua o con laggiunta di una semplice palla da tennis.[/quote]
        • Stein Franken scrive:
          Re: mi sa di bufala
          No, la biowashball è completamente inutile.http://attivissimo.blogspot.com/2008/11/biowashball-una-palla.html
          • Stein Franken scrive:
            Re: mi sa di bufala
            Aggiungo che addirittura potrebbe dare problemi!http://paoblog.wordpress.com/2009/04/17/biowashball-non-solo-non-lava-puo-sXXXXXre/
          • JeffB scrive:
            Re: mi sa di bufala
            - Scritto da: Stein Franken
            No, la biowashball è completamente inutile.

            http://attivissimo.blogspot.com/2008/11/biowashbalPenso che l'analisi di Roberto Scano sia la piu' completa, tecnica ed equilibrata tra quelle che ho trovato in rete.In sostanza la BWB non farebbe ovviamente miracoli ma modificherebbe leggermente le caratteristiche dell'acqua migliorando il gia' notevole potere pulente della sola acqua senza detersivo.
          • Stein Franken scrive:
            Re: mi sa di bufala
            E falso...
          • JeffB scrive:
            Re: mi sa di bufala
            - Scritto da: Stein Franken
            E falso...cosa è falso?
          • Funz scrive:
            Re: mi sa di bufala
            - Scritto da: JeffB
            In sostanza la BWB non farebbe ovviamente
            miracoli ma modificherebbe leggermente le
            caratteristiche dell'acqua migliorando il gia'
            notevole potere pulente della sola acqua senza
            detersivo.Spiega spiega quali "caratteristiche dell'acqua" modificherebbe...La composizione chimica?La tensione superficiale? La polarità delle molecole?Il numero di elettroni di valenza dell'ossigeno?Dai dai che ridiamo un po'
          • JeffB scrive:
            Re: mi sa di bufala
            - Scritto da: Funz
            Spiega spiega quali "caratteristiche dell'acqua"
            modificherebbe...
            La composizione chimica?
            La tensione superficiale?
            La polarità delle molecole?
            Il numero di elettroni di valenza dell'ossigeno?

            Dai dai che ridiamo un po'Articolo di Roberto Scano/Sandro-meghttp://bit.ly/2t3ndecaratteristiche come ph e tensione superficiale vengono modificate anche se in maniera "lieve", quindi "lievi" saranno i miglioramenti apportati al lavaggio.Non penso sian baggianate quelle scritte in quell'articolo anche perchè le caratteristiche dei mateiali utilizzati sono utilizzate anche in altri ambiti.
          • Izio scrive:
            Re: mi sa di bufala
            - Scritto da: Funz
            - Scritto da: JeffB

            In sostanza la BWB non farebbe ovviamente

            miracoli ma modificherebbe leggermente le

            caratteristiche dell'acqua migliorando il gia'

            notevole potere pulente della sola acqua senza

            detersivo.

            Spiega spiega quali "caratteristiche dell'acqua"
            modificherebbe...
            La composizione chimica?
            La tensione superficiale?
            La polarità delle molecole?
            Il numero di elettroni di valenza dell'ossigeno?

            Dai dai che ridiamo un po'Bè, ripeto che Altroconsumo sostiene l'inutilità della Biowashball, però ho anche avuto modo di verificare ampiamente di persona l'efficacia dei panni in microfibra. Questi alterano in qualche modo l'acqua, pur in assenza di fonti di energia (MI PARE che spezzino la tensione superficiale, come i tensioattivi) per cui passandoli su una superficie grassa, te la ritrovi pulita.Ora, SE la bwb funzionasse allo stesso modo, sarebbe una buona cosa. Come escluderlo a priori? In compenso mi fido molto di Altroconsumo, per cui tendo a credere ai loro test di laboratorio e a non spendere i soldi per fare la prova :)
      • uomodellast rada scrive:
        Re: mi sa di bufala
        - Scritto da: Izio
        Senza contare che se in teoria gli aspirapolvere
        "ciclonici", inventati da Dyson, DOVREBBERO
        funzionareDOVESSERO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!bannate chi non sa l' italiano.
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: mi sa di bufala
        - Scritto da: Izio
        - Scritto da: Mauriziosat

        credo proprio che quel coso vada contro alcune

        delle leggi fondamentali della

        termodinamica.

        .

        potrebbe fare il paio con la BIOWASBALL , con il

        TUBO DI TUKER e con i CERCHI NEL

        GRANO

        Senza contare che se in teoria gli aspirapolvere
        "ciclonici", inventati da Dyson, DOVREBBERO
        funzionare meglio di quelli convenzionali non
        perdendo potenza man mano che il serbatoio si
        riempie, in pratica (quanto meno leggendo
        l'ultima recensione comparativa su Altroconsumo)
        sembrano in realtà funzionare
        peggio.
        By the way, anche il test di laboratorio sulla
        Biowashball mostra che l'utilità è nulla, lava
        come la sola acqua. Il consiglio che danno è di
        usare piuttosto meno
        sapone.Già gli aspirapolvere ciclonici senza sacchetto ma dotati di un filtro Hepa costosino, anche 25 euro a seconda del modello, e che alla fine hanno una potenza aspirante non proprio entusiasmante... sarà un caso ma dopo un iniziale entusiasmo i vari centri commerciali sono molto ritornati sui modelli tradizionali!
      • Casalinga scrive:
        Re: mi sa di bufala
        cosa dicono quelli di altroconsumo sul dyson?io ne ho provati tanti, tutti molto deludenti. ho sempre evitato i dyson per il prezzo piuttosto alto, finche' non ne ho trovato un modello usato in buone condizioni.beh, da quando lo uso, finalmente ho i tappeti puliti...
        • Izio scrive:
          Re: mi sa di bufala
          - Scritto da: Casalinga
          cosa dicono quelli di altroconsumo sul dyson?
          io ne ho provati tanti, tutti molto deludenti. ho
          sempre evitato i dyson per il prezzo piuttosto
          alto, finche' non ne ho trovato un modello usato
          in buone
          condizioni.
          beh, da quando lo uso, finalmente ho i tappeti
          puliti...Per me l'esperienza diretta vale più di 1000 test di laboratorio, fai bene a seguire ciò che ti soddisfa; visto che me lo chiedi, cerco però i risultati precisi del test di cui parlavo. Il test di AC (Giugno 2009) vede ai primi posti Miele S 5261 (molto caro) e Bosch BSG61266 (quasi altrettanto buono, costa molto meno). Il Dyson DC22 Allergy Parquet è sotto la metà classifica (punteggio 45 contro i 68 di Miele).C'è un test specifico per la pulizia tappeti, e - bè, ambasciator non porta pena, io ti dico cosa dicono loro :) - Dyson prende insufficiente, nessuno prende un giudizio buono. Solo in cinque arrivano alla sufficienza.
    • nome e cognome scrive:
      Re: mi sa di bufala
      - Scritto da: Mauriziosat
      credo proprio che quel coso vada contro alcune
      delle leggi fondamentali della
      termodinamica.
      .
      potrebbe fare il paio con la BIOWASBALL , con il
      TUBO DI TUKER e con i CERCHI NEL
      GRANOBah può essere però le dyson airblade che si trovano negli aereoporti sono l'unico asciugamani elettrico che non ti costringe ad asciugarti sui pantaloni.
    • misto scrive:
      Re: mi sa di bufala
      - Scritto da: Mauriziosat
      credo proprio che quel coso vada contro alcune
      delle leggi fondamentali della
      termodinamica.Non sono un esperto, quindi potrebbe essere che hai ragione.Pero' a pelle direi di no.Secondo la legge di Bernoulli[img]http://upload.wikimedia.org/math/a/5/8/a58b68f3bb891d015f4b62ad34e4a014.png[/img][/img]il gioco e' tra velocita' (e quindi flusso) e pressione. Non sappiamo esattamente cosa succeda all'interno della base, ma a quello che ne so c'e' un compressore. Comprimendo l'aria, quando questa esce dall'anello, hai una caduta di pressione che crea una sorta di aspirazione. Questa aspirazione porta a "inghiottire" aria dalla parte frontale ed espellerla dalla parte posteriore. Il vantaggio di questa soluzione e' che il flusso e' molto prossimo al laminare. Se hai un moto turbolento (come nei ventilatori tradizionali), immagino che buona parte dell'energia vada dispersa in calore. Inoltre, un sistema con parti meccaniche in movimento, come un ventilatore, dissipa energia per attrito (metti una mano sul tuo ventilatore per accorgertene). Ecco perche' probabilmente il dysonventilatore e' piu' efficiente.NB: ripeto, non sono un esperto in fluidodinamica (anzi, ne so veramente poco). Accetto volentieri correzioni.
    • Deru Kui scrive:
      Re: mi sa di bufala
      Forse sara' meno efficiente in termini energetici (ma mi parrebbe alquanto strano) pero' la termodinamica non c'entra. Casomai fluidodinamica.- Scritto da: Mauriziosat
      credo proprio che quel coso vada contro alcune
      delle leggi fondamentali della
      termodinamica.
      .
      potrebbe fare il paio con la BIOWASBALL , con il
      TUBO DI TUKER e con i CERCHI NEL
      GRANO
      • misto scrive:
        Re: mi sa di bufala
        - Scritto da: Deru Kui
        Forse sara' meno efficiente in termini energetici
        (ma mi parrebbe alquanto strano) pero' la
        termodinamica non c'entra. Casomai
        fluidodinamica.La termodinamica c'entra sempre ;)
    • BLah scrive:
      Re: mi sa di bufala
      E pensare che la Biowashball è stata pubblicizzata a iosa da Beppe Grillo...
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: mi sa di bufala
        - Scritto da: BLah
        E pensare che la Biowashball è stata
        pubblicizzata a iosa da Beppe
        Grillo...Si quello che poi si sposta in aereo....
      • Aname scrive:
        Re: mi sa di bufala
        Si, ma beppe grillo è il tipo che vuole politici puliti dal lato giuridico, ma lui stesso, condannato per omicidio colposo vorrebbe entrare in parlamento...
        • Funz scrive:
          Re: mi sa di bufala
          - Scritto da: Aname
          Si, ma beppe grillo è il tipo che vuole politici
          puliti dal lato giuridico, ma lui stesso,
          condannato per omicidio colposo vorrebbe entrare
          in
          parlamento...Vuole entrare in parlamento o vuole diventare segretario di un partito? (non è esattamente la stessa cosa).E comunque, una cosa è avere un incidente d'auto in cui muore un tuo amico, un altro è essere corruttori e frequentatori di mafiosi...
    • Aname scrive:
      Re: mi sa di bufala
      Non metteri I prodotti dyson sullo stesso piano della washball e del tuker, la Dyson come azienda mi sembra molto più seria... poi che si esagerino le caratteristiche di un prodotto, bhè, questa è una costante del mondo del marketing...
  • Lepaca scrive:
    costoso
    con gli aspirapolveri uno puo' pensare al risparmio dato dai sacchetti, ma qui, con 200 quanti ventilatori ci si puo' comprare?
    • Az Nock scrive:
      Re: costoso
      E' sempre stato così: le innovazioni tecnologiche bizzarre e non costano sempre care. Fra qualche mese scenderà di prezzo vedrai e addirittura lo troverai al mercatino dei cinesi!
      • Mauro scrive:
        Re: costoso
        sì ma in questo caso c'è il rischio che i modelli venduti dai cinesi staranno al motiplicatore d'aria come i megaschermi sui mobili nei magazzini ikea stanno ai veri megaschermi al plasma ;)Cioè, bisogna vedere se riescono a riprodurre in maniera efficiente il meccanismo alla base del dispositivo, o ne copiano esclusivamente l'aspetto
    • nome e cognome scrive:
      Re: costoso
      - Scritto da: Lepaca
      con gli aspirapolveri uno puo' pensare al
      risparmio dato dai sacchetti, ma qui, con 200
      quanti ventilatori ci si puo'
      comprare?Mah... piazzaci sopra una mela morsicata e vedrai che ne vendi a tonnellate.
      • popopoopop scrive:
        Re: costoso
        Hehehe
      • Joliet Jake scrive:
        Re: costoso
        - Scritto da: nome e cognome
        - Scritto da: Lepaca

        con gli aspirapolveri uno puo' pensare al

        risparmio dato dai sacchetti, ma qui, con €200

        quanti ventilatori ci si puo'

        comprare?

        Mah... piazzaci sopra una mela morsicata e vedrai
        che ne vendi a
        tonnellate. :D
      • MeX scrive:
        Re: costoso
        si giá basta il logo... chissá perché allora i cassoni per l'iPod di Apple non se li é filati nessuno e hanno smesso di venderli! ;)
      • John scrive:
        Re: costoso

        Mah... piazzaci sopra una mela morsicata e vedrai
        che ne vendi a tonnellate.ecco il nome giusto: iPhon :)
        • jerry 1980 scrive:
          Re: costoso
          Geniale!- Scritto da: John

          Mah... piazzaci sopra una mela morsicata e
          vedrai

          che ne vendi a tonnellate.

          ecco il nome giusto: iPhon :)
      • Disgra scrive:
        Re: costoso
        - Scritto da: nome e cognome
        - Scritto da: Lepaca

        con gli aspirapolveri uno puo' pensare al

        risparmio dato dai sacchetti, ma qui, con 200

        quanti ventilatori ci si puo'

        comprare?

        Mah... piazzaci sopra una mela morsicata e vedrai
        che ne vendi a
        tonnellate.quotone
    • Mauro scrive:
      Re: costoso
      non consideri due fattori: uno è il risparmio sulla bolletta, che si ripaga dopo un tempo X, l'altro è il design... in uno studio professionale ad esempio, o nella casadi un appassionato, fa una certa sua figura un oggetto simile ;)
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: costoso
        - Scritto da: Mauro
        non consideri due fattori: uno è il risparmio
        sulla bolletta, che si ripaga dopo un tempo X,
        l'altro è il design... in uno studio
        professionale ad esempio, o nella casadi un
        appassionato, fa una certa sua figura un oggetto
        simile
        ;)Allora lo consiglierei bianco e con un logo traslucido retroilluminato da una luce bianca....
        • Aname scrive:
          Re: costoso
          Perchè non con un ologramma che si connette tramite skype e che fa apparire la testa della persona con cui si sta parlando? O con una sorta di screen saver con una donnina che balla la lap dance?
Chiudi i commenti