Thailandia, hacker cinguettante contro il premier

Manomesso l'account Twitter del primo ministro Yingluck Shinawatra, prima donna a ricoprire l'incarico nel paese asiatico. Critiche contro le sue presunte false promesse

Roma – “Come potrà mai proteggere la nazione se non riesce nemmeno a proteggere il suo account Twitter? Pensateci bene!”. Così uno dei cinguettii rilasciati da un misterioso hacker in terra thailandese, in seguito alla cattura dell’account ufficiale del premier locale Yingluck Shinawatra .

Una serie di micropost al vetriolo, pubblicati dall’account @PouYingluck in seguito alla sua manomissione da parte dell’hacker. Ad accuse di corruzione ha fatto seguito una sorta di appello alla nazione, affinché “la stupidità abbia una fine”. Yingluck Shinawatra è di fatto la prima donna ad aver ricoperto il ruolo di primo ministro in terra thailandese .

Il suo account Twitter è stato chiuso immediatamente, lasciando temporaneamente i quasi 400mila follower . Pare che il misterioso hacker fosse riuscito ad impossessarsi dell’indirizzo di posta elettronica del capo del governo. Che aveva sfruttato ampiamente i social network per guadagnare consensi in vista delle elezioni politiche. (M.V.)

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Mauro Shiatsu scrive:
    Bellissimo il foglio di carta volante
    Bella l'idea... ma + che pensare al tappeto volante di aladino meglio uno skate board stile "ritorno al futuro" molto piu' piccolo e realizabile poi anche per portarselo con se ;)http://www.doin.altervista.org
  • Surak 2.0 scrive:
    Sembra...
    ...la classica "soluzione in cerca di problema".per fare le cose descritte nell'articolo ci sono altri sistemi (l'induzione magnetica, per esempio) ed a meno di convenienze non indicate sulle vecchie tecniche, direi che avrà utilità molto specifiche..se ne avrà
    • Guybrush scrive:
      Re: Sembra...
      - Scritto da: Surak 2.0
      ...la classica "soluzione in cerca di problema".
      per fare le cose descritte nell'articolo ci sono
      altri sistemi (l'induzione magnetica, per
      esempio) ed a meno di convenienze non indicate
      sulle vecchie tecniche, direi che avrà utilità
      molto specifiche..se ne
      avràBe' hai la levitazione senza la scocciatura di dover creare un binario, hai detto niente...sarebbe interessante conoscere l'efficienza di questo sistema.I sistemi mossi da motori a scoppio buttano a mare (letteralmente) metà dell'energia disponibile (che è si e no il 30% del totale).Senza contare che se il sistema funziona anche per altri fluidi... te la immagini una nave che fende l'acqua senza toccare l'acqua?Niente attrito (o quasi), niente cirripedi, niente cavitazione, consumi ridotti... cavoli, sulla carta è una bella scoperta.Vediamo che succede.GT
      • Surak 2.0 scrive:
        Re: Sembra...
        - Scritto da: Guybrush
        - Scritto da: Surak 2.0

        ...la classica "soluzione in cerca di
        problema".

        per fare le cose descritte nell'articolo ci
        sono

        altri sistemi (l'induzione magnetica, per

        esempio) ed a meno di convenienze non
        indicate

        sulle vecchie tecniche, direi che avrà
        utilità

        molto specifiche..se ne

        avrà

        Be' hai la levitazione senza la scocciatura di
        dover creare un binario, hai detto
        niente...Scusa, eh...ma le "ondate di energia" come gliele dai?Difficilmente potrai attrezzare il "tappeto" di batterie o simili
        sarebbe interessante conoscere l'efficienza di
        questo
        sistema.Hai detto nulla.Quella è la discriminante per un uso massiccio.Altrimenti al massimo funzionerà come sensore in qualche microimpianto
        I sistemi mossi da motori a scoppio buttano a
        mare (letteralmente) metà dell'energia
        disponibile (che è si e no il 30% del
        totale).
        Senza contare che se il sistema funziona anche
        per altri fluidi... te la immagini una nave che
        fende l'acqua senza toccare
        l'acqua?Sì, si chiama Hovercraft ma pure aeroplano o dirigibile.Lì sembra più quel giochino della penna elettrizzata sui fogli di carta, solo che hanno trovato il modo di "regolare" la cosa.Una nave non è solo larga e lunga
        Niente attrito (o quasi), niente cirripedi,
        niente cavitazione, consumi ridotti... cavoli,
        sulla carta è una bella
        scoperta.Mi sa che sopravvaluti la cosa
        Vediamo che succede.Mi sa che finirà nel dimenticatoio o nel libro delle curiosità (a meno di nicchie d'interesse)
        GT
Chiudi i commenti