Tibet e web, ancora contro Carrefour

Monta una protesta condotta via Internet e SMS da utenti cinesi contro alcuni gruppi francesi

Roma – Le tensioni politiche attorno alle prossime Olimpiadi e alla repressione cinese in Tibet non si placano e anzi su Internet trovano un elemento di nuova aggregazione: l’appello al boicottaggio voluto del sito ChinaRen contro chi ha sostenuto il Dalai Lama sta conoscendo una popolarità notevolissima.

Tibet e web, ce l'hanno con Carrefour

I promotori di quella iniziativa chiedono ai cinesi di boicottare aziende come Carrefour perché riconducibili a capitali francesi. E la Francia è accusata di sostenere economicamente il Dalai Lama.

Le pressioni di quei cinesi che sostengono il regime nella repressione tibetana si diffondono anche via SMS e trovano una buona sponda anche sui media ufficiali di Pechino.

“Non ci sono ragioni per dare alla Francia denari per comprare le loro merci – gridano i promotori del boicottaggio – visto il supporto del popolo francese per i separatisti tibetani dimostrato quando la Torcia Olimpica è arrivata a Parigi. Facciamo loro vedere il potere del popolo cinese e il potere di Internet”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti