Ticketbot, l'Antitrust vuole vederci chiaro

AGCM apre un'inchiesta su TicketOne per il sold out dei ColdPlay e pone il problema delle nuove frontiere del bagarinaggio a mezzo bot. Anche anche il legislatore si mobilita per tutelare i consumatori che acquistano biglietti online

Roma – In seguito al caos generato dalla vendita dei biglietti della tappa italiana del tour dei Coldplay , andati sold out nel giro di 2 minuti, l’ AGCM ha annunciato di aver aperto un’istruttoria nei confronti di TicketOne S.p.A. e di altri quattro siti Internet del mercato secondario sui quali era possibile acquistarli a prezzi esorbitanti pochi minuti dopo l’esaurimento della disponibilità sul canale ufficiale.

Dagli esposti dell’ Unione Nazionale Consumatori e di Atroconsumo l’Antitrust ha avviato un’indagine che, come riportato in una nota ufficiale, “è diretto, in primo luogo, ad accertare se il professionista abbia predisposto idonee misure informatiche, previsioni contrattuali e modalità di vendita, nonché abbia esercitato un adeguato controllo, per garantire l’effettiva disponibilità di biglietti per i consumatori e per evitare la possibilità che alcuni soggetti, attraverso l’utilizzo di specifici software, procedano all’acquisto massivo e quasi istantaneo di tutti i biglietti sul canale online”.

Già in occasione dei concerti degli One Direction, dei Foo Fighters, dei Red Hot Chili Peppers, di Bruce Springsteen, Renato Zero, Adele e David Gilmour si erano verificati situazioni analoghe. Alla luce di quanto accaduto, quindi, si vuole porre l’attenzione sul secondary ticketing , una versione evoluta del classico bagarinaggio, per combattere il quale si è attivata anche la SIAE .

Quello che si vorrebbe arginare è il fenomeno dei ticket bot , ossia software automatizzati di tipo bot approntati appositamente per simulare il comportamento degli utenti nell’acquisto dei biglietti sulle piattaforme online.

L’efficienza di tali software riesce ad aggirare facilmente le soluzioni messe in atto per limitare gli acquisti automatizzati, utilizzando ad esempio più carte di credito per superare il limite massimo di 4 o 6 biglietti per utente, bypassando l’inserimento del codice CAPTCHA (da inserire per dimostrare di non essere un robot) o ricorrendo a server proxy per eludere il controllo che limita il numero di biglietti acquistabili da un singolo indirizzo IP.

Nonostante la rivendita dei biglietti sia del tutto legale, rimane l’esigenza di garantire i diritti dei consumatori di avere accesso alla piattaforma di vendita in modo trasparente evitando quindi che automatismi impostati per attivarsi all’orario di apertura delle vendite facciano incetta del maggior numero possibile di biglietti.

Al momento è quasi impossibile individuare un ticket bot al lavoro in modo da bloccarne l’attività, pertanto è stata presentata un’interrogazione parlamentare che vuole individuare nuove norme atte a combattere il fenomeno ipotizzando ad esempio l’imposizione della vendita di biglietti nominativi .

Luca Algieri

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Paul scrive:
    Perchè?
    Non si capisce il motivo della scelta e soprattutto chi l'ha fatta...DEBUG!
  • bubba scrive:
    mi da' tristezza...
    mi da' tristezza... il vedere l'involuzione a "webapp per tutto". sara' la vecchiaia :P
    • prova123 scrive:
      Re: mi da' tristezza...
      Ma non avevano detto che java era il grande satana da eliminare ...
      • collione scrive:
        Re: mi da' tristezza...
        - Scritto da: prova123
        Ma non avevano detto che java era il grande
        satana da eliminare
        ...infatti lo è, basta che aggiungi script :D
        • bubba scrive:
          Re: mi da' tristezza...
          - Scritto da: collione
          - Scritto da: prova123

          Ma non avevano detto che java era il grande

          satana da eliminare

          ...

          infatti lo è, basta che aggiungi script :Dcribbio, avrebbero piu' senso i commenti su Vanity Fair .. :P :) uno dice java invece di javascript e la pallina dei commenti rotola diventando valanga, su una roba che non c'entra niente :) E cmq, ribadisco, tutta questa 'webbizzazione' pervasiva non mi piace :P
          • collione scrive:
            Re: mi da' tristezza...
            webizzazione? ma non si chiamava spionaggio? :Dah gia', lo chiamano cloud adesso
          • bubba scrive:
            Re: mi da' tristezza...
            - Scritto da: collione
            webizzazione? ma non si chiamava spionaggio? :D

            ah gia', lo chiamano cloud adessoeh, xche tu adesso pensi all'ALTRO LATO. :) io pensavo al lato client, che ha travalicato (ficcare tutto via http = nel browser = browser-as-an-os, anzi andiamo oltre , con interpreti commandline per javascript, che fanno anche serverside cosi' ecc. = per quello 'webbizzazione'. Maaaaaa quelle belle applicazioni in C/C++/delphi (anche qbasic, vb e .net vah) di un tempo, che magari fungono offline? :) :P )
      • radd scrive:
        Re: mi da' tristezza...
        - Scritto da: prova123
        Ma non avevano detto che java era il grande
        satana da eliminare
        ...Java e javascript o ecmascript non fanno parte di java in senso lato. Javascript è solo vagamente ispirato a java. Se fosse inerente java, non sarebbe stato incorporato nella Linux foundation, anzi, avremmo già
      • cdgserz scrive:
        Re: mi da' tristezza...
        - Scritto da: prova123
        Ma non avevano detto che java era il grande
        satana da eliminare
        ...Sorvoliamo sull'ignoranza.Comunque Java è il nemico per M$ e $Apple. Per la comunità open source no. Per il mondo enterprise no. La maggior parte dei progetti open source sono in Java. La maggior parte del back end del software enterprise è scritto in Java, giusto nel lato front end non c'è un linguaggio prevalente, ma si trova un po' di tutto.
        • nojava scrive:
          Re: mi da' tristezza...
          Quante XXXXXXX che hai sparato. E' tutto il contrario.Java è buono solo per fare i front-end, le interfacce grafiche portabili che funzionino su ogni sistema operativo e piattaforma hardware (es: smartphone).Tutti i backend hanno bisogno di performance e nessuno (tranne i XXXXX) usano Java. E' tutto scritto in C o C++. Java stesso è scritto in C. Le Java server pages sono una XXXXXXX megagalattica che solo nell'italietta hanno attecchito (figuriamoci, giusto per fare la solita figuraccia come quella della schiapparellata su marte... un grande sucXXXXX aver generato migliaia di sparagestionali laureati per il java). Anche l'IIS di Microsoft supporta le ISAPI per fare pagine web e altre web application backend scritti in C. Per non parlare del mondo non-http dove tutto è in C o C++. Il client può anche sprecare risorse e per comodità ci si può far girare qualcosa di pesante in Java (se una interfaccia browser-based non basta) ma nel server le risorse sono importanti e aggiungere un layer come il java non lo fa nessuno sano di mente (che tra l'altro per far funzionare il java decentemente bisogna rendere un server vulnerabile a un sacco di exploit, visto che devi disattivare la protezione W^X (write xor execute) oppure il JIT compiler del java non può funzionare).
          • crgsgec scrive:
            Re: mi da' tristezza...
            LOL. Quanto c'hai messo per mettere insieme tante XXXXXXX?
          • bubba scrive:
            Re: mi da' tristezza...
            - Scritto da: crgsgec
            LOL. Quanto c'hai messo per mettere insieme tante
            XXXXXXX?una c'e' di sicuro, in effetti. se cerco il solo 'apache tomcat/coyote' trovo 1 milione di istanze rilevate (da shodan). Quindi JSP e compagnia "qualcuno lo usa" :P che poi faccia bene o meno, e' un altro paio di maniche. :)
          • uoor scrive:
            Re: mi da' tristezza...
            Logica perfetta. Considerando un più terzo della popolazione mondiale mussulmana e un altro terzo abbondate della popolazione mondiale cristiana, abbiamo dimostrato democraticamente e scientificamente che Dio esiste. Che facciano bene oppure no a credere è un altro paio di maniche, ma almeno Dio c'è!
          • .... scrive:
            Re: mi da' tristezza...
            - Scritto da: uoor
            Logica perfetta. Considerando un più terzo della
            popolazione mondiale mussulmana e un altro terzo
            abbondate della popolazione mondiale cristiana,
            abbiamo dimostrato democraticamente e
            scientificamente che Dio esiste. Che facciano
            bene oppure no a credere è un altro paio di
            maniche, ma almeno Dio
            c'è!e questo povero vecchio rinXXXXXXXXto https://www.youtube.com/user/amoramod/videos e' il suo profeta!
          • Il fuddaro scrive:
            Re: mi da' tristezza...
            - Scritto da: ....
            - Scritto da: uoor

            Logica perfetta. Considerando un più terzo della

            popolazione mondiale mussulmana e un altro terzo

            abbondate della popolazione mondiale cristiana,

            abbiamo dimostrato democraticamente e

            scientificamente che Dio esiste. Che facciano

            bene oppure no a credere è un altro paio di

            maniche, ma almeno Dio

            c'è!

            e questo povero vecchio rinXXXXXXXXto
            https://www.youtube.com/user/amoramod/videos e'
            il suo
            profeta!XXXXX! C'è posto per Aphex_twin sul web, perché non dovrebbe esserci spazio per minchioni autocelebrati come I PORTATORI DI VERITA' come quello linkato da te? (rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • nojava scrive:
            Re: mi da' tristezza...
            Quest'anno il GNU C/C++ Compiler ha eliminato il GCJ (GNU Compiler for Java).https://gcc.gnu.org/ml/gcc-patches/2016-09/msg00210.htmlIl java non serve a un cazz e scomparirà. Intanto sparisce dai progetti GNU.Tutte le grandi aziende usano il C e C++. Per i problemi di sicurezza intrinsechi del Java che ho spiegato precedentemente (oltre che per una grande quantità di vulnerabilità storiche nelle piattaforme per il java) la piattaforma java è vietata in germania nei server federali. Non so' tu che cosa intenda per "grandi aziende" ma in tutte quelle che ho visto io si usa il C++... ma forse tu intendi dire azienduccie italiane del XXXXX che fanno 3 volte l'anno il sito web del comune... allora potresti avere ragione tu in questo caso. Il grande business di alto livello all'italiana si riduce sempre a una schiapparellata su marte.
          • vecchiaccio scrive:
            Re: mi da' tristezza...
            - Scritto da: nojava
            Tutte le grandi aziende usano il C e C++. Per iHo fatto consulenza per miriadi di grandi aziende ce ne fosse una (1) che avesse 1 (uno) progetto innovativo in C++.PS: non sto dando contro al C++ che è mio amico, ma alla tua convinzione che è errata.
          • collione scrive:
            Re: mi da' tristezza...
            a me vengono i brividi quando penso a quanti server zeppi di programmi java ci sono in girocapisco le performance, la vastita' degli strumenti e delle librerie, ecc... ma ci sono pure parecchi difetti, che purtroppo hanno implicazioni in primis sul fronte della sicurezza per niente trascurabilie ci sono soluzioni migliori anche sotto l'aspetto delle prestazioni ( Go per esempio )non dico che bisogna migrare tutto a Go et similia, ma almeno cominciaree poi java e' un linguaggio estremamente complesso ormai, burocratico al massimo e farraginoso a dir poco
          • vecchiaccio scrive:
            Re: mi da' tristezza...
            Ragazzi, un codice di XXXXX in Java è comunque più sicuro di un codice di XXXXX scritto in C++.Ripeto: io preferisco C++ (a dirla tutta preferisco C#, Python e Rust che non c'entra nulla ma de gustibus...), ma paragonare C++ e Java non significa nulla. E ribadisco: no, le grandi aziende non usano C++. Anche Microsoft sta alla larga da C++ appena le è possibile.
          • collione scrive:
            Re: mi da' tristezza...
            - Scritto da: vecchiaccio
            Ragazzi, un codice di XXXXX in Java è comunque
            più sicuro di un codice di XXXXX scritto in
            C++.ma lo e' meno di uno scritto in Rust, Python o Go
            nulla ma de gustibus...), ma paragonare C++ e
            Java non significa nulla. E ribadisco: no, leno moment, io C++ non l'ho nemmeno menzionato
            grandi aziende non usano C++. Anche Microsoft sta
            alla larga da C++ appena le è
            possibile.e anche io, tant'e che ormai sono focalizzato su Go, Python, Haskell e per qualche uso particolare Rust
          • collione scrive:
            Re: mi da' tristezza...
            mica esistono solo C e C++? anzi sono meno adatti di Java per quel tipo di utilizzo
          • iRoby scrive:
            Re: mi da' tristezza...
            I bravi programmatori C/C++ ci sono e lavorano per aziende importanti con stipendi importanti.Uno dei miei migliori amici in Danimarca presso Autodesk prende 20.000 euro al mese.
          • vecchiaccio scrive:
            Re: mi da' tristezza...
            Ah ah ah ah.Per un attimo ti avevo preso sul serio.Perché sta scherzando vero? Anche se non programmo in Java e Java mi fa abbastanza schifo perchè "verbose"... come si fa a scrivere queste cose?
          • iRoby scrive:
            Re: mi da' tristezza...
            Guarda non mi stupisco ormai più di nulla.In un blog di un contadino il tizio ha scritto un articolo dove indica la dieta vegana, e consiglia di comprare carne senza crudeltà solo da contadini che fanno il loro lavoro con passione e macellano i loro animali con amore dopo avergli fatto fare una vita felice.È il "macellare con amore" che mi fa pensare che ormai molta gente si è bevuta il cervello...
          • Albedo 0,9 scrive:
            Re: mi da' tristezza...
            - Scritto da: iRoby
            È il "macellare con amore" che mi fa pensare
            che ormai molta gente si è bevuta il
            cervello...A me invece fa tanto pensare l'idea di molti vegani che pensano che si può vivere mangiando senza "far del male alle specie viventi"; un controsenso pure quello, poiché sono tutte questioni che riguardano l'empatia umana piuttosto che un vero buon senso scientifico.Se ti dicessi "uccidere, ma con rispetto", cosa ne penseresti?
          • collione scrive:
            Re: mi da' tristezza...
            - Scritto da: Albedo 0,9
            Se ti dicessi "uccidere, ma con rispetto", cosa
            ne
            penseresti?ma poi una foglia di basilico strappata dalla pianta e' da considerarsi uccisa o no? :D
          • bubba scrive:
            Re: mi da' tristezza...
            - Scritto da: collione
            - Scritto da: Albedo 0,9


            Se ti dicessi "uccidere, ma con rispetto",
            cosa

            ne

            penseresti?

            ma poi una foglia di basilico strappata dalla
            pianta e' da considerarsi uccisa o no?
            :Ddipende. se era una pianta immmigrata clandestina, si puo' fare. se no, c'e' empatia e non si puo' fare :D
Chiudi i commenti