Tim Cook: siamo sempre Apple

Il CEO della Mela è sicuro della grande qualità dei suoi prodotti. Nessuna depressione per Cupertino, che punterà sempre sulla vendita di esperienze utente premium a prezzi premium

Roma – Al keynote che ha aperto l’ultima edizione californiana del ciclo di conferenze Goldman Sachs Technology , il CEO di Apple Tim Cook ha risposto a numerosi interrogativi sul futuro della Mela, pur scansando qualsiasi domanda legata alla produzione di nuovi dispositivi . Dagli sforzi profusi nell’innovazione high-tech alla filosofia di mercato, Cook ha parlato a ruota libera degli aspetti più teorici in un settore ad alto tasso di competitività.

Con le domande poste al CEO si è cercato di capire perché Cupertino non abbia deciso di puntare sulle specifiche hardware – ad esempio, con iPhone dotati di schermi più grandi o tablet dai processori potenziati – per migliorare i suoi prodotti. La verità, secondo Cook, è che i consumatori di oggi vogliono grandi esperienze e soprattutto qualità , fattori che mancherebbero in quei vendor pronti a sbandierare le più succulente specifiche hardware.

“L’unica cosa che mai faremo è un prodotto scadente – ha continuato Cook – Noi faremo sempre grandi prodotti. È l’unica religione che abbiamo: dobbiamo fare qualcosa di straordinario, di ambizioso”. Per questo motivo, per i continui investimenti nei punti vendita, nella fase di distribuzione e nell’innovazione di prodotto, Apple non sarebbe affatto entrata in una mentalità da era della depressione , così come ipotizzato da numerosi osservatori nel settore.

“Se date uno sguardo agli ultimi tre anni, abbiamo concluso in media un’acquisizione ogni mese” ha spiegato Cook. Acquisizioni dettate dalla voglia di assoldare talenti per la continua espansione della qualità di prodotto, non semplicemente per aumentare il fatturato e azzannare le varie quote di mercato. “Apple è ora in una posizione unica e inarrivabile, perché ha competenze nel software, nell’hardware e nei servizi” ha continuato il CEO.

Servizi e non solo. L’azienda di Cupertino ha versato un totale di 8 miliardi di dollari alla comunità dei suoi sviluppatori , così come ribadito dallo stesso Cook nel suo keynote a San Francisco. Dallo scorso 7 gennaio, la liquidità per i developer è aumentata di oltre un miliardo, dunque a ritmi più che sostenuti. A testimonianza – sempre secondo Cook – di quanto sia forte e vibrante l’ecosistema iOS.

Ma cosa succede se Apple ha ormai raggiunto il suo limite naturale nella quota di mercato legata alla distribuzione globale di smartphone? “Non pensiamo al mondo come qualcosa che ha dei limiti” ha spiegato Cook. Dei 500 milioni di iPhone venduti tra il 2007 e il 2012, più del 40 per cento sarebbe stato piazzato solo nell’ultimo anno . E se Apple iniziasse ad aggredire i mercati emergenti con prodotti più economici?

“La nostra stella del nord è la realizzazione di grandi prodotti – ha ripetuto Cook – Se ripercorrete la storia di Apple, se prendete ad esempio iPod, quando l’abbiamo lanciato costava 399 dollari. E dove sta oggi iPod? Potete acquistare un modello shuffle per 49 dollari”. Il CEO ha poi ammesso di aver lavorato a dispositivi Mac più economici, mai realizzati perché “non sarebbero mai diventati grandi prodotti”.

In conclusione , Cook ha respinto le tesi avanzate dagli osservatori sul presunto auto-cannibalismo tra i vari prodotti Apple. “Quando abbiamo lanciato iPad, di cosa si preoccupava la gente? Pensavano oddio, così ucciderete il Mac, cosa avete fatto? La nostra convinzione di base è che se non facciamo i cannibali di noi stessi, qualcun’altro lo farà al posto nostro”. Per Cupertino nessuna preoccupazione: il mercato dei PC è grande abbastanza.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • dalek scrive:
    quale offerta?
    mediaset premium e sky sono a pagamentoquindi se vuole scavalcare i 2 colossi deve prendersi i nuovi clienti gratisaltrimenti può chiudere sin da ora
    • Guybrush scrive:
      Re: quale offerta?
      - Scritto da: dalek
      mediaset premium e sky sono a pagamentoE pure cari.
      quindi se vuole scavalcare i 2 colossi deve
      prendersi i nuovi clienti
      gratisO ad un prezzo concorrenziale, non necessariamente gratis.
      altrimenti può chiudere sin da oraConcordo.GT
Chiudi i commenti