Time Machine via AirPort: ora si può

L'aggiornamento del firmware del router Apple estende le funzionalità di backup via WiFi. Ecco come

Roma – Nella notte Apple ha rilasciato il pacchetto di aggiornamento per Mac OS X denominato Time Machine and AirPort Update 1.0 , che oltre a consentire l’aggiornamento del firmware dei dispositivi Time Capsule e AirPort Extreme, estende a quest’ultimo le funzionalità di backup incrementale via WiFi fino ad oggi ad appannaggio esclusivo del più recente dispositivo targato Cupertino.

Time Machine via AirPort: ora si può Sebbene tale possibilità non sia ancora stata confermata ufficialmente da Apple, nelle scorse ore si sono moltiplicate le segnalazioni in rete che evidenziavano come l’aggiornamento al firmware 7.3.1 di AirPort Extreme consentisse l’utilizzo di un disco USB remoto per le procedure di backup via Time Machine. Unico inconveniente, nel caso si decida di collegare un disco già utilizzato per i salvataggi, sta nel fatto che il sistema tenterà di cancellare quanto già archiviato e ricominciare da capo.

I primi esperimenti mostrano comunque che c’è ancora qualche incertezza nel riconoscimento delle unità esterne: è importante che il disco che si intende utilizzare sia formattato con file system HFS+ e journaling attivo . Inoltre per far sì che Time Machine mostri l’unità tra quelle disponibili per il backup, la prima volta occorre montarla manualmente attraverso il Finder.

La velocità di backup via wireless si aggira sui 2 mega al secondo : abbastanza per garantire il funzionamento di Time Machine durante gli aggiornamenti ogni 60 minuti, troppo poco per il backup che crea l’immagine iniziale dello stato del disco. Per questo il suggerimento è di collegare inizialmente il Mac all’Airport Extreme via Ethernet, così da consentire a Time Machine l’inizializzazione del disco, passando al WiFi solo in un secondo momento.

AirPort Extreme Sebbene la possibilità di utilizzare Time Machine su un disco esterno collegato alla porta USB dell’AirPort Extreme fosse stata pubblicizzata prima del lancio di Leopard, tale funzionalità era sparita dalle specifiche tecniche di Mac OS X 10.5 poco prima del rilascio della versione definitiva. Gli utenti ne avevano chiesto a gran voce il ritorno, senza apparentemente riuscire ad attirare l’attenzione di Apple.

L’arrivo dell’aggiornamento soddisferà tutti coloro i quali possiedono già una AirPort Extreme e non gradiscono l’idea di dover sostituire il proprio router con Time Capsule. Per quanti avessero già optato per lo switch dei dispositivi, non resta che consolarsi con la possibilità di raddoppiare lo spazio a disposizione per il backup del proprio Mac. Niente da fare, invece, per gli acquirenti dell’ AirPort Express .

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • marco d annibale scrive:
    esperienza dischi ssd
    ho un dell xps1330 con ssd da 64gb preso ad inizio 2008.di guasti non ne ho avuti ma la velocità generale e la stabilità del sistema sono decisamente sotto le aspettative.probabilmente vista non aiuta e la sensazione è che il driver del disco non sia neppure lontano dall'essere ottimizzato
    • Fiamel scrive:
      Re: esperienza dischi ssd
      - Scritto da: marco d annibale
      ho un dell xps1330 con ssd da 64gb preso ad
      inizio
      2008.
      di guasti non ne ho avuti ma la velocità generale
      e la stabilità del sistema sono decisamente sotto
      le
      aspettative.
      probabilmente vista non aiuta e la sensazione è
      che il driver del disco non sia neppure lontano
      dall'essere
      ottimizzatoProbabilmente hai ragione, per quanto riguarda Vista (non lo conosco abbastanza), ma ho letto che la velocita' di scrittura su un SSD e' notevolmente piu' bassa di quella di lettura (tipo 20 a 1, se non ricordo male, ma varia con marca e modello).Il vero problema e' che (sempre se e' vero quello che ho letto), che i sistemi operativi eseguono molte operazioni di scrittura che non ti aspetti: hai presente l'indicizzazione dei files in background, per le ricerche veloci? Hai presente la data di ultimo accesso ad un file, che Finestre aggiorna ogni volta che "tocchi" un file? Bill solo sa cos'altro fa, senza che ti serva. Hai attivo un Desktop search?Se cerchi su google, vedrai che potrai disabilitare molte delle cose qui sopra.
      • fred scrive:
        Re: esperienza dischi ssd
        da non dimenticare inoltre l'altro problema gia' menzionato negli altri articoli e che affligge le slash come le eprom da molti anni, ovvero la quantita' limitata di scritture operabile che obbliga gli hard disk SSD a rimappare continuamente il posizionamento dei nuovi dati scritti sul disco per evitare che alcuni settori vengano scritti troppo spesso;per questo motivo fra l'altro sarebbe da evitare la deframmentazione la cui mancanza perlomeno dovrebbe influire in maniera minore sulle prestazioni (essendo nullo il tempo di seek dovuto ai movimenti meccanici), e l'uso rimane comunque limitato a macchine che non devono scrivere molto spesso; bene quindi per i portatili e per le macchine da ufficio, meno bene per le macchine desktop usate in maniera intensiva e decisamente da evitare l'uso sui server dove le scritture troppo frequneti metton oa rischio la vita del disco e l'integrita' stessa dei dati oltre a risentire dei rallentamenti delle scrittura.Gli ssd rimangono comunque favoriti nell'utilizzo in condizioni estreme dove l'inerzia dei componenti meccanici mobili e' un problema.
        • Fiamel scrive:
          Re: esperienza dischi ssd
          - Scritto da: fred
          da non dimenticare inoltre l'altro problema gia'
          menzionato negli altri articoli e che affligge le
          slash come le eprom da molti anni, ovvero la
          quantita' limitata di scritture operabile che
          obbliga gli hard disk SSD a rimappare
          continuamente il posizionamento dei nuovi dati
          scritti sul disco per evitare che alcuni settori
          vengano scritti troppo
          spesso;Vero, ma lo vedo un problema decisamente limitato alla memoria virtuale, visto da molti anni si è oltrepassato il muro dei 100,000 cicli di scrittura garantiti su ogni bit (11 anni fa, secondo il seguente link: http://www.storagesearch.com/ssdmyths-endurance.html In the early days of flash SSDs managing this was a real headache for oems and users. The maximum number of write cycles to an address block - the endurance - was initially small (about 10,000 write cycles in 1994, rising to 100,000 in 1997 ). Altre pagine parlano di un limite attuale attorno ai 5 o 10 milioni.Cos'altro, se non la mappatura su disco della memoria virtuale su disco, può portare a così tante riscritture?La deframmentazione dell'Hard Disk adesso non è un problema: anche se causasse 10 riscritture per bit, deframmentare una volta al giorno rovinerebbe le memorie di 10 anni fa in non meno di 30 anni (se facessi solo quello).
  • Giorgio scrive:
    Oste, com'è il vino?
    ...e come dovrebbero rispondere?
    • pabloski scrive:
      Re: Oste, com'è il vino?
      - Scritto da: Giorgio
      ...e come dovrebbero rispondere?si però non hanno nessun interesse a mentire, a loro che gliene frega se prendi un SSD on un hard disk convenzionale?io li uso gli SSD e tutte queste rotture di cui si parla non le ho viste eppure i computer su cui ho gli SSD svolgono lavori molto impegnativi, si tratta di software che elabora i dati presi da migliaia di fileriguarda una presunta maggiore velocità degli HD è una cazzata incredibile, una favola d'altri tempi
      • MacK scrive:
        Re: Oste, com'è il vino?

        si però non hanno nessun interesse a mentire, a
        loro che gliene frega se prendi un SSD on un hard
        disk
        convenzionale?l'affermazione ovviamente è stata fatta per tenere buoni presunte rivolte dai loro clienti che possiedono una ssd ovviamente.c'è da dire che il numero di scrittura sopra le ssd, seppur sia grande, è molto ma molto limitato rispetto ad un comune hdd, essendo ovviamente una nuova tecnologia mi sembra molto logico che ancora non si siano verificate rotture.le ssd vanno bene su palmari, cellulari e dispositivi disegnati per un uso molto limitato e per una dimensione ridotta ma in un portatile/computer/server non lo userei mai.
    • FUORI TUTTI scrive:
      Re: Oste, com'è il vino?
      Eh bravo...- Scritto da: Giorgio
      ...e come dovrebbero rispondere?
Chiudi i commenti