Tor, rete malevola per definizione?

CloudFlare accusa: Tor è una darknet usata nella quasi totalità dei casi da bot, malware e criminali. Tor replica: l'azienda fornisca la metodologia con cui ha elaborato i dati
CloudFlare accusa: Tor è una darknet usata nella quasi totalità dei casi da bot, malware e criminali. Tor replica: l'azienda fornisca la metodologia con cui ha elaborato i dati

Non bastasse la pessima fama che già caratterizza Tor negli occhi del pubblico generalista, una nuova occasione di scontro fra gli utenti del network a cipolla e le aziende di rete arriva per opera di CloudFlare. Che accusa: la quasi totalità della rete è malevola.

La società specializzata in servizi CDN (Content-Delivery Network) sostiene che nel 94 per cento dei casi, le richieste e il traffico dati provenienti dall’interno di Tor sono intrinsecamente malevoli: non si tratta necessariamente di utenti o criminali singoli, spiega CloudFlare, quanto piuttosto di richieste automatizzate progettate per danneggiare i clienti del CDN.

Un’ampia percentuale di commenti di spam, scansioni di vulnerabilità, frode da click si nasconde all’interno di Tor, dice CloudFlare , e nel corso dell’ultimo anno quasi il 70 per cento dei nodi di uscita della darknet sono stati classificati come spammer di commenti malevoli.

Il monitoraggio dei singoli utenti è complicato, sostiene la corporation, e questo non fa che confermare indirettamente le capacità di protezione dell’anonimato proprie di Tor; per quanto riguarda la difesa dai comportamenti malevoli, poi, CloudFlare ha già approntato diversi livelli di reazione che vanno dall’uso di schermi-CAPTCHA alla messa al bando totale dell’accesso. Quest’ultima opzione è però disponibile solo per i clienti enterprise.

CloudFlare si dichiara disposta a discutere per trovare un terreno comune assieme alla community di Tor, ma gli sviluppatori della darknet non hanno accolto con particolare calore le accuse della corporation: CloudFlare si è fatta prendere la mano da esigenze di sicurezza fuori luogo, dice il team della rete a cipolla, rilasciando numeri senza prove sostanziali e interferendo con la navigazione degli utenti per mezzo (tra le altre cose) di CAPTCHA proni al malfunzionamento.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

07 04 2016
Link copiato negli appunti