Tor, rinnovata la dirigenza

Annunciata la totale ristrutturazione del gruppo che gestisce il progetto, una chiamata alle armi di nomi ben noti nel settore della sicurezza e il tentativo (non dichiarato) di ripartire dopo gli scandali del passato recente

Roma – Il Progetto Tor cambia, o per meglio dire continua con una testa pensante quasi del tutto nuova e una “Board of Directors” rinnovata. Il vecchio management lascia il posto a quello nuovo, nella speranza che il pubblico dimentichi in fretta gli imbarazzi con cui l’organizzazione ha avuto a che fare di recente nel caso che ha coinvolto Jacob Appelbaum.

Nel presentare il rinnovamento della dirigenza , il direttore esecutivo Shari Steele ha parlato di un’iniziativa “coraggiosa e altruista” che prepara il terreno al miglioramento concreto dell’organizzazione. E il miglioramento di Tor a quanto pare passa per i seguenti nomi: Matt Blaze, Cindy Cohn, Gabriella Coleman, Linus Nordberg, Megan Price, Bruce Schneier.

Il blog fornisce una breve biografia dei nuovi membri della Board, tra professori universitari di informatica (Matt Blaze), direttori esecutivi di Electronic Frontier Foundation (Cindy Cohn), nomi noti del settore sicurezza (Bruce Schneier), studiosi (Gabriella Coleman), attivisti che si battono per la privacy (Linus Nordberg) e per i diritti digitali (Megan Price).

Della vecchia dirigenza sopravvivono solo Roger Dingledine e Nick Mathewson, i quali continueranno a occuparsi del progetto Tor guidando gli aspetti tecnici della ricerca e dello sviluppo della darknet. Di motivazioni concrete per il cambio di management non vi è traccia nel messaggio postato online, ma a cercare tra le cronache recenti il mistero si risolve con facilità .

I gestori di Tor sono finiti sotto accusa dopo l’esplosione del caso di Jacob Appelbaum, uno dei volti più noti del progetto accusato di molestie sessuali e altre spiacevolezze poco compatibili con la delicata promozione di una tecnologia sempre al centro degli interessi di attivisti, forze di polizia e autorità governative assortite. La board aveva allontanato Appelbaum dopo le accuse mosse nei suoi confronti, ma il gesto non era evidentemente considerato sufficiente per ripristinare la fiducia nella vecchia gestione.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Shiba scrive:
    Ghetto Skype
    https://github.com/stanfieldr/ghetto-skypeFa le stesse cose di questo Skype e pure alcune in più.
    • peppino scrive:
      Re: Ghetto Skype
      Fantastico Ghetto Skype! È il mio client di riferimento, nelle occasioni in cui non ho bisogno della webcam. :)Adesso sto provando Skype for Linux, in modo da mandare qualche feedback.
  • lorenzo scrive:
    Ma il senso ?
    Una web app deve essere indipendente dall'os ... se lo e' allora e' non e' preferibile un binario a se stante ? Chi li capisce e' bravo , in ogni caso skype del 2014 funziona(va) molto meglio di quello attuale .
    • iRoby scrive:
      Re: Ma il senso ?
      Come le web app per IE di qualche anno fa. Sono standard ma funzionano solo con IE e quindi con Windows.
    • peppino scrive:
      Re: Ma il senso ?
      - Scritto da: lorenzo
      Una web app deve essere indipendente dall'os ...E lo è, l'unica cosa che è legata all'OS è il container Electron che la fa girare.E non c'è nulla di strano, dato che Electron altro non fa che sostituire il browser.
      Chi li capisce e' bravo , in ogni
      caso skype del 2014 funziona(va) molto meglio di
      quello attualeNon direi, considerando che faceva poche cose e male, oltre ad essere infinitamente più instabile.In ogni caso, è una Alpha e Microsoft ha chiesto feedback, quindi di lavoro da fare ce n'è ancora tanto.
      • bubba scrive:
        Re: Ma il senso ?
        - Scritto da: peppino
        - Scritto da: lorenzo

        Una web app deve essere indipendente dall'os
        ...
        E lo è, l'unica cosa che è legata all'OS è il
        container Electron che la fa
        girare.
        E non c'è nulla di strano, dato che Electron
        altro non fa che sostituire il
        browser.pensa avere 10 "webapp" cosi'... hai installato 10 istanze di chromium-tarocco (aka Electron) ... una genialata direi
        • peppino scrive:
          Re: Ma il senso ?
          - Scritto da: bubba
          pensa avere 10 "webapp" cosi'... hai installato
          10 istanze di chromium-tarocco (aka Electron) ...
          una genialata
          direi1) E chi ti dice che devi avere un'istanza Electron installata per ogni webapp?Ghetto Skype per esempio fornisce solo la webapp, permettendoti di sfruttare una sola installazione di Electron.2) Considerando che il metodo a bundle è l'unico metodo sano per deployare applicazioni a tutti i livelli, direi che è un non-problema.3) Electron non è chromium-tarocco, ma è un framework che usa Chromium e Node.js come backend.
      • lorenzo scrive:
        Re: Ma il senso ?
        parliamoci chiaro ... la definizione di web app e' che gira nel browser , quindi non e' una web app , perche' deve girare in un browser standard non portarsi dietro il suo, se anche usasse delle web api non sarebbe una web app , quindi diciamo che e' un client diverso dal precedente e visto che usa webrtc e' un nonsenso . Quanto al fatto che le vecchie versioni di skype funzionassero peggio nella mia esperienza non e' affatto cosi' finche' non si sono inventati l'integrazione con msn funzionava tutto a meraviglia e con poco dispendio di risorse , ora quando avvii skype si blocca tutto il pc finche' non e' pronto , come d'altronde faceva il messenger ( sara' mica una cosa voluta ? ) , quello instabile era messenger che si bloccava con errori numerici a caso ogni 3x2.
        • peppino scrive:
          Re: Ma il senso ?
          - Scritto da: lorenzo
          parliamoci chiaro ... la definizione di web app
          e' che gira nel browser , quindi non e' una web
          app , perche' deve girare in un browser standard
          non portarsi dietro il suoE difatti gira in un browser standard.Se lo vuoi usare in un browser vai su web.skype.com.Il client Electron serve per creare client per webapp.
          quindi diciamo
          che e' un client diverso dal precedente e visto
          che usa webrtc e' un nonsenso.Sulla base di cosa fai questa affermazione?
          Quanto al fatto
          che le vecchie versioni di skype funzionassero
          peggio nella mia esperienza non e' affatto cosi'Appunto. La tua.
          • peppino scrive:
            Re: Ma il senso ?
            - Scritto da: lorenzo
            parliamoci chiaro ... la definizione di web app
            e' che gira nel browser , quindi non e' una web
            app , perche' deve girare in un browser standard
            non portarsi dietro il suoE difatti gira in un browser standard.Se lo vuoi usare in un browser vai su web.skype.com. <s
            Il client </s
            Electron serve per creare client per webapp.
            quindi diciamo
            che e' un client diverso dal precedente e visto
            che usa webrtc e' un nonsenso.Sulla base di cosa fai questa affermazione?
            Quanto al fatto
            che le vecchie versioni di skype funzionassero
            peggio nella mia esperienza non e' affatto cosi'Appunto. La tua.Fixed.
          • lorenzo scrive:
            Re: Ma il senso ?
            O gira su electron che fornisce un frontend per chromium embedded framework ma non si limita a quello quindi e' qualcosa di diverso da un browser standard , o gira su un browser standard ; Quanto alla mia esperienza con skype non si limita alla mia personale .Per il non senso se sviluppo un qualcosa che usa webrtc in teoria faccio in modo che giri sui maggiori browser di riferimento e non che debba portarmi altra roba dietro .
          • peppino scrive:
            Re: Ma il senso ?
            - Scritto da: lorenzo
            O gira su electron che fornisce un frontend per
            chromium embedded framework ma non si limita a
            quello quindi e' qualcosa di diverso da un
            browser standard , o gira su un browser standardEvidentemente non ti è chiaro cos'è Skype for Linux Alpha.Skype for Linux altro non è che Skype for Web renderizzato da Electron. Punto.In sostanza Skype for Linux e Skype for Web sono all'atto pratico la stessa identica cosa.Se vuoi vedere cos'è Skype for Linux vai sul GitHub di Ghetto Skype, così ti fai un'idea. Il link l'ha messo Shiba.
            Quanto alla mia esperienza con skype non si
            limita alla mia personaleCi sono un sacco di utenti là fuori pronti a smentirti sul fatto che Skype for Linux fosse decente.Ma alla fine ogni esperienza è sempre a se stante.
            Per il non senso se sviluppo un qualcosa che usa
            webrtc in teoria faccio in modo che giri sui
            maggiori browser di riferimento e non che debba
            portarmi altra roba dietroInfatti non devi portarti niente dietro. Per questo Microsoft sta spostando Skype su WebRTC.L'unico problema è che Skype for Web non è ancora compatibile con Firefox, in quanto la versione WebRTC fa uso di ORTC che non è ancora stato implementato da tutti i browser.Ma Microsoft sta lavorando per implementare il supporto alle PeerConnection API, che sebbene siano inferiori ad ORTC per ciò che serve a Skype, permetterebbero comunque di rendere usabile le videochiamate anche sui browser alternativi.
          • lorenzo scrive:
            Re: Ma il senso ?
            Mi era sembrato di capire che ortc e webrtc fossero due cose diverse addirittura in concorrenza :) , quanto al fatto di ghetto skype l'ho visto , e sembra che dietro ci voglia il framework di electron quindi se skype for linux alpha e' la stessa cosa non e' vero che non ti devi portare dietro niente , non ti basta il browser ti serve il suo browser e non solo quello.Poi se lo vuoi chiamare webapp per forza ... fallo pure . Skype for web l'ho usato un paio di sere fa su firefox ( sotto windows pero' ) funziona perfettamente per la chat non so per chiamate e videochiamate perche' non ne ho fatte.
          • peppino scrive:
            Re: Ma il senso ?
            - Scritto da: lorenzo
            Mi era sembrato di capire che ortc e webrtc
            fossero due cose diverse addirittura in
            concorrenza :)Non lo sono.
            quanto al fatto di ghetto skype
            l'ho visto , e sembra che dietro ci voglia il
            framework di electronMi sembra ovvio considerando Ghetto Skype è semplicemente un insieme di script JS che sfruttano Node per poter essere eseguiti server-side e Chromium per renderizzare la pagina web.
            quindi se skype for linux
            alpha e' la stessa cosa non e' vero che non ti
            devi portare dietro nienteQuando ti ho detto che non ti devi portare dietro niente si parlava di WebRTC e difatti sì: non ti devi portare dietro niente, perché è tutto lato browser.
            , non ti basta il
            browser ti serve il suo browser e non solo
            quello.Solo se stai usando Ghetto Skype. Se vuoi la versione Electron-less puoi usarla andando su web.skype.com.
            Poi se lo vuoi chiamare webapp per forza ...
            fallo pure .Lo è. Sei semplicemente tu che stai rigirando la frittata per trovare il pelo nell'uovo che ti dia ragione.Skype for Linux Alpha è Skype for Web. Sono la stessa cosa. L'unica differenza è che nel primo caso viene fornita una copia di Electron per renderizzare la pagina in un client locale apposito.Ma all'atto pratico non cambia nulla, perché Electron altro non è che Chromium privato della sua GUI + Node per il supporto server-side a JavaScript.
            Skype for web l'ho usato un paio di sere fa su
            firefox ( sotto windows pero' ) funziona
            perfettamente per la chat non so per chiamate e
            videochiamate perche' non ne ho
            fatte.La chat non è un problema perché non usa nessuna API WebRTC. La compatibilità è a livello di chiamate audio/video, dove su Firefox (per Windows e OSX) è richiesto ancora il plugin. Fino a che non ci sarà la migrazione a ORTC/PeerConnection API non si potrà usare completamente.
          • Lorenzo scrive:
            Re: Ma il senso ?
            Ok mi arrendo :) Da domani i miei programmi che usano chromium embedded framework li chiamo web app :) .Hey abbiamo detto che skype for linux alpha fa le chiamate ma skype web (senza plugin ) no se non e' su EDGE ... quindi non sono intercambiabili .quanto ad ORTC , molti sono dell'opinione che sia concorrente a WEBRTC , che ignoranti che sono :) . In ogni caso immagino che poi probabilmente nascera' un ibrido con i vantaggi di entrambi .
          • bubba scrive:
            Re: Ma il senso ?
            - Scritto da: Lorenzo
            Ok mi arrendo :) Da domani i miei programmi che
            usano chromium embedded framework li chiamo web
            app :)
            .

            Hey abbiamo detto che skype for linux alpha fa le
            chiamate ma skype web (senza plugin ) no se non
            e' su EDGE ... quindi non sono intercambiabili
            .(tralasciando il resto... su cui cmq concordo)
            quanto ad ORTC , molti sono dell'opinione che
            sia concorrente a WEBRTC ,eheh bell'eufemismo :) ORTC nasce proprio xche' c'era gente (M$ e altri) che si lamentavano del webrtc. In particolare M$ (con uno stile un po migliore del solito 'crea l'equivalente incompatibile col mondo' anche se..) aveva svariate lagnanze e ha buttato giu' il "suo" CU-RTC-WEB (inizio 2012) ... +- nello stesso periodo altre lagnanze dal blog di skype.Nel 2013 altri (quelli di hookflash) sono seguiti.. in particolare lagnandosi del SDP.... e forti anche delle chiacchiere m$ hanno tirato fuori un draft del tipo 'webrtc javascript API quarkeccosa".... che poi si e' evoluto in ORTC.Vedremo se lascieranno a piede libero 2 "standard" concorrenti/parzialmente sovrapponibili... o ingloberanno tutto in webrtc netgen, o che.... :P
          • peppino scrive:
            Re: Ma il senso ?
            - Scritto da: bubba
            (tralasciando il resto... su cui cmq concordo)Quindi se scrivo web.skype.com su Firefox è webapp.Se scrivo uno script python che usa webkitgtk (perché QUESTO è di fatto Electron, anche se usa Blink e Node anziché WebKit e Python) e che chiama web.skype.com non lo è.Ah beh, interessante.
            In particolare M$ (con uno stile un po
            migliore del solito 'crea l'equivalente
            incompatibile col mondo' anche se..)Incompatibile con il mondo? Non mi risulta, considerando che lo sviluppo di ORTC è diretto dal W3C e quindi tutti lo possono implementare. O forse ci stai dicendo che W3C è una filiale di Redmond?
          • peppino scrive:
            Re: Ma il senso ?
            - Scritto da: Lorenzo
            Da domani i miei programmi che
            usano chromium embedded framework li chiamo web
            app :)Considerando che nel caso di Skype for Linux si tratta di un sito web che gira su un browser direi di sì. Si tratta di webapp.
            Hey abbiamo detto che skype for linux alpha fa le
            chiamate ma skype web (senza plugin ) no se non
            e' su EDGESei un troll di bassa lega. Il plugin è (ancora) necessario per Firefox.Il supporto alle chiamate vocali è stato integrato già per Chrome/Chromium, che difatti non hanno più bisogno del plugin. E a breve arriverà quello video.Ed il problema non è di Microsoft, ma di Mozilla. Prenditela con gli sviluppatori dei browser, se non hanno implementato le tecnologie necessarie, ma hanno perso tempo rilasciando versioni inutili ogni tre mesi.Microsoft sta inserendo il supporto e deve farlo browser per browser, perché non tutti supportano le stesse API (iswebrtcreadyyet.com, tanto per la cronaca). Ha dato priorità a Chrome perché così avrebbe potuto sfruttare il supporto sia lato Electron che lato ChromeOS.
            ... quindi non sono intercambiabiliE invece ti è stato già dimostrato il contrario, già nel momento in cui ti sono stati mostrati i sorgenti di Ghetto Skype.
            quanto ad ORTC , molti sono dell'opinione che
            sia concorrente a WEBRTC ,Le opinioni contano poco. Quello conta sono i fatti.Ed i fatti dicono che ORTC sono delle API che sostituiscono le PeerConnection API in WebRTC 1.1.
          • Lorenzo scrive:
            Re: Ma il senso ?
            Vabbe' contento tu ... io mi son scocciato :) tanto di utile non ne esce nulla a continuare .
          • peppino scrive:
            Re: Ma il senso ?
            Su questo son d'accordo. Quando una persona parte prevenuta è inutile continuare, perché tanto il suo pregiudizio non va via nemmeno di fronte all'evidenza.In questo caso specifico, le uniche cose che rimangono sono da un lato i fatti PROVATI di quello che ha fatto Microsoft, dall'altra le tue chiacchiere prive di riscontri.
          • Lorenzo scrive:
            Re: Ma il senso ?
            :) forse non ti sei accorto che i tuoi fatti li hai contraddetti/sviati tu stesso in piu' punti :) . E no non ti diro' dove e quando :)
          • peppino scrive:
            Re: Ma il senso ?
            - Scritto da: Lorenzo
            :) forse non ti sei accorto che i tuoi fatti li
            hai contraddetti/sviati tu stesso in piu' puntiIo ti sto dicendo fin dall'inizio che Skype for Web e Skype for Linux sono praticamente la stessa cosa perché in entrambi i casi si tratta di web.skype.com; solo che il secondo viene fornita una copia di Electron per aprire la pagina web in un client apposito, anziché aprire un browser classico.E ti ho anche detto che il motivo per il quale il video non è usabile in Firefox è perché quest'ultimo non supporta tutte le API e Microsoft deve aggiungere il supporto singolarmente.Sei tu che stai dicendo che non è una webapp perché richiede il suo browser, quando non ti redi conto che non hai nessun obbligo in questo senso, perché se vuoi usare un browser alternativo puoi farlo.Apri Firefox e digita web.skype.com. Skype for Linux è semplicemente un set di script JS che chiama quella stessa pagina in Electron. Fine.
          • seven scrive:
            Re: Ma il senso ?
            - Scritto da: peppino
            Io ti sto dicendo fin dall'inizio che Skype for
            Web e Skype for Linux sono praticamente la stessa
            cosa perché in entrambi i casi si tratta di
            web.skype.com; solo che il secondo viene fornita
            una copia di Electron per aprire la pagina web in
            un client apposito, anziché aprire un browser
            classico.Sul sito di Electron leggo:Build cross platform <b
            desktop apps </b
            with JavaScript, HTML, and CSS
          • passavo... scrive:
            Re: Ma il senso ?
            Ho visto adesso questo post.- Scritto da: seven
            Sul sito di Electron leggo:
            Build cross platform <b
            desktop apps
            </b
            with JavaScript, HTML, and
            CSSE hai letto bene, perché permette di creare client in tecnologia Web.Ed il contenuto può essere completamente in locale come Atom e VSCode o siti web tipo Skype for Web, come avviene in Ghetto Skype e Skype for Linux.
          • passavo... scrive:
            Re: Ma il senso ?
            - Scritto da: passavo...
            Ho visto adesso questo post.No, aspetta, detta così è ambigua: non sono peppino. Volevo solo dire che non è mia intenzione fare necroposting.
Chiudi i commenti