Torna MyLife, un verme dalle molte vite

Sta circolando l'ultima variante del noto MyLife, un worm che questa volta fa leva sui nomi di Shakira e Julia Roberts per convincere gli utenti a cliccare su dei falsi screen saver. Ecco come riconoscerlo


Roma – Ad oltre un anno di distanza dalla sua prima apparizione torna su questi schermi l’ennesima incarnazione di uno dei vermi più viscidi della Rete: MyLife. La nuova variante, che Symantec considera “MyLife.N” e Trend Micro “MyLife.M”, è un worm di tipo mass-mailing che, come tradizione, usa Microsoft Outlook per spedire se stesso a tutti i contatti trovati nella rubrica di Outlook.

Il messaggio di posta con cui arriva il virus può avere come oggetto “Old Shakira” oppure “Fw: Julia Roberts” e contiene un file “.scr” come allegato. Alla fine del corpo del messaggio viene riportato il falso report di una scansione antivirus:

“========No virus detected========
MCAFEE.COM
Allegato: Julia_Roberts_*******_toilet.Mpeg_.scr”.

Trend Micro, che ha assegnato a MyLife.M un potenziale distruttivo e di diffusione alto, ha spiegato che i file allegati al messaggio contengono, sotto forma di UPX compresso, del codice malevolo scritto in Visual Basic che, per essere eseguito, richiede la presenza della libreria MSVBVM60.DLL.

Dopo l?esecuzione, la nuova variante di MyLife prova a collocare una copia di se stesso nei seguenti file presenti nella cartella di sistema di Windows: “Shakira_1997_part_1_.Mpeg_.scr” e “Julia_Roberts_*******_toilet.Mpeg_.scr”.

Il virus quindi crea una chiave del registro per auto-eseguirsi ad ogni avvio del sistema e tenta di mandare se stesso come un allegato a tutti i contatti trovati nella rubrica di Outlook. Il vermicello tenta poi di cancellare tutti i file che si trovano nella directory radice dei drive D, E ed F ma, a causa di alcuni errori di programmazione, questa routine fortunatamente non viene portata a termine.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Terra2 scrive:
    Bella iniziativa...
    ...ma se negli stati uniti si possonio acquistare PC da wal*mart per $199.98, non vedo perchè il bimbo Tailandese necessiti di un portatile da 1400$ scontato ad 800$ :)Mi sa che l'alfabetizzazione informatica, in tutta questa faccenda centri pochissimo. Forse adesso però i dirigenti Tailandesi riusciranno ad avere un PC!
    • kensan scrive:
      Re: Bella iniziativa...
      - Scritto da: Terra2
      ...ma se negli stati uniti si possonio
      acquistare PC da wal*mart per $199.98, non
      vedo perchè il bimbo Tailandese necessiti di
      un portatile da 1400$ scontato ad 800$ :)Verissimo ma ho notato che è la regola quello di proporre pc in configurazione portatile, credo essenzialmente perchè in molti paesi a basso sviluppo la corrente di rete c'è e non c'è, poi forse la trasportabilità è indispensabile per un uso collegiale da parte della comunità o da parte di più villaggi.Per esempio il simputer è portatile e si parlava di un centinaio di euro, seguendo un ragionamento occidentale era meglio un pc da 200 euro fisso ma enormemente più valido, evidentemente gli esperti it indiani sanno quel che fanno mentre noi non siamo in India.(linux)
      • Terra2 scrive:
        Re: Bella iniziativa...

        Verissimo ma ho notato che è la regola
        quello di proporre pc in configurazione
        portatile, credo essenzialmente perchè in
        molti paesi a basso sviluppo la corrente di
        rete c'è e non c'èhehehe... un PC portatile dura al massimo 3 ore senza corrente (un iMac può arricare a 6).In thailandia comunque la corrente c'è, non sono messi così male (e se vogliamo trovare posti in cui la corrente non è ancora arrivata anche l'italia ne è zeppa).Il mio primo computer è stato un C=64... mio padre me l'ha comerato perchè era intorno alle 300mila, ma col cavolo che avrebbe speso quasi 2 milioni per un portatile :)E poi... i portatili che qui in italia si trovano ad 800/900 euro vanno più che bene per combattere l'ignoranza informatica... quella di fare uno sconto di 500$ su un portatile di fascia alta non mi sembra un gran che di soluzione contro l'ignoranza :) solo davvero solo un contentino per le classi medio-alte, ed immagino che in Thailandia sia al massimo il 5% della popolazione...
Chiudi i commenti