TorrentSpy crolla: deve 110 milioni di dollari di danni

Al celebre portale di torrent americano viene inflitta una multa pesantissima da parte del giudice. MPAA esulta, anche se difficilmente vedrà quei soldi. Gli altri portali P2P non sembrano preoccupati

Roma – Sta facendo il giro della Rete la notizia della sentenza con cui il giudice distrettuale Judge Florence-Marie Cooper ha condannato il motore di ricerca TorrentSpy a corrispondere, a titolo di risarcimento per aver volontariamente contribuito all’infrazione del copyright, ben 110 milioni di dollari all’industria cinematografica rappresentata da MPAA .

Dopo una battaglia legale durata anni, TorrentSpy aveva già chiuso i battenti il 24 marzo scorso, e ora arriva la mazzata più dura per Justin Bunnell e Wes Parker, responsabili della società Valence Media proprietaria del portale. I due sono stati giudicati colpevoli dei reati loro ascritti, e saranno costretti a pagare “danni, come previsto dalla legge, di 30000 dollari a violazione, per ognuna delle 3.699 violazioni mostrate, per una punizione totale che ammonta a 110.970.000 dollari”, recita la sentenza.

Unendo la beffa al danno , il giudice ha stabilito che Valence Media potrà continuare a mantenere il possesso del sito e del nome di dominio di TorrentSpy, a patto che le sue attività future non includano l’infrazione diretta o indiretta di alcun lavoro protetto dal diritto d’autore.

Neanche a dirlo, gli studios esultano : “Questa consistente condanna monetaria invia un messaggio forte circa l’illegalità di questo genere di siti”, ha dichiarato il CEO e grand commis di MPAA Dan Glickman, sottolineando che “La fine di TorrentSpy è una chiara vittoria per gli studios”.

A puro titolo di cronaca, le etichette cinematografiche e di produzioni televisive che hanno affondato TorrentSpy sono le stesse che hanno sempre denunciato gli ingenti danni provocati dal P2P non autorizzato di contenuti dell’industria. Industria che segnala, comunque, guadagni in aumento , quando non dirama numeri fasulli pensati per spargere pepe sulla crociata antiP2P.

La sentenza, dunque, è comunque una vittoria, prima di tutto simbolica. Anche perché sul piano sostanziale Valence Media è già alla bancarotta, e Bunnel e Parker non risultano essere titolari di conti da milioni di dollari nelle Isole Cayman. C’è chi si chiede , poi, se la sentenza potrà avere ripercussioni sugli altri operatori di settore. Alcuni potrebbero esserne intimoriti ed essere spinti a chiudere baracca e burattini, che è senz’altro l’effetto della sentenza sperato da MPAA.

Un quadro in continuo cambiamento. Anche per via della causa legale contro The Pirate Bay, un procedimento che va avanti, sebbene pochi credano che possa danneggiare la Baia. Un periodo in cui i membri attivi della comunità di utenti BitTorrent sembrano prendere sul serio il principio dell’ Idra , secondo il quale l’indicizzazione e l’ host dei torrent dovrebbe essere gestita e garantita da un numero molto più ampio di tanti piccoli portali.

Verosimilmente, come già successo in passato – vedi Napster, la cui chiusura ha provocato la nascita del network decentralizzato Gnutella e suoi infiniti emuli – la “chiara vittoria” delle major potrebbe risolversi in un boomerang per l’industria del copyright, qualora spingesse ad una nuova mutazione di pelle del peeering.

Nel frattempo, quelli di TorrentSpy non rinunciano ancora alla lotta: definiscono la sentenza alla stregua di una boutade da public relations di Hollywood e annunciano battaglia. Potranno essere in bancarotta ma intendono difendere la propria posizione all’estremo.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • W BeOS scrive:
    L'unica patch . . .
    valida per Adobe Reader e' disinstallarlo !!!!!!E0 incredibile che un visualizzatore di PDF abbia raggiunto le dimensioni che ha Adobre Reader 8 oggi.Esistono decine di software free per visualizzare i PDF senza che occupino lo spazione della versione Adobe e soprattuto non lo menino continuamente con idioti update. Cazzo c'e' da updatare continuamente in visualizzatore di documenti PDF !!!!!Adobe ha veramente perso il controllo :D
  • CHKDSK scrive:
    Scandaloso...
    Si mettessero a ricontrollare il codice e correggessero le falle appena segnalate!
    • alex.tg scrive:
      Re: Scandaloso...
      Ma ti pare possano perdere tempo con queste quisquiglie e pinzillacchere? sono troppo troppo troppo impegnati a star dietro a tutti quelli che infilano qua e la` orpelli pericolosi per fare tutto piu` bello e piu` grosso, che da sempre automaticamente significa migliore. Vedi? Rende interattivo il formato PDF. E aspetta, credo che abbiano anche qualche cosa a che fare con ActiveX. Sono passato dalla versione 4 alla 8 qualche tempo fa, tutto d'un botto, e mi sono accorto subito delle numerose migliorie. M'e` venuto da piangere, per la commozione, s'intende. Productivity productivity competition productivity competition comperition developers developers developers...
Chiudi i commenti