Torrentz.com, il cracker si è pentito

Una tempesta in un bicchier d'acqua: il popolare meta-motore di torrent ha dovuto fare i conti con un ignoto smanettone intento a dirottare siti e smaneggiare domini
Una tempesta in un bicchier d'acqua: il popolare meta-motore di torrent ha dovuto fare i conti con un ignoto smanettone intento a dirottare siti e smaneggiare domini

Non ha ancora un nome, ma di lui si sa che ha una fifa boia di venir denunciato per violazione delle informazioni di dominio di Torrentz.com e chissà cos’altro. Lo smanettone, comportandosi come un ragazzino borioso, si è vantato in pubblico di essere riuscito a modificare le intestazioni di dominio del motore torrentizio e di aver poi preso il controllo del portale.

Il suo cracking è servito a installare un paio di banner pubblicitari sulla pagina di Torrentz.com forniti dall’agenzia Adbrite , con al centro il consueto engine di ricerca caricato in un frame HTML . Flippy , admin di Torrentz, è corso ai ripari aggiungendo il codice Javascript necessario a impedire l’abuso del portale attraverso la modalità “frame” utilizzata dallo smanettone, che a quel punto ha pensato bene di sostituirlo con il link a un sito di “warez” subito buttato giù dall’inaspettato incremento di traffico.

L’errore dell’ignoto cracker è stato ad ogni modo quello di insistere sulla sua strada , comunicando via mail a Flippy quanto fosse stato bravo a procurargli grane con il dominio (che, nel mentre, era stato dirottato su quello di backup Torrentz.eu) e ricevendo per tutta risposta la minaccia di far chiamare Adbrite dall’avvocato di buon mattino per ottenere i dettagli dell’account usato per i banner.

A quel punto i toni della conversazione via posta elettronica sono cambiati , e il furbastro ha fatto mostra di essere disposto a collaborare con Flippy per risolvere i problemi causati a Torrentz e per evitare di finire in tribunale.

I dettagli del dominio sono ora ritornati quelli di sempre, ma l’admin del sito dice di voler andare fino in fondo per scoprire l’identità dello smanettone fifone , che è evidentemente tutto fuorché un cyber-criminale di lungo corso. Sino alla conclusione della vicenda con la completa normalizzazione della situazione, comunque, Torrentz rimane raggiungibile dal dominio alternativo “.eu”.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

17 11 2008
Link copiato negli appunti