TPB, Sunde denuncia BREIN

La lobby olandese avrebbe presentato prove false nel corso del processo per incastrare Fredrik Neij. Gli avvocati di Brokep non ci sono cascati

Roma – Avrebbero falsificato documenti da presentare in tribunale per dimostrare il legame tra la triade Svartholm/Neij/Sunde e una presunta società offshore da cui dipenderebbe The Pirate Bay: se confermato, i responsabili di BREIN, lobby pro-major olandese che ormai da tempo cerca di dimostrare la colpevolezza dei tre, rischierebbero grosso.

L’incartamento presentato come prova in un’aula olandese, che porta la firma di un importante studio di ricerca britannico, descrive Fredrik Neij come il CEO di Reservella , società con sede alle Seychelles che farebbe da copertura alla Baia.

A prima vista, come sostenuto dallo stesso Sunde che lo ha analizzato a fondo, il rapporto sembrerebbe convincente. Tuttavia una lettura più accurata e sopratutto la verifica dei dati in esso contenuti avrebbero completamente sconfessato BREIN.

Il numero di matricola sotto il quale Reservella sarebbe registrata nell’esotico arcipelago corrisponde in realtà ad un’altra azienda che non esiste più dal 2007 . Non solo: la stessa Reservella non comparirebbe in nessun elenco e l’entità giuridica chiamata in causa da Brein, lo studio legale Mossack Fonseca & co., avrebbe negato via email allo stesso Sunde, che nel frattempo aveva indossato i panni di Sherlock Holmes, ogni contatto con la società citata nel rapporto.

Inoltre lo studio britannico dal quale si riteneva provenisse il documento, impugnato da BREIN come prova schiacciante della responsabilità dei tre nella gestione della Baia, ha dichiarato espressamente di non trovarne traccia nei propri archivi.

Tutto falso, dunque. Per l’avvocato difensore del trio svedese si tratta di un tentativo di confondere la Corte: mentre nel processo svedese infuriano le polemiche circa la trasparenza dei giudici, la versione olandese di questa vicenda sembra svelare particolari altrettanto interessanti .

È lecito dunque aspettarsi ulteriori sviluppi: la falsificazione di prove è reato anche in Olanda e Sunde ha dato mandato al suo avvocato di intraprendere un’azione legale contro BREIN. Se dovesse concretizzarsi costituirebbe un curioso scambio di ruolo . Stavolta con i lobbysti alla sbarra.

Giorgio Pontico

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • again scrive:
    3 o4 contatti
    ok, 3,5 e i contatti?ci sono i plug stereo, con 3 contatti, e quelli con microfono con 4 contatti, e poi anche quelli a 4 contatti non sono tutti uguali.. c'è chi mette il contatto del microfono in un punto e chi in un altro.... mica così facile standardizzare...
  • Virgoss scrive:
    plug affollato?
    Scusate la domanda, ma nell'articolo c'è scritto:"...sarà di 3,5mm il plug comune ad auricolari, cuffie e connessioni micro-USB..."Vuo dire che nel plug da 3,5 ci metteranno anche la connessione USB? Quindi un plug con 7 poli? : (positivo e negativo per l'alimentazione, canale destro e sinistro audio+ massa e i due poli della seriale usb? :|O più semplicemente una presa miniusb e una da 3,5 mm per le cuffiette?
    • Ledz scrive:
      Re: plug affollato?
      La seconda che hai scritto.
    • iRoby scrive:
      Re: plug affollato?
      Li fanno sugli MP3 watch.Il connettore da 2,5mm è multisense, capisce che tipo di segnale hai inserito, e sullo stesso connettore (ma uno alla volta) puoi mettere cuffia/audio out, ingresso audio per registrare da fonti esterne, usb dati o ricarica batteria.
    • manisor scrive:
      Re: plug affollato?
      L'articolo in inglese è più chiaro e conferma la risposta di LedzIn addition to the microUSB port for charging and data transfer, the CTIA also wants headphone jacks standardized.
  • Nome e cognome scrive:
    Ottima notizia, ma perchè il 2012?
    Siamo in ottobre 2009, ovvero per altri 2 anni abondanti potranno uscire prodotti con qualsiasi tipo di connettore proprietario.Perchè aspettare tanto?I prodotti in produzione ok, quelli che ci stanno andando ok, ma quelli che devono ancora essere pensati perchè dargli il tempo di uscire?Io avrei fatti dal gennaio 2010, poi magari quelli che non erano a norma i primi mesi pazienza ma almeno si dava il segnale che non si poteva permettersi di "pensare" ancora alla vecchia maniera.Meglio il 2012 che mai, però in 2 anni fanno in tempo a ripensarci e rimandare chissà quante volte.
    • ba1782 scrive:
      Re: Ottima notizia, ma perchè il 2012?
      La butto lì così... magari l'hanno fatto per dare dei "tempi di conversione" adeguati?Comunque suppongo che, anche se per ogni macchinario la spesa non sarà eccezionale, comunque vanno riconvertiti... e il 2010 è "troppo" alle porte... :)
    • ba1782 scrive:
      Re: Ottima notizia, ma perchè il 2012?
      dimenticavo (OT):Che importa, tanto il 21 dicembre del 2012 è la fine del mondo :DO magari i maya avevano previsto questa conversione di jack per il 21 dicembre 2012? :D
  • iRoby scrive:
    Il 2,5mm
    Non sono del tutto d'accordo.Ci sono lettori musicali ormai veramente piccoli nei quali il jack da 3,5mm è troppo ingombrante. Parlo per esempio degli occhiali da sole con lettore mp3 incorporato oppure degli mp3 watch, orologi con memoria USB e lettore mp3 e perfino con la fotocamera incorporata. Questo tutt'ora hanno cuffie e acXXXXXri con jack da 2,5mm.Io avrei preferito una evoluzione degli attuali verso i 2,5mm, altrimenti pazienza speriamo si trovino a pochi centesimi gli adattatori 3,5-
    2,5.
    • DarkOne scrive:
      Re: Il 2,5mm
      - Scritto da: iRoby
      Non sono del tutto d'accordo.

      Ci sono lettori musicali ormai veramente piccoli
      nei quali il jack da 3,5mm è troppo ingombrante.
      Parlo per esempio degli occhiali da sole con
      lettore mp3 incorporato oppure degli mp3 watch,
      orologi con memoria USB e lettore mp3 e perfino
      con la fotocamera incorporata. Questo tutt'ora
      hanno cuffie e acXXXXXri con jack da
      2,5mm.

      Io avrei preferito una evoluzione degli attuali
      verso i 2,5mm, altrimenti pazienza speriamo si
      trovino a pochi centesimi gli adattatori
      3,5-
      2,5.Sono d'accordo. Se dobbiamo standardizzare, è meglio farlo con le cose più utili.E cosa c'è di più utile di un rimpicciolimento a parità di funzionalità?Certo, si può obiettare che il 3,5mm sia molto più diffuso, ma ciò non toglie che per apparecchi come cellulari sia molto meglio miniaturizzare il più possibile...
      • Brando scrive:
        Re: Il 2,5mm
        Se son riusciti a far stare un jack da 3,5 mm in iPod Shuffle direi che non ci dovrebbero essere grossi problemi per le altre apparecchiature.
    • Paolo 72 scrive:
      Re: Il 2,5mm
      Già nei jack 3,5 mm c'è una grossa diafonia e nei connettori di scarsa qualità (non ho detto cinesi... e neppure i gold plaid che dopo un metti e togli si spellano) dopo un po' di utilizzo, magari con un po' di sudore dllo jogging, gracchiano. Ok per sentire metallo, radio e telefonate va anche bene, ma se si ascolta musica (magari ad un bitrate accettabile) con una buona accoppiata di riproduttore e auricolari... ben il 2,5 mi pare che ce li andiamo a cercare i problemi
      • il signor rossi scrive:
        Re: Il 2,5mm
        - Scritto da: Paolo 72
        Già nei jack 3,5 mm c'è una grossa diafoniatoh... che strano... qualcuno che commenta sapendo di cosa si sta parlando... ma cosa ci fa in questo forum? Che sia bannato!!!
    • Steve Robinson Hakkabee scrive:
      Re: Il 2,5mm
      Cavolo che tocco di classe gli occhiali con lettore di mp3 incorporato, fanno sicuramente pendant col cappello con il portalattine di birra!
  • Wolf01 scrive:
    E vai!
    Batterie, alimentatori, jack, cosa manca?Finalmente si riuscirà a stroncare quel maledetto vizio di fare tutte le cose diverse, e magari svuotare un po' la casa da prodotti inutili per tutto fuorchè la loro singola funzione.Già da tempo uso l'hub usb alimentato per caricare il palmare, come illuminazione durante la notte per leggere a letto e ogni tanto anche come hub usb :P
    • panda rossa scrive:
      Re: E vai!
      - Scritto da: Wolf01
      Batterie, alimentatori, jack, cosa manca?Il voltaggio?Pensa che bello avere un unico trasformatore AC-DC che si usa per ricaricare tutto! Potrei pensare perfino di inscatolarlo nel muro e mettere una presa di corrente continua!
      • Wolf01 scrive:
        Re: E vai!
        Infatti, tutto a 5v.Magari puoi continuare a tenere 5 o 6 alimentatori per casa, ma almeno il primo che trovi lo usi e non devi stare a cercare quello del XYZ123 perchè quello di ABC456 anche se ha lo stesso attacco non ha lo stesso voltaggio!
        • Mr. Olotom scrive:
          Re: E vai!
          o magari ti eroga 150mA in meno e quindi ti ci pulisci il sedere...
        • iRoby scrive:
          Re: E vai!
          Oggi una 5 volt con un connettore universale ce l'hai.È il cavo USB... Ovunque ci sia un computer acceso, ma anche i trasformatori con uscita usb e quelli per accendisigari anch'essi con la stessa porta.
          • Wolf01 scrive:
            Re: E vai!
            Appunto, però siccome non mancano le fonti di ricarica mancano i dispositivi da ricaricare, ed è anche questo che si vuole standardizzare: tutti i dispositivi a ricarica USB
    • ottomano scrive:
      Re: E vai!
      - Scritto da: Wolf01
      Batterie, alimentatori, jack, cosa manca?

      Finalmente si riuscirà a stroncare quel maledetto
      vizio di fare tutte le cose diverse, e magari
      svuotare un po' la casa da prodotti inutili per
      tutto fuorchè la loro singola
      funzione.

      Già da tempo uso l'hub usb alimentato per
      caricare il palmare, come illuminazione durante
      la notte per leggere a letto e ogni tanto anche
      come hub usb
      :PE che dire della possibilità di caricare cellulare e palmare direttamente dalla USB dell'autoradio?Ora non mi devo preoccupare di acquistare ulteriori trasformatori per l'accendisigari. Collego l'USB dell'autoradio e vai.Nicola
Chiudi i commenti