Troll e brevetti, processi perfetti

Apple, Google, Microsoft e altri denunciati per violazione di un brevetto relativo alle email scambiate a mezzo wireless. RIM, LG, Nokia e HTC dovranno invece affrontare i'ITC per un'accusa sulle fotocamere digitali

Roma – L’ International Trade Commission (ITC) statunitense ha aperto un’inchiesta sulla violazione di tre brevetti di FlashPoint Technology da parte di RIM, LG, Nokia e HTC.

Al centro del caso 3 brevetti 6,134,606 , 6,163,816 e 6,262,769 , tutti relativi ad alcune funzioni delle fotocamere digitali . I quattro produttori di smartphone avrebbero utilizzato le tecnologie rivendicate nel Nokia 5230 Nuron, nel Blackberry Storm2 9550, nel Droid Incredible, nel myTouch 3G di HTC e nei Ally e expo GW820 di LG.

FlashPoint Technology, che dal 2007 si occupa solo di licenziare le proprie tecnologie (tra gli altri a Apple, HP, Motorola e Nikon), ha chiesto il blocco delle importazioni dei prodotti incriminati che finora hanno rifiutato di corrispondere le licenze dovute.

Nel frattempo NTP, considerato da numerosi osservatori un patent roll, ha denunciato Apple, Google, Microsoft, FTC, LG e Motorola per la presunta violazione di 8 brevetti relativi alla tecnologia che permette di ricevere email tramite una connessione wireless . Per un caso simile RIM aveva già raggiunto un accordo con NTP nel 2005, accettando di pagare 612 milioni di dollari. Il contenzioso è inoltre aperto anche con AT&T, T-Mobile USA, Sprint Nextel e Verizon Wireless.

NTP detiene un portafoglio brevettuale con oltre di 50 titoli tutti nel settore wireless .

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ccc scrive:
    pena di morte?
    prima, con l'intruduzione di leggi sul cosidetto "diritto" d'autore, si dà legittimazione all'appropriazione da parte di entità private (leggasi: furto capitalista) dei beni pubblici comuni di conoscenza ed arti sottraendoli al pieno godimento collettivo, a danno generale ed a vantaggio di ingliuste, ingiustificabili e ributtanti rendite parassitarie...poi, oggi, si trasferisce direttamente ad entità private il "potere" di dettare legge tramite le condizioni di utilizzo di un qualche ca@@o di sito... lasciando al potere il solo compito di repirmere...domani sarà forse consentito a queste stesse entità private di sopprimere fisicamente i "trasgressori" mediante mercenari e guardie private???assurdo dite?... mica tanto: 20 anni fa si sarebbe detto lo stesso di quanto accade oggi...
Chiudi i commenti