Tuz, il sostituto di Tux

Torvalds sfrutta l'ultimo aggiornamento del kernel per sensibilizzare. Un problema di diavoletti agli antipodi, sull'orlo dell'estinzione

Roma – Tux, il pinguino mascotte che da anni accompagna il kernel Linux, non è andato in pensione: ma nell’ultima release del cuore del sistema operativo open source per eccellenza, la 2.6.29, è comparso un nuovo animaletto durante l’avvio del sistema . Non è un pinguino, non è un uccello e non ha le piume: in effetti è un marsupiale, vive in un solo posto nell’intero globo terrestre, ed è a rischio di estinzione. Tuz, così si chiama, è un diavolo della Tasmania.

La decisione di sostituire per un po’ a Tux il marsupiale carnivoro pare l’abbia presa Linus Torvalds in persona: dopo aver partecipato alla Linux Conference australiana dello scorso gennaio, il creatore del kernel ha deciso che la sorte del diavolo della Tasmania necessitava di maggiore attenzione. La sopravvivenza della specie è messa in pericolo da un cancro infettivo, un tipo piuttosto raro di malattia, che ne sta decimando la popolazione: poiché l’animale vive solo nell’isola australe, la sua sorte potrebbe essere segnata a meno di non trovare al più presto una soluzione.

Durante la conferenza, alcuni fondi (circa 20mila euro) erano già stati raccolti grazie a qualche barba sacrificata per contribuire alla causa: ed è stato allora che Torvalds avrebbe anche deciso di far entrare un diavolo della Tasmania, con una maschera da pinguino, nel kernel di Linux. Un buon modo, a suo giudizio, per sensibilizzare il pubblico riguardo questo problema.

“Gli sviluppatori hanno molti buoni motivi per creare software open source – ha spiegato Jonathan Corbet sul suo blog, raccontando dell’entrata in scena di Tuz – Oltre al semplice piacere di farlo, molti di noi sono motivati dal desiderio di fare del mondo un posto migliore: il sostegno della community di sviluppo a cause come quella del diavolo della Tasmania dimostrano che questo desiderio va oltre la creazione di software free. Ed è qualcosa di cui essere fieri”. ( L.A. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Di_ME scrive:
    Per gli overclokkers
    Consumate, inutilmente troppa energia (inutilente perche' tanto windows resta cmq lento), pero' per venire in contro al bisogno di risparmiare energia del mondo McDonalds ha deciso di affittarvi le friggitrici per le patatine, voi ci mettete dentro il vostro PC overcloccato sott'olio e loro friggono le patatine con il calore prodotto invece di consumare altra energia.
  • Vega scrive:
    Perchè il Sw non lo ha progettato....
    nè Apple nè la comunità open, se no sarebbe stato a prova di bomba hihihi....a parte questa battuta alla quale non ho resistito, devono trovare come rendere inattaccabili questi apparecchi, oppure potrebbero succedere molti danni molto gravi ad opera di smanettoni ritardati...Per il resto lo trovo un sistema molto promettente.
  • None scrive:
    SMART = furbo,capace,intelligente
    Ma con tutte queste macchine smart intorno a noi (frigo, forno, telefono, lavatrice, ecc. ecc.), se tornassimo ad essere noi i veri esseri SMART usando nuovamente la nostra testa (è giá li basta solo usarla). Non è vincolata da brevetti e tutti ne possediamo una.questa si che sarebbe davvero innovativo!
  • ninjaverde scrive:
    Decentrare
    Decentrare le soluzioni non concentrarle.Certo se le soluzioni (produzione e consumo) locali possono anche connettersi con una rete, potrebbe essere una soluzione ottimale, ma ciò non deve compromettere l'autonomia locale per nessun motivo.
  • Enjoy with Us scrive:
    Smart fregatura?
    Vi immaginate un virus in grado di mettere KO il vostro frigorifero e di farvi perdere tutti i surgelati, oppure di un'altro virus in grado di bloccarvi l'aria condizionata al massimo o ancora di bloccarvi l'impianto di riscaldamento o ancora di bloccarvi l'ascensore.... non bastassero i guasti tradizionali!Qui con l'aggravante che magari vengono colpite migliaia di utenze alla volta e quindi con tempi di attesa per il ripristino magari lunghi e costosi...Speriamo la pensino bene questa cosa, ad esempio evitando che i dispositivi di questo genere siano direttamente connessi alla rete!
    • pentolino scrive:
      Re: Smart fregatura?
      vero, un po' inquietante come cosa, mi concedi di nominare anche in questo caso Skynet? ;-)
    • El Duro scrive:
      Re: Smart fregatura?
      Veramente pensandoci sopra bene non hai tutti i torti,bisogna sempre pensare in avanti: come fanno i nostri(si fa per dire)governanti!!
Chiudi i commenti