Ubuntu e Android, parenti di boot

Canonical rilascia la preview di un tool per fare il dual-boot di Ubuntu accanto ad Android sui terminali compatibili. Roba per smanettoni in crisi di idee su come passare le feste natalizie

Roma – Per festeggiare il Natale nel segno di Ubuntu, Canonical ha distribuito la versione preliminare di un nuovo tool per il dual-boot fra la variante “Touch” dell’OS FOSS e Android: la società britannica consiglia l’uso del tool ai soli sviluppatori, anche se il suo obiettivo finale sarebbe quello di rendere facile un’operazione generalmente da “smanettoni” come quella di gestire una configurazione a doppio sistema operativo.

La raccomandazione “per sviluppatori” deriva naturalmente dalla necessità di fare il flashing del dispositivo e di ripartizionare l’unità di storage interna, mentre per quanto riguarda il supporto alle diverse versioni di Android Canonical cita espressamente la versione “stock” di Google e la popolare modification CyanogenMod.

L’installazione del dual-boot Android/Ubuntu porta ovviamente in dote una app con cui gestire in comodità il caricamento dell’uno o dell’altro sistema al successivo riavvio del dispositivo, mentre per quanto riguarda i gadget compatibili Canonical garantisce il funzionamento con quattro gadget della linea Nexus (Galaxy Nexus, Nexus 4, Nexus 7, Nexus 10).

Ad allargare in maniera sensibile la suddetta lista ci ha pensato però la community di appassionati di Ubuntu Touch, dice Canonical, che ha già provveduto a testare il tool dual-boot su gadget HTC, Huawei, LG, Motorola, Samsung, Sony e via elencando .

Un ultimo avviso Canonical lo lascia riguardo lo status del tool all’interno della società: il progetto è nato come lavoro personale di alcuni ingegneri Canonical (“skunkworks”, li chiama in gergo l’azienda), quindi esso non è parte della regolare distribuzione dell’OS Ubuntu.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti