UE: ACTA rimane segreto

I cittadini chiedono trasparenza, ma il Consiglio UE rifiuta: i documenti relativi al patto anticontraffazione non verranno rivelati, non finché si stanno negoziando i termini dell'accordo

Roma – Rendere pubblici i documenti riguardo a ACTA, rivelare ai cittadini come procedono le negoziazioni riguardo al patto anticontraffazione in cui è coinvolta l’Unione Europea potrebbe mandare all’aria le trattative: così le autorità europee hanno risposto ad una richiesta formulata da Foundation for a Free Information Infrastructure ( FFII ).

La Fondazione aveva chiesto trasparenza alle autorità UE: in rete circolano documenti trapelati dalle negoziazioni, brandelli di proposte che non possono che dare un’idea parziale di quello che fermenta al tavolo delle trattative fra Unione Europea, Stati Uniti, Australia, Canada, Giappone, Corea, Messico, Marocco, Nuova Zelanda, Singapore e Svizzera. Nei documenti emersi negli ultimi mesi si accenna a soluzioni per debellare i traffici di prodotti pirata, ad irrigidimenti del quadro normativo a tutela della proprietà intellettuale, alla possibilità di ritagliare per gli intermediari della rete un ruolo più attivo.

L’Unione Europea si è limitata finora a dispensare rassicurazioni ma non ha accolto la richiesta avanzata da FFII di rendere pubblici dei documenti caricati sui server del Consiglio, ma inaccessibili al pubblico. La giustificazione delle istituzioni? Rivelare queste informazioni, spiegano dal Consiglio, potrebbe “turbare il corretto svolgersi delle negoziazioni”, “indebolirebbe la posizione dell’Unione Europea e potrebbe influenzare le relazioni con le altre parti in causa”.

Ma dalla Fondazione promettono di non rassegnarsi: “Se il Consiglio dell’Unione Europea si rifiutasse di nuovo di rilasciare i documenti segreti, FFII potrebbe portare il caso di fronte alla Corte di Giustizia europea”. ( G.B. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • felixthecat scrive:
    youtube
    Utilizzano la stessa cosa per i sottotitoli dei video di youtube. Però non so quanto possa essere utile leggere un testo con tutti quegli errori.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 12 novembre 2008 22.01-----------------------------------------------------------
  • Uhura scrive:
    Meglio di niente
    Almeno chi non sa qualche lingua potrà rifarsi. Anche se dubito che dal giapponese all'italiano venga fuori qualcosa di comprensibile.:S
  • Silvio B. detto Testa DAsfalto scrive:
    E' una cosa pericolosa
    Potremmo accorgerci che le traduzioni di slashdot coincidono con punto-informatico!!!!!!
  • Dedrisproject scrive:
    L'avevo letta 4 giorni fa questa funzion
    :D avete fatto un pò tardino a parlarne hehehe
  • Pino scrive:
    Google translate
    Fino a poco tempo fa, se si scriveva "italia" minuscolo e lo si traduceva, nella maggior parte delle lingue appariva "australia"....Non è ancora molto affidabile... :|
    • Tony Manero scrive:
      Re: Google translate
      - Scritto da: Pino
      Fino a poco tempo fa, se si scriveva "italia"
      minuscolo e lo si traduceva, nella maggior parte
      delle lingue appariva
      "australia"....

      Non è ancora molto affidabile... :|E' mooolto poco affidabile, confrontato personalmente con Babelfish.Tony
Chiudi i commenti