UE, grande webquiz sulla privacy

Con un questionario rivolto ai cittadini dell'Unione, e alle imprese, la Commissione cerca di capire fino a che punto gli europei vogliono essere spiati


Roma – “Ritiene che al suo datore di lavoro dovrebbe essere consentito leggere i suoi e-mail? Teme che i suoi dati personali possano essere utilizzati in modo improprio quando acquista beni o servizi on-line?”. Questa è una delle domande contenute in un questionario sulla privacy in internet messo a punto dalla Commissione Europea e rivolto ai cittadini dell’Unione.

Capire qual è l’umore degli utenti, raccogliere le indicazioni delle associazioni dei consumatori, ascoltare le esigenze delle imprese e le rilevazioni del mondo commerciale. Questo lo scopo di una iniziativa che riguarda la direttiva europea sulla tutela dei dati personali.

“Quest’anno – si legge sulle pagine di europa.eu.int – la Commissione europea preparerà la prima relazione sull’attuazione della direttiva e desidera darle la possibilità di partecipare ad uno scambio di opinioni sulla tutela della sfera privata nella Comunità. Le opinioni dei cittadini saranno presentate alle autorità e agli esperti che parteciperanno alla conferenza sulla tutela dei dati che si terrà quest’anno. Le risposte fornite in questa consultazione sono completamente anonime, quindi la preghiamo di rispondere liberamente. Per poter rispondere al questionario i candidati devono essere persone fisiche residenti nel territorio dell’Unione europea”.

Tra le domande di maggiore interesse a cui si è chiamati a rispondere vi sono:

“Secondo lei, come si potrebbe contrastare l’aumento dei rischi per la sfera privata che le nuove tecnologie (ad es. Internet) comportano?”

“Ritiene che ai datori di lavoro dovrebbe essere consentito leggere gli e-mail dei propri dipendenti inviati o ricevuti sui computer dell’impresa?”

Una domanda è anche dedicata alla complessa materia dell’opt-in, dello spam e del direct marketing: “Se un’impresa desidera inviarle un e-mail per offrirle un prodotto o un servizio, che cosa preferirebbe?” Tra le risposte a questa domanda anche: “Non mi disturba ricevere questo tipo di e-mail che posso cancellare se non sono interessato”…

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • elisa di bella scrive:
    CI VOGLIONO VERAMENTE 400 EURO IO DOVE L
    I TROVO I SOLDI PER FARMI UN VISO
  • elisa di bella scrive:
    come non lo fai fai qualcosa non cancell
    are il numero me la prenoti una visita A NOME DI ELISA DI BELLA E IO TI FACCIO UN FAVORE IN CAMBIO
  • elisa di bella scrive:
    marco mi vergogno pure a guardarmi oltr
    e al fatto che faccio il corso di stage quanto si rip,di soldi,per farmi una faccia nuova a me
    • elisa di bella scrive:
      Re: marco mi vergogno pure a guardarmi oltr
      io voglio andare dal chirurgo plastico me la paghi la faccia quando andiamo a Roma,si puo'realizzare questo mio sogno,dimmi che si puo'realizzare mi vedo un mostro
  • elisa scrive:
    hai provato a telefonare a mio padre,pri
    ma che mi blocca la m,emoria,adetto mio padre che mi lascia cosi la specie di cosasassa lorda
  • elisa scrive:
    a furci siXXXX il nim e'34783273252 chia
    ma e di mio papa 'ti prometto che ti vendo pure i cd ti prego,e ti tengo pure la bambina cn Roberta Bonanno
  • elisa scrive:
    chiama prima mio padre che e'nel'giardin
    xche'io mi devo stare cosi?quando a te ti pagano ed e'in campagna a Furciio gli incivi fissi
  • elisa scrive:
    vedi che mi vergogno pure a vedermi
    perche'ho UN NUM DI UN'ISTITUTO PURE XCHE'MI VEDO BRUTTA IOSN BRUTTA IO QUESTO ISTITUTO SI TROVA A ROMA ED E'UN ISTITUTO DI CHIRURGIA PLASTICAvia della pamphili.roma ,85 00152 è il codice civico tel 06583261 x me
  • elisa scrive:
    sn elisa
    io mi vedo brutta,a Roma rifanno visi nuovi a Roma all'intervento di chirurgia plasticatu me lo potresti pagare un interventoal visoe tu fai spatti il cantante
  • elisa scrive:
    hai finitodi XXXXXXre io mi sto d facen
    do brutta,non ho incivi,e 6 spatti vestito bene mi risp
  • elisa scrive:
    io mi voglio fare un viso nuovo,e tu sta
    i in Sardegna rifanno visi a roma
  • Anonimo scrive:
    IDEA - UNA PRETRANSAZIONE "segreta"
    Decido a tavolino con CartaSi che per farmi autorizzare transazioni superiori a 200 Euro prima devo fare nello stesso negozio una transazione da 1,5 euro (questo importo lo decido con la carta - tipo pin)quindi compro un divano per 800 europrima passa 1,5poi 798,5Se solo 800 = negata autorizzazioneSe priama trans diversa da 1,5negata autorizzazione per seconda transazioneNon so se mi sono spiegato...
  • Anonimo scrive:
    La sicurezza ?? leggete cosa mi è successo !!!
    Ricevo in seguito alla scadenza della vecchia carta la nuova per posta assicurata,firmo ritiro e la ripongo in un cassetto.Più tardi e con calma riprendo la busta,la palpo bene la osservo e cosa noto ?? che essendo la busta passata attraverso i macchinari ed evidentemente schiacciata,alcuni numeri della carta di credito che sono in rilievo appaiono in bella vista sulla busta.Ora senza aprire la busta con le dita schiaccio ben bene la busta e come se fossi il mago Casanova le 16 cifre della carta appaiono belle belle in evidenza e faticando un pochino riesco a leggere anche la scadenza.Poi mi ricordo il giochino della moneta e del foglio di carta che facevamo tutti da bambini,prendo la matita la passo sui rilievi e opplà le cifre che prima leggevo ora appaiono come in disegno a carboncino.Se fossi stato un malintenzionato mi sarebbe bastata una gomma da cancellare per eliminare le prove.Qualcuno potrà dire:Be ma la carte non è attiva,bè che se frega!! la attiverà chi la riceve !!!
    • Anonimo scrive:
      Re: La sicurezza ?? leggete cosa mi è successo !!!
      Bello l'esempio della matita ricalcante. Anzi ottimo. E' vero che, in alcuni casi, dare la carta al cameriere e' piu' rischioso che fare una transazione online, ma rompere le b*lle ai gestori anche con fanta-criminalita' (mica tanto) forse puo' servire ad alzare il livello di sicurezza. La sicurezza costa, e tutti vogliono risparmiare per diventare piu' ricchi dei ricchi (le banche piu' dei clineti).'notte.Marco
  • Anonimo scrive:
    3rd world
    Ma dove cazzo vivete? Ancora usete i soldi di carta. Ma che problemi vi fate? pin, firma si/no ...Tocco soldi moneta forse una o due volte al mese.Qualsiasi cosa la pago con cc anche il singolo pacchetto di gomme. Truffe? Smarrimenti? Puo' succedere basta inviare un fax ed e' tutto sistemato.In Italia e' il terzo mondo...pure ti appioppano delle commissioni se fai il pieno: VERGOGNA.
  • Anonimo scrive:
    La foto c'e' per le banche piu' serie... in USA !

    reale. E allora perchè non inserire la foto del
    proprietario?Perche' molti dormono !In realta' la foto e' disponibile da anni presso alcune banche USA (sia su carte SI che Mastercard), ma e' anche vero che in queste stesse banche ogni assegno incassato viene fotocopiato e mandato all'emittente per verificare che tutto sia regolare. Che ci vuole ? Niente, basta organizzarsi anzicche' dormire come sovente succede in Italia!Qualcuno mi spiega perche' oltre a ricevere l'e-mail di verifica mi DEVE per forza arrivare a casa la snail-mail con i movimenti che ne e' un duplicato regalando cosi' alla posta 1,03 euro per sapere cio' che gia' sapevo? basterebbe una mail con firma digitale, o anche che io accettassi la semplice mail. Certo, bisognerebbe poi rinunciare a dare un sacco di soldi alle poste...
  • Anonimo scrive:
    E l'assicurazione?
    Ho da poco aperto un c/c su Fineco, sulle condizioni contrattuali legate alle carta è specificato che in caso di utilizzo fraudolento, in seguito a furto o smarrimento, entra in gioco un assicurazione che mi rimborsa quanto speso illegalmente. Spero non sia la solita bufala dovuta a micro-clausole...
  • Anonimo scrive:
    La Firma
    La mia non e' firmata, cosi' in usa, irlanda e grecia mi hanno sempre chiesto una 'picture-id', ovvero un qualunque documento di riconoscimento. In fondo sulla carta c'e' scritto che non e' valida se non c'e' la firma, quindi penso che abbia sbagliato il negoziante ad accettarla. Se poi il ladro ha fatto un suo scarabocchio, e' piu' facile dimostrare che non sono stato io ad eseguire l'acquisito.Secondo me non sei in torto se hai una carta non firmata.
    • Anonimo scrive:
      Re: La Firma
      - Scritto da: mik
      La mia non e' firmata, cosi' in usa, irlanda
      e grecia mi hanno sempre chiesto una
      'picture-id', ovvero un qualunque documento
      di riconoscimento. In fondo sulla carta c'e'
      scritto che non e' valida se non c'e' la
      firma, quindi penso che abbia sbagliato il
      negoziante ad accettarla. Se poi il ladro ha
      fatto un suo scarabocchio, e' piu' facile
      dimostrare che non sono stato io ad eseguire
      l'acquisito.
      Secondo me non sei in torto se hai una carta
      non firmata. I commercianti dovrebbero pretendere la carta di credito firmata??...e a quale mia garanzia???...cosi' chiunque puo' scarabocchiare copiando la mia firma ed io non potro' nemmeno contestare l'acquisto ..se non spendendo una cifra di avvocato e per la perizia per dimostrare che quella firma non era mia.....non mi sembra molto saggio firmare la carta di credito......proprio no...trovino un'paltro sistema
    • Anonimo scrive:
      Re: La Firma
      - Scritto da: mik
      La mia non e' firmata, cosi' in usa, irlanda e grecia mi hanno sempre chiesto una
      'picture-id', ovvero un qualunque documento di riconoscimento. In fondo sulla carta c'e'
      scritto che non e' valida se non c'e' la firma, quindi penso che abbia sbagliato il
      negoziante ad accettarla. Se poi il ladro ha fatto un suo scarabocchio, e' piu' facile
      dimostrare che non sono stato io ad eseguire l'acquisito.
      Secondo me non sei in torto se hai una carta non firmata.Sulla mia ho apposto mezza firma!Se metto l'intera firma, ci vuole poco per un ladro a imparare come si fa e copiarla: e' come se chiedessero di copiare il PIN sul Bancomat ...Con mezza firma, posso dimostrare facilmente che non sono io quello che ha firmato - mentre il negoziante vede che meta' della mia firma corrisponde ...
  • Anonimo scrive:
    FACCIAMO COME LA SPAGNA!!!!!
    Basta fare come si fa in Spagna per utilizzare la carta di credito bisogna mostrare un documento di identità (le carte di credito spagnole sono già dotate di fototessera).Si risolverebbero molti problemi, con una semplice fotografia....
    • Anonimo scrive:
      Re: FACCIAMO COME LA SPAGNA!!!!!
      Si, ma questa è l'italia e la mamma degli idioti è sempre (e sempre più) incinta. Secondo te c'arriva qualcuno a fare questa pensata? Secondo me no.
      • Anonimo scrive:
        Re: FACCIAMO COME LA SPAGNA!!!!!

        Si, ma questa è l'italia e la mamma degli
        idioti è sempre (e sempre più) incinta.
        Secondo te c'arriva qualcuno a fare questa
        pensata? Secondo me no.In realtà dovrebbe essere così anche in Italia, il negoziante è obbligato a chiederla (ovviamente non lo farà se è un cliente che abituale che conosce, ma da uno sconosciuto dovrebbe chiederla).
  • Anonimo scrive:
    Io avrei una proposta interessante ...
    E se ogni volta che la vostra carta di credito viene utilizzata, eventualmente per importi di una certa consistenza, vi arriva una telefonata/sms sul vostro cellulare per chiedere conferma della transazione?ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: Io avrei una proposta interessante ...
      diners lo fa...
    • Anonimo scrive:
      Re: Io avrei una proposta interessante ...
      C'era già... era un servizio della Tim ma non so se esista ancora.Prova a informarti su Internet o al call center... era utile come servizio.
  • Anonimo scrive:
    LA FOTO SULLA CARTA DI CREDITO C'E' GIA'
    per lo meno in svizzera e' venuta la nipote della mia ragazza dalla svizzera e' quando ha pagato ci ha mostrato che era anche venuta bene:)persino sulla mia tessera universitaria c'eradevono solo svegliarsi
  • Anonimo scrive:
    PIN su carte di credito
    Mi occupo da più di 10 anni di questo settore. Il problema è questo: inserire il PIN sulle carte di credito comporterebbe una modifica su milioni di terminali POS in tutto il mondo. Lo standard esisterebbe già, in italia è lo standard ISO V8583 da quasi un anno. Uno standard orribile (forse di più, credetemi) ma è pur sempre uno standard, un punto di partenza comune.Sono più che d'accordo che il PIN sulla carta di credito sia necessario.La foto sulla carta di credito è già effettiva in molti paesi. In Italia, alcuni V.I.P. ce l'hanno già (cantanti, attori, ecc.).Per noi comuni mortali...potrebbe arrivare entro la fine dell'anno...Al momento i problemi sono legati ai costi di produzione della carta (adeguamento macchine) e all'aspetto informatico.ES
    • Anonimo scrive:
      Re: PIN su carte di credito
      Ah ho capito!allora per avere DIRITTO ad un po' di sicurezza bisognia diventare VI eh?Che tristezza, e' sempre la solita Italietta tutto funo e niente arrosto che non si smentisce ma!
  • Anonimo scrive:
    Autorimessa?
    Sei sicuro che non sia individuabile il tipo?Voglio dire, non ha lasciato nulla nell'autorimessa? Il suo nome?Peccato, perché se l'acquisto fosse stato fatto via internet, il ladro avrebbe dovuto farsi spedire a casa la merce, dichiarando così il suo indirizzo.Alla fine chi ci ha rimesso? Tu o il negoziante?
    • Anonimo scrive:
      Re: Autorimessa?
      domani vado a parlare con i due negozi, soprattutto con quello dove sono stati spesi quasi mille euro. Poi chiamero' Servizi Interbancari e Carta Si per sapere che fine faranno queste spese
      • Anonimo scrive:
        Re: Autorimessa?
        Scusa la domanda: ma quando l'hai persa hai fatto immediata denuncia presso carta si' con successiva denuncia di smarrimento presso i carabinieri ? Se e' cosi' e gli acquisti sono successivi alla denuncia tu puoi stare tranquillo. In questo caso c'e' l'assicurazione e forse il negoziante non perde nulla (anche se c'e' da vedere se il negoziante ha usato il POS o ha fatto la strisciata). Nel caso invece tu hai perso la carta e non hai fatto la denuncia ...... potresti anche rimetterci tu :( Domanda2: ma l'avevi firmata la carta ? :) io non l'ho firmata apposta .. almeno posso dimostrare che non e' mia la firma .. Facci sapere.
        • Anonimo scrive:
          Re: Autorimessa?
          - Scritto da: Pasquale
          Domanda2: ma l'avevi firmata la carta ? :)
          io non l'ho firmata apposta .. almeno posso
          dimostrare che non e' mia la firma .. Cosa ci guadagni a non firmare la carta?Il ladro fa la SUA firma e poi va in giro per negozi... e magari la Visa non ti rida' i soldi perche' non hai firmato!
          • Anonimo scrive:
            Re: Autorimessa? Gia'
            - Scritto da: Leto


            - Scritto da: Pasquale

            Domanda2: ma l'avevi firmata la carta ? :)

            io non l'ho firmata apposta .. almeno
            posso

            dimostrare che non e' mia la firma ..

            Cosa ci guadagni a non firmare la carta?

            Il ladro fa la SUA firma e poi va in giro
            per negozi... e magari la Visa non ti rida'
            i soldi perche' non hai firmato!Si , invece lasciare la tua firma al ladro che la copia pari pari è meglio vero??'
          • Anonimo scrive:
            Re: Autorimessa? Gia'
            Visto che se faccio denuncia la Visa mi rida' i soldi non vedo dove sia il problema.
          • Anonimo scrive:
            Re: Autorimessa? Gia'
            - Scritto da: Leto
            Visto che se faccio denuncia la Visa mi
            rida' i soldi non vedo dove sia il problema.Il problema sta nel fatto che dovrai sbatterti per dimostrare che non è tua....
          • Anonimo scrive:
            Re: Autorimessa? Gia'
            - Scritto da: wow


            - Scritto da: Leto

            Visto che se faccio denuncia la Visa mi

            rida' i soldi non vedo dove sia il
            problema.

            Il problema sta nel fatto che dovrai
            sbatterti per dimostrare che non è tua....Dovrai sbatterti TU? Sono LORO che devono fare la perizia calligrafica se non ti credono...
        • Anonimo scrive:
          Re: Autorimessa?

          Domanda2: ma l'avevi firmata la carta ? :)
          io non l'ho firmata apposta .. almeno posso
          dimostrare che non e' mia la firma .. Male. All'estero, se non firmi la CC, te lo rifiutano.
          • Anonimo scrive:
            Re: Autorimessa?

            Male. All'estero, se non firmi la CC, te lo
            rifiutano.Mah.Io sono stato in Portogallo e in Olanda: li' la carta addirittura te la devi strisciare da solo, il negoziante neanche la tocca.Almeno stai sicuro per la clonazione, pero' il controllo neanche a parlarne.
          • Anonimo scrive:
            Re: Autorimessa?
            Deduco che Claudio si riferisca a Cartasi. Con la Diners hanno avuto una buona idea : ti mandano un SMS ogni volta che usi la carta!!! Arriva nel giro di pochi secondi. Funziona solo in Italia. MA la Diners è poco diffusa e sto pensando di restituirla. Ma hai dovuto pagare tu??? Non c'è un limite (di 30.000 lire) in caso di furto e/o smarrimento della carta?Io in passato ho avuto due episodi con la AMEX (frodi, la carta era ancora con me, i camerieri la avevano copiata, facendo diverse strisciate, al risorante!), per i quali non ho pagato niente. Ottima idea la tua (foto e/o PIN). Spero abbia un seguito!Nota: NON dire che la carta non era firmata, altrimenti è tuo dolo e paghi TUTTO TU!!!Mauro.
        • Anonimo scrive:
          Re: Autorimessa?
          - Scritto da: Pasquale...
          Domanda2: ma l'avevi firmata la carta ? :)
          io non l'ho firmata apposta .. almeno posso
          dimostrare che non e' mia la firma .. Male!In teoria il negoziante avrebbe l'obbligo di controllare che la firma sulla ricevuta corrisponda a quella sulla carta.In pratica pero', raramente l'ho visto fare, e solo una volta mi e' stato chiesto un documento.
        • Anonimo scrive:
          Re: Autorimessa?
          la denuncia e' stata fatta dopo gli acquisti.....e avevo anche firmato la carta!
  • Anonimo scrive:
    Difatti online è più sicuro
    Per quanto mi riguarda non utilizzo mai la CCper gli acquisti nei negozi, ma solo il bancomat, piuttosto per acquisti su internet, di che se dica e molto più sicuroDiffidare di pagare con CC da benzinai, piccoli negozi, e altri negozi poco conosciuti, ma in linea di massima tutti, avevo visto un servizio in TV dove usano un apparecchietto elettronico per leggere i numeri della carta, scadenza etc per creare un esatta copiaE' piccolissimo sta in una mano, vi sniffano i dati della carta e nemmeno ve ne accorgete
    • Anonimo scrive:
      Re: Difatti online è più sicuro
      Non c'e' bisogno di apparecchietti strani: il numero della carta rimane stampato in chiaro nel foglietto (vedasi un vecchio articolo di Punto-informatico). Quindi ... io uso la carta di credito per acquisti nel mondo reale solo dove sono abbastanza sicuro di sapere con chi ho a che fare.Ciao a tutti
    • marco baldini scrive:
      Re: Difatti online è più sicuro
      meglio i vecchi contanti, cosi sai quello che spendi e quello che ti puoi permettere di spendere in qel momento.
Chiudi i commenti