UE, miliardi per la fibra

Approvati circa venti piani nazionali per lo sviluppo del broadband, in particolare nelle aree rurali. Varato un pacchetto di aiuti di stato, giunto alla cifra record di 1,8 miliardi di euro. Il quadruplo rispetto al 2009

Roma – Un pacchetto dalle cifre imponenti , approvato dalla Commissione Europea per sostenere la diffusione della banda larga nei vari paesi membri dell’Unione. Gli aiuti di stato destinati al broadband hanno raggiunto, nell’anno appena trascorso, la cifra record di 1,8 miliardi di euro , circa quattro volte il totale messo a disposizione nel 2009.

La commissione del Vecchio Continente ha garantito il via libera a diversi progetti finanziati dagli stati membri, in particolare quelli relativi allo sviluppo della fibra in aree rurali (cioè meno profittevoli per gli operatori). In Italia sono stati approvati i piani di riduzione del digital divide in Lombardia e Trentino , oltre quello per i distretti industriali di Lucca .

“Investimenti intelligenti per infrastrutture per la banda larga sono cruciali per creare occupazione, migliorare la performance economica e sbloccare il potenziale competitivo dell’Unione nel lungo periodo – ha spiegato il commissario alla concorrenza Joaquin Almunia – La Commissione si è impegnata ad aiutare i paesi membri ad accelerare gli investimenti pubblici e privati in questo settore”.

Da Bruxelles sono arrivate le prime stime di circa una ventina di progetti nazionali approvati nel 2010, che dovrebbero generare sino a 3,5 miliardi di investimenti ulteriori nel settore . Tra le altre aree selezionate dalla Commissione Europea, quelle più spopolate della Finlandia, della Baviera e della Catalogna. L’obiettivo dell’Unione è di arrivare a velocità di almeno 30Mbps entro l’anno 2020 .

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Nessuno scrive:
    Ma i brevetti...
    ...questi qui non li pagano per le tecnologie che userebbero???
    • Be&O scrive:
      Re: Ma i brevetti...
      Come si scrive brevetti ?E a cosa servono ?-----Posso dire che per me è il momento per apple, vendendo in perdita l'iPad si farebbero il più grosso mercato per le Apps !Potrebbe anche rilasciare un aggiornamento al mese ad 1$ e rifarsi (rotfl)
      • ruppolo scrive:
        Re: Ma i brevetti...
        - Scritto da: Be&O
        Posso dire che per me è il momento per apple,
        vendendo in perdita l'iPad si farebbero il più
        grosso mercato per le Apps
        !L'hanno già fatto, il più grosso mercato per le Apps.
      • deactive scrive:
        Re: Ma i brevetti...
        io credo che in India non abbiano molta voglia di perder tempo con aggeggi che costano 4 o 5 stipendi medi. In 2 anni di permanenza nel paese ho visto pochissimi Iphone, zero ipod, ancora meno mac. Nokia la fa ancora da padrona e se poprio devo sbilanciarmi sul futuro ho visto meglio piazzato blackberry, gia' ampiamente pubblicizzato e distribuito anche per pre-paid ( al contrario dei prodotti apple che in India, almeno dove son stato io , sembravano latitare).
      • MeX scrive:
        Re: Ma i brevetti...
        l'ultimo quarto fiscale hanno fatto 6 MILIARDI di dollari netti... dici che hanno davvero perso qualcosa? :D
        • ruppolo scrive:
          Re: Ma i brevetti...
          - Scritto da: MeX
          l'ultimo quarto fiscale hanno fatto 6 MILIARDI di
          dollari netti... dici che hanno davvero perso
          qualcosa?
          :DL'iPhone 5? (rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • Be&O Unlogged scrive:
            Re: Ma i brevetti...
            L'iPhone 5 sarà touch anche sui bordi....(geek)...e l'antenna sei TU !!! (rotfl)
        • Be&O Unlogged scrive:
          Re: Ma i brevetti...
          Si.... 56 Miliardi ..... Cina e India con i Microacquisti sono avanti noi anni, noi chiediamo ancora 19 per giocare online.Loro danno tutto gratis, e si rifanno sui microacquisti.akka...Gunbound..ecc...
Chiudi i commenti