UE, multe antitrust al cartello degli LCD

Sei aziende coinvolte e cinque ad essere multate dal provvedimento continentale. Samsung ottiene l'immunità per aver fornito informazioni sul cartello. Multa salatissima per Chimei Innolux

Roma – Cinque produttori asiatici di pannelli LCD sono stati multati dalla Commissione Europea per aver costituito un cartello sui prezzi , ovvero per essersi accordati tra loro per mantenere i prezzi artificialmente alti per trarne maggiore profitto. Ad annunciarlo è stato il commissario europeo Antitrust, Joacquin Almunia, specificando che ad essere colpiti dalla multa di 649 milioni di euro sono state cinque case costruttrici della Corea del Sud e di Taiwan: AU Optronics , Chimei InnoLux Corporation , Chunghwa Picture Tubes e HannStar Display Corporation , e la nota marca sud coreana LG Display .

Nel provvedimento è stata citata anche Samsung Electronics per aver preso parte al cartello. L’azienda però ha ottenuto l’immunità completa per essere stata la prima a fornire alla Commissione informazioni sull’esistenza di tale misura restrittiva della concorrenza. Allo stesso modo, le ammende contro LG , AU Optronics e Chunghwa sono state tutte ridotte per la loro collaborazione alle indagini.
Chimei InnoLux è stata l’azienda a ricevere la multa più alta (300 milioni di euro), seguita da LG Display (215 milioni), AU Optronics (116,8 milioni), Chunghwa Picture Tubes (9 milioni) e infine HannStar Display Corporation (8,1 milioni).

Le società in questione – secondo quanto riportato dalla Commissione Europea – hanno concordato i prezzi, fasce alte e minime, si sono scambiate informazioni sui piani di produzione e su altre condizioni commerciali per un lungo periodo che va dall’ottobre 2001 al febbraio 2006. Le aziende hanno organizzato circa 60 incontri , denominati “incontri di Cristallo”, principalmente in hotel di Taiwan. Le indagini svolte hanno inoltre confermato che i partecipanti erano consapevoli di infrangere le regole della concorrenza ai sensi delle norme UE e avevano, per tale ragione, provveduto a nascondere la sede e i dati significativi fuoriusciti a fine incontri.

La Commissione a tal proposito ha citato un documento nel quale si “richiedeva a tutti di prendersi cura della sicurezza, della confidenzialità della materia e limitare le comunicazioni scritte, ricordando l’indagine sul mercato DRAM iniziata nel 2002”. Inoltre, l’ente continentale ha dichiarato che il cartello ha avuto un impatto diretto sui consumatori europei, in quanto la stragrande maggioranza di televisori, monitor di computer e notebook con i pannelli a cristalli liquidi che vengono venduti in Europa provengono dall’Asia. Il mercato valeva più di sette miliardi di euro per il periodo che il cartello è esistito.

Questa è la settima decisione di quest’anno contro le attività di cartello , e porta l’importo totale delle ammende nel 2010 a poco più di 3 miliardi di euro. Per i produttori di pannelli LCD questa non è la prima condanna : l’anno scorso Nokia denunciò otto produttori di LCD ( Seiko , Epson , Hitachi , LG Display , Philips , Samsung , Sharp , Toshiba e Chunghwa Picture Tubes ), accusati di far cartello e di fissare i prezzi di mercato. Circa 585 milioni la pena inflitta alle società per la partecipazione al “complotto”. O ancora, nel 2008 il Dipartimento di Giustizia statunitense condannò tre grandi produttori di monitor a cristalli liquidi, LG Display , Chunghwa Picture Tubes e Sharp , a pagare 585 milioni di dollari. In quel caso fu LG Display , anche all’epoca coinvolta, a pagare la multa più alta: circa 400 milioni di dollari.

Raffaella Gargiulo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ginfitz69 scrive:
    non è una statistica
    Come si fa a dire che i lavoratori IT dell'India soffrono di insonnia se il campione è di sole 90 e rotti persone e pure (sembra) appartenenti alla stessa azienda? La popolazione dell'India è di oltre un miliardo di persone! E se per caso quell'azienda trattava male i propri dipendenti e li faceva lavorare in condizioni stressanti molto di più della media nazionale?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 14 dicembre 2010 14.06-----------------------------------------------------------
    • vampirla scrive:
      Re: non è una statistica
      Avevo proprio la stessa perplessita'.In piu', vista la qualita' del software che scrivono (per quanto ho potuto vedere, ovviamente), mi sembra che recuperino abbondantemente sul posto di lavoro :D
  • panda rossa scrive:
    Altro che insonnia!
    Altro che insonnia!Il problema e' che le ore di sonno sono poche.Per un rendimento ideale bisognerebbe poter dormire sette ore consecutive la notte, e poi un'oretta dopo pranzo.Gli indiani hanno l'insonnia, e io sono qui che sbadiglio e mi tengo sveglio a caffe'!C'e' qualcosa di ingiusto in tutto questo.
    • deactive scrive:
      Re: Altro che insonnia!
      qualcosa di sbagliato c'e' infatti a mio avviso.Gli indiani infatti non solo dormono in momenti improbabili nel corso della giornata, ma anche in luoghi altrettanto improbabili.Basti ricordare il jet precipitato per colpa di una dei due ufficiali di volo che se la stava dormendo allegramente. ( http://www.usatoday.com/news/world/2010-11-18-airindia18_ST_N.htm )Seriamente, credo che il sonno nello specifico caso dell'india sia tutt'altro che una preoccupazione.( http://www.flickr.com/photos/deactive/2660924510/ oppure http://www.flickr.com/photos/deactive/435433781/ e ultimissima http://www.flickr.com/photos/deactive/403246059/)
Chiudi i commenti