UE prende tempo sul caso Google

Il nuovo commissario Margrethe Vestager effettuerà una rassegna di tutto il caso prima di prendere qualunque decisione. Saranno sentite le parti coinvolte, ma non ci saranno decisioni che oltrepassino i propositi iniziali dell'indagine

oma – Google dovrà pazientare ancora per chiudere la vertenza antitrust in Europa: dopo tre diversi tentativi negoziali di raggiungere un compromesso con le autorità del Vecchio Continente, tutti respinti dalla Commissione ora rimpiazzata al termine del suo mandato, la parola è tornata al neo-commissario per la competizione Margrethe Vestager che ha raffreddato i bollori di concorrenti e stakeholder che guardano alla UE per ribaltare la loro posizione di inseguitori nei confronti dello strapotere di Mountain View. Vestager intende raggiungere le proprie conclusioni basate almeno in parte su una indagine condotta personalmente , dunque non ha fretta di chiudere la pratica.

“La nostra indagine su Google è tra le più discusse sui media – ha dichiarato il neo-commissario – La mole di dati controllata da Google solleva un certo numero di questioni: la privacy è una delle maggiori preoccupazioni, il pluralismo dell’informazione un’altra. Non tutte queste questioni sono di natura economica e non tutte riguardano la competizione: quindi molte delle problematiche attribuite a Google che trovano spazio nel pubblico dibattito non potranno essere gestite nel corso della nostra indagine. Ci limiteremo a quello che riteniamo possano essere problemi antitrust”.

In altre parole, il commissario Vestager ha voluto chiarire che la vertenza non si allargherà ad altre questioni oltre quelle per cui è stata aperta: i dubbi degli editori che si vedono minacciati dagli aggregatori, le preoccupazioni delle associazioni dei consumatori e delle authority privacy sulla gestione dei dati personali da parte di un unico soggetto, non rientrano negli scopi e nelle prerogative della Commissione in questa fase . In ogni caso Vestager non intende ignorare nessuno nel corso dell’indagine: anche se dice di aver seguito da vicino gli ultimi sviluppi della vicenda, ha annunciato una nuova tornata di colloqui con gli stakeholder per fare il punto sulla questione.

“Stiamo parlando di un mercato che si sviluppa rapidamente – ha spiegato il Commissario – devo accertare che le informazioni in nostro possesso siano aggiornate. In altre parole, poiché le questioni in ballo nell’indagine hanno potenzialmente un grande impatto su molti player, sono complesse e sfaccettate, avrò bisogno di un po’ di tempo per valutare quali siano i prossimi passi da compiere”. Vestager avvierà quindi a questo punto un nuovo giro di consultazioni, in modo tale da garantire a tutti di farsi avanti e far sentire la propria voce ma anche a Google di fornire ulteriori informazioni utili a spiegare la sua posizione: i risultati di questo ulteriore sforzo non saranno immediati, e bisognerà attendere ancora settimane se non mesi prima di ottenere una decisione seppur preliminare da parte della Commissione. Solo allora si conoscerà l’eventuale sanzione che la UE potrebbe comminare al gigante del search di Mountain View.

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Utente scrive:
    18 anni per sistemate un baco?
    auguri... (rotfl)
    • ... scrive:
      Re: 18 anni per sistemate un baco?
      Ce ne sono voluti altrettanti per scoprirlo.Quindi, visto che nessuno ne era a conoscenza prima, è come se non fosse mai esistito.
  • Che cavolo stai dicendo Willis scrive:
    Ma non era sicuro?
    Il Patch Tuesday di novembre 2014 era già stato classificato come un martedì di patch da record. Ma... ma... ma non era sicuro ? :$E allora come mai ogni martedì Microsoft stabilisce un nuovo record MONDIALE? (rotfl)E allora come mai manco il Guinness dei Primati riesce a star dietro ai record del colosso di Redmond ? (rotfl)Accidenti, eppure qui gli esperti prendevano in giro gli utenti Apple ma Microsoft non è che sia messa meglio! (nolove)Ma non è che non sono poi tanto esperti come vorrebbero far credere? (newbie)
    • Triste scrive:
      Re: Ma non era sicuro?
      - Scritto da: Che cavolo stai dicendo Willis
      Il Patch Tuesday di novembre 2014 era già
      stato classificato come un martedì di patch da
      record.

      Ma... ma... ma non era sicuro ? :$

      E allora come mai ogni martedì Microsoft
      stabilisce un nuovo record MONDIALE?
      (rotfl)

      E allora come mai manco il Guinness dei Primati
      riesce a star dietro ai record del colosso di
      Redmond ?
      (rotfl)

      Accidenti, eppure qui gli esperti prendevano in
      giro gli utenti Apple ma Microsoft non è che sia
      messa meglio!
      (nolove)

      Ma non è che non sono poi tanto esperti come
      vorrebbero far credere?
      (newbie)Ecco la soluzione:[img]http://mashable.com/wp-content/uploads/2011/04/linux-infographic.png[/img]
      • un altro intelligen tone scrive:
        Re: Ma non era sicuro?
        - Scritto da: Triste
        Ecco la soluzione:

        [img]http://mashable.com/wp-content/uploads/2011/0Wow ci avevo pensato anch'io a linucs. :)[img]http://indipendologo.files.wordpress.com/2012/05/faccia-da-scemo1.jpeg[/img]
      • Francesco scrive:
        Re: Ma non era sicuro?
        La slide mi ha ricordato che Android si basa su Linux... bhe capisco molte cose!!!Tanti problemi con un PC non li avevo dai tempi di W98.francesco
        • msfan scrive:
          Re: Ma non era sicuro?
          1/10 :-o
          • Pasta alla Pirateria scrive:
            Re: Ma non era sicuro?
            - Scritto da: msfan
            1/10 :-operò purtroppo (lo uso anche io) ha ragione: lato sicurezza Android è il windows 95/98 dei nostri giorni.Con l'aggravante che lo si tiene sempre online.
      • fishbrain scrive:
        Re: Ma non era sicuro?
        - Scritto da: Triste
        - Scritto da: Che cavolo stai dicendo Willis

        <b
        Il Patch Tuesday di novembre 2014 era già

        stato classificato come un martedì di patch da

        record. </b




        Ma... ma... ma non era <u
        sicuro </u
        ? :$



        E allora come mai ogni martedì Microsoft

        stabilisce un nuovo record MONDIALE?

        (rotfl)



        E allora come mai manco il Guinness dei Primati

        riesce a star dietro ai record del <i
        colosso di

        Redmond </i
        ?

        (rotfl)



        Accidenti, eppure qui gli esperti prendevano in

        giro gli utenti Apple ma Microsoft non è che sia

        messa meglio!

        (nolove)



        Ma non è che non sono poi tanto esperti come

        vorrebbero far credere?

        (newbie)


        Ecco la soluzione:

        [img]http://mashable.com/wp-content/uploads/2011/0il buco dei 18 anni ha la stessa età della frase "Questo è l'anno di linux"
      • anverone99 scrive:
        Re: Ma non era sicuro?
        - Scritto da: Triste
        - Scritto da: Che cavolo stai dicendo Willis

        Il Patch Tuesday di novembre 2014 era già

        stato classificato come un martedì di patch da

        record.



        Ma... ma... ma non era sicuro ? :$



        E allora come mai ogni martedì Microsoft

        stabilisce un nuovo record MONDIALE?

        (rotfl)



        E allora come mai manco il Guinness dei Primati

        riesce a star dietro ai record del colosso di

        Redmond ?

        (rotfl)



        Accidenti, eppure qui gli esperti prendevano in

        giro gli utenti Apple ma Microsoft non è che sia

        messa meglio!

        (nolove)



        Ma non è che non sono poi tanto esperti come

        vorrebbero far credere?

        (newbie)


        Ecco la soluzione:

        [img]http://mashable.com/wp-content/uploads/2011/020 anni e siamo al 2% sui desktop...
    • rockroll scrive:
      Re: Ma non era sicuro?
      - Scritto da: Che cavolo stai dicendo Willis
      Il Patch Tuesday di novembre 2014 era già
      stato classificato come un martedì di patch da
      record.

      Ma... ma... ma non era sicuro ? :$

      E allora come mai ogni martedì Microsoft
      stabilisce un nuovo record MONDIALE?
      (rotfl)

      E allora come mai manco il Guinness dei Primati
      riesce a star dietro ai record del colosso di
      Redmond ?
      (rotfl)

      Accidenti, eppure qui gli esperti prendevano in
      giro gli utenti Apple ma Microsoft non è che sia
      messa meglio!
      (nolove)

      Ma non è che non sono poi tanto esperti come
      vorrebbero far credere?
      (newbie)Perchè, tu ci credevi? Il problema non è tanto il fatto che facciano patch in quantità, quanto quello che nella quantità ci sia qualche perla che fa danni ben più consistenti di quelli che vorrebbe riparare.Preferisco di gran lunga rischiare avvedutamente per qualche giorno come ho rischiato per anni da quando utilizzo sistemi traballanti a finestre (o quadrettoni), dando tempo ad altri di scornarsi con detti updates, piuttosto che ritrovarmi il sistema che non parte più o diventa inutilizzabile: meglio il rischio per una settimana di qualche virus che circola da decenni e non mi ha ancora fatto nulla, che l'eventualità di restar drammaticamente fermi. Comunque con poche decine di euro di acquistano HD USB esterni per salvataggi a volontà, di sistema bootabile sopratutto, e su marchingegni a finestre/quadrettoni questa è una cosa molto più importante dell'immediatezza di aggiornamenti appena rilasciati.
    • non so scrive:
      Re: Ma non era sicuro?

      Ma... ma... ma non era sicuro ? :$si , però non lo è è nessuno. nessuno può garantire che un software sia privo di bug. qualcuno può pensare che lo sia, sperarlo o nascondere che abbia dei bug. però ci sono e lo sappiamo.in questo scenario dunque non conta se un bug viene scovato o la sua criticità, perchè tutti i sistemi in circolazione ne hanno, ne hanno avuti e ne avranno ancora. dunque quello che fa la differenza è come si comporta il produttore del sw davanti ad una falla grave nel proprio prodotto. c'e' un piano preciso per il rilascio degli aggiornamenti? c'è una documentazione adeguata sul bug? l'informazione raggiunge tutti, anche le persone che non hanno dimestichezza con l'informatica e riescono a capire il problema e risolverlo? in che tempi?se guardi il problema da questo punto di vista, potresti scorgere il motivo per cui in campo aziendale il 90% degli esperti sceglie un sistema e lo ritiene sicuro. una sicurezza che non è data dalla vana speranza di avere un sistema puro e perfetto, ma dalla consapevolezza che è imperfetto, ma di sapere sempre come gestire la situazione.
  • Pasta alla Pirateria scrive:
    notizie importanti lato sviluppo
    un po' OT, ma è notizia da 'stop the press'- .Net diventa completamente open source - visual studio 2015 supporterà lo sviluppo su android- la versione community di visual studio .net più potente della express e gratuita
Chiudi i commenti