UE, un piano contro la censura online

Annunciata la No Disconnect Strategy. Svilupperà tecnologie per tutelare i diritti fondamentali dei netizen che vivono in paesi non democratici. Una squadra d'intelligence controllerà i controllori della rete

Roma – L’invito è stato spedito all’ex-ministro dell’Economia tedesco Karl-Theodor zu Guttenberg, per ragionare insieme ai commissari europei sulle possibili strategie di tutela di tutti quei netizen che vivono sotto i regimi più autoritari. In particolare blogger e cyber-attivisti, spesso silenziati perché ritenuti sovversivi e anti-governativi .

La No Disconnect Strategy è dunque il nuovo impegno annunciato dal vicepresidente Neelie Kroes, affinché l’Europa intraprenda quelle misure necessarie a tutelare – sia online che offline – i fondamentali diritti umani. E per far sì che le tecnologie legate ad Internet rimangano un veicolo cruciale di libertà politica, sviluppo democratico e crescita economica .

Quali saranno i percorsi operativi della strategia del Vecchio Continente? In primis, si tenterà di sviluppare e distribuire tecnologie per la privacy degli utenti che vivono in paesi non democratici. Verrà poi avviato un programma volto a sensibilizzare su rischi e opportunità di piattaforme come i social network e i blog . Affinché gli attivisti conoscano effettivamente le varie armi della sorveglianza online.

Il piano europeo cercherà poi di mettere in piedi una squadra d’intelligence per il monitoraggio continuo della censura e della sorveglianza sulle nuove reti di comunicazione elettronica. I vari stati membri sono così stati invitati all’attiva collaborazione, in modo da condividere tutte le informazioni raccolte e proteggere al meglio principi basilari come la libertà d’espressione.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti