UE, uno studio per rallentare ACTA

Il Parlamento Europeo dovrebbe rivedere il trattato anti-contraffazione, non proprio in linea con le attuali leggi comunitarie. Un'analisi condotta all'Università di Maastricht invita tutti alla calma

Roma – Un vento di protesta è tornato a spirare in Rete, ancora una volta nei confronti del famigerato Anti-Counterfeiting Trade Agreement (ACTA). Il trattato globale anti-contraffazione è dunque tornato al centro delle analisi in terra europea, primo protagonista di un recente studio commissionato dalla Commissione sul Commercio Internazionale del Parlamento del Vecchio Continente.

Preparata dall’Istituto per la Globalizzazione e la Regolamentazione Internazionale dell’Università di Maastricht, l’analisi ha così invitato tutti i parlamentari d’Europa a non accettare l’attuale versione di ACTA. Bensì a rivederla e modificarla in base alle leggi comunitarie , possibilmente insieme ad una serie di linee guida da far implementare ai singoli stati membri dell’Unione Europea.

Diversi i rischi legati all’attuale versione del trattato anti-contraffazione, a partire dal mancato supporto della Doha Declaration on TRIPS and Public Health . L’accesso dei vari paesi ai più svariati medicinali in circolazione potrebbe così risultare compromesso. Più in generale, lo studio europeo ha sottolineato come ACTA non porti alcun vantaggio specifico ai cittadini comunitari, almeno non benefici ulteriori rispetto a quelli già esistenti.

L’analisi accademica ha dunque evidenziato la mancata partecipazione al trattato di nazioni come Cina, India e Brasile . Il che renderebbe piuttosto inutile l’implementazione di ACTA, date le già forti relazioni bilaterali tra Europa e Stati Uniti. I parlamentari d’Europa dovrebbero pertanto rivedere il trattato, che non andrebbe comunque respinto in toto.

A respingere ACTA è stato invece il Senato del Messico, che alla fine di giugno aveva invitato l’esecutivo a non ratificare il trattato internazionale. Una specifica risoluzione è stata così adottata ufficialmente dai senatori messicani, in attesa di una decisione da parte del governo locale. In Europa la palla è già passata alla Corte di Giustizia, che dovrà capire se ACTA sia compatibile o meno con le leggi comunitarie .

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • me cognome scrive:
    update
    il kernel 3.0 è stato rilasciato questa mattina.
  • hermanhesse scrive:
    Questa è una delle forze di linux
    Quando è tutto a posto è pronto: non prima quando lo dice il marketing.Questo è un altro punto a favore del software libero... anche se per esempio Ubuntu (e anche Fedora ultimamente) sta tralasciando questo aspetto un pochettino per via della "pubblicità"...
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: Questa è una delle forze di linux
      Questo non è un problema: Canonical, infatti, non sviluppa linux, realizza delle distribuzioni, e si occupa di farle "presentare bene".
      • hermanhesse scrive:
        Re: Questa è una delle forze di linux
        Ok, ma la stabilità di un sistema non è fatta (ormai) dal solo kernel...
        • uno qualsiasi scrive:
          Re: Questa è una delle forze di linux
          Verissimo.Canonical, infati, non si occupa di quello. Si occupa di integrare le varie parti.
          • Federico scrive:
            Re: Questa è una delle forze di linux
            Appunto: se i pacchetti contengono errori il software si installa male e non è stabile.
          • Darwin scrive:
            Re: Questa è una delle forze di linux
            - Scritto da: uno qualsiasi
            Verissimo.

            Canonical, infati, non si occupa di quello. Si
            occupa di integrare le varie
            parti.Si ma oramai spesso in maniera disutibile.Pur di avere l'ultimissima versione del software e pur di rispettare il release schedule sono disposti anche a rilasciare un software qualitativamente beta.Ad esempio guarda Slackware, tutti pensavano che sarebbe uscita intorno a gennaio/febbraio. Invece la RC1 è uscita solo a Marzo e per la release finale abbiamo dovuto attendere fino al 25 Aprile (secondo Pat, il 28 secondo noi umani). Non devono esserci tempistiche stabilite nel rilascio.Un software va rilasciato solo quando è pronto.
  • Fai il login o Registrati scrive:
    E' pronto quand'è pronto...
    E' con questa filosofia (sposata pure da Debian) che si sfornano software di qualità. Complimenti a Linus ed a tutti gli sviluppatori del kernel.
  • Andreabont scrive:
    Maniaco XD
    Che kernel sarebbe senza Linux?Credo che per fare un kernel un pò maniaci bisogna esserlo XD
    • INFORMATIVA scrive:
      Re: Maniaco XD
      - Scritto da: Andreabont
      Che kernel sarebbe senza Linux?

      Credo che per fare un kernel un pò maniaci
      bisogna esserlo
      XDA parte che "un po'" si scrive con l'apostrofo e non con l'accento, non capisco il senso del tuo intervento. "Per fare un kernel" non bisogna essere "maniaci", bisogna sapere programmare in linguaggi di basso livello... ma non è che uno che programmi driver o comunque sappia programmare in Assembly sia per forza un perfezionista e uno che programmi in C o PHP sia per forza uno che fa le cose alla carlona eh...
      • Nome e cognome scrive:
        Re: Maniaco XD

        non è che uno
        che programmi driver o comunque sappia
        programmare in Assembly sia per forza un
        perfezionista e uno che programmi in CParti del kernel sono scritte in vari Assembly così come...... in C (geek)
        • INFORMATIVA scrive:
          Re: Maniaco XD
          - Scritto da: Nome e cognome

          non è che uno

          che programmi driver o comunque sappia

          programmare in Assembly sia per forza un

          perfezionista e uno che programmi in C

          Parti del kernel sono scritte in vari Assembly
          così come...... in C
          (geek)Vero, ma MAI solo in C.
      • Cryon scrive:
        Re: Maniaco XD
        - Scritto da: INFORMATIVA
        - Scritto da: Andreabont

        Che kernel sarebbe senza Linux?



        Credo che per fare un kernel un pò maniaci

        bisogna esserlo

        XD

        A parte che "un po'" si scrive con l'apostrofo e
        non con l'accento, non capisco il senso del tuo
        intervento. "Per fare un kernel" non bisogna
        essere "maniaci", bisogna sapere programmare in
        linguaggi di basso livello... ma non è che uno
        che programmi driver o comunque sappia
        programmare in Assembly sia per forza un
        perfezionista e uno che programmi in C o PHP sia
        per forza uno che fa le cose alla carlona
        eh...probabilmente o non sei programmatore o non conosci la complessità della cosa.. concordo, in senso buono, che bisogna essere maniaci per fare un kernel (come molte altre cose)
      • MaidenBeast scrive:
        Re: Maniaco XD
        Guarda che anche col linguaggio C si può programmare quasi a basso livello... infatti se noti il 95% del kernel è programmato in C.Però un pò maniaci bisogna esserlo (se si vuole un'eccellente prodotto alla fine), perchè una cosa è programmare per un'applicazione che gira in user mode (cioè i programmi che usiamo tutti i giorni), un'altra è farla girare in kernel mode (che se crasha... crasha proprio la macchina!)
        • INFORMATIVA scrive:
          Re: Maniaco XD
          - Scritto da: MaidenBeast
          Guarda che anche col linguaggio C si può
          programmare quasi a basso livello... infatti se
          noti il 95% del kernel è programmato in
          CE questo cosa vorrebbe dire, che C è un linguaggio di basso livello? No, rimane un linguaggio di programmazione di medio livello.
          • MaidenBeast scrive:
            Re: Maniaco XD
            Guarda che ormai quasi tutti i software che operano a basso livello vengono programmati in C (o addirittura in C++).Ormai i compilatori C/C++ sono diventati parecchio efficienti, se proprio vuoi il massimo dell'efficienza puoi sfruttare un approccio 90/10 (cioè 90% in linguaggio a medio/alto livello e il 10% in assembler)Ma non credo che nessuno programmi più completamente in assembler (non avrebbe più senso)
          • Darwin scrive:
            Re: Maniaco XD
            1) C è un linguaggio di ALTO livello.2) Nonostante questo è un linguaggio che può essere liberamente usato per operazioni di basso livello (visto anche che è un linguaggio dove si opera spesso su indirizzi di memoria, strutture dati e allocazioni di memoria manuali ( malloc() e free()....ovvero senza Garbage Collection ) attraverso l'uso di puntatori), tant'è che quando fu progettato questo linguaggio andò a sostituire quasi tutto il codice assembly del sistema operativo (all'epoca ancora agli stadi primordiali) UNIX.Inoltre il kernel Linux è scritto interamente in C.L'assembly è usato solo per qualche firmware (molti di questi proprietari).-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 25 luglio 2011 18.01-----------------------------------------------------------
      • Andreabont scrive:
        Re: Maniaco XD
        Programmo anche io in C e ho fatto, a livello scolastico, l'assembly del motorola 68000... non era quello il discorso che stavo facendo.Intendo che per programmare un kernel bisogna essere perfezionisti, non ci si può permettere di lasciare dei bug, anche se minori.
        • INFORMATIVA scrive:
          Re: Maniaco XD
          - Scritto da: Andreabont
          Intendo che per programmare un kernel bisogna
          essere perfezionisti, non ci si può permettere di
          lasciare dei bug, anche se
          minoriDei bug ci sono sempre, anche nel kernel e anche nelle parti in assembly. Credi che i kernel siano esenti da bug?
          • MaidenBeast scrive:
            Re: Maniaco XD
            No, però credo che in un kernel si cerchi di ridurre al minimo il numero dei bug (e penso che questo approccio cerchi di dimostrarlo ;))
          • INFORMATIVA scrive:
            Re: Maniaco XD
            - Scritto da: MaidenBeast
            No, però credo che in un kernel si cerchi di
            ridurre al minimo il numero dei bug (e penso che
            questo approccio cerchi di dimostrarlo
            ;))E dei BSOD ne vogliamo parlare? ;)
Chiudi i commenti