UK, carcere per baby cybercriminali

Avevano creato il più grande snodo per cracker sparsi in tutto il mondo, Ghostmarket.net. Quattro giovani britannici sono stati condannati fino a cinque anni di carcere

Roma – I giudici l’hanno definito “Crimebook” ovvero una sorta di Facebook per criminali creato da quattro teenager inglesi ora condannati a fino a cinque anni di carcere.

Si chiama Ghostmarket.net il sito per cybercriminali considerato uno dei forum più operativi in tutto il mondo nel succhiare denaro dalle carte di credito all’insaputa dei possessori . Le forze di polizia hanno stimato che la somma sottratta si aggiri intorno ai 16,2 milioni di sterline , quasi 20 milioni di euro. Si pensa che il sito, che contava circa 8mila membri sparsi in tutto il mondo, sia ricollegabile a centinaia di migliaia di sterline rubate da 65mila conti bancari.

Nicholas Webber, proprietario e fondatore del sito , è stato arrestato nell’ottobre del 2009 insieme all’aministratore Ryan Thomas, dopo aver cercato di pagare un conto di un hotel usando i dati di una carta di credito sottratti illecitamente. I due avevano rispettivamente 18 e 17 anni. Ora, il tribunale ha condannato Webber a cinque anni di carcere e Thomas a quattro anni di reclusione.

Dopo essere entrati in possesso del laptop di Webber, gli agenti hanno scoperto la presenza di 100mila dettagli di carte di credito e una traccia che riconduceva a Ghostmarket. I due cybercriminali non sono comparsi in giudizio dopo aver ottenuto la libertà provvisoria dietro cauzione, preferendo la fuga a Maiorca. Ma la loro corsa è finita all’aeroporto di Gatwick lo scorso 31 gennaio, arrestati dalle forze dell’ordine.

La corte penale di Southwark ha spiegato come Webber, figlio di un ex politico di Guernsey, abbia utilizzato un conto bancario offshore del Costa Rica per depositare il bottino delle frodi. Dopo il primo arresto, il giovane avrebbe minacciato su un forum gli agenti di polizia specializzati in cybercrime e avrebbe sfruttato le sue abilità di cracker per tracciare gli indirizzi dei poliziotti.

Il giudice John Price ha affermato che i crimini di cui si è macchiato Ghostmarket sono stati realizzati su larga scala: “È stata un’avventura criminale che ha offerto consigli sofisticati su come manomettere un computer, causando malfunzionamenti e il prelievo di informazioni personali, il tutto condotto su larghissima scala”, ha spiegato Price.

Il padre di Nicholas Webber ha dichiarato di non aver mai immaginato il coinvolgimento del figlio in attività criminali del genere: “È sempre stato brillante con i computer ma niente mi ha mai fatto pensare a ciò che è accaduto”, ha confessato Mr Webber.

Oltre a Nicholas Webber e Ryan Thomas, per il medesimo capo d’accusa sono stati condannati anche Gary Kelly e Shakira Ricardo, entrambi di 21 anni.

Cristina Sciannamblo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • AxAx scrive:
    Si parla di Mb/s
    e stasera sembra tutto fermo a poki Kb/s sembra...
  • ogekury scrive:
    Tutto vero
    Io pago profumatamente la bt 30 pound al mese per un servizio penoso. Teoricamente la linea sarebbe a 7 mega, ma non li ha nemmeno mai visti da lontano dato che per quella statistica vivo nel postcode con la banda piu' lenta di Londra (E14). La bt e identica come scadenza di assistenza e servizi a telecom italia (un brand una XXXXX)
    • Francesco scrive:
      Re: Tutto vero
      Io ho sempre usato come provider & voce Albacom.Poi un brutto giorno se l'è comprata BT e da quel momento sono cominciati i deliri, che so, linee impegnate per un anno senza fornire l'ADSL e senza sapere il perché, servizi fatturati anni dopo la disdetta, ed amenità simili.Credo che siano gli unici peggio di Telecom Italia.bye
  • Jacopo Monegato scrive:
    belle parole
    ma poi? gli isp non sono in grado di garantire la banda nemmeno al 33% o al 50% degli utenti... e i soldi che si pagano per la banda?
  • c railer swoll scrive:
    sarebbe bello
    se fossero obbligati a rendere la velocità massima uguale a quella garantita nel contratto, pena contratto invalditato, multa salata e rimborso degli utenti retroattivo.Anche qui in Italia sarebbe bello.Così è la volta che le compagnie smettono di fare pubblicità ingannevole eo inziano a potenziare le infrastrutture per la rete.
    • Alan Wake scrive:
      Re: sarebbe bello
      Tutto il mondo è paese..... (o quasi)
    • maranric scrive:
      Re: sarebbe bello
      - Scritto da: c railer swoll
      se fossero obbligati a rendere la velocità
      massima uguale a quella garantita nel contratto,se fossero obbligati a fare una cosa del genere dovrebbero decuplicare il costo dell'adsl.
      Anche qui in Italia sarebbe bello.
      Così è la volta che le compagnie smettono di fare
      pubblicità ingannevole eo inziano a potenziare
      le infrastrutture per la
      rete.Paradossi : 10 anni fa c'erano migliaia di italiani che pagavano senza batter ciglio 120mila lire al mese per una flat 128kbs (che poi non era quasi mai una vera flat 24h su 24h...vedi Aruba o Galactica)..ora con 20 euro pretendete di avere una adsl con 7Mbs di banda garantita...mah.
    • Balaub scrive:
      Re: sarebbe bello
      Hai idea quanto costano 7 mega garantiti?per 20 euri è già buona che ti colleghi :-)
Chiudi i commenti