UK, chi gioca col DNA dei cittadini?

Se lo chiede il governo britannico. Il database nazionale già contiene il DNA di 4 milioni di persone, oltre il 5 per cento della popolazione. Soprattutto neri
Se lo chiede il governo britannico. Il database nazionale già contiene il DNA di 4 milioni di persone, oltre il 5 per cento della popolazione. Soprattutto neri

Londra – Piace o non piace ai sudditi di Sua Maestà? Gli inglesi sono disposti a barattare la propria privacy con la sicurezza? Il governo inglese ha lanciato un’indagine a tutto campo per sondare l’umore dei cittadini, per analizzare imprevisti e probabilità della gestione del database genetico forense utilizzato dalle forze dell’ordine per combattere e prevenire il crimine.

Sarà la Human Genetics Commission ( HGA ) a gestire la ricerca potendo contare su 75mila sterline di investimenti: verranno ascoltate centinaia di persone, verranno presi in considerazione i loro pareri riguardo al database più sconfinato del mondo. Raccoglie l’identità genetica di 4 milioni di persone , archivia i dati di oltre il cinque per cento della popolazione del Regno Unito. Una mole di informazione genetica che dipende dal fatto che le forze dell’ordine di Inghilterra e Galles possono obbligare i sospetti a fornire dei campioni di DNA. Anche nel caso in cui siano accusati di crimini minori come l’accattonaggio o la caccia di frodo, a differenza di quanto avviene avverrà per la banca dati italiana .

Ma anche la composizione del database è destinata a suscitare polemiche : “Vi compaiono soprattutto i dati di giovani uomini, un terzo della popolazione di colore vi figura”, ha spiegato John Sulston, a capo della HGC. Numeri destinati a crescere in maniera spropositata: presto l’archivio potrebbe includere i dati genetici del 25 per cento della popolazione maschile e del 7 per cento della popolazione femminile. E le minoranze etniche potrebbero essere le categorie più bersagliate.

I dati, inoltre, non possono in alcun modo essere rimossi , nemmeno qualora il sospetto di cui è stato raccolto il DNA si dimostrasse non colpevole . Un sistema che solleva senza dubbio problematiche di natura etica e sociale.

D’altro canto, ha sottolineato Sulston, cresce il numero di crimini che viene risolto grazie al database: alle forze dell’ordine basta raccogliere della prove sul luogo del delitto e confrontarle con i dati archiviati. Sono 20mila all’anno i casi chiusi grazie alla prova del DNA.

Con l’indagine si tenterà di bilanciare questi due aspetti, di valutare delle strategie per conciliare i diritti dell’individuo con l’efficienza che un database sterminato può determinare nell’ambito della pubblica sicurezza. Di mettere a punto delle opportune garanzie affinché il database forense non si trasformi in un occasione per procedere, come paventava recentemente Rodotà, alla schedatura genetica di massa.

Gaia Bottà

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

09 01 2008
Link copiato negli appunti