UK-USA, estradizione causa streaming?

Le autorità di Washington vorrebbero processare un giovane studente britannico, accusato di essere il principale gestore di una piattaforma di indexing di contenuti in violazione del copyright

Roma – Si tratta di una vicenda iniziata circa tre settimane fa, quando davanti allo studente britannico Richard O Dwyer si aprivano i cancelli della Wandsworth Prison di Londra. Una sola notte chiuso in cella, prima di essere scarcerato in seguito al pagamento di una cauzione di 3mila sterline (più di 3mila euro). Ventitre anni, O Dwyer sarebbe ormai ad un passo dalla laurea in scienze informatiche presso l’Università di Sheffield.

Le autorità di Washington avrebbero ora chiesto l’estradizione del giovane studente d’Albione, accusato di essere il principale responsabile delle attività legate alla piattaforma di indexing TVShack . Un sito in stile Rojadirecta , solo specializzato nella pubblicazione di link a film e serie TV ospitati su server terzi. Contenuti audiovisivi in violazione delle attuali predisposizioni a tutela del diritto d’autore.

Erano stati gli stessi vertici della U.S. Immigration and Customs Enforcement (ICE) a sigillare il dominio .net della piattaforma, nell’ambito dell’ormai nota Operation In Our Sites . Stando alle ricostruzioni pubblicate da alcune fonti britanniche (nonché dalla testata specializzata TorrentFreak ), il sito avrebbe subito provveduto a spostarsi verso indirizzi alternativi, a partire dal .cc – anche questo chiuso – per poi finire sul .bz .

Gli agenti a stelle e strisce non avrebbero tuttavia spiegato in maniera precisa il legame tra il giovane studente e i vari domini in continuo spostamento online. Pare che a difendere legalmente Richard O Dwyer sia intervenuto lo stesso avvocato del noto hacker Gary McKinnon , che pure continua a lottare per evitare l’estradizione in terra statunitense.

Sconcerto da parte della madre del ragazzo, che ha sottolineato come il figlio non avesse minimamente idea delle possibili conseguenze penali delle sue attività online. La richiesta d’estradizione pare comunque esagerata alla stragrande maggioranza degli osservatori. La giustizia britannica potrebbe tranquillamente occuparsi del caso.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • MacGeek scrive:
    Ma a che servono questi acceleratori?
    Cioè ad essere fichi sono fichi. Non lo metto in dubbio. Ma utilizzi pratici?Cioè, che ci frega di tutte queste sub-sub-sub particelle dell'atomo? Ci cambia qualcosa? Non è meglio investire soldi in centrali a fissione 4G? La fissione HA ricadute utili, è CERTO. Iniziamo a sfruttare bene quelle invece di buttare davvero l'acqua con tutto il bambino come si è fatto da noi.
    • Ricerca scrive:
      Re: Ma a che servono questi acceleratori?
      - Scritto da: MacGeek
      Cioè ad essere fichi sono fichi. Non lo metto in
      dubbio. Ma utilizzi
      pratici?
      Cioè, che ci frega di tutte queste sub-sub-sub
      particelle dell'atomo? Ci cambia qualcosa?


      Non è meglio investire soldi in centrali a
      fissione 4G? La fissione HA ricadute utili, è
      CERTO. Iniziamo a sfruttare bene quelle invece di
      buttare davvero l'acqua con tutto il bambino come
      si è fatto da
      noi.Se esistono i transistor, piuttosto che le centrali nucleari, è solo perchè hanno fatto ricerca scientifica, come quella che stanno facendo in questi acceleratori.Non credere che quando Erwin Schrödinger elaborò la teoria qauntistica lo fece già pensando ai transistor e quindi ai computer. Era solo ricerca.
    • lol scrive:
      Re: Ma a che servono questi acceleratori?
      Peccato, eri troppo evidente come troll :DImpegno +1Nome "trolloso" (ma abbastanza evidente) +1Solito discorso sull'ignoranza delle ricadute sulle ricerche "pure" +24/10, non malaccio ma si può fare di meglio. Impegnati!
    • max scrive:
      Re: Ma a che servono questi acceleratori?
      - Scritto da: MacGeek
      Cioè ad essere fichi sono fichi. Non lo metto in
      dubbio. Ma utilizzi
      pratici?
      Cioè, che ci frega di tutte queste sub-sub-sub
      particelle dell'atomo? Ci cambia qualcosa?


      Non è meglio investire soldi in centrali a
      fissione 4G? La fissione HA ricadute utili, è
      CERTO. Iniziamo a sfruttare bene quelle invece di
      buttare davvero l'acqua con tutto il bambino come
      si è fatto da
      noi.se fisici puri non avessero buttato via soldi e tempo in ricerche "inutili", non avremmo affatto un nucleare 4G da sviluppare. se heisemberg non avesse elaborato il suo "astratto" principio di indeterminazione non avremmo le memorie flash. se non si fosse prima scoperto che le particelle hanno uno spin non parleremmo di spintronica.hai presente la PET (tomografia a emissione di positroni)? il tracciante viene prodotto in un ciclotrone, che è un acceleratore di particelle.hai presente il WEB? l'hanno inventato al CERN.hai idea dell'esperienza tecnologica che si è maturata negli anni di costruzione dell'LHC? ad esempio nello sfruttamento della superconduzione?comunque se ti interessa ecco la pagina del CERN dedicata al trasferimento di conoscenze e tecnologie, buona lettura.http://technologytransfer.web.cern.ch/TechnologyTransfer/
      • Niubbo scrive:
        Re: Ma a che servono questi acceleratori?

        se fisici puri non avessero buttato via soldi e
        tempo in ricerche "inutili", non avremmo affatto
        un nucleare 4G da sviluppare. se heisemberg non
        avesse elaborato il suo "astratto" principio di
        indeterminazione non avremmo le memorie flash. se
        non si fosse prima scoperto che le particelle
        hanno uno spin non parleremmo di
        spintronica.
        hai presente la PET (tomografia a emissione di
        positroni)? il tracciante viene prodotto in un
        ciclotrone, che è un acceleratore di
        particelle.
        hai presente il WEB? l'hanno inventato al CERN.
        hai idea dell'esperienza tecnologica che si è
        maturata negli anni di costruzione dell'LHC? ad
        esempio nello sfruttamento della
        superconduzione?
        comunque se ti interessa ecco la pagina del CERN
        dedicata al trasferimento di conoscenze e
        tecnologie, buona
        lettura.

        http://technologytransfer.web.cern.ch/TechnologyTrGiusto. La ricerca va fatta e finanziata, è altrettanto vero che da un po' di anni a questa parte, forse proprio dal citato WEB in poi, al CERN sono andati fuori tema e a causa delle intriseche difficoltà tecniche si spendono molti soldi senza alcun ritorno. Anzi solo per dimostrare praticamente quello che le varie teorie ipotizzano... inoltre l'uomo non ha idea (almeno così sembra al momento) in quali utilizzi pratici ricadrebbero le dimostrazioni stesse. Tenete conto che, invece, le reazioni nucleari a catena avevano già il loro utilizzo prima ancora della dimostrazione sperimentale delle teorie.
      • mibeccomond ezza scrive:
        Re: Ma a che servono questi acceleratori?
        dunque... e le guerre no, e il cern no, e il nucleare no, e la tav no, e quello è un carrozzone, quell'altro è un carrozzone... allora con i soldi facciamoci un bel sistemone al superenalotto oppure compriamoci i gratta e vinci!a scioperare in piazza contro la gelmini sì, poi se spendiamo soldi per il cern non va bene! ah ah ahPS:a sviluppare un protocollo per immagini e testo non ci vuole niente, dopo che alcuni scienziati del cern lo hanno sviluppato, proprio per non dover comunicare con i segnali di fumo... questo, socialmente viene chiamato "uovo di colombo".
    • Orfheo scrive:
      Re: Ma a che servono questi acceleratori?
      - Scritto da: MacGeek
      Cioè ad essere fichi sono fichi. Non lo metto in
      dubbio. Ma utilizzi
      pratici?
      Cioè, che ci frega di tutte queste sub-sub-sub
      particelle dell'atomo? Ci cambia qualcosa?


      Non è meglio investire soldi in centrali a
      fissione 4G? La fissione HA ricadute utili, è
      CERTO. Iniziamo a sfruttare bene quelle invece di
      buttare davvero l'acqua con tutto il bambino come
      si è fatto da
      noi.Immagino che all'epoca degli esperimenti di Fermi & Company sugli elementi radioattivi, ci fosse stata la Rete, qualcuno avrebbe espresso una opinione analoga che sarebbe ancora rintracciabile (sono sicuro che sui giornali dell'epoca, spulciando, spulciando...)E niente reattori nucleari a fissione, ne' ordigni nucleari ...Ops.Forse hai ragione ;-)Orfheo.
  • 1xor1 scrive:
    speriamo si mettano d'accordo
    "La verifica indipendente di ogni nuova osservazione è il principio cardine della ricerca scientifica" Spero si capisca come mai i due esperimenti hanno dato risultati molto diversi e sia possibile farne altri che portino a una conclusione condivisa.
    • pentolino scrive:
      Re: speriamo si mettano d'accordo
      che altro non è se non il metodo scientifico :-)E' chiaro che se io ottengo nel mio lab risultati mirabolanti ma nessuno è in grado di riprodurli altrove serve decisamente a poco...
      • 1xor1 scrive:
        Re: speriamo si mettano d'accordo
        Sì certo, capisco, e mi sembra l'unico metodo possibile ma temo che non arrivando a una conclusione condivisa e senza screditare l'una o l'altra parte (che dovrebbe essere la stessa) si finisca col danneggiare la credibilità della scienza.Solo per spiegarmi; come può un ignorante come me essere contento di finanziare ricerche sulla fusione fredda, dopo anni che la comunità scientifica ne ha preso le distanze? Non è polemica, cerco solo di capire.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 16 giugno 2011 12.15----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 16 giugno 2011 12.16-----------------------------------------------------------
        • LOL scrive:
          Re: speriamo si mettano d'accordo
          - Scritto da: 1xor1
          Sì certo, capisco, e mi sembra l'unico metodo
          possibile ma temo che non arrivando a una
          conclusione condivisa e senza screditare l'una o
          l'altra parte (che dovrebbe essere la stessa) si
          finisca col danneggiare la credibilità della
          scienza.

          Solo per spiegarmi; come può un ignorante come me
          essere contento di finanziare ricerche sulla
          fusione fredda, dopo anni che la comunità
          scientifica ne ha preso le distanze? Non è
          polemica, cerco solo di
          capire.Da ignorantone in materia ti dico solo una cosa: bisogna aver fede! Se l'uomo è arrivato sulla luna, allora potrà anche realizzare la fusione fredda, dio permettendo, ovviamente :D
        • Funz scrive:
          Re: speriamo si mettano d'accordo
          - Scritto da: 1xor1
          Sì certo, capisco, e mi sembra l'unico metodo
          possibile ma temo che non arrivando a una
          conclusione condivisa e senza screditare l'una o
          l'altra parte (che dovrebbe essere la stessa) si
          finisca col danneggiare la credibilità della
          scienza.non vedo perché debba essere screditato il Fermilab, non mi pare siano andati in TV a strombazzare risultati eclatanti, ma avevano avanzato una ipotesi ora smentita da nuovi studi. Ma è così che funziona la scienza, quando si esplora un territorio nuovo anche non trovare nulla aumenta la conoscenza.
          Solo per spiegarmi; come può un ignorante come me
          essere contento di finanziare ricerche sulla
          fusione fredda, dopo anni che la comunità
          scientifica ne ha preso le distanze? Non è
          polemica, cerco solo di
          capire.Dopo il can can causato dai due tizi, e la marea di sodi buttati in tutto il mondo nel tentativo di replicare i loro presunti risultati, è comprensibile che la comunità scientifica ci vada coi piedi di plutonio (il piombo è fin troppo leggero!)Secondo me, se veramente esistono dei fenomeni LENR, i due buffoni ci hanno fatto perdere decenni preziosissimi.
    • shevathas scrive:
      Re: speriamo si mettano d'accordo

      Spero si capisca come mai i due esperimenti hanno
      dato risultati molto diversi e sia possibile
      farne altri che portino a una conclusione
      condivisa.probabilmente c'è stato qualche errore nell'acquisizione dei dati in uno dei due esperimenti, molto più probabilmente in quello che aveva mostrato fenomeni anomali. Capita quando lavori in esperimenti al limite come quelli.
      • 1xor1 scrive:
        Re: speriamo si mettano d'accordo
        In questi casi cosa succede?Fanno altri esperimenti insieme?
        • shevathas scrive:
          Re: speriamo si mettano d'accordo
          - Scritto da: 1xor1
          In questi casi cosa succede?

          Fanno altri esperimenti insieme?si cercherà di "ripetere" l'esperimento e le misurazioni e si verifica se compaiono gli eventi segnalati. Se purtroppo non succede, quanto avvenuto al fermilab verrà considerato errore sperimentale e non verrà annunciata alcuna nuova scoperta.In fisica sperimentale eventi simili ne capitano continuamente.
          • Feet on the Ground scrive:
            Re: speriamo si mettano d'accordo
            Male, il laboratorio andrebbe chiuso, i sedicenti "scienziati" licenziati e i fondi reindirizzati verso scopi più produttivi.Basta sprecare il denaro dei contribuenti. Bisognerebbe anzi rivalersi sulle università che hanno sfornato questi "geni".La serietà è fondamentale.
          • poppi scrive:
            Re: speriamo si mettano d'accordo
            - Scritto da: Feet on the Ground
            Male, il laboratorio andrebbe chiuso, i sedicenti
            "scienziati" licenziati e i fondi reindirizzati
            verso scopi più
            produttivi.
            Basta sprecare il denaro dei contribuenti.
            Bisognerebbe anzi rivalersi sulle università che
            hanno sfornato questi
            "geni".
            La serietà è fondamentale.Certo, buttare l'acqua con tutto il bambino... lo facevano, gli idioti.
          • shevathas scrive:
            Re: speriamo si mettano d'accordo
            - Scritto da: Feet on the Ground
            Male, il laboratorio andrebbe chiuso, i sedicenti
            "scienziati" licenziati e i fondi reindirizzati
            verso scopi più
            produttivi.come la ricerca sul signoraggio o le scie chimiche ?
            Basta sprecare il denaro dei contribuenti.
            Bisognerebbe anzi rivalersi sulle università che
            hanno sfornato questi
            "geni".e che problema c'è. D'altronde università con cotali geni avranno uffici legali di pari qualità. Che ci vuole a chiamarli in giudizio ? l'hai già fatto ?
            La serietà è fondamentale. (troll)
          • Feet on the Ground scrive:
            Re: speriamo si mettano d'accordo
            - Scritto da: shevathas
            come la ricerca sul signoraggio o le scie
            chimiche ?
            Evidentemente la tua mente é troppo limitata ma c'é da aspettarselo, sei un bamboccio. ;)
            e che problema c'è. D'altronde università con
            cotali geni avranno uffici legali di pari
            qualità. Che ci vuole a chiamarli in giudizio ?Altra dimostrazione che sei un bamboccio.Le università hanno ben poche risorse da sbattere via in studi legali, e comunque non sono mai all'altezza. Basta la minaccia di una causa legale per sottometterle.Direi che per dichiarazioni millantatorie come quelle del Fermilab, una bella accusa di truffa aggravata ci sta bene. Usano denaro dei contribuenti per cercare cose di molto dubbia utilità, poi millantano risultati inesistenti. Chiunque altro sarebbe già davanti al giudice.É ora di un bel giro di vite contro questi ricercatori del nulla: multe salate, magari un bel periodo di detenzione e revoca dei titoli di studio. Del sano lavoro manuale non potrà che far loro bene. ;)
          • shevathas scrive:
            Re: speriamo si mettano d'accordo
            - Scritto da: Feet on the Ground
            - Scritto da: shevathas


            come la ricerca sul signoraggio o le scie

            chimiche ?



            Evidentemente la tua mente é troppo limitata ma
            c'é da aspettarselo, sei un bamboccio.
            ;)
            cos'altro può essere chi si beve le scie chimiche ? :)

            e che problema c'è. D'altronde università con

            cotali geni avranno uffici legali di pari

            qualità. Che ci vuole a chiamarli in giudizio ?

            Altra dimostrazione che sei un bamboccio.
            Le università hanno ben poche risorse da sbattere
            via in studi legali, e comunque non sono mai
            all'altezza. Basta la minaccia di una causa
            legale per
            sottometterle.
            fatto che non avrai alcun problema a dimostrare sperimentalmente. Mi pare che fra le università partecipanti ci sia anche quella di Yale, puoi iniziare con loro :D
            Direi che per dichiarazioni millantatorie come
            quelle del Fermilab, una bella accusa di truffa
            aggravata ci sta bene. Usano denaro dei
            contribuenti per cercare cose di molto dubbia
            utilità, poi millantano risultati inesistenti.
            Chiunque altro sarebbe già davanti al
            giudice.
            già d'altronde cosa ha portato la scienza da galileo in poi ?
            É ora di un bel giro di vite contro questi
            ricercatori del nulla: multe salate, magari un
            bel periodo di detenzione e revoca dei titoli di
            studio. Del sano lavoro manuale non potrà che far
            loro bene.
            ;)troppo soft. Meglio avvelenarli tutti con del veleno omeopatico :D
          • Casuale scrive:
            Re: speriamo si mettano d'accordo
            - Scritto da: Feet on the Ground
            Male, il laboratorio andrebbe chiuso, i sedicenti
            "scienziati" licenziati e i fondi reindirizzati
            verso scopi più
            produttivi.
            Basta sprecare il denaro dei contribuenti.
            Bisognerebbe anzi rivalersi sulle università che
            hanno sfornato questi
            "geni".
            La serietà è fondamentale.Ipotesi di discussione: il laboratorio "incriminato" ha sbagliato in buona fede.Se solo avessi intuito la complessità dell'esperimento o degli esperimenti, forse avresti avuto un giudizio più rispettoso e meno "brunetta like". La ricerca scientifica sbaglia e sbaglierà sempre, ma dagli errori si impara. Anche il comprendere come tali errori (di "misurazione", di "analisi"?) si siano verificati, è un passo avanti per non compierne altri. Se poi credi che la Scienza debba seguire delle fantomatiche strade "utili" o che si crede siano "praticabili", be', forse dovresti studiare almeno la storia della scienza e dei più grandi scienziati. Le più grandi conquiste tecnologiche sono quasi TUTTE figlie della ricerca pura e senza vincoli di convenienza...
          • 1xor1 scrive:
            Re: speriamo si mettano d'accordo
            Grazie per la risposta.
Chiudi i commenti