UK, utenti mobile venduti alla concorrenza

Un dipendente T-mobile avrebbe rubato milioni di utenze rivendendole poi agli operatori concorrenti. Il Commissario del governo si indigna e chiede pene severe per il responsabile: ma gli strumenti paiono inadeguati

Roma – Recentemente a T-Mobile non ne va proprio bene una. La sussidiaria di Deutsche Telekom, operante a livello globale dagli States ai paesi asiatici, è già nota per essere incappata nello scandalo dei dati cancellati sugli smartphone Sidekick , e ora un altro grave scandalo si abbatte sulla divisione britannica della società a cui un dipendente fedifrago ha sottratto un cospicuo numero di utenze rivendendole poi al miglior offerente.

Non si fanno numeri precisi, ma tra i 16,6 milioni di utenti T-Mobile quelli coinvolti dal fatto potrebbero ammontare a qualche milione . L’impiegato incriminato ha rubato nomi, indirizzi, numeri di telefono e informazioni sulla scadenza del contratto con T-Mobile, dati che sono poi stati girati – per mezzo di appositi intermediari – ai carrier concorrenti che hanno infine provveduto a contattare gli utenti con il contratto in scadenza per presentargli contro-offerte del genere “che non si poteva rifiutare”.

Il caso è stato reso pubblico dal Commissario all’Informazione Christopher Graham, che ha altresì sottolineato il lauto guadagno incassato dai responsabili. Il commissario ha informato dell’accaduto il Ministro della Giustizia ed è attualmente impegnato a raccogliere prove e testimonianze per far processare i criminali.

L’eventuale causa intentata contro il ladro e i “broker” di dati personali si gioverà delle misure previste dal Data Protection Act , la legge UK che proibisce la vendita di informazioni riservate senza esplicito consenso da parte dell’interessato . Ma si tratta, denuncia Graham, di misure capaci di comminare solo qualche multa “insignificante”. Troppo poco forse per debellare il fenomeno e fungere da deterrente efficace contro i malintenzionati.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ruppolo scrive:
    Prepariamo gli ombrelli
    Ora che MS va sulle nuvole, l'ombrello è obbligatorio: sapete, no, come funziona un colabrodo...
  • Airon90 scrive:
    Wordpress boia
    Mossa subdola fatta da Matt Mullenweg. Piègati al potere della Microsoft!
  • e si scrive:
    forse
    http://www.ildisoccupato.info/
  • Nome e cognome scrive:
    Memoria corta
    Si tratterà della stessa piattaforma di Cloud Computing che utilizzano per i Sidekick di T-Mobile? :DQuella, per intenderci, che l'11 ottobre ha perso tutti i dati di tutti gli utenti?(rotfl)
    • frutta scrive:
      Re: Memoria corta
      - Scritto da: Nome e cognome
      Si tratterà della stessa piattaforma di Cloud
      Computing che utilizzano per i Sidekick di
      T-Mobile?
      :D

      Quella, per intenderci, che l'11 ottobre ha perso
      tutti i dati di tutti gli
      utenti?(rotfl)sicuramente non si tratta di una piattaforma con riga commentata che creo' un enorme bug nelle chiavi ssh con perdita di sicurezza totale(rotfl)
  • AxAx scrive:
    chiederà il conto alle aziende?
    cheuderà il conto alle aziende che lo useranno?ma chi è chi lo userà? :D
    • Alvaro Vitali scrive:
      Re: chiederà il conto alle aziende?
      E meno male poi che i fans di Microsoft irridevano il cloud computing ...
    • Africano scrive:
      Re: chiederà il conto alle aziende?
      - Scritto da: AxAx
      cheuderà il conto alle aziende che lo useranno?
      ma chi è chi lo userà? :Dmetteranno in giro la crack per il conto, un controllo genuità che sballerà quelli dei paganti e virus cloud che formeranno cloudzombie e giù temporali di patch buggate.
    • Funz scrive:
      Re: chiederà il conto alle aziende?
      - Scritto da: AxAx
      cheuderà il conto alle aziende che lo useranno?
      ma chi è chi lo userà? :DQuelle aziende che:- vorranno spendere soldi in addestramento del personale,- vorranno trovarsi bloccate quando avranno un certo numero di documenti gestiti nella "nuvola",- vorranno essere costrette a pagare l'abbonamento a MS per sempre, per fare le stesse cose che adesso fanno offline e pagando l'office una-tantum.
Chiudi i commenti