Un giudice che tollera gli hacker

In Nuova Zelanda un magistrato crede al racconto di un uomo che aveva collaudato i sistemi di sicurezza di una banca, elencando tutte le falle all'istituto. Denunciato, ha temuto il peggio
In Nuova Zelanda un magistrato crede al racconto di un uomo che aveva collaudato i sistemi di sicurezza di una banca, elencando tutte le falle all'istituto. Denunciato, ha temuto il peggio

Wellington (Nuova Zelanda) – Non capita spesso che uno smanettone che si intende di sicurezza informatica e che mette le proprie conoscenze al servizio di un istituto bancario riesca a cavarsela senza condanne dopo essere stato denunciato e dopoché il proprio computer è stato sequestrato dalle forze dell’ordine. Eppure questo è proprio quanto accaduto, come racconta il New Zealand Herald .

In buona sostanza il 39enne Gerasimos Macridis aveva verificato che la Reserve Bank neozelandese soffriva di una serie di “falle”, sia presso la banca che presso una compagnia TLC a cui questa si appoggia. Ad entrambi i soggetti ha elencato le vulnerabilità e ha spiegato come ha eseguito i suoi test, dopodiché si è spinto a chiedere loro un compenso per quanto scoperto.

La reazione è stata invece una denuncia, con successivi perquisizione e sequestro dei suoi materiali informatici. In tribunale un sorpresissimo Macridis si è comunque dichiarato colpevole di accesso non autorizzato a sistemi informativi di terzi e, nonostante vecchi precedenti che gli ascrivevano azioni non proprio cristalline sul piano informatico, il magistrato ha creduto nella sua buona fede e ha deciso di archiviare il caso senza una condanna. Una sorpresa ancora maggiore, probabilmente, per lo smanettone neozelandese.

Vedi anche l’ articolo di The Register sull’argomento.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

28 09 2006
Link copiato negli appunti