Un nuovo polsofonino si fa largo

O almeno così spera l'australiana SMS Technology, convinta di riuscire dove molti big fin qui hanno fallito

Roma – Se qualcuno sembra intento a conversare con il proprio orologio, nessuno s’azzardi a chiamare la neuro, soprattutto se al polso porta un orologio-telefonino, come il nuovo modello M300 lanciato dall’australiana SMS Technology .

Non si tratta di un accessorio come il già noto MBW-100 presentato da Sony-Ericsson e Fossil . Quello di SMS Technology è un vero e proprio telefonino da polso Triband GSM/GPRS, che nelle dimensioni di 43x56x14,8 mm e nel peso di 45 grammi, racchiude:
– display OLED a colori da 1,01 pollici;
– memoria da 64 MB;
– rubrica con 99 contatti;
– supporto SMS;
– player MP3+MP4;
– 40 suonerie True Tones.

Il nuovo dispositivo Non mancano le connettività USB e Bluetooth. Quest’ultima si rivela utile soprattutto se si desidera utilizzare accessori wireless come l’auricolare con microfono, evitando di essere scambiati per emuli di Dick Tracy.

Il polsofonino di SMS Technology, dichiarato anche “water-resistant”, negli intenti dell’azienda sarà il capostipite di una nuova gamma di dispositivi dello stesso tenore (e utilizzo), di cui al momento si conoscono solo le sigle identificative: M501 (previsto per giugno) e M700 (per novembre).

Con un’autonomia dichiarata di 80 ore in standby e 200 minuti in conversazione, l’M300 è pronto per la commercializzazione in Australia, mentre da aprile dovrebbe raggiungere l’Europa. Il suo prezzo? 388 euro.

Dario Bonacina

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Ma chi lo usa?
    No, giusto per capire, chi usa Visual Studio oggi ci fa che cosa? A cosa serve? Grazie per chi vorrà rispondermi
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma chi lo usa?
      - Scritto da:
      No, giusto per capire, chi usa Visual Studio oggi
      ci fa che cosa? A cosa serve? Grazie per chi
      vorrà
      rispondermigoogle.it
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma chi lo usa?

      No, giusto per capire, chi usa Visual Studio oggi
      ci fa che cosa? A cosa serve? Grazie per chi
      vorrà
      rispondermiProgrammi :@
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma chi lo usa?
        - Scritto da:

        No, giusto per capire, chi usa Visual Studio
        oggi

        ci fa che cosa? A cosa serve? Grazie per chi

        vorrà

        rispondermi
        Programmi :@ Programmi mi sembra una parola grossa, diciamo che ci si fa un'accozzaglia di codice che qualcuno si azzarda a chiamare programmi.
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma chi lo usa?

          Programmi mi sembra una parola grossa, diciamo
          che ci si fa un'accozzaglia di codice che
          qualcuno si azzarda a chiamare
          programmi.per quello non serve visual studio...se non distingui lo strumento da cio che vienefatto con quello strumento, vuol dire che seialle prime armi o in mala fedepropendo per la secondale cagate si possono fare anche con l'ottimoeclipse, netbeans, emacs, vi o quello che ti pare
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma chi lo usa?
          - Scritto da:

          - Scritto da:


          No, giusto per capire, chi usa Visual Studio

          oggi


          ci fa che cosa? A cosa serve? Grazie per chi


          vorrà


          rispondermi

          Programmi :@

          Programmi mi sembra una parola grossa, diciamo
          che ci si fa un'accozzaglia di codice che
          qualcuno si azzarda a chiamare
          programmi.gran parte del software macromedia/adobe viene sviluppato su visual studio (anche se spesso utilizzano interfaccie proprie)infine ti faccio notare che il buona parte del software professionale che gia su windows è fatto in VS (e derivati) e il resto suddiviso in delphi, dev c+ e qualcosina in java con i tools più o meno proprietari di SUNse poi te per scrivere un programma usi il gcc del barbuto, beh so problemi tuoi ;)
  • Anonimo scrive:
    Ma quando mai...
    Il service pack di visual studio 2005 in italiano è disponibile da almeno 2 mesi... solo perchè l'hanno presentato non vuol dire che l'abbiano reso disponibile solo ora.
    • deltree scrive:
      Re: Ma quando mai...
      - Scritto da:
      Il service pack di visual studio 2005 in italiano
      è disponibile da almeno 2 mesi... solo perchè
      l'hanno presentato non vuol dire che l'abbiano
      reso disponibile solo
      ora.Infatti pareva strano anche a me...
Chiudi i commenti