Un petawatt per una supernova in laboratorio

Nuovi orizzonti di studio aperti dall'Università del Texas: un laser superpotente per studiare supernove in versione laboratorio, plasma, solidi sotto pressioni altissime

Roma – Per scriverlo ci vuole un supplemento di spazio: 1.000.000.000.000.000 watt , vale a dire un petawatt . Questa la potenza dell’ultimo laser costruito ad Austin dall’ Università del Texas . Un mostro in grado di riprodurre per 1 picosecondo ( 1 millesimo di miliardesimo di secondo ) condizioni più estreme di quelle interne di una stella . Una novità che solleva attenzione .

“Possiamo creare stati della materia a cui sulla terra non vi è alcun accesso”, dice Mikael Martinez , project manager dell’iniziativa. “Non c’è bisogno di andare nello spazio e osservare l’esplosione di una stella per osservare ciò che vogliamo osservare qui nel Texas”.

Alla prova d’accensione, avvenuta il 31 marzo, è stato quasi il laser più potente del mondo, ma non detiene ancora il record: quell’onore, almeno per alcuni mesi ancora, spetta al Nova Laser , costruito dal Lawrence Livermore National Lab , che ha sfoderato 1,25 petawatt di potenza già nel 1996. Ma, secondo Martinez, entro l’anno la potenza del nuovo mostro dovrebbe giungere a valori tra 1,3 e 1,5 petawatt .

Rispetto al Nova e ad altri precedenti esperimenti, quest’ultimo sforzo degli scienziati adotta particolari tecniche per arrivare a tanta potenza. La struttura complessiva è piuttosto densa di elementi e prevede che il raggio iniziale passi attraverso una serie di trattamenti per essere amplificato più e più volte. Martinez spiega il trucco del funzionamento: “Generiamo un impulso breve e lo allunghiamo. Poi lo amplifichiamo. Alla fine lo ricomprimiamo”. Con gli impulsi troppo brevi, infatti, la difficoltà maggiore è quella di avere il… tempo di amplificare.

Questo gioiellino costa 7 milioni di dollari : ha finanziato la National Nuclear Security Administration . Gli scienziati potranno studiare il comportamento di gas a temperature superiori a quelle del Sole e analizzare il comportamento di solidi sottoposti a pressioni di diversi miliardi di atmosfere . In altri termini, ricreare delle mini-supernova , studiare il plasma ad altissima densità e ripetere in laboratorio il comportamento di particolari stelle note come nane marroni .

A seguire, una galleria fotografica che descrive il procedimento di amplificazione del raggio. La scalata al petawatt parte con il cosiddetto seed laser – spiega Wired – che produce il primo raggio di un nanojoule di potenza, per circa 200 femtosecondi . Si fa quindi passare per lo stretcher :

Si procede poi alla prima amplificazione, attraverso uno stadio detto di amplificazione ottica parametrica , che porta la potenza a 1 joule :

Sfruttando, poi, per 8 volte il ROD Amplifier , si alza ulteriormente il livello portandolo a 20 joule. Nella foto, la catena dei percorsi del laser:

il percorso del laser

Questo è l’amplificatore vero e proprio:

amplificatore

Il viaggio volge quasi al termine. Si tratta ora di attraversare l’ amplificatore a dischi : due dischi di vetro che pompano altra luce e, dopo quattro passaggi, portano il fascio a 250 joule :

L’ultimo stadio è la ricompressione del fascio, operazione che porta senz’altro ulteriori perdite di potenza, ma tira fuori quel petawatt finale che gli scienziati cercavano:

Per alimentare uno degli amplificatori c’è voluta questa batteria di condensatori, l’unica in grado di fornire tutta quell’energia, anche se per poco tempo:

Marco Valerio Principato

(Fonti immagini qui e qui )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Alessandro Risuleo scrive:
    Esistono anche puzzle game online
    come scritto nel titolo esistono dei puzzle game online multiplayer veramente carini.Uno in particolare http://www.ufho.it nasce da una idea originale interamente italiana.Molto intrigante, strategico e multiplayer.Provare per credere :D
  • The Lonely Shepherd scrive:
    nel linux
    Lo si trova spesso nel linux, ci ho giocato molte volte, uno dei miei preferiti. Mi piace molto anche quello delle coppie di oggetti da indovinare con le carte girate e quello delle palline colorate da eliminare a gruppi dello stesso colore fino a non lasciarne neppure una. Anche quello dei triangoli coi numeretti. Col mio Palm invece gioco spesso a quello dove si deve uscire con la macchina dal parcheggio, anzi se lo trovi per win o linux... recencisiscicisicilo, thanks!
Chiudi i commenti