Un RFID lab a Milano

Oracle, Intel e Bmind dietro la nuova venture che consentirà ai clienti di sperimentare le tecnologie RFID pensate per migliorare i processi aziendali. Un segno dei tempi?


Milano – Sarà operativo entro la fine del mese il “laboratorio stabile di sperimentazione delle tecnologie RFID”, come Oracle, Intel e la società di soluzioni Linux Bmind hanno definito un centro che dovrebbe contribuire a diffondere più rapidamente le tecnologie RFID tra le imprese italiane.

Oracle e Intel – si legge in una nota – “mettono a disposizione le proprie tecnologie avanzate in ambienti reali gestiti da Bmind, condividendo progetti di ricerca con il fine ultimo di rendere disponibili al mercato soluzioni che fanno parte delle cosiddette ‘nuove frontiere della tecnologià”. Infatti, secondo i promotori del laboratorio, l’impatto delle tecnologie RFID sui processi aziendali può rivelarsi fondamentale.

Che la tecnologia “Sensor-Based RFID” sia destinata ad integrarsi nei cicli produttivi delle imprese italiane sembra ad Oracle una certezza: l’azienda parla di applicazioni in “innumerevoli processi” ed elenca: gestione della sicurezza, del magazzino, della supply chain, della logistica e dei trasporti, dei sistemi di automazione industriale, oltre che nella manutenzione di impianti complessi e nella identificazione e localizzazione di beni. Non solo: “tracciamento delle merci e loro movimentazione sul territorio con sistemi di notifica/allarme multicanale (voce, email, SMS e MMS), gestione dello scaffale, gestione dei processi tramite standard BPEL (Business Process Execution Language), insieme a soluzioni di alta affidabilità associata alle tecnologie RFID”.

Tutto questo potrà appunto essere sperimentato nel laboratorio di Milano, strumento con cui Oracle, Intel e Bmind tenteranno di agguantare una quota di mercato importante in un settore ancora d’avanguardia.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    sarà vero
    che 'sto forum è impestato da linarifino a giovedì tutti volevano parlare di Symbian OS adesso che Symbian OS mostra le sue falle...il vuoto.tempo due giorni e tutti a dire che windows mobile e un colabrodo meglio Symbian.magari sbaglio io..magari troll-o pure ma allora spiegatemi come mai si è messo Symbian pure un post che non c'entravano nulla e adesso neanche un post su una notizia che parla proprio di Symbian OS (anche di Symbian OS per l'esattezza)
  • manta scrive:
    ma chi si prende i virus sul cellulare..

    Per fortuna per contrarre il virus è necessario che
    l'utente abbia Bluetooth attivato e autorizzi il
    download e l'esecuzione di un file eseguibile
    (".sis").e allora chi se lo prende è solo che un coglione..
  • Anonimo scrive:
    Spazio per i Troll linari
    :D :D :D
    • Anonimo scrive:
      Ma non si può il nome dell'azienda?
      Dato che lo spyware ce l'abbiamo e dato che queste informazioni sono "commerciali" perchè non vediamo "a chi" le spedisce? E facciamo relativa gogna pubblica per quell'azienda?Forse perdendoci buone quote di mercato per pubblicità negativa la finiranno di finanziare simili attività.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma non si può il nome dell'azienda?
        - Scritto da: Anonimo
        Dato che lo spyware ce l'abbiamo e dato che
        queste informazioni sono "commerciali" perchè non
        vediamo "a chi" le spedisce? E facciamo relativa
        gogna pubblica per quell'azienda?

        Forse perdendoci buone quote di mercato per
        pubblicità negativa la finiranno di finanziare
        simili attività.Hai centrato l' argomento
Chiudi i commenti