Un robot personale, quattro ruote e molti difetti

Hitachi ha presentato il frutto delle sue ultime fatiche. Il suo personalbot è dotato di gambe convertibili e riconoscimento vocale. Inoltre quando si muove trova un piacere perverso nello sbattere contro gli ostacoli

Roma – Si chiama Emiew 2 il nuovo androide che sta sviluppando il gruppo Hitachi , che vorrebbe rappresentasse la risposta alla sfida di armonizzare e perfezionare le tecnologie robotiche in relazione ai bisogni degli esseri umani , in campo professionale, personale e quant’altro. Alto circa 80 centimetri, colorato di rosso e bianco e dal volto che ricorda una emoticon muta, Emiew 2 (acronimo che sta per “Excellent mobility and interactive existence as workmate”) può andarsene in giro su due o quattro ruote a seconda della necessità.

Piegando completamente le proprie gambe, infatti, il robot ne acquista in velocità e stabilità durante il proprio girovagare. Può altresì muoversi anche a piedi – quando si trova con le gambe alzate – per superare ostacoli di pochi centimetri. Emiew 2, diretta evoluzione del primo modello datato 2005, è un robot “a misura d’uomo” ed è progettato per fungere da guida per le persone verso gli uffici desiderati.

È in grado di interpretare i comandi vocali, riconoscere l’ambiente grazie ad un radar laser, e si mantiene in equilibrio con il sensore giroscopico integrato. Può funzionare per un’ora grazie alla batteria agli ioni di litio integrata. Presentato nei giorni scorsi nel centro di ricerca della società a Hitachinaka , Emiew è un esperimento di robotica avanzata che richiede… lavoro aggiuntivo per garantire in ogni occasione la sua piena funzionalità. La prima dimostrazione delle sue qualità è stata infatti piuttosto difficoltosa .

Durante il passaggio tra due scrivanie il robot ha finito per scontrarsi con una di queste, messo apparentemente in crisi dal gran proliferare di connessioni wireless usate dai reporter e giornalisti presenti alla dimostrazione, entrate in conflitto con il controllo in remoto del robot operato da un ricercatore . L’esperimento è stato poi condotto di nuovo dopo una pausa di un’ora, ma questa volta tutto è filato liscio ed Emiew ha passato l’ostacolo senza problemi.

La sensazione è che il progetto sia ancora in corso d’opera: non a caso Hitachi non fornisce alcun dettaglio circa l’eventuale tempistica per la commercializzazione del droide . Si tratta comunque della conferma del fatto che il fronte della robotica umanoide, e non solo, è più che mai in fermento anche in Giappone: basti ricordare il ben noto progetto Asimo di Honda, o i defunti Aibo e Qrio di Sony. Una spinta all’eccellenza, tra l’altro fortemente voluta dal governo giapponese.

Per chi invece fosse appassionato di applicazioni ludiche della robotica , Bandai propone un mini-tank dotato di IA programmabile e sintesi vocale del tipo Tachikoma , uscito direttamente dall’universo cyberpunk del celebre manga/anime Ghost in the Shell . Dal costo di circa 200 dollari, il carro-ragno verrà distribuito a partire da febbraio 2008 dalla società newyorkese AudioCubes.com .

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • gpl3 scrive:
    ecco ora chiamate " l'esperto tassone"
    Ecco la riprova che in questo paese parla gente che come vedete non ci capisce nulla di informatica.La riprova che la GPL3 era l'unica scelta possibile.Dai tassone riscrivi qualche altro sproloquiosulla gpl3aspettiamo ferventi!
    • qwerty scrive:
      Re: ecco ora chiamate " l'esperto tassone"
      - Scritto da: gpl3
      Ecco la riprova che in questo paese parla gente
      che come vedete non ci capisce nulla di
      informatica.
      La riprova che la GPL3 era l'unica scelta
      possibile.
      Dai tassone riscrivi qualche altro sproloquio
      sulla gpl3
      aspettiamo ferventi!Non c'entra niente la GPL3, sei OT.
    • qwerty scrive:
      Re: ecco ora chiamate " l'esperto tassone"
      - Scritto da: gpl3
      Ecco la riprova che in questo paese parla gente
      che come vedete non ci capisce nulla di
      informatica.
      La riprova che la GPL3 era l'unica scelta
      possibile.
      Dai tassone riscrivi qualche altro sproloquio
      sulla gpl3
      aspettiamo ferventi!e anche (troll)
    • Pinguazzo scrive:
      Re: ecco ora chiamate " l'esperto tassone"
      - Scritto da: gpl3
      Ecco la riprova che in questo paese parla gente
      che come vedete non ci capisce nulla di
      informatica.
      La riprova che la GPL3 era l'unica scelta
      possibile.
      Dai tassone riscrivi qualche altro sproloquio
      sulla gpl3
      aspettiamo ferventi!Tassone aveva visto giusto, questo episodio non lo smentisce, mentre le recenti cause sulla proprietà intellettuale ex-Xerox lo confermano:http://punto-informatico.it/p.aspx?i=2088290Tassone ha il coraggio di scrivere cose sgradevoli ma vere, la giusta reazione non è insultarlo e nascondere la testa sotto la sabbia, ma reagire con tutti i mezzi possibili, come, appunto, difendere con forza e servendosi della legge il SW libero, fino a utilizzare il campo in cui la GPL è forte, il copyright, per costituire fondi per la difesa del SW libero dove è più debole, per esempio i brevetti in USA.
      • il grosso tasso scrive:
        Re: ecco ora chiamate " l'esperto tassone"
        - Scritto da: Pinguazzo
        - Scritto da: gpl3

        Ecco la riprova che in questo paese parla gente

        che come vedete non ci capisce nulla di

        informatica.

        La riprova che la GPL3 era l'unica scelta

        possibile.

        Dai tassone riscrivi qualche altro sproloquio

        sulla gpl3

        aspettiamo ferventi!

        Tassone aveva visto giusto, Proprio da questa notizia e' la riprovache non ci capisce niente.
        questo episodio non
        lo smentisce, mentre le recenti cause sulla
        proprietà intellettuale ex-Xerox lo
        confermano:
        http://punto-informatico.it/p.aspx?i=2088290
        Tassone ha il coraggio di scrivere cose
        sgradevoli ma vere, la giusta reazione non è
        insultarlo e nascondere la testa sotto la sabbia,Continuasse a fare il capetto di una azienda di tre dipendenti che lavorano su un software prodotto da terziche e' meglio (finche' qualcuno glielo concedera')
        ma reagire con tutti i mezzi possibili, come,
        appunto, difendere con forza e servendosi della
        legge il SW libero, fino a utilizzare il campo in
        cui la GPL è forte, il copyright, per costituire
        fondi per la difesa del SW libero dove è più
        debole, per esempio i brevetti in
        USA.Bla bla bla bla bla blaFiumi di paroleeeeeee... E POI IL RISULTATO E'GPL2 CAUSE A NON FINIRE.In italia il primo fesso che fa l'editore di un giornaletto si mette a batibeccare su cose che nemmeno conosce.Prima di parlare di licenze dovrebbe saperle usare le licenze.Ecco perche' il nostro paese e' al terzo mondo.Gli esperti sono Tassone e c
        • silvano() scrive:
          Re: ecco ora chiamate " l'esperto tassone"
          ... o forse perché ci sono persone come te che si firmano "il grande tasso". I tuoi commenti da quale esperienza derivano?L'invidia è una brutta bestia.S.
          • il grosso tasso scrive:
            Re: ecco ora chiamate " l'esperto tassone"
            - Scritto da: silvano()
            ... o forse perché ci sono persone come te che si
            firmano "il grande tasso". I tuoi commenti da
            quale esperienza
            derivano?

            L'invidia è una brutta bestia.

            S.Invidiare quello HA HA HA HA Sei proprio lontano dalla verita' La cosa che mi stupisce e che gli si dia spazio qua.Comunque la riprova di questo articolo e che stallman aveva ragione e come al solito un microimprenditore di terze parti non aveva capito nulla.Come al solito.P.SGentilmente se qualcuno mi potesse indicare quale prodotto ha sviluppato ne sarei felice ma dubito che ce ne siano sviluppati da un soggetto simile, perche' per poter sviluppare bisogna PRIMA SAPER PROGRAMMARE.e le Ciarle davanti ad un compilatore sono zero.Il tuo amico ciarla ciarla, ma di fatti ne fa pochi.
          • Patrizio Tassone scrive:
            Re: ecco ora chiamate " l'esperto tassone"
            Salve Grande Tasso,non so cosa generi tanto astio nei miei confronti, ma la cosa onestamente mi interessa ben poco.Questo articolo non c'entra niente, dico niente, con la questione gpl3, e tirarla anche solo in causa dimostra solo che non si è capito niente né di gpl2 né di gpl3.La questione di programmare poi, è quello che porta il male nell'opensource: un programmatore fa il programmatore, poi ci sono tante brave persone che ottimizzano i costi, gestiscono i prodotti, fanno andare avanti la baracca. E fino a quando si penserà ad una comunità coder-centrica non si andrà da nessuna parte.Si ha una apertura mentale piccola piccola se si pensa che bastino sviluppatori per fare dei prodotti e farli diffondere, condita da esperienza lavorativa nulla.Ma non voglio andare oltre: mai discutere con gli idioti, la gente potrebbe non notare la differenza.Tanti cari saluti.Patrizio
          • Superciuk scrive:
            Re: ecco ora chiamate " l'esperto tassone"

            La questione di programmare poi, è quello che
            porta il male nell'opensource: un programmatore
            fa il programmatore, poi ci sono tante brave
            persone che ottimizzano i costi, gestiscono i
            prodotti, fanno andare avanti la baracca. E fino
            a quando si penserà ad una comunità
            coder-centrica non si andrà da nessunaIn effetti, la GPL3 c'entra con l'articolo solo nella misura in cui è anch'essa una GPL con abbligo di ridistribuire i sorgenti, cioè molto poco visto che non è delle sue particolarità che si parlava. Su una cosa mi trovo d'accordo (e parlo per esperienza): un programmatore, + è tecnico e meno ha affinità con gli affari, intesi anche solo come una adeguata retribuzione del proprio lavoro. Forse finchè uno fa il "bamboccione" (sfortunata definizione non mia, ma di TPS) ossia si fa mantenere dai genitori, può pure permettersi di lavorare per niente. Se uno ha una famiglia è si accontenta di una vita normale in un mondo reale fatto pure di bisogni, allora la musica cambia (a proposito: Stallman ce l'ha una famiglia ?). In questa ottica il giusto guadagno va garantito. Vendere è spesso più difficile che non scrivere software. Chi vende e supporta software di altri ha diritto ad avere un compenso, soprattutto se fornisce del valore aggiunto al SW che rivende. E però, invece di privare tutti del giusto guadagno, bisognerebbe piuttosto studiare un sistema per garantire una ripartizione dei profitti "a cascata" tra tutti quelli che hanno contribuito alla creazione di quel software. Un sempio: molte banche utilizzano Linux. Non parliamo di soggetti che non hanno disponibilità economica: eppure tutti il soldi che spendono per questa voce (e sono tanti) vanno in tasca a chi installa e gestisce e sistemi, che magari non ha scritto una riga di codice e non ha contribuito in nessun modo all'open source. Niente è quello che si beccano gli sviluppatori del software su cui questi sistemi si basano. Una specie di anti-Robin Hood (o di Superciuk): si prende a poveri (programmatori) per dare tutto in mano ai ricchi (venditori)
          • Anonimo scrive:
            Re: ecco ora chiamate " l'esperto tassone"

            Stallman ce l'ha una famiglia ?Cavolo se ce l'ha: è sposato con il portatile e lo tradisce con il floppy sul quale tiene la alpha della alpha di hurd...Non per niente il portatile si chiama GNU :P
          • il grande tasso scrive:
            Re: ecco ora chiamate " l'esperto tassone"
            - Scritto da: Patrizio Tassone
            Salve Grande Tasso,

            non so cosa generi tanto astio nei miei
            confronti, ma la cosa onestamente mi interessa
            ben
            poco.A me da davvero fastidio che fantomatici mezze cartuccie della it vengano qui a sfanfaronare non avendo mai scritto un codice in vita sua.
            Questo articolo non c'entra niente, dico niente,
            con la questione gpl3, e tirarla anche solo in
            causa dimostra solo che non si è capito niente né
            di gpl2 né di
            gpl3.Bla bla bla... bla bla.. il solito brodetto rifatto
            La questione di programmare poi, è quello che
            porta il male nell'opensource: un programmatore
            fa il programmatore, poi ci sono tante brave
            persone che ottimizzano i costi, gestiscono i
            prodotti, fanno andare avanti la baracca. E fino
            a quando si penserà ad una comunità
            coder-centrica non si andrà da nessuna
            parte.Tanti bravi succhiasangue ah si quelli quelli si!Tanti bravi venditori di fumo che guadagnano i soldinon sapendo niente e facendosi belli alla faccia degli altri ah quello si!
            Si ha una apertura mentale piccola piccola se si
            pensa che bastino sviluppatori per fare dei
            prodotti e farli diffondere, condita da
            esperienza lavorativa
            nulla.Bravo hai usato un aggettivo calzante " condita da esperienza nulla"vedi che piano piano se ti impegni arrivi anche a capirti?:D
            Ma non voglio andare oltre: mai discutere con gli
            idioti, la gente potrebbe non notare la
            differenza.Appunto infatti purtroppo sto discutendo con tee gli altri non notano alcuna differenzaP.sQueste frasi fatte lasciale per le persone davvero intelligenti P.p.sPer far capire la capacita' tecnica e la tua intelligenza basta leggere ancora le tue mail dei newsgroupc'e' proprio da ridere mai visto una persona come nel tuo caso coprirsi di ridicolo:D
          • Stephan scrive:
            Re: ecco ora chiamate " l'esperto tassone"
            - Scritto da: il grande tasso
            A me da davvero fastidio che fantomatici mezze
            cartuccie della it vengano qui a sfanfaronare non
            avendo mai scritto un codice in vita
            sua.Dunque secondo il tuo metro di giudizio a chiunque non abbia mai scritto una riga di codice non è permesso parlare di IT.Dunque tagliamo fuori una buona parte di manager, qualche tester, scrittori, legali che ti parano il culo nelle cause (vedi articolo, dubito che gli sviluppatori si difendano da soli nelle cause), commerciali, eccetera.Da come parli sembra che la tua unica esperienza sia un modello di sviluppo che preveda che una unica persona pensi al design, implementi, faccia i test, scriva la documentazione, si legga tutte le licenze per decidere quale sia meglio usare, si ponga milestone, segnali bug a se stessa e se li risolva.Io non ho grande esperienza lavorativa, ma un po' sì. Con un modello One-Man-Band non vai da nessuna parte più in là del programmino che usi solo tu.
          • Anonimo scrive:
            Re: ecco ora chiamate " l'esperto tassone"
            In un'aula di tribunale:Giudice: Lei sig. X è accusato di blablabla... (roba cmq riguardante l'informatica)Sig. X (Sviluppatore): IfThenElseForWhileDoInclude PrintfScanfGetchVoid ?Giudice: Eh ?Sig. X: Prrrrrrrrrrr ! Lei è ignorante e non ha diritto di giudicarmi.(5 minuti dopo il Sig. X si trova già in viaggio abbigliato di una comodissima "camicia bianca a maniche incrociate sulla schiena" per un TSO con i fiocchi)
          • Bastard Inside scrive:
            Re: ecco ora chiamate " l'esperto tassone"
            Se me l'avessero chiesto qualche mese fa, avrei giurato che la "tassonefobia" non esiste. Evidentemente mi sbagliavo.
          • il grande tasso scrive:
            Re: ecco ora chiamate " l'esperto tassone"


            Tanti cari saluti.

            PatrizioAh e ora ti saluto parlare con te non ha davvero senso Non perdo tempo io.per qualificarti basta leggere questo ILLUMINANTE THREAD SU UN NGDove te la prendi pure con i ragazzini dei licei scientificimi fai davvero pena saihttp://groups.google.it/group/it.comp.linux/browse_thread/thread/9969ec07a622da55/e8adec9ecdb13cd5?hl=it&lnk=st&q=PATRIZIO+TASSONE#e8adec9ecdb13cd5
          • silvano() scrive:
            Re: ecco ora chiamate " l'esperto tassone"
            La bad penguin, la distribuzione che non usava neppure l'autore. GrossoTasso, che fine hanno fatto tutti quelli in quel post: chiediti chi è rimasto e magari anche perché.
          • Categorico scrive:
            Re: ecco ora chiamate " l'esperto tassone"
            - Scritto da: silvano()
            La bad penguin, la distribuzione che non usava
            neppure l'autore. GrossoTasso, che fine hanno
            fatto tutti quelli in quel post: chiediti chi è
            rimasto e magari anche
            perché.Dai quote e dalle sue incessanti segnalazioni di spam e altri abusi deduco che Thorin esiste ancora e che il cattivaccio continua ad usare X-No-Archive, privandoci dei suoi vecchi flame. :p
          • Superciuk scrive:
            Re: ecco ora chiamate " l'esperto tassone"

            perche' per poter sviluppare bisogna PRIMA SAPER
            PROGRAMMARE.
            e le Ciarle davanti ad un compilatore sono zero.
            Il tuo amico ciarla ciarla, ma di fatti ne fa
            pochi.Compilatore ?!? e a chi serve ?!? Un Vero Programmatore (non un mangiatore di quellacosalì) mette dentro il codice in esadecimale assemblato a mente. Ma ce ti credi, di essere l'unico a saper usare un compilatore ? Ma vaaaaa, dai...
        • Pinguazzo scrive:
          Re: ecco ora chiamate " l'esperto tassone"
          Apri gli occhi, i preconcetti non ti porteranno lontano e la fede cieca è nemica della scienza.
    • A O scrive:
      Re: ecco ora chiamate " l'esperto tassone"
      - Scritto da: gpl3
      Ecco la riprova che in questo paese parla gente
      che come vedete non ci capisce nulla di
      informatica.
      La riprova che la GPL3 era l'unica scelta
      possibile.
      Dai tassone riscrivi qualche altro sproloquio
      sulla gpl3
      aspettiamo ferventi!A dire il vero, come appare abbastanza chiaramente dall'articolo (e pure da quello citato su linux.com), la causa è incentrata sulla violazione della sezione 3 della GPLv2 (in particolare: non vengono rilasciati i sorgenti del firmware)... la GPLv3 non c'entra proprio.Detto questo, resta il fatto che la GPLv3 è sia OPPORTUNA che SACROSANTA.E che molti spesso "sproloquiano", da una parte (pro-GPLv3, come nel post che quoto) e dall'altra (contro-GPLv3, come nell'articolo citato passato su PI qualche tempo fa...)
      • qwerty scrive:
        Re: ecco ora chiamate " l'esperto tassone"
        - Scritto da: A O
        - Scritto da: gpl3

        Ecco la riprova che in questo paese parla gente

        che come vedete non ci capisce nulla di

        informatica.

        La riprova che la GPL3 era l'unica scelta

        possibile.

        Dai tassone riscrivi qualche altro sproloquio

        sulla gpl3

        aspettiamo ferventi!

        A dire il vero, come appare abbastanza
        chiaramente dall'articolo (e pure da quello
        citato su linux.com), la causa è incentrata sulla
        violazione della sezione 3 della GPLv2 (in
        particolare: non vengono rilasciati i sorgenti
        del firmware)... la GPLv3 non c'entra
        proprio.Quoto

        Detto questo, resta il fatto che la GPLv3 è sia
        OPPORTUNA che
        SACROSANTA.Su questo ci sarebbe da discutere...
        E che molti spesso "sproloquiano", da una parte
        (pro-GPLv3, come nel post che quoto) e dall'altra
        (contro-GPLv3, come nell'articolo citato passato
        su PI qualche tempo
        fa...)Anche questo è vero, soltanto una cosa: attenzione a non confondere gli "sproloqui" con le argomentazioni critiche...
        • il grande tasso scrive:
          Re: ecco ora chiamate " l'esperto tassone"
          - Scritto da: qwerty
          - Scritto da: A O

          - Scritto da: gpl3


          Ecco la riprova che in questo paese parla
          gente


          che come vedete non ci capisce nulla di


          informatica.


          La riprova che la GPL3 era l'unica scelta


          possibile.


          Dai tassone riscrivi qualche altro sproloquio


          sulla gpl3


          aspettiamo ferventi!



          A dire il vero, come appare abbastanza

          chiaramente dall'articolo (e pure da quello

          citato su linux.com), la causa è incentrata
          sulla

          violazione della sezione 3 della GPLv2 (in

          particolare: non vengono rilasciati i sorgenti

          del firmware)... la GPLv3 non c'entra

          proprio.

          Quoto




          Detto questo, resta il fatto che la GPLv3 è sia

          OPPORTUNA che

          SACROSANTA.

          Su questo ci sarebbe da discutere...


          E che molti spesso "sproloquiano", da una parte

          (pro-GPLv3, come nel post che quoto) e
          dall'altra

          (contro-GPLv3, come nell'articolo citato passato

          su PI qualche tempo

          fa...)

          Anche questo è vero, soltanto una cosa:
          attenzione a non confondere gli "sproloqui" con
          le argomentazioni
          critiche...no no ha ragione ma quali argomentazioni critiche quell'articolo era uno sproloquio e da questo si sta vendendo il livello in cui PI sta scadendo se si da voce a un personaggio mediocre come quello che ha fatto l'articolo
          • qwerty scrive:
            Re: ecco ora chiamate " l'esperto tassone"
            - Scritto da: il grande tasso
            - Scritto da: qwerty

            - Scritto da: A O


            - Scritto da: gpl3



            Ecco la riprova che in questo paese parla

            gente



            che come vedete non ci capisce nulla di



            informatica.



            La riprova che la GPL3 era l'unica scelta



            possibile.



            Dai tassone riscrivi qualche altro
            sproloquio



            sulla gpl3



            aspettiamo ferventi!





            A dire il vero, come appare abbastanza


            chiaramente dall'articolo (e pure da quello


            citato su linux.com), la causa è incentrata

            sulla


            violazione della sezione 3 della GPLv2 (in


            particolare: non vengono rilasciati i sorgenti


            del firmware)... la GPLv3 non c'entra


            proprio.



            Quoto







            Detto questo, resta il fatto che la GPLv3 è
            sia


            OPPORTUNA che


            SACROSANTA.



            Su questo ci sarebbe da discutere...




            E che molti spesso "sproloquiano", da una
            parte


            (pro-GPLv3, come nel post che quoto) e

            dall'altra


            (contro-GPLv3, come nell'articolo citato
            passato


            su PI qualche tempo


            fa...)



            Anche questo è vero, soltanto una cosa:

            attenzione a non confondere gli "sproloqui" con

            le argomentazioni

            critiche...

            no no ha ragione ma quali argomentazioni critiche
            quell'articolo era uno sproloquio e da questo si
            sta vendendo il livello in cui PI sta scadendo se
            si da voce a un personaggio mediocre come quello
            che ha fatto
            l'articoloSei in grado di argomentare quello che dici?In questo modo stai solo dimostrando di essere tu quello che spara sproloqui.
        • A O scrive:
          Re: ecco ora chiamate " l'esperto tassone"
          - Scritto da: qwerty
          - Scritto da: A O

          - Scritto da: gpl3[...]

          Detto questo, resta il fatto che la GPLv3 è sia

          OPPORTUNA che

          SACROSANTA.

          Su questo ci sarebbe da discutere...Certo, se ne può discutere ed è ciò che si è fatto e si fa... quella sopra è la mia opinione

          E che molti spesso "sproloquiano", da una parte

          (pro-GPLv3, come nel post che quoto) e
          dall'altra

          (contro-GPLv3, come nell'articolo citato passato

          su PI qualche tempo

          fa...)

          Anche questo è vero, soltanto una cosa:
          attenzione a non confondere gli "sproloqui" con
          le argomentazioni
          critiche...Concordo... e infatti ho messo "sproloquio" fra virgolette.Riguardo poi l'articolo in questione (Tassone) non concordo con i contenuti e le argomentazioni che riportava...
Chiudi i commenti