Una clip per dissacrare le presidenziali USA

La voce profonda di un bot rende credibile i comunicati più improbabili: Obama e McCain approvano qualsiasi assurdità. Un giochino per meditare sulla comunicazione politica e per reinventarla

Roma – Il clima pre-elettorale ha raggiunto il climax negli States: la comunicazione politica si è fatta sempre più aggressiva, i candidati schivano colpi e affondano impietosamente nel fianco scoperto dell’avversario. Nelle ultime ore prima del voto anche il netizen può comunicare di link in link le proprie istanze, guadagnare l’attenzione degli indecisi e sospingerli verso Obama o McCain: l’arma da brandire con la dovuta ironia è Attack Ad Generator . Sviluppato da Mike Demers , consente di comporre un video e di farlo supportare dal candidato alla presidenza degli Stati Uniti d’America.

Composizione di video

Per incoraggiare gli indecisi non è necessario essere celebri : basta trascinare qualche parola nello spazio dedicato ad “assemblare le tue scandalose accuse”, scegliere un’immagine di sfondo, selezionare il supporto che si desidera ottenere dal mondo politico statunitense. Una voce baritonale interpreterà le istanze del netizen, come è tradizione in questo tipo di giochini non sindacherà su contenuti troppo surreali o dissacranti; un candidato a scelta dell’utente avallerà il messaggio.

È possibile comporre sequenze e attingere a un bacino limitato ma efficace di parole, è possibile sovrapporre del testo alle immagini che scorrono: McCain o Obama approveranno ugualmente, sia che si tratti di un impietoso attacco contro l’avversario, sia che il messaggio si ritorca contro di lui, sia che si sostenga il diritto alla coesistenza tra prostitute e alieni. I video convergono sulla piattaforma e possono essere incastonati in qualsiasi pagina Web, consentendo ai netizen di sparpagliare i messaggi più improbabili.

Attack Ad Generator sta entusiasmando la società civile connessa statunitense tanto da far vacillare i server, ma i video postati si moltiplicano di minuto in minuto: Obama e McCain non hanno tempo di lasciarsi impensierire.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • FMX gbh scrive:
    le chiavi nel cruscotto
    per fortuna non sono un giudice, a chi viene a dirmi "non so nulla dei dati che passano sulla mia connessione wifi aperta" risponderei che è come lasciare le chiavi della propria auto appese al blocchetto d'accensione e poi quando il primo che passa prende l'auto in prestito investendo qualcuno, giustificarsi "non so nulla di chi guidava la mia auto, io non ho investito nessuno".
    • giulia scrive:
      Re: le chiavi nel cruscotto
      La responsabilita penale e' personale, non so se esiste il reato di incauta custodia di auto o di bene mobile, ma il tuo esempio e' completamente sballato.Il bilancia usava un auto di un suo amico (prestata), di nulla fu accusato l'amico all'oscuro di tutto pur essendo il mezzo utilizzato per svariati omicidi.GiuliaPS:Per la responsabilita' civile in solido (quella che tu forse intendevi) puoi essere coperto da un assicurazione e quindi sostanzialmente esonerato (sempre secondo il tuo esempio).
  • lucaannunzi ata scrive:
    ma siamo sicuri di certe teste di c4zz0?
    Luca Annunciata è frocio!!!!!
  • Dedrisproject scrive:
    Grido d'aiuto della società madre .
    la vedo più come una mossa per preservare la banda inutilizzata
  • unaDuraLezione scrive:
    paragone con la dottrina sarkazzi ...
    contenuto non disponibile
  • Non sono un fanatico scrive:
    E' una questione meramente commerciale
    Secondo me la sicurezza, il diritto d'autore, ecc. qua non c'entrano proprio niente. E' un discorso commerciale: io ti vendo un connessione a internet e tu non la puoi condividere (quindi le persone con la quale l'avresti condivisa devono comprarsi anche loro una connessione a internet).E' il caso di farla tanto lunga? Basta cambiare provider.Purtroppo siamo una massa di pecoroni...
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: E' una questione meramente commerciale
      contenuto non disponibile
    • gohan scrive:
      Re: E' una questione meramente commerciale
      anche i nostri provider all'inizio ti vendevano l'adsl con il contratto che diceva che solo un computer poteva usarla e in caso ce ne fossero più di uno dovevi prendere un contratto LAN, poi mi pare avessero tolto questa clausola.
    • CCC scrive:
      Re: E' una questione meramente commerciale
      - Scritto da: Non sono un fanatico
      Secondo me la sicurezza, il diritto d'autore,
      ecc. qua non c'entrano proprio niente. E' un
      discorso commerciale: io ti vendo un connessione
      a internet e tu non la puoi condividere (quindi
      le persone con la quale l'avresti condivisa
      devono comprarsi anche loro una connessione a
      internet).eh ??????sarebbe come se non posso far vedere la tv che ho in casa a degli amici che non pagano il canone...
      E' il caso di farla tanto lunga? Basta cambiare
      provider.e cosa succede se tutti i provider fanno lo stesso? e cosa succede se c'è (e ci sarà...) una legge che obbliga tutti i provider a fare lo stesso?
      Purtroppo siamo una massa di pecoroni...verissimo
  • Sang scrive:
    felice la concorrenza
    Non sarà mica l'unico provider della gran bretagna... Se fossi un loro cliente non firmerei mai un contratto contenente una simile clausola, non tanto per il fatto che la mia wireless penso di poterla aprire o chiudere come e quando mi pare, ma solo l'idea che qualcuno possa passare nei paraggi della mia abitazione per controllare come è organizzata la mia vita, questo proprio non lo posso accettare, nemmeno in linea teorica!
  • Antonio Macchi scrive:
    E come faranno per scoprirlo?
    io uso WiFi per collegare diversi pc di casa miacome faranno mai a distinguere se il pc che scarica e' quello della mia camera, della mia cucina, o del vicino di casa?usciamo tutti con lo stesso IP, non vedo proprio come possano fare la disitnzione
    • Sang scrive:
      Re: E come faranno per scoprirlo?
      la linea parte dal tuo WiFi, se è protetta oppure no si vede
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: E come faranno per scoprirlo?
      contenuto non disponibile
      • Paolino scrive:
        Re: E come faranno per scoprirlo?
        Ma ti chiedi anche come fanno a sgamarti? Non hai letto che gli inglesi hanno tecnologie capaci di capire se guardi la tv senza pagare il canone?!Pensi che facciano fatica a sapere se il tuo wifi non è protetto, o se dopo aver espletato bisogni fisiologici non hai tirato l'acqua?
        • Antonio Macchi scrive:
          Re: E come faranno per scoprirlo?
          - Scritto da: Paolino
          Ma ti chiedi anche come fanno a sgamarti?
          Non hai letto che gli inglesi hanno tecnologie
          capaci di capire se guardi la tv senza pagare il
          canone?!
          Pensi che facciano fatica a sapere se il tuo wifi
          non è protetto, o se dopo aver espletato bisogni
          fisiologici non hai tirato
          l'acqua?guarda, non conosco i protocolli, quindi non so con certezza cosa esce dal mio router (o dal mio pc... se creo un access point), ma anche ammesso (e non concesso) che l'informazione sull'uso o meno di una chiave per collegarsi venga inviata (non vedo quale protocollo possa averne bisogno), si puo' sempre modificare... voglio dire, i tuoi byte che invii attraverso la rete lo decidi tu come inviarlidiscorso diverso e' per l'IP, perche' quel numero e' necessaro al computer con cui devi comunicarema l'uso di una chiave o meno, la vedo proprio una informazione inutilee comunque, prendere per culo culo e ridere di una domanda, mi sembra minimo minimo da stronzisoliti saputelli bofh idioti.
        • Antonio Macchi scrive:
          Re: E come faranno per scoprirlo?
          eccoli i soliti bofh clonati e in fila per due...guarda che il fatto che sia o meno usata la chiave non e' una informazione vitale per nessun protocollo, e quindi si puo' tranquillamente modificaree comunque non vedo quale servizio in rete possa mai aver bisogno di una informazione similepessimi clonibofh faceva lo stronzo, ma almeno sapeva il fatto suo
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: E come faranno per scoprirlo?
            contenuto non disponibile
          • ullala scrive:
            Re: E come faranno per scoprirlo?
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: Antonio Macchi

            eccoli i soliti bofh clonati e in fila per
            due...





            guarda che il fatto che sia o meno usata la

            chiave non e' una informazione vitale per nessun

            protocollo, e quindi si puo' tranquillamente

            modificare





            e comunque non vedo quale servizio in rete possa

            mai aver bisogno di una informazione

            simile

            ma cosa stai dicendo?
            E' una dato di fatto che se sei in prossimità di
            una rete wi-fi puoi verificare che tipo di
            protezione usa (se la usa) in due
            secondi.MayBe...Dipende alquanto da quali protocolli usi... potresti avere alcune sorprese sulla "rilevabilità" di certe cose e sul fatto che non necessariamente tutti sono obbligati ad usare un "certo tradizionale modo di intendere" il wi-fi (access-point ecc..) per dartene una idea vedi un pochino :Ed è solo un esempio giusto per darti una "pallidissima idea" e suggerirti di non dare troppe cose per scontate...Prudenza caro... prudenza.... meglio imparare le lezioni prima di darne!
          • ullala scrive:
            Re: E come faranno per scoprirlo?
            - Scritto da: ullala
            - Scritto da: unaDuraLezione

            - Scritto da: Antonio Macchi


            eccoli i soliti bofh clonati e in fila per

            due...








            guarda che il fatto che sia o meno usata la


            chiave non e' una informazione vitale per
            nessun


            protocollo, e quindi si puo' tranquillamente


            modificare








            e comunque non vedo quale servizio in rete
            possa


            mai aver bisogno di una informazione


            simile



            ma cosa stai dicendo?

            E' una dato di fatto che se sei in prossimità di

            una rete wi-fi puoi verificare che tipo di

            protezione usa (se la usa) in due

            secondi.

            MayBe...
            Dipende alquanto da quali protocolli usi...
            potresti avere alcune sorprese sulla
            "rilevabilità" di certe cose e sul fatto che non
            necessariamente tutti sono obbligati ad usare un
            "certo tradizionale modo di intendere" il wi-fi
            (access-point ecc..) per dartene una idea vedi un
            pochino
            :

            Ed è solo un esempio giusto per darti una
            "pallidissima idea" e suggerirti di non dare
            troppe cose per
            scontate...
            Prudenza caro... prudenza.... meglio imparare le
            lezioni prima di
            darne! :$Mi ero scordato il link!http://madwifi-project.org/wiki/UserDocs/AhdemoInterface(e ripeto serve solo a dare un idea vaga di quante cose diverse si possono fare .... volendo e ... sapendo...)
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: E come faranno per scoprirlo?
            contenuto non disponibile
          • ullala scrive:
            Re: E come faranno per scoprirlo?
            routing niubbo!Senza contare che in molti casi lo stesso concetto di "client" (magari sono tutti peers) va tranquillamente a farsi benedire... spesso assieme al concetto di unicast!Credimi è meglio se vai un pochino a lezione prima di cercare di darne agli altri... fidati!
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: E come faranno per scoprirlo?
            contenuto non disponibile
          • ullala scrive:
            Re: E come faranno per scoprirlo?
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: ullala


            Io ascolto tutto quello che vuoi

            non mi pare affatto, infatti anche adesso ti
            lanci s scrivere mille righe di roba che non può
            in alcun modo riguardare i soggetti di cui si sta
            parlando, ovverola gente che lascia aperta una
            wi-fi (nel 99,9% dei casi
            niubbi).
            Il rimanente 0.01, quello che la lascia aperta
            volontariamente, può usare tutti i protocolli
            'segreti' che vuole e a quel punto nemmeno
            raggiunge il suo obiettivo (quello di c
            ondividere a tutti) visto che una persona che
            passa per caso (che ovviamente usa protocolli
            standard) non potrebbe nemmeno sapere che c'è una
            rete
            libera.
            Quindi, se ancora non ti è entrato in testa, il
            test da due minuti è *AMPIAMENTE SUFFICVIENTE*
            nel contesto dello scenario
            reale.


            Credimi è meglio se vai un pochino a lezione

            prima di cercare di darne agli altri...

            fidati!

            continua pure a far finta di non capire cosa ho
            scritto, io la chiudo
            qui.La scenario di freifunk è molto "reale" e il fatto che tu non ne sappia un tubo... la dice lunga!http://en.wikipedia.org/wiki/FreifunkLeggi che ti fa bene...
        • Energia scrive:
          Re: E come faranno per scoprirlo?
          - Scritto da: Paolino
          Non hai letto che gli inglesi hanno tecnologie
          capaci di capire se guardi la tv senza pagare il
          canone?!Bellissima..... Sto ancora ridendo
  • Vituperio delle genti scrive:
    Dottrina Pisanu
    Macché dottrina Sarkozy... a proibire il libero accesso a Internet da noi ci ha pensato già da tanto Pisanu.
    • Difensore scrive:
      Re: Dottrina Pisanu
      Io conosco gli ingelsi molto bene, specialmente in ambito informatico (routers). Sono dei veri ignoranti, devi spiegargli 10 volte come fare il reset.Non c'e` bisogno che dica altro.
      • deactive scrive:
        Re: Dottrina Pisanu
        - Scritto da: Difensore
        Io conosco gli ingelsi molto bene, specialmente
        in ambito informatico (routers). Sono dei veri
        ignoranti, devi spiegargli 10 volte come fare il
        reset.
        Non c'e` bisogno che dica altro.gli ingelsi ?parti male ragazzo. Cmq non ne sai evidentemente un razzo degli inglesi. Gli italiani invece sono anni avanti nel resettare router vero ?mafammilpiacerevah ( un inglese )
  • abbia contenuto scrive:
    A tutti gli inglesi!
    Criptate la vostra connettività wireless, fatevi un corso di informatica e imparate come gestire il vostro router. Infine usate la password "pippo" che è la più sicura in assoluto. Se poi ve la bucano, credo che dovrete protestare con i vostri ISP e pretendere di avere un tecnico a casa che vi cambi la password almeno una volta la settimana con una wpa-psk2 a 63 caratteri. L'alternativa è tornare al piccione viaggitore.E' ironico, ma non troppo. Quando l'utonto incontra l'ISP assogettato all'imbecillità dei politici che non si rendono conto di quanto sia vulnerabile un sistema wifi.
    • CCC scrive:
      Re: A tutti gli inglesi!
      Scritto da: abbia contenuto
      Criptate la vostra connettività wireless, fatevi
      un corso di informatica e imparate come gestire
      il vostro router. Infine usate la password
      "pippo" che è la più sicura in assoluto. Se poi
      ve la bucano, credo che dovrete protestare con i
      vostri ISP e pretendere di avere un tecnico a
      casa che vi cambi la password almeno una volta la
      settimana con una wpa-psk2 a 63 caratteri.
      L'alternativa è tornare al piccione
      viaggitore.
      E' ironico, ma non troppo. Quando l'utonto
      incontra l'ISP assogettato all'imbecillità dei
      politici che non si rendono conto di quanto sia
      vulnerabile un sistema
      wifi.cambiamo tutti configurazione così:SSID=La_passphrase_e_:_LIBEROACCESSO;-)
  • francososo scrive:
    e io dico no agli inglesi ma guarda te !
    e io dico no agli inglesi ma guarda te ! @^
  • sathia scrive:
    proteggerle con password "karoo"
    è protetta ma tutti lo sanno.non cambia nulla, non mi tagliano la connessione.
Chiudi i commenti