Untrusted/ Fuga da Alcatraz

di Alessandro Bottoni - Molti ritengono di poter sfuggire ai sistemi blindati. Si possono scegliere PC trusted-free? O disabilitarne le funzioni sgradite? La soluzione è una sola, ed è su una strada tutta in salita
di Alessandro Bottoni - Molti ritengono di poter sfuggire ai sistemi blindati. Si possono scegliere PC trusted-free? O disabilitarne le funzioni sgradite? La soluzione è una sola, ed è su una strada tutta in salita


Roma – Ci si può sottrarre al Trusted Computing ? Se si, come? Da un punto di vista concettuale, o “tassonomico”, esistono sei modi diversi di contrastare il Trusted Computing.

Evitare di acquistare prodotti “contaminati” da TC
Questa è esattamente la soluzione che propongono le aziende promotrici del TC: “Se il TC proprio non vi piace, allora non compratelo. Noi siamo solo aziende, non enti legislativi nazionali o sovranazionali. Non possiamo imporre a nessuno di usare qualcosa che non vuole usare. Se questa nostra proposta tecnologica non vi piace, allora acquistate prodotti che ne sono privi”.

Rassicurante, certo, ma sarà davvero possibile acquistare prodotti non “contaminati” da tecnologie DRM in futuro? A giudicare dall’elenco delle aziende coinvolte, a vario titolo, in questo progetto, acquistare prodotti non-TC sul libero mercato potrebbe diventare molto difficile nei prossimi anni. Tra gli oltre 100 soci del Trusted Computing Group ci sono tutte le principali aziende del settore. Ci sono aziende che detengono larghissime fette di mercato, come Microsoft, Sony, Intel, IBM, AMD, Nokia, Motorola e Siemens, ma soprattutto ci sono le aziende che detengono i brevetti fondamentali che sono necessari per produrre chip e CPU. Senza una loro autorizzazione, le altre aziende non possono produrre nulla. Basta consultare la pagina Current members del sito del TCG per rendersene conto.

Come già sottolineato nell’ultima release di Untrusted , anche la stragrande maggioranza delle aziende che non fanno parte del TCG ha comunque espresso l’intenzione di sviluppare e adottare tecnologie TC di qualche tipo. Questo è il caso di VIA Technologies con la sua tecnologia Padlock e di Cisco con le sue soluzioni NAC. Francamente, sembra proprio che presto diventerà molto difficile acquistare sistemi non-TC dai nostri fornitori abituali.

Disabilitare il TC
Quando si fa notare alle aziende promotrici che presto potrebbe essere impossibile acquistare prodotti non “contaminati” da TC, la loro risposta è spesso la seguente: “Nessun problema: il TC può anche essere disabilitato. In questo caso, il vostro PC si comporta semplicemente come un PC convenzionale”.

Questo naturalmente è vero. Per disabilitare il Trusted Computing, basta disabilitare alcune funzioni fondamentali del TPM ( Fritz Chip ), come le “endorsement key”. Il BIOS ed il firmware dei PC “trusted” dispongono di tutti gli strumenti necessari a questo scopo.
Queste procedure, tuttavia, fanno in modo che il sistema non venga più riconosciuto come sistema “affidabile” dai server di rete e dalle altre macchine. Il risultato netto è che nessun documento (file di testo, file musicale, film etc.) che sia stato protetto con tecniche DRM basate sul TC potrà più essere “aperto” e “consumato” sulla macchina in nostro possesso. Nello stesso modo, i servizi protetti da sistemi basati sul TC, come l’home banking, certi negozi online e via dicendo, non saranno più accessibili.

In pratica, in un universo TC-compliant come quello che ci aspetta, disabilitare il TPM equivale a tagliarsi fuori dal mondo con le proprie mani.

Crackare il Fritz Chip
“Crackare il Fritz Chip” è una frase priva di senso. Il Fritz Chip (TPM) non è un soldatino di silicio messo a guardia della nostra macchina (e dei nostri comportamenti), pronto ad intervenire al minimo allarme “bloccando” le nostre azioni o quelle del nostro software. Il Fritz Chip è una funzionalità della piattaforma che deve essere presente per poter accedere a documenti e servizi che sono stati protetti con questa tecnologia, esattamente come è necessaria la stampante per stampare su carta. “Uccidere” il Fritz Chip, in un modo o nell’altro, avrebbe solo il risultato di rendere questi documenti e questi servizi per sempre inaccessibili.
Il Fritz Chip ci serve vivo e vegeto. Semmai il problema è di convincerlo a fare le cose che noi vogliamo che faccia, invece di quelle per cui qualcun’altro lo ha creato. Quello che ci serve è un emulatore.

Emulare il Fritz Chip
Emulare il Fritz Chip corrisponde in un certo senso a riprendere il controllo su di esso e sul nostro sistema. Un Fritz Chip emulato in hardware o in software, infatti, sarebbe un Fritz Chip concepito per soddisfare i nostri desideri e per rispondere ai nostri ordini , non a quelli di qualcun’altro.

Come abbiamo già spiegato nei primi articoli di questa serie , secondo le specifiche del TCG, il Fritz Chip deve agire in nome e per conto del proprietario dei dati che devono essere trattati .
Ad esempio, un negozio online, prima di concederci il privilegio di scaricare sul nostro PC l’ultimo preziosissimo brano sanremese, potrebbe voler controllare che sul nostro PC non siano presenti programmi o componenti hardware in grado di scavalcare il sistema DRM messo a protezione del file. A questo scopo, il nostro fornitore può liberamente usare le funzionalità di “remote attestation” che vengono gentilmente messe a sua disposizione dal TPM presente sulla nostra macchina (pagato con i nostri soldi).

Naturalmente, questo funziona solo se il server del nostro fornitore può essere sicuro che il nostro è un vero TPM, costruito da una azienda del TCG seguendo tutti i dettami dello standard, e non uno “zombie” hardware o software che agisce sotto il nostro controllo. Il nostro zombie potrebbe facilmente raccontare al server remoto tutto quello che vuole sentirsi dire, indipendentemente dalla reale situazione del nostro PC. Per questo motivo (ma non solo per questo) il TPM è dotato di una coppia di chiavi RSA a 2048 bit, mantenute al sicuro al suo interno, che possono essere usate, direttamente o indirettamente, per stabilire l’esatta identità del chip (e del sistema su cui è installato). In questo modo, è possibile verificare che il Fritz Chip appartenga ad una serie di chip realmente prodotti da una certa azienda e che non si tratti quindi di un emulatore. Nel gergo del TC, queste chiavi si chiamano “endorsement key”.

L’uso di questa tecnica di verifica richiede però la creazione e l’uso di un database centralizzato delle endorsement key che corrispondono ai chip “reali”. Un simile database ha delle pesanti implicazioni per la privacy degli utenti e non può essere creato con leggerezza. La reazione del “pubblico” alla creazione di un simile database sarebbe sicuramente molto più feroce di quella che ha già portato nel 2000 all’abbandono dei “serial number” sulle CPU Intel dopo lo scandalo del Pentium III (vedi anche qui ). Tutto questo senza nemmeno parlare di cosa succederebbe se questo database di chiavi RSA finisse sotto il controllo di qualche malintenzionato o di qualche governo totalitario.

Deve essere stata questa la motivazione che ha spinto Apple a non usare un database delle endorsement key per impedire l’uso di emulatori (vedi i numeri precedenti di questa rubrica). Da quando è passata ad una architettura Intel come quella dei comuni PC, Apple usa un TPM per impedire l’installazione del suo prezioso sistema operativo MacOS X su dei volgari PC generici. Il controllo che viene fatto, tuttavia, si limita a verificare la presenza di un TPM funzionante, qualunque TPM (vedi http://wiki.osx86project.org/). Per questo alcuni hacker, come Maxxuss, sono riusciti ad usare un emulatore software di TPM per installare MacOS X sui PC.

In questo momento, non è ancora chiaro se Apple ed altre aziende decideranno mai di creare un database di endorsement key “autorizzate” come quello che abbiamo appena descritto. Di sicuro questo database è necessario per usare alcune funzionalità del TPM che sono di importanza cruciale per molti operatori economici presenti sul mercato. Se poi le aziende del TCG avranno il coraggio di sfidare l’opinione pubblica, e le leggi sulla privacy di alcuni paesi, con iniziative del genere, è ancora tutto da vedere.

Da un punto di vista strettamente tecnico, bisogna comunque tener presente che installare un emulatore software di TPM su un comune PC è sicuramente più semplice che tentare di installarlo su un PC dotato di un proprio TPM hardware e quindi verosimilmente in grado di difendersi da attacchi di questo tipo.


Ritorcere il TC contro i suoi ideatori
Si può anche pensare di ritorcere la tecnologia TC contro i suoi stessi ideatori, ad esempio usandola per tagliare fuori da alcuni importanti settori di mercato le aziende del TCG. Il problema è: quali settori?

Come abbiamo detto in precedenza, le aziende del TCG, nel loro insieme, detengono praticamente il monopolio mondiale della produzione di hardware ed il controllo di quasi tutti i brevetti del settore. Al loro fianco, in questa iniziativa, si sono schierate le più grandi associazioni mondiali di case editrici musicali e di case cinematografiche, come la RIAA e la MPAA. Pensare di piegare alla volontà dei cittadini questi colossi estromettendoli, ad esempio, dal mercato del software libero o da quello dei contenuti liberi, è francamente una pura illusione.

Una situazione analoga si potrebbe verificare su Internet. In un ipotetico mondo TC-compliant, in cui è concesso di collegarsi alla Rete solo a chi dimostra di attenersi a determinate regole (stabilite dalle aziende e/o dalla legge), si può sicuramente pensare ad una Internet “alternativa” e libera, costruita con tecnologie VPN e/o con tecnologie wireless. Il problema è: per farci cosa?

Una internet come questa sarebbe tagliata fuori da tutti i servizi commerciali, dai servizi di informazione e da ogni altra cosa che fa parte della nostra vita civile così come la conosciamo. Sarebbe condannata ad essere una “darknet” popolata di oscuri personaggi in cerca di anonimato. Il genere di posto in cui non lascereste mai entrare vostra figlia da sola.

Regolarne l’uso per vie legali
Diciamolo: l’unico vero modo per sottrarsi ai nefasti effetti del TC è quello di renderlo illegale o, più esattamente, di regolarne l’uso per legge.

Una azione legislativa, anche solo a livello nazionale, che impedisse ai produttori di installare TPM ed altre diavolerie sui PC, e sugli altri dispositivi digitali, avrebbe sicuramente un effetto dirompente sul cartello di aziende che promuove questa tecnologia. Nessun manager sano di mente è disposto a perdere un mercato capace di assorbire milioni di sistemi all’anno, come quello rappresentato da una intera nazione. In particolare, nessuno ha voglia di iniziare una guerra con un governo qualunque, sapendo benissimo in partenza che molti altri seguiranno il suo esempio non appena la popolazione, ed i politici, di mezzo mondo si renderanno conto della posta in gioco.

Come anticipavo poco sopra, tuttavia, la vera soluzione al “problema del Trusted Computing” non è tanto quella di renderlo illegale, quanto piuttosto quella di regolarne l’uso. Questo per due ragioni: da un lato il TC può effettivamente fornire all’utente finale dei vantaggi in termini di sicurezza. Si tratta più che altro di eliminare le “feature” che sono utili a controllare l’utente, invece che a proteggerlo. Dall’altro, una soluzione “regolamentata” non presterebbe il fianco a pericolose contestazioni di carattere politico.

Da un punto di vista strettamente tecnico, regolare per legge l’uso del TC è abbastanza facile. Si tratta sostanzialmente di stabilire i seguenti principi.

1) Divieto assoluto di usare le “endorsement key” presenti sul sistema per identificare il sistema stesso, i programmi da esso utilizzati e l’utente. Libertà di usare a questo scopo delle Smart Card rimovibili ed un apposito lettore. Le Smart Card possono essere fisicamente distrutte o rimpiazzate, all’occorrenza, senza distruggere o rimpiazzare il sistema nel suo complesso. In questo modo si svincola l’ identità dal sistema e dall’ utente . Da un lato, questo permette un più facile controllo della propria “identità digitale” da parte dell’utente, dall’altro impedisce ai fornitori di legare il consumo di prodotti e servizi ad una specifica macchina (che potrebbe essere già stata certificata come “affidabile” al momento della produzione).

2) Divieto assoluto di esaminare la macchina dell’utente (Remote Attestation). Che cosa l’utente utilizzi per consumare un prodotto od un servizio, deve (ripeto: deve ) essere un suo personalissimo problema. Il fornitore non ha né la necessità né il diritto di esaminare la macchina dell’utente prima di fornirgli prodotti o servizi di nessun genere. Il modo migliore di ottenere questo risultato è probabilmente quello di permettere all’utente di “sovrascrivere” deliberatamente il certificato di attestazione che viene generato dal TPM, cioè la cosiddetta tecnica di “owner override” proposta da Seth Schoen di EFF.

3) Pur non essendo un problema specifico del TC, sarebbe anche necessario stabilire per legge che i sistemi DRM debbano seguire strettamente quanto prescritto dalla legge in termini di diritto d’autore e non possano permettersi di fare nient’altro. Ad esempio, se il diritto d’autore scade 70 anni dopo la morte dell’autore, il DRM deve “liberare” i contenuti che tiene in ostaggio dopo quella data. Nello stesso modo, i sistemi DRM non devono assolutamente permettersi di installare rootkit o strumenti di user tracing, come è già successo (vedi il caso Sony/BMG ). Stabilire questi principi è necessario per evitare che i sistemi DRM basati su TC, che sono sostanzialmente inviolabili, diventino veri e propri strumenti di controllo sull’informazione, e sui dati, e quindi strumenti di potere.

Naturalmente, ciò che è facile sul piano tecnico potrebbe benissimo non esserlo sul piano politico, ma questa è davvero un’altra storia.

Alessandro Bottoni
http://laspinanelfianco.wordpress.com/

Link utili
Aziende che fanno parte del TCG
Emulatore software di TPM per Linux
Maxxuss

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

09 03 2006
Link copiato negli appunti