USA, ancora taser contro gli studenti

Questa volta gli agenti di sorveglianza in un istituto dell'Ohio hanno ritenuto di dover ricorrere allo shock elettrico per fermare uno studente che correva nudo per i locali della scuola

Roma – L’uso dei taser , le armi non letali in uso presso molti istituti scolastici americani, continua a far notizia. Due giorni fa in una scuola superiore dell’Ohio la sorveglianza armata ha deciso di ricorrere alle “pistole elettriche” per fermare l’inatteso show di uno studente.

Come riportato da The Register , uno studente della Westerville North High School ha deciso di rintanarsi in bagno all’ora del pranzo, denudarsi, cospargersi di olio e lanciarsi così, nudo, nella folla degli studenti in mensa.

Al caos che ne è seguito avrebbe tentato di porre rimedio un funzionario della scuola, ricevendo in cambio dal ragazzo dei gesti volgari: “Poi è corso via, continuando ad inseguire gli studenti”. A quel punto è intervenuto uno degli agenti della sorveglianza, che ha intimato al 18enne Taylor Killian di fermarsi: poiché non lo ha ascoltato, gettandosi invece su un altro gruppo di studenti, l’agente lo ha inseguito e ha deciso di ricorrere al taser.

Parrebbe che dopo la prima scarica, Killian abbia tentato di rialzarsi, provocando così una seconda scarica elettrica. Curato in ospedale è stato poi portato al carcere locale con varie accuse. Si sarebbe successivamente scusato, dopo aver dichiarato che “in quel momento sembrava una buona idea” fare quello che ha fatto.

Come noto, l’uso dei taser negli istituti scolastici e universitari americani non è un fatto inedito. Lo scorso novembre ha sollevato scalpore il ricorso a queste armi da parte degli agenti di sorveglianza di una università. Questi eventi comunque non ne hanno rallentato la diffusione.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Poco
    Sarei d'accordo solo se venissero fraccati di legnate ogni giorno che passano in carcere
    • Anonimo scrive:
      Re: Poco

      Sarei d'accordo solo se venissero fraccati di
      legnate ogni giorno che passano in
      carcereforse sarebbe meglio sfruttarne le capacita' e condannarli a produrre tool anti-qualcosa, e fin tanto che il loro lavoro non produce apprezzabili risultati, anche se non paragonabili al danno che hanno procurato, restano dentro, ben nutriti e coccolati, ma dentro.
  • Anonimo scrive:
    Tranquilli. In galera in Olanda
    E poi assunti da TELECOM ITALIA! (rotfl)(rotfl)(rotfl)
    • Anonimo scrive:
      Re: Tranquilli. In galera in Olanda
      - Scritto da:
      E poi assunti da TELECOM ITALIA!
      (rotfl)(rotfl)(rotfl)Il famoso Peracottari Team ciusto :D
  • Anonimo scrive:
    Arresto prima della sentenza
    A quello che ha preso due anni è andata bene... 2005+2=2007Ma quello che ha preso 18 mesi, si è fatto 6mesi in piu'? :
    • Anonimo scrive:
      Re: Arresto prima della sentenza
      - Scritto da:
      A quello che ha preso due anni è andata bene...
      2005+2=2007
      Ma quello che ha preso 18 mesi, si è fatto 6mesi
      in piu'?
      :cazzi suoi la prossima volta impara a rompere i maroni con queste botnetz
      • Anonimo scrive:
        Re: Arresto prima della sentenza
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        A quello che ha preso due anni è andata bene...

        2005+2=2007

        Ma quello che ha preso 18 mesi, si è fatto 6mesi

        in piu'?

        :

        cazzi suoi
        la prossima volta impara a rompere i maroni con
        queste
        botnetzSi' in effetti non provo certo pena per questi che si creano le botnet. Sanno benissimo quali siano i reati che stanno mettendo in pratica e quali danni facciano agli altri, e' inaccettabile che si possa soprassedere sui loro ricatti da mafiosi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Arresto prima della sentenza
      6 mesi in più... o in meno?
      • Anonimo scrive:
        Re: Arresto prima della sentenza
        - Scritto da:
        6 mesi in più... o in meno?Chi se ne fotte
        • Anonimo scrive:
          Re: Arresto prima della sentenza


          6 mesi in più... o in meno?
          Chi se ne fotteNon hai una cultura giuridica.
          • Anonimo scrive:
            Re: Arresto prima della sentenza
            6 mesi per le botnet? io direi almeno 6 anni!infettano il web se il 99% delle email è spam di qualcuno sarà la colpa, se il 40% dei pc è zombie di qualcuno sarà la colpa...
          • Anonimo scrive:
            Re: Arresto prima della sentenza

            6 mesi per le botnet? io direi almeno 6 anni!Diciamo un anno di lavori socialmente utili. Dopo un anno a raccogliere pomodori, fabbricare mattoni fatti a mano, pulire i boschi dall'immondizia ti passa la voglia di creare botnet.
Chiudi i commenti