USA, banda larga in dirittura d'arrivo

Gli Stati Uniti si preparano a presentare l'ambizioso piano che dovrebbe portare il paese nel ventunesimo secolo delle connessioni veloci. Nell'attesa l'FCC dispensa tool di test, ammonimenti agli ISP e inviti su YouTube

Roma – Dopo tanto dibattere sul National Broadband Plan per la rete statunitense del nuovo secolo , la Federal Communications Commission si appresta a svelare al Congresso e al pubblico i contenuti della misura-quadro per il salto di qualità della banda larga negli USA. La scadenza per la presentazione è fissata per martedì prossimo , e FCC inganna l’attesa con una serie di iniziative volte a raccogliere informazioni e pareri ma anche ad ammonire i provider.

Accanto alle numerose lamentele già espresse dall’agenzia federale in passato, la FCC aggiunge ora anche quella sull’insolita tendenza al rialzo dei prezzi per le sottoscrizioni a servizi broadband. “Quando i prezzi aumentano per tutta l’industria, e quando c’è solo un numero limitato di partecipanti a una partita – dice il commissario della FCC Mignon Clyburn – dobbiamo chiederci se ci sia una qualche significativa competizione nell’ambito del mercato”.

I dubbi sulla possibile volontà degli ISP di fare fronte comune e mantenere i prezzi artificialmente all’insù dovrebbero tramutarsi in un vero e proprio allarme, continua Clyburn, quando i dirigenti degli Internet provider dicono di voler incrementare la velocità delle connessioni solo in zone selezionate in cui si trovano a fronteggiare le offerte della concorrenza .

La FCC preannuncia i possibili, futuri terreni di scontro sulle modalità di business promosse dai provider statunitensi, mentre il presente è dedicato soprattutto a preparare la platea per la presentazione del piano sulla broadband il prossimo 16 marzo.

Gli utenti potranno usare YouTube per proporre e votare le domande da porre al presidente della commissione Julius Genachowski in seguito alla presentazione, mentre la FCC ha approntato una serie di strumenti di test per il controllo della velocità di connessione e la comunicazione di informazioni utili riguardo le reali esigenze di connettività della popolazione.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Antonio Mela scrive:
    In effetti...
    ...se mai avessero organizzato simili incentivi sarebbero stati tutti soldi buttati, visto finora physx non ha riscosso quel gran sucXXXXX tra gli sviluppatori, la cui stragrande maggioranza ha preferito soluzioni alternative tipo havoc.
    • Sgabbio scrive:
      Re: In effetti...
      Havoc, quello dei bug divertenti ? :D
    • 1977 scrive:
      Re: In effetti...
      - Scritto da: Antonio Mela
      ...se mai avessero organizzato simili incentivi
      sarebbero stati tutti soldi buttati, visto finora
      physx non ha riscosso quel gran sucXXXXX tra gli
      sviluppatori, la cui stragrande maggioranza ha
      preferito soluzioni alternative tipo
      havoc.Su Mirror's Edge l'hanno usato, e con ottimi risultati.
Chiudi i commenti